L’Avana: Chiude il terzo ciclo di colloqui di pace tra il governo della Colombia e l’ELN

Print Friendly, PDF & Email

“Accordo dell’Avana”: il terzo ciclo di colloqui di pace tra il governo colombiano e l’ELN si conclude con un cessate il fuoco bilaterale.

Alla presenza del presidente colombiano, Gustavo Petro, e del presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel, si è chiuso venerdì all’Avana il terzo ciclo dei colloqui di pace tra il governo colombiano e l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), nel corso del quale è stato annunciato un accordo di cessate il fuoco bilaterale, nazionale e temporaneo.

https://youtu.be/5DvKHYUJTpk

Questo cessate il fuoco, come parte degli Accordi di Cuba, è stato firmato dal capo della delegazione del governo colombiano, Otty Patiño, e dal secondo in comando e capo della delegazione dell’ELN, Pablo Beltrán.

Questa importante tregua cerca di attenuare la violenza che ha attraversato più di mezzo secolo in territorio colombiano ed è chiamata a porre fine al fuoco incrociato, alle ostilità e alle azioni offensive tra le Forze Armate colombiane e i commandos della guerriglia.

Per la prima volta, il Presidente Petro ha accompagnato la chiusura formale di un ciclo di colloqui con l’ELN, che si è svolto per 35 giorni nella capitale cubana a partire dal 2 maggio, dopo due cicli precedenti a Città del Messico e Caracas.

Alla cerimonia hanno partecipato anche il primo comandante dell’ELN, Antonio García, e altri alti dirigenti della guerriglia.

Alla cerimonia, svoltasi il 9 giugno nella Sala Protocollo del Cubanacán “El Laguito”, erano presenti anche i ministri degli Esteri di Cuba, Bruno Rodríguez Parrilla, e della Colombia, Álvaro Leyva Durán, oltre ad altri rappresentanti dei Paesi garanti e accompagnatori permanenti del processo di colloqui per la tanto agognata pace nel Paese sudamericano.

Il ministro degli Esteri cubano ha letto gli accordi firmati e ha annunciato che il quarto ciclo di colloqui si svolgerà in Venezuela tra il 14 agosto e il 4 settembre, dove le parti faranno il punto sull’adempimento di quanto concordato.

Rodríguez Parrilla ha commentato che “le parti hanno deciso di rispettare immediatamente gli Accordi di Cuba”.

Ha inoltre riferito che i colloqui di pace “stanno entrando in un’attività permanente che combina diverse modalità di lavoro, in diversi scenari e in diversi momenti, mantenendo i cicli dei colloqui”.

Le delegazioni del governo colombiano e dell’ELN hanno firmato a Cuba due accordi: il primo relativo al “processo di partecipazione della società alla costruzione della pace” e il secondo sul “cessate il fuoco bilaterale, nazionale e temporaneo”.

Primo accordo di Cuba: il processo di partecipazione della società alla costruzione della pace.

Secondo Accordo di Cuba: Cessate il fuoco bilaterale, nazionale e temporaneo.

Per quanto riguarda l’entrata in vigore del cessate il fuoco, il Ministro degli Esteri cubano ha spiegato che l’accordo stabilisce tre momenti per la sua applicazione.

Ha commentato che dal 9 giugno al 5 luglio 2023 si svolgerà un processo di arruolamento della società colombiana che prevede, tra l’altro, l’attivazione di un canale di comunicazione tra le parti, attraverso il rappresentante speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite in Colombia.

Questo periodo vedrà anche la stesura dei protocolli in sospeso, l’inizio delle attività educative e i preparativi per l’attuazione del meccanismo di monitoraggio e verifica.

Gli ordini di cessazione delle operazioni offensive delle parti entreranno in vigore il 6 luglio 2023.

Il 10 luglio 2023 si terrà una riunione plenaria e faccia a faccia del tavolo dei colloqui di pace per approvare i protocolli elaborati e durante questo periodo si continueranno a svolgere le attività pedagogiche.

Secondo il ministro degli Esteri cubano, dal 3 agosto 2023 inizierà la piena attuazione del processo di cessate il fuoco bilaterale nazionale e temporaneo. Questo, ha detto, avverrà “con la piena applicazione dei protocolli e il completo funzionamento del meccanismo di monitoraggio e verifica in tutte le sue istanze”.

