Nonostante il criminale blocco degli USA, lo Stato cubano protegge tutti i suoi bambini, anche i più vulnerabili

Print Friendly, PDF & Email

Cuba dispone attualmente di 54 case di accoglienza per bambini e adolescenti privi di cure familiari, dove vivono poco più di 400 minori. Queste istituzioni sono il risultato della volontà politica del governo dell’isola di fornire assistenza e inclusione educativa ai suoi protetti e di garantire la loro integrazione come individui a pieno titolo nella società.

Beatriz Roque Morales, direttrice dell’Educazione Speciale presso il Ministero dell’Educazione della più grande delle Antille, ha raccontato a Sputnik di aver visitato uno di questi centri, situato nel municipio dell’Avana Est della capitale. Il centro ospita circa 30 lavoratori, tra cui un cuoco, una lavandaia, assistenti educativi, assistenti di servizio generale e infermieri.

“Pur essendo un’istituzione educativa, ha delle condizioni e delle modalità che la fanno assomigliare a una casa di famiglia. In questo senso, è necessario mantenere una certa flessibilità e un’atmosfera di affetto. Possono avere animali come cani, pesci e tartarughe; foto, oggetti di identità personale, bambole, pupazzi e giocattoli”, ha spiegato l’educatrice.

I professionisti dell’Hogar de Niños sin Amparo Familiar  (Casa per bambini senza protezione familiare) 4.º Congresso del Municipio Guanabo, suddivisi in diversi turni di lavoro, sono responsabili di 14 bambini e adolescenti. Tra loro c’è Leo Brunel García, 15 anni, che frequenta la prima superiore e vuole studiare edilizia civile.

“Ho scelto questa carriera perché mi piace il lavoro duro. Qui gioco, guardo film, faccio giochi da tavolo, parlo con i miei fratelli e sorelle e con le mie mamme, che sono molto affettuose, ci trattano bene e si siedono con noi per parlare di una serie di argomenti legati al nostro rendimento scolastico e alle peculiarità dell’adolescenza“, ha detto Leo a Sputnik.

Anche Thalia, 13 anni, e Diago, 14 anni, raccontano a Sputnik che gli assistenti pedagogici comunicano molto bene con loro e li consigliano. Entrambi soggiornano nella casa dall’età di sei anni e ricevono cibo e condizioni adeguate per il loro sviluppo individuale e per la scelta della loro futura professione.

I diritti dei bambini sull’isola

Cuba ha firmato la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia – un trattato delle Nazioni Unite e la prima legge internazionale giuridicamente vincolante sui diritti dell’infanzia – il 26 gennaio 1990. L’ha ratificata il 21 agosto 1991, anche se dal trionfo della Rivoluzione, il 1° gennaio 1959, la materia ha rappresentato una priorità nelle politiche governative.

La garanzia del trattato è supportata giuridicamente dalle Costituzioni della Repubblica e dai Codici di famiglia del 1975 e del 2022, nonché dal Decreto Legge 76 del 1984, che nella sua prima sezione ha stabilito la creazione di una rete nazionale di centri di assistenza sociale per l’accoglienza e la cura dei minori privi di protezione familiare, con condizioni simili a quelle di una casa di accoglienza.

“Nel corso del tempo, questo tipo di affido ha concentrato i suoi sforzi sull’accoglienza di bambini di età compresa tra 0 e 18 anni, inizialmente in condizioni di orfanità o abbandono. In seguito, ha esteso la sua incidenza ai bambini di famiglie in situazioni sociali, critiche o estreme che, a causa delle loro condizioni di vita, non possono assistere adeguatamente i bambini sotto la loro cura e custodia“, ha spiegato Roque Morales.

Il sostegno a queste istituzioni è di natura intersettoriale, ha dichiarato il direttore. Il Ministero dell’Educazione ha un programma che coinvolge diverse istituzioni ed enti, come il Ministero della Sanità Pubblica, che si occupa di vaccinazioni, somministrazione di farmaci, esigenze nutrizionali, servizi di riabilitazione, sorveglianza sanitaria in diverse specialità e, inoltre, dell’inserimento di un/a infermiere/a su base permanente.

Il Ministero del Lavoro e della Sicurezza Sociale, con nella sua attività volta alla tutela e alla custodia dei beni e delle risorse degli orfani, fornisce anche garanzie per l’accesso al lavoro al raggiungimento della maggiore età e l’assistenza economica durante il completamento degli studi universitari.

“Durante il periodo della pandemia, ad esempio, gli assistenti pedagogici hanno fornito un’attenzione diretta e un sostegno all’apprendimento in quella determinata fase, svolto a distanza attraverso le trasmissioni televisive, il mezzo scelto a Cuba per la continuità dell’anno scolastico, con il completamento dei compiti, le attività complementari e il ripasso“, ha ricordato Roque Morales.

La direttrice dell’Educazione speciale ha spiegato che i bambini sono inseriti nei centri educativi della comunità, per garantire la vicinanza, il confronto e l’intervento immediato di entrambe le istituzioni di fronte a determinate situazioni di vulnerabilità.

L’Avana, in quanto capitale, ha un maggior numero di bambini e adolescenti in custodia. Tuttavia, queste istituzioni “non sono luoghi in cui si concentra un gran numero di bambini e adolescenti; non è la dinamica di questo tipo di luoghi. In altre province ce ne sono solo quattro o cinque per casa, con alcuni servizi e spazi per la ricreazione, la mobilità, i parchi giochi, tra le altre cose“.

Marilin Alderete Montejo, vicedirettrice dell‘Hogar de Niños sin Amparo Familiar 4.º Congreso, ha aggiunto che quando i conviventi raggiungono la maggiore età (18 anni), se non hanno una casa propria, lo Stato gliene fornisce una e vari enti statali si fanno carico della consegna dei materiali necessari, come set di mobili e utensili da cucina.

La vita nella casa

Alderete Montejo ha raccontato che le sette ragazze e i sette ragazzi che vivono nella casa “vivono insieme come fratelli e sorelle. Quando tornano a casa da scuola, giocano a domino, calcio, pallamano o pallavolo tra le mamme e i bambini. Poi fanno il bagno, mangiano, guardano la televisione e scelgono come trascorrere la serata.”

La vicedirettrice ha anche precisato che i membri del consiglio di direzione sono responsabili del servizio quotidiano. “Ci riuniamo tutti come una grande famiglia per le loro cure e attenzioni; vengono da noi, ci raccontano le loro esperienze scolastiche e ci chiedono aiuto per i compiti, i lavori pratici e le verifiche.”

L’educatrice, 35enne, confessa di passare più tempo in sede che a casa propria. “Ho due figli e li porto qui”, aggiungendo che i bambini della casa “sono anche i nostri figli“.

“Ad agosto festeggeremo un 15° compleanno (los quince); abbiamo ottenuto il locale per l’evento, la comunità ci ha aiutato a preparare una festa a sorpresa per la ragazza che si è già fatta fotografare. Questa responsabilità ed esperienza è molto grande, mi ha cambiato la vita. Mi chiedo sempre come stanno i miei figli; se uno di loro si ammala, non dormo. È così per tutti noi“, ha concluso.

Fonte: Sputnik

Traduzione: cuba-si.ch/it

Potrebbero interessarti anche...