Discorso di Díaz-Canel alla prima sessione della decima legislatura

Print Friendly, PDF & Email

Discorso pronunciato da Miguel Mario Díaz-Canel Bermúdez, Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, in occasione della chiusura del Primo Periodo Ordinario di Sessioni della X Legislatura dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, presso il Palazzo della Convenzione, il 22 luglio 2023, “Anno 65 della Rivoluzione”.

(Versione stenografica – Presidenza della Repubblica)

Caro compagno generale Raúl Castro Ruz, leader storico della Rivoluzione cubana;

Cari deputati;

Ospiti;

Compatrioti:

Settant’anni fa, oggi, una rappresentanza della migliore gioventù cubana raccoglieva sogni, attingeva ai propri magri risparmi o vendeva ciò che possedeva, per intraprendere un viaggio verso Santiago de Cuba e Bayamo. Era la stagione del carnevale in Oriente, ma loro non avevano intenzione di festeggiare. Come martiri o eroi, a loro insaputa, sarebbero passati alla storia.

Due di quei giovani sono con noi in questa sessione dell’Assemblea Nazionale: il Generale dell’Esercito Raúl Castro Ruz, leader della Rivoluzione (Applausi), e il Comandante della Rivoluzione Ramiro Valdés Menéndez (Applausi). Prima di tutto, vorrei dedicare loro le mie parole.

Questo non è solo un atto di giustizia storica. Si tratta di riconoscere due uomini che continuano a prendere d’assalto le fortezze ogni giorno, con i piedi nella staffa delle difficoltà e i fucili puntati contro gli errori.

Compagne e compagni:

Dico che mi sembra che abbiamo avuto una buona Assemblea, compresi gli appelli di Lazo e di altri deputati a fare nomi e cognomi, cause e possibili soluzioni ai nostri problemi, quelli che non hanno direttamente a che fare con il blocco o che rafforzano l’onnipresente blocco attraverso l’inazione, l’apatia, l’insensibilità, l’incapacità o la semplice stanchezza e la mancanza di fiducia nella possibilità di superare le difficoltà.

Queste sessioni dell’Assemblea hanno un merito. Non solo abbiamo affrontato, con senso di urgenza e senza pregiudizi, i problemi della nostra difficile vita quotidiana, come la produzione di cibo, la generazione di energia elettrica, la disponibilità di acqua, la criminalità, l’aumento dell’inflazione, i prezzi abusivi, ma lo abbiamo fatto senza abbandonare le questioni pendenti di natura strategica, come la Politica per la cura globale dei bambini, degli adolescenti e dei giovani, o la legge sul Codice penale militare.

Non citerò interventi per non dilungarmi troppo, ma, dalle discussioni nelle commissioni a cui ho avuto modo di partecipare, ho percepito che è migliorato il legame tra i deputati e la popolazione, cioè con gli elettori, a cui dobbiamo molto. Questi mesi di scambi con la gente nelle strade, nei quartieri, nelle frazioni rurali sono stati la prova di cosa significhi lavorare con l’orecchio teso.

Un’Assemblea in seduta permanente, scollegata dal popolo che l’ha eletta, non potrà mai essere chiamata Potere Popolare.

Non possiamo mai dimenticare che i nemici della nazione cubana stanno cercando di rompere l’unità nazionale, di separare il popolo dal suo governo, di farci stancare di insistere, di farci arrendere, di farci credere che la via della resa sia preferibile alla resistenza creativa.

Ma l’opzione della resa è stata cancellata dal DNA dei cubani. E non per capriccio, non perché abbiamo voglia di sacrificio o perché crediamo di essere una nazione scelta per questo. Basta guardare coloro che si sono arresi o sono stati sottomessi da una potenza superiore apparentemente invincibile: hanno perso la nazione, l’ideale e il destino dei loro Paesi.

Personalmente, non riesco a immaginare Cuba senza la forza morale del suo Partito e senza l’organizzazione, la pianificazione e l’impegno permanente di un governo la cui principale missione è garantire la salute, l’istruzione, l’alimentazione e i servizi pubblici, alcuni gratuiti e altri al minor costo possibile, nelle terribili condizioni di un blocco rafforzato e dell’inclusione del Paese in una lista infame che cerca di boicottare ogni possibilità di ripresa economica, chiudendo ogni accesso a possibili opportunità di reddito e finanziamento.

Questa politica, che non si limita alla sfera economica e finanziaria, è molto perversa. È noto che la più grande forza di Cuba risiede nel suo popolo e nella sua emblematica resistenza, ed è per questo che ci attaccano anche seminando i semi dell’ingovernabilità, di uno Stato fallito e dell’insicurezza dei cittadini. Il piano è quello di screditare a tal punto l’unità nazionale da farla implodere.

A questo scopo contribuiscono alcuni esponenti delle posizioni più estreme: da destra, che invocano le privatizzazioni e un cambio di sistema, e anche dalla presunta sinistra, che demonizza qualsiasi spazio per il mercato. Come sempre, gli estremi si toccano ed entrambe le posizioni coincidono su un punto: la critica lapidaria al termine socialismo e a qualsiasi tentativo di soluzione nato dalla gestione governativa.

Alcuni si stancano di parlare del blocco; altri inventano teorie alla teoria, come se i classici avessero negato la dialettica. Dimenticano che il loro importante contributo teorico non ha concepito la costruzione socialista in una piccola nazione che ha ereditato il sottosviluppo, bloccata per più di 60 anni e vicina del più grande impero, che è anche il suo nemico, e poi pretendono una soluzione a tutto, ignorando allegramente l’ostacolo più grande, che è il blocco.

I lunghi anni in cui questo gigantesco fattore esterno ha lavorato contro lo sviluppo del Paese coincidono con una forte tendenza all’approfondimento del capitalismo neoliberale, che ha spinto l’umanità verso i più alti livelli di disuguaglianza ed esclusione sociale mai conosciuti. Nel frattempo, Cuba è andata controcorrente nel perseguire un progetto di giustizia sociale.

La cosa più semplice da fare sarebbe stata abbandonare la battaglia, unirsi alla corrente globale, rinunciare a questo progetto e “ognuno per sé”. Ma abbiamo scelto la strada più difficile: quella più dignitosa.

Allo stesso tempo, dobbiamo evitare la confusione. La giustizia sociale non significa e non può essere ridotta all’assistenzialismo o all’egualitarismo. Significa distribuire la ricchezza creata da tutti, tra tutti, ma in modo differenziato, in modo che chi contribuisce di più guadagni di più e chi non è in grado di contribuire riceva assistenza. Per farlo, dobbiamo prima creare questa ricchezza, e in questo compito siamo ancora lontani dal raggiungere la sufficienza.

Deputate e Deputati:

Come abbiamo già detto, la guerra economica, commerciale e finanziaria degli Stati Uniti – in particolare la sua extraterritorialità -, la crisi economica mondiale e la lenta ripresa post-pandemia, insieme agli impatti dei conflitti bellici, continuano a essere i principali ostacoli all’attuazione della strategia di rilancio dell’economia a breve, medio e lungo termine.

Nonostante questi ostacoli, il Rapporto sull’economia e sul bilancio nel primo semestre dell’anno ci dice che le misure in corso di attuazione, pur non ottenendo ancora i risultati attesi, indicano una leggerissima tendenza alla ripresa.

Ogni misura presenta dei rischi nella sua applicazione, ed è per questo che insistiamo affinché la sua attuazione tenga sempre conto del trattamento da riservare alle persone e alle famiglie in situazione di vulnerabilità, al fine di evitare impatti negativi su di esse.

Come ha spiegato il Ministro Vicente de la O, il Sistema Elettrico Nazionale, anche se non funziona ancora in condizioni ottimali, si sta riprendendo nell’ambito della Strategia elaborata dal Paese. La situazione nel corrente mese di luglio è molto più favorevole di quella registrata nel 2022, nonostante l’aumento della domanda.

Grazie agli sforzi e alla dedizione dei lavoratori del settore elettrico, diversi impianti termici e motori di generazione distribuita sono stati sottoposti a manutenzione, il che ha permesso di recuperare capacità e quindi di arrivare all’estate in condizioni migliori. La promessa è stata mantenuta! (Applausi).

Ma la Strategia non guarda solo al breve termine. Il lavoro continua per il recupero energetico del Paese. Da questo palco, il nostro riconoscimento e la nostra gratitudine vanno a tutte le aziende elettriche cubane e a tutte le organizzazioni, tra cui la FAR e il Minint, che le hanno sostenute (Applausi).

La ripresa dell’industria turistica, che continua a risentire dell’inclusione di Cuba nella lista del Dipartimento di Stato americano dei “Paesi che sponsorizzano il terrorismo” e di altri problemi legati alla logistica, al carburante e all’energia, non raggiungerà i 3,5 milioni di visitatori previsti per l’anno, ma mostra un tasso di crescita che dovrebbe superare tutti gli indicatori per il 2021-2022, grazie al recupero della destinazione Cuba, in paesi emittenti stabili nella fase pre-pandemica.

D’altra parte, è iniziato il salvataggio dell’intervento e dell’espansione del mercato dei cambi, che ha permesso di convogliare 110 milioni al sistema delle imprese – venduti all’economia nazionale 55,1 milioni e altri provenienti da prestiti – per la produzione di beni e servizi in valuta nazionale, tra cui spiccano i programmi di produzione alimentare – riso, fagioli, uova, carne di maiale – l’industria manifatturiera, l’energia e altri settori. Tutto ciò è ancora insufficiente.

Per quanto riguarda gli investimenti esteri, a seguito delle visite ufficiali degli ultimi mesi, sono state stabilite le basi, i progetti e i programmi di investimento reciproco in settori come l’energia, l’agricoltura, compresa la canna da zucchero, e sono state intraprese azioni governative e imprenditoriali per la loro concretizzazione nella seconda metà dell’anno, creando così le condizioni per la ripresa della capacità industriale e di raffinazione, con impatti favorevoli sulla bolletta energetica e sull’esportazione di derivati del petrolio nell’area.

Sono stati ristrutturati i meccanismi e i sistemi di lavoro per il recupero dei ricavi da rimesse e altri servizi legati alla raccolta di valuta estera, aprendo nuovi canali e diversificando quelli esistenti, compresi quelli che utilizzano le criptovalute, nel rispetto della normativa vigente. Queste azioni dovrebbero continuare a consolidarsi nella seconda metà dell’anno.

Vengono adottate misure e incentivi per promuovere ulteriormente l’uso dei mezzi di comunicazione elettronici attraverso il collegamento dei settori produttivi, con la creazione di nuovi prodotti e servizi, come modo sicuro e semplice per effettuare incassi e pagamenti senza l’uso del contante, il che favorisce la disciplina fiscale e la bancabilità degli eventi economici, compresa la loro legittimità.

Nell’ambito dell’attuazione delle misure presentate all’Assemblea Nazionale del Potere Popolare per rilanciare lo sviluppo economico, team multidisciplinari di esperti del settore accademico, economisti, funzionari pubblici e dirigenti di organizzazioni economiche globali hanno lavorato per identificare le distorsioni del modello, definendone le cause e le condizioni strutturali, il che ha permesso di progettare una strategia graduale per avanzare nella stabilizzazione macroeconomica durante la seconda metà di quest’anno e la prima metà del 2024.

Questo programma dovrebbe consentirci di correggere progressivamente gli squilibri macroeconomici, la gestione e l’allocazione della valuta in base alle priorità di sviluppo del Paese, l’aumento della produzione di prodotti agroalimentari e industriali, la trasformazione dei sussidi, lo sviluppo del mercato dei cambi, la ripresa dei guadagni in valuta estera e dei settori esportabili.

Sono allo studio proposte per continuare a migliorare il meccanismo di allocazione della valuta estera, rafforzando il mercato dei cambi e il ruolo che il sistema finanziario nazionale dovrebbe svolgere come autorità centrale nell’attuazione della politica monetaria e nella protezione graduale e sostenuta della valuta nazionale.

Si sta lavorando anche per aggiornare le norme giuridiche per gli attori economici non statali, promuovendo il loro ruolo nella strategia di sviluppo economico del Paese, la produzione nazionale, la sostituzione delle importazioni, il loro contributo allo sviluppo territoriale e la generazione di occupazione.

Sebbene incipiente, si è raggiunta una maggiore partecipazione diretta del settore non statale alla produzione nazionale e ai collegamenti con le industrie nazionali, generando risparmi nella contrattazione di materie prime e prodotti intermedi, in linea con la strategia di sviluppo del Paese, un’azione che sarà incoraggiata e rafforzata. Questa attività si è sviluppata in modo più dinamico nel settore della produzione alimentare.

Pertanto, anche in mezzo all’attuale incertezza dell’economia mondiale, l’economia cubana dovrà affrontare un indispensabile Programma di Trasformazione Strutturale, accompagnato da un Programma di Stabilizzazione Macroeconomica nei prossimi tre anni, come garanzia per ottenere un ambiente favorevole al finanziamento dello sviluppo nel medio termine.

Dopo un dibattito così intenso come quello che si è svolto in questa sede sulla produzione e la commercializzazione degli alimenti o sui prezzi abusivi o speculativi e sull’impatto di entrambi i problemi sul tenore di vita della popolazione, insisto sull’importanza di utilizzare le misure e le risoluzioni approvate e di sfruttare le opzioni offerte dall’autonomia comunale e dal necessario rafforzamento dell’impresa statale socialista. Alcune soluzioni locali potrebbero portarci sulla strada delle soluzioni nazionali.

Questo non significa che consideri esauriti tutti i dibattiti. Abbiamo una straordinaria riserva di possibilità nel popolo. Una discussione popolare, con la partecipazione di studenti, tecnici, economisti e contabili che formino le autorità e la gente su come si formano i prezzi, ci aiuterebbe molto ad affrontare il problema dalla base, con cognizione di causa.

Finché i delegati, i presidenti dei consigli popolari, le autorità di governo dei comuni e i cittadini avranno le informazioni necessarie per affrontare gli speculatori, sono certo che riusciremo a esercitare una pressione al ribasso sui prezzi. Ma prima di tutto dobbiamo dedicarci a creare ricchezza, in primo luogo producendo cibo.

La soluzione definitiva arriverà con l’aumento della produzione e questa è l’altra battaglia che ci vede tutti coinvolti. Come ha detto un bravo giovane parlamentare, la scienza si è mossa in due direzioni per affrontare la COVID-19: da un lato palliativi e misure di contenimento, dall’altro la ricerca di un vaccino. Una strategia simile potrebbe essere applicata agli alimenti e ai prezzi, tenendo conto della scienza e dell’innovazione. Lo ha detto un giovane economista. Sono d’accordo con questa opinione, anche perché credo nei giovani (Applausi).

Una discussione trasparente, con tutta la crudezza che il momento e il nostro popolo richiedono, è espressione di conoscenza della realtà e di onesta preoccupazione e volontà di migliorare la società, consapevoli che la prosperità e la maggiore giustizia sociale a cui aspiriamo sarebbero impossibili in una società svuotata di valori.

Ripeto: le manifestazioni di criminalità, indisciplina sociale e corruzione minacciano l’aspetto più sacro del processo di costruzione socialista, poiché approfondiscono le indesiderabili disuguaglianze sociali e minano la sicurezza dei cittadini, uno dei pilastri del socialismo.

Lo Stato e il governo cubano non possono ignorare l’aumento delle attività illecite, che si sono affermate come un’economia parallela e sommersa che penetra nel tessuto sociale come un cancro fino a distruggerlo.

Qui abbiamo discusso a lungo la questione e abbiamo espresso il più fermo rifiuto delle manifestazioni di indisciplina e criminalità. Ora resta la cosa più importante: agire con rigore, articolando tutte le forze rivoluzionarie con la direzione del Partito, il sistema istituzionale, le organizzazioni delle masse e della società civile e le nostre istituzioni armate insieme al popolo.

Sono d’accordo con Lazo: solo così potremo affrontare adeguatamente l’evasione fiscale, il mercato illegale delle valute, la speculazione, la corruzione, il vagabondaggio, la furfanteria, la burocrazia, la menzogna, la volgarità, l’indecenza, in breve, il fastidio causato dal comportamento antisociale.

Tutto questo, senza rinunciare ad azioni per mitigare le altre conseguenze che essi provocano, dalle disfunzioni familiari, alla rottura del legame con lo studio e il lavoro da parte di alcuni cittadini, all’inadeguato inserimento nella società di coloro che hanno scontato condanne penali, tra gli altri.

Non possiamo permettere che coloro che non lavorano, non contribuiscono e si muovono in un ambiente di illegalità guadagnino di più e abbiano condizioni di vita migliori di coloro che lavorano onestamente, contribuiscono alla società e sono i protagonisti della storia quotidiana di eroismo del popolo cubano (Applausi).

Per raggiungere questo obiettivo, sarà fondamentale esigere un comportamento pulito e responsabile da parte dei rappresentanti delle istituzioni statali, della società e anche delle famiglie cubane.

Lo affronteremo con unità, coraggio, determinazione, ordine, disciplina ed efficacia (Applausi).

Tutti gli attori dell’economia devono agire nel rispetto della legge e delle norme stabilite a livello locale o nazionale, senza stigmatizzazioni o assurde generalizzazioni che finiscono per essere dannose quanto i problemi che cercano di risolvere.

C’è bisogno di tutti e dobbiamo difendere la partecipazione di tutti all’economia del Paese, ma senza dimenticare che questa difesa richiede il rispetto della legalità.

Compagne e compagni:

Questa prima sessione dell’attuale legislatura ha dato continuità all’intenso esercizio legislativo inaugurato dalla nuova Costituzione, con l’approvazione della Legge sul Codice Penale Militare che, come abbiamo visto, è conforme alla nostra Magna Charta e riveste una rilevante importanza ai fini del rafforzamento dell’ordine e della disciplina nelle nostre istituzioni armate, quali elementi essenziali per l’adempimento delle loro missioni, in termini di protezione e mantenimento dell’indipendenza e della sovranità dello Stato, della sua integrità territoriale, della sua sicurezza e della pace.

Il testo incorpora principi, concetti, quadri sanzionatori e alternative punitive del Codice penale ordinario approvato nella precedente legislatura.

Si adatta alle condizioni socio-economiche del nostro Paese e allo sviluppo e alle caratteristiche delle nostre istituzioni armate, definisce con precisione le condotte che, per la loro dannosità sociale, devono essere considerate criminali, concede ai capi militari la facoltà di applicare misure disciplinari in alternativa e a fronte di determinati fatti, e rafforza il comando unico.

Le sessioni di lavoro delle commissioni permanenti in questo periodo ordinario hanno ratificato l’importante ruolo che esse svolgono come organo ausiliario dell’Assemblea per l’adempimento delle sue attribuzioni.

Ma ciò che più mi interessa sottolineare è il modo in cui questa volta sono state presentate e discusse le questioni più attuali e di maggiore impatto sui quartieri, sulle strade e sulla vita quotidiana.

Il collegamento tra i deputati e la base nei diversi territori per la verifica e il controllo delle leggi, delle politiche e dei programmi selezionati per l’analisi ha favorito riflessioni più profonde e obiettive e la possibilità di apportare suggerimenti e proposte arricchite dallo scambio con la popolazione.

Gli accordi derivati da questi incontri dovrebbero costituire le premesse per il lavoro dei diversi enti e organizzazioni a favore della trasformazione e della soluzione dei problemi discussi.

Particolarmente rilevante in questa sessione è il dibattito e l’approvazione della Politica per l’assistenza completa a bambini, adolescenti e giovani, come parte della volontà di rafforzare i diritti della popolazione più giovane, nella misura in cui sostiene le loro aspirazioni e i loro sogni. La sua graduale attuazione, nel mezzo dell’attuale situazione socio-economica, richiederà la massima comprensione della popolazione e quindi la più ampia diffusione e dibattito possibile.

La sua origine nasce dal confronto con i giovani e i rappresentanti del settore accademico, ascoltando le loro preoccupazioni e proposte. Risponde anche, fondamentalmente, alle preoccupazioni dei nostri connazionali per il crescente esodo dei giovani e per la necessità di garantire loro la possibilità di sviluppare il proprio progetto di vita nel Paese, con una partecipazione attiva al destino della nazione dei loro genitori e nonni.

Questa Politica riafferma la volontà di sviluppare la governance attraverso le politiche pubbliche e di rendere il processo decisionale sempre più partecipativo e democratico. Affrontando i problemi dei bambini, degli adolescenti e dei giovani in tutte le sfere della vita, il testo dà continuità all’opera rivoluzionaria e vi apporta anche novità, in linea con le esigenze del tempo presente. Come programma di lavoro, unisce diritti e doveri, in quanto offre garanzie e opportunità, ma richiede anche doveri e responsabilità da parte delle istituzioni coinvolte e della partecipazione giovanile.

Compatrioti:

Vorrei fare una pausa dalle questioni nazionali per illustrare un po’ gli obiettivi e i risultati dell’intensa attività internazionale degli ultimi mesi, preceduta anche dalla brillante presentazione su questo tema del nostro Cancelliere.

La presidenza del Gruppo dei 77 più la Cina, che Cuba detiene dal gennaio di quest’anno, in seguito all’ampio riconoscimento internazionale della nostra politica di principio in difesa degli interessi dei Paesi in via di sviluppo, ci richiede uno sforzo diplomatico straordinario, che ci onora come nazione.

La presidenza cubana ha organizzato con successo eventi nei settori dell’istruzione, della cultura, del turismo e dell’ambiente che sono riusciti a stimolare il dibattito dal Sud e hanno contribuito alla difesa degli interessi dei Paesi in via di sviluppo