Si intensificano gli attacchi informatici contro Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Negli ultimi giorni sono emerse informazioni sui massicci programmi di spionaggio della CIA e dell’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti (NSA), nonché sull’aumento degli attacchi informatici ai siti web di organizzazioni politiche e di massa, dell’amministrazione e degli studenti di Cuba.

Un rapporto di ricerca pubblicato di recente dal National Computer Virus Emergency Treatment Centre cinese rivela come gli Stati Uniti abbiano sviluppato una strategia di cyberspazio decisamente più offensiva, pianificando e organizzando un gran numero di “rivoluzioni a colori” in tutto il mondo con l’aiuto di potenti tecnologie di rete e di comunicazione.

Gli Stati Uniti sono all’avanguardia tra i Paesi che hanno sviluppato complessi sistemi di scansione informatica globale per ottenere la supremazia nell’acquisizione di informazioni strategiche in ambito militare, politico e industriale. I programmi PRISM, Eshelon, Carnivore, NarusInsight, Turbulence, CO-TRAVELER, Dropmire, X-Keyscore) lo dimostrano.

Parleremo di questi temi con Daniel Ramos Fernández, direttore del business digitale dell’Empresa de Telecomunicaciones de Cuba (ETECSA) ed esperto di sistemi informativi e cybersecurity.

DRF: Già nel 2017 questi sistemi erano in grado di intercettare ogni giorno più di 1,7 miliardi di telefonate ed e-mail in tutto il mondo, di accedere alle informazioni di oltre 5 miliardi di telefoni cellulari e di conoscere la posizione e gli spostamenti dei loro proprietari.

Tra i programmi trapelati nel 2013 da Edward Snowden, ex funzionario della CIA e analista presso la società di consulenza di intelligence privata Booz Allen Hamilton, c’era PRISM, che autorizzava la NSA ad avere accesso non autorizzato a tutti i dati privati memorizzati sui server di grandi aziende internet come Microsoft, Google, Apple, Facebook, Skype, tra gli altri. Si trattava di e-mail, chat, fotografie, video, trasferimenti di file e altri dati e metadati.

A partire dagli anni ’60, il governo degli Stati Uniti e le sue agenzie di intelligence tessono una rete di oltre 120 stazioni radio che coprono diversi Paesi, con l’obiettivo di distruggere la Rivoluzione cubana, attaccare la sovranità nazionale e promuovere la sovversione contro l’ordine costituzionale che è stato liberamente e sovranamente dato al nostro popolo.

OPS: Il 9 settembre 2001, due giorni prima dell’attacco terroristico alle Torri Gemelle di New York, Cuba divenne il primo Stato accusato di pianificare attacchi informatici contro gli Stati Uniti quando, durante l’udienza del Senate Select Committee on Intelligence sulla “minaccia globale”, l’allora direttore della Defense Intelligence Agency, l’ammiraglio Thomas R. Wilson, identificò Cuba come un possibile “cyberattaccante”. Sempre nel febbraio 2006, il Dipartimento di Stato, guidato da Condoleezza Rice, ha creato la Global Network Freedom Task Force, che doveva concentrarsi sul monitoraggio soprattutto di Cina, Iran e Cuba. Successivamente, sono state eseguite diverse operazioni anticubane utilizzando le tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

DRF: Diverse operazioni sovversive sviluppate dal governo statunitense e dalle sue agenzie di intelligence sono state veicolate attraverso organizzazioni, fondazioni, società professionali internazionali e individui. In particolare Zunzuneo, che sotto le spoglie di un innocuo social network, ha coperto un’operazione segreta finanziata e diretta dall’USAID. Nel 2012 ha attirato più di 40.000 abbonati cubani che non sapevano, fino a quando non è stato denunciato da ETECSA, che dietro il servizio c’erano contractor che raccoglievano informazioni private per scopi politici.

Zunzuneo, che sotto le spoglie di un innocente social network, copriva un’operazione segreta finanziata e diretta dall’USAID.

Surf, consisteva nell’ingresso di attrezzature e software per l’installazione di antenne illecite per l’accesso illegale a Internet. Anche il progetto Piramideo e la creazione di falsi account di Radio e TV Martí su Facebook erano operazioni condotte dall’Office of Cuba Broadcasting (OCB), che appartiene al governo statunitense. Ciò che hanno in comune è che sono state scoperte e sono fallite. Nell’ambito di questo schema, si sono svolti innumerevoli eventi con l’obiettivo di fornire alla controrivoluzione strumenti e tecnologie e coordinare le azioni sovversive contro il nostro Paese.

