Voci per Cuba risuonano davanti alla Casa Bianca

Print Friendly, PDF & Email

I rappresentanti di oltre cento organizzazioni e movimenti sociali degli Stati Uniti domenica hanno chiesto a gran voce davanti alla Casa Bianca un cambiamento della politica nei confronti di Cuba.

Secondo un dispaccio di Washington dell’agenzia di stampa Prensa Latina, la marcia pacifica è partita dal Monumento al Liberatore José de San Martín a Washington e si è conclusa davanti al palazzo dell’esecutivo.

“Siamo qui per dire a Joe Biden di togliere Cuba dalla lista degli sponsor di Stato del terrorismo e che il blocco deve finire”, ha detto uno degli oratori.

Togliere Cuba dalla lista degli sponsor statali del terrorismo è il nome della campagna che sta dietro questa nuova ondata di sostegno alla più grande delle Antille.

C’è un grande spirito in questo luogo, si è svolta la marcia è finita”, ha detto a Prensa Latina l’attivista Carlos Lazo, coordinatore del movimento Bridges of Love, che ha viaggiato da Seattle.

Da parte sua, Elena Freyre, presidente della Coalizione Alianza Martiana, è arrivata da Miami, e per lei è tempo che il presidente “mantenga le sue promesse”.

“Non ci fermeremo finché non rispetterà le promesse e non metterà fine alle 243 sanzioni aggiuntive che (Donald) Trump ha messo in atto” durante la sua amministrazione (2017-2021), ha detto.

Non me l’hanno detto, Biden si è alzato e ha detto senza esitazione che se fosse stato eletto presidente quelle sanzioni sarebbero state revocate e che avrebbe immediatamente invertito le politiche di Trump verso Cuba con un ritorno all’era di Barack Obama (2009-2017), ha ricordato Freyre.

La dottoressa Rosemarie Mealy è arrivata da New York per denunciare che oltre 60 anni di blocco hanno causato troppe sofferenze al popolo cubano.

Questo evento di solidarietà, caratterizzato anche dalla presenza di giovani, ha concluso un’intensa settimana di azioni a favore di Cuba negli Stati Uniti.

Più di 30 città statunitensi e di altre parti del mondo hanno riportato espressioni di sostegno alla nazione delle Antille in questa giornata.

Il giorno prima, il secondo capo della Missione cubana negli Stati Uniti, Alejandro Pila, ha ringraziato la DC Metro Coalition per questo crescente sostegno al suo Paese in occasione dell’evento.

Ha ribadito che la designazione di Cuba come presunto sponsor statale del terrorismo è illegale e immorale.

Il diplomatico ha sostenuto che il ruolo di Cuba nella lotta per la giustizia sociale e nella collaborazione medica si estende agli angoli più diversi del pianeta.

Un criterio condiviso dai presenti che hanno più volte esclamato, in momenti diversi, “Cuba sì, blocco no”, come hanno ripetuto questa domenica nelle strade di Washington DC e davanti alla Casa Bianca.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...