A partire da quella stessa data, le parti inizieranno a contare i 180 giorni o i sei mesi in cui sarà in vigore il periodo effettivo del cessate il fuoco nazionale e bilaterale temporaneo, “che avrà una vocazione di continuità, dopo la valutazione delle parti”.

https://youtu.be/F4ad7SrYudk

Sebbene la cerimonia di chiusura del terzo ciclo fosse prevista per giovedì, si è deciso di posticiparla a venerdì per mettere a punto i dettagli dei testi degli Accordi di Cuba e dei rispettivi protocolli, hanno dichiarato le delegazioni sui loro account Twitter nel Comunicato congiunto numero dieci.

La pace è un diritto di tutti

Intervenendo alla cerimonia, il capo della delegazione dell’ELN, il vicecomandante Pablo Beltrán, ha espresso la speranza che la società colombiana appoggi gli accordi firmati.

Ha affermato che l’attuazione del cessate il fuoco mira a cambiare la Colombia e, con essa, il regime esistente, che deve essere cambiato politicamente in modo che ci siano canali democratici, rispetto per le proteste sociali e nessun regime repressivo.

Ha valutato questo tipo di accordo come un faro di speranza, da cui, ha detto, l’importanza di passare dalla scrittura alla messa in pratica.

Speriamo che non si ripeta l’interpretazione della pace come pacificazione, ma piuttosto come analisi delle cause profonde del conflitto armato e trasformazione per la pace, ha chiesto.

Ha inoltre sottolineato la necessità di dare maggiore partecipazione ai settori che finora sono stati storicamente emarginati, come i giovani, le donne, le popolazioni indigene, i lavoratori e le comunità afro-discendenti.

Ha ringraziato Cuba per il suo sostegno alla pace in Colombia e ha definito un’ingiustizia l’inclusione del Paese caraibico nella lista delle nazioni che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo.

https://youtu.be/LXu6SXzgQJ4

Da parte sua, il primo comandante dell’ELN, Antonio García, ha ringraziato la comunità internazionale e Cuba per non aver lasciato affondare il processo di pace negli ultimi quattro anni. Ha ringraziato anche i Paesi garanti, in particolare quelli che hanno offerto il loro territorio per i colloqui.

Ha inoltre ringraziato Petro ed entrambe le delegazioni per il lavoro svolto e ha affermato che il processo di pace ha navigato nell’incertezza fino a quando il clamore delle proteste del Paese ha aperto la possibilità di una trasformazione.

Ha apprezzato il fatto che storicamente la violenza ha rubato il cuore e le parole in Colombia. Dobbiamo andare all’incontro delle parole, in modo che la società possa esprimersi ed essere ascoltata, ha detto.

Ha assicurato che questo processo di pace troverà il cuore e le parole, il che significa una vita dignitosa per la gente e la costruzione di un accordo nazionale che definisca l’agenda del cambiamento nel Paese.

Il capo negoziatore del governo colombiano, Otty Patiño, ha ringraziato il Presidente Petro per la sua fiducia nel popolo colombiano e per aver creduto che il cambiamento fosse possibile, così come gli artefici della pace totale, tra cui ha citato i membri della delegazione governativa e anche l’ELN.

Ha assicurato che questi cambiamenti incontreranno la resistenza di gruppi di potere e di privilegio, così come di altri legati alla violenza storica.

Le sfide saranno innumerevoli ma vale la pena affrontarle. La pace è un diritto di tutti, ha detto.

Petro: L’inclusione di Cuba nella lista dei Paesi terroristi è stato un atto di profonda ingiustizia.

Il Presidente colombiano Gustavo Petro ha ringraziato Cuba per la sua storica ospitalità a favore della pace in Colombia e ha ricordato che durante la sua recente visita a Washington ha detto al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden che l’inclusione di Cuba nella lista dei Paesi terroristi è un atto di profonda ingiustizia.

Petro ha esortato Biden a fare ammenda per questa ingiustizia, che ha portato a sanzioni unilaterali e a violazioni della vita e dei diritti del popolo cubano.

Ha affermato che in un certo senso questo segna la fine di una fase di insurrezione in America Latina, una regione che ora si sta trasformando in modo diverso.

Ha affermato che si stanno aprendo tempi che portano speranza ai giovani e che gli Accordi di Cuba hanno portato l’ELN a un cessate il fuoco senza precedenti, che continua con l’impegno che nel maggio 2025 la guerra tra il gruppo armato e lo Stato colombiano cesserà definitivamente.

