Relatrice delle Nazioni Unite ha visitato una scuola speciale a Cuba

Print Friendly, PDF & Email

La relatrice speciale delle Nazioni Unite, Alena Douhan, ha visitato la scuola Solidarity with Panama della capitale, un centro educativo progettato per bambini con disabilità fisiche e motorie.

Douhan, giunta in questi giorni nella nazione caraibica per una visita accademica, ha appreso il funzionamento del centro, inaugurato dallo storico leader Fidel Castro il 31 dicembre 1989.

La direttrice dell’istituto, Esther María La O Ochoa, ha spiegato alla visitatrice che la scuola ha un’iscrizione di oltre 200 studenti, 50 dei quali vi soggiornano a tempo pieno, poiché vivono nelle province vicine alla capitale.

Ha sottolineato che, sebbene il centro non disponga delle condizioni ottimali per il trasporto degli studenti, il loro vitto e l’acquisto di protesi, grazie allo sforzo collettivo e allo Stato vengono garantite loro le migliori condizioni di vita.

Ha commentato che la scuola si trova molto vicina all’ospedale di riabilitazione Julio Díaz González, poiché Fidel Castro voleva che i bambini avessero un facile accesso alla struttura.

Oggi, ha aggiunto, il centro ha una propria area di fisioterapia e riabilitazione e 72 specialisti lavorano nell’istituto.

Ha parlato degli effetti del blocco economico, finanziario e commerciale imposto dagli Stati Uniti sull’acquisto di attrezzature per gli studenti, in particolare sull’acquisto di autobus specializzati per il loro trasporto.

Tuttavia, la preside ha assicurato che “se c’è una cosa che il blocco non è riuscito a fare nella scuola, è spegnere i sorrisi dei miei figli”.

Da parte sua, la relatrice speciale del Consiglio per i Diritti Umani sull’impatto negativo delle misure coercitive unilaterali sul godimento dei diritti umani si è interessata al finanziamento della scuola, all’acquisto di materiale scolastico e al funzionamento dell’area di riabilitazione.

Ha inoltre assistito alle esibizioni culturali dei bambini della scuola e ha trasmesso “i suoi sinceri saluti e il suo rispetto agli insegnanti per il miracolo che compiono nel centro”, attraverso un messaggio nel libro dei visitatori.

Durante il suo soggiorno a Cuba, Douhan svilupperà un intenso programma di attività che prevede incontri con diverse autorità e istituzioni cubane, in cui potrà osservare l’impatto negativo del blocco imposto dagli Stati Uniti sul godimento dei diritti umani da parte dei cubani.

Domani parteciperà anche all’evento “Dialogo accademico sull’impatto delle misure coercitive unilaterali sul godimento dei diritti umani a Cuba”, organizzato dall’Università dell’Avana.

Solidarietà con Panama fa parte della rete di scuole speciali di Cuba, che comprende più di 300 centri educativi, tre dei quali sono dedicati ai bambini con disabilità fisiche e motorie.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...