OPS: Se è vero che dall’inizio degli anni 2010 gli attacchi informatici ai siti internet cubani sono stati frequenti, come quello effettuato al portale Cubasi il 18 aprile 2013, che lo ha colpito per diverse ore, a partire dal luglio 2021 si sono intensificati.

DRF: Ricordiamo che il 7 febbraio 2018 il Dipartimento di Stato ha creato una Task Force Internet per Cuba composta da funzionari governativi e non governativi con l’obiettivo di “promuovere il libero flusso di informazioni” e “espandere l’accesso a Internet e ai media indipendenti” a Cuba, in risposta al National Security Presidential Memorandum del 16 giugno 2017, emesso da Donald Trump nella città di Miami, dove il capo della Casa Bianca, circondato da membri dell’ultradestra di origine cubana, ha annunciato un cambio di politica nei confronti della più grande delle Antille per rafforzare il blocco e limitare i viaggi tra i due Paesi.

Una task force è un termine utilizzato nelle Forze Armate statunitensi e definisce un’unità temporanea che lavora su un’operazione o una missione specifica. In questo caso, l’obiettivo è diffondere messaggi destabilizzanti contro l’ordine costituito a Cuba e attaccare l’istituzionalità e la legittimità del governo.

La guerra informatica che viene condotta contro di noi ha la regolarità di disabilitare i siti web statali con l’obiettivo di causare danni e compromettere la stabilità del Paese. Fondamentalmente, ci sono stati attacchi informatici di denial of service, noti come DoS/DDoS, che generano molte richieste a un server oltre la sua capacità di elaborazione in modo da farlo collassare, alcuni mirati a prendere il controllo dei database dei siti web e ottenere informazioni preziose e, più recentemente, mirati a deconfigurare alcuni siti e appendere banner controrivoluzionari.

Nei media, l’obiettivo è danneggiare l’immagine del Paese ed esercitare un’influenza politica sulla popolazione. Vi è una maggiore coordinazione e organizzazione degli attacchi, nonché l’uso di centinaia di siti web, blog e collaboratori di Internet che mentono sistematicamente sulla realtà cubana, come base per fabbricare informazioni false, che vengono spesso replicate da potenti media la cui agenda coincide con la politica statunitense. Inutile dire che in questa operazione sono coinvolti milioni di dollari.

OPS: Un esempio di ciò si è verificato nei giorni dell’evento di Caimanera, dove sono stati attaccati siti come quelli del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero del Commercio Estero, del Partito Comunista di Cuba, della Presidenza della Repubblica, del Governo di Caimanera, del Governo dell’Avana e dell’Università di Scienze Informatiche, e allo stesso tempo è stata attivata l’intera rete per distorcere e manipolare quanto stava accadendo a Caimanera e a Cuba.

Un campione di 23 pubblicazioni di questo tipo su Facebook (un gruppo, otto pagine e 11 profili personali) ha generato 100.297 reazioni, 14.757 commenti ed è stato condiviso 16.358 volte. Le pubblicazioni hanno insistito nel diffondere la menzogna che la repressione da parte delle forze speciali è stata brutale e che i diritti umani, la libertà di espressione e la libertà di sciopero sono violati a Cuba. Diversi appelli all’unità tra tutti i cubani contro il governo rivoluzionario. Gli yankee e i loro lacchè sapevano bene che stavano giocando con il fuoco, a causa delle caratteristiche e della posizione geografica di Caimanera.

Entusiasmo invasor desde Kendale Lakes, Florida…

#VivaCuba pic.twitter.com/lMAVu4uCLl

— Rosa Miriam Elizalde (@rm_elizalde) May 7, 2023

Nel gruppo Facebook “Soy de Río Cauto”, una persona che vive all’estero ha invitato la popolazione a usare metodi più drastici nelle manifestazioni contro lo Stato, come l’uso di bombe molotov. Sul canale Telegram di un altro controrivoluzionario, ha invitato a dare fuoco a un luogo di lavoro all’Avana.

DRF: In questo scenario, è necessario aumentare le misure di monitoraggio per mantenere la sicurezza informatica nei servizi e nelle infrastrutture del Paese, eliminare le vulnerabilità nei sistemi delle istituzioni, rafforzare le azioni organizzative e tecniche, fare denunce internazionali di questi eventi, rafforzare la comunicazione politica digitale e il coordinamento con le forze di sinistra dell’America Latina e i progressisti di tutto il mondo.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...