Ha inoltre ricordato che per porre fine alla violenza è necessario ricostruire la Colombia, un patto che richiede giustizia e garantisce una vita dignitosa ai settori più poveri della società.

Da qui, ha sottolineato, l’importanza di discutere a livello sociale le riforme che il suo governo sta promuovendo per garantire i diritti sociali di base e assicurare la stabilità del lavoro, la distribuzione delle terre, il rispetto della protesta sociale e altri cambiamenti che assicurino che il Paese non continui ad essere il più diseguale della regione.

Da parte sua, il Presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha descritto il lavoro del terzo ciclo di colloqui come intenso e ha affermato che i risultati sono promettenti.

Ha affermato che è un onore per Cuba che in questi colloqui siano stati raggiunti accordi di grande importanza per la pace in Colombia, come il soccorso umanitario alle popolazioni, il cessate il fuoco bilaterale, nazionale e temporaneo, e le basi per la costruzione della pace, che sono tutti il risultato di sforzi di molti anni.

Ha ricordato che Cuba ha sempre onorato i suoi impegni politici e nessun Paese può pretendere che venga meno alla parola data.

Il prezzo pagato per rispettare quanto concordato è stato alto, ma non abbiamo rimpianti, ha sottolineato.

Infine, ha invitato i colombiani ad andare avanti il più possibile e ad approfittare dell’attuale congiuntura storica. Colombiani, non fermatevi. Mettete il vostro cuore nella pace in Colombia”, ha concluso Díaz-Canel.

Prima di partire per L’Avana, il presidente colombiano ha annunciato dalla Plaza de Bolívar che avrebbe partecipato alla chiusura del terzo ciclo di negoziati di pace con l’ELN, assicurando a centinaia di migliaia di connazionali che a Cuba si sarebbe svolto un evento “importante per la storia della Colombia”.

“Sto per firmare un documento che potrebbe significare l’inizio di un’era di pace per questo Paese senza alcuna battuta d’arresto”, ha dichiarato il capo di Stato colombiano in quell’occasione, come riportato dai media locali.

Petro ha anche sottolineato che “sarà difficile, lo sappiamo tutti. Più difficile che fare la guerra è fare la pace”. “Voglio costruire il cammino che la Colombia merita con voi, con il popolo mobilitato, non ci sarà codardia nei nostri cuori”, ha sottolineato.

I colloqui tra l’ELN e il governo colombiano sono iniziati nel febbraio 2017 a Quito, in Ecuador, durante l’amministrazione del presidente colombiano Juan Manuel Santos (2010-2018). Il presidente ecuadoriano Rafael Correa governava ancora il Paese vicino.

Nell’aprile 2018, l’allora presidente Lenín Moreno ha annunciato che l’Ecuador non avrebbe più ospitato i colloqui, che sono stati quindi spostati a Cuba.

Dopo diversi anni di sospensione dei colloqui da parte del governo di Iván Duque (2018-2022), il dialogo è stato ripreso con l’arrivo di Gustavo Petro alla presidenza della Colombia.

Il 21 novembre 2022, il dialogo è ripreso nella capitale venezuelana, in un primo ciclo durato fino al 12 dicembre e culminato in un accordo per promuovere gli aiuti umanitari in alcune delle regioni più colpite dal conflitto armato.

Al termine del secondo ciclo di colloqui, tenutosi tra il 13 febbraio e il 10 marzo a Città del Messico, il presidente Petro ha firmato una risoluzione che riconosce l’ELN come “organizzazione ribelle armata” e ha indicato che i colloqui erano finalizzati a “ottenere soluzioni al conflitto armato”.

In quell’occasione, le parti hanno concordato di portare avanti una “nuova agenda di dialoghi per la pace”, attraverso sei punti trasversali che d’ora in poi saranno affrontati: la partecipazione della società alla costruzione della pace, la democrazia per la pace, le trasformazioni per la pace, le vittime, la fine del conflitto armato e un piano generale per l’attuazione degli accordi.

Ai colloqui partecipano Brasile, Cuba, Cile, Messico, Norvegia e Venezuela come Paesi garanti, mentre Spagna, Germania, Svezia e Svizzera accompagnano i colloqui.

Il Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite e la Conferenza Episcopale Colombiana sono anche accompagnatori permanenti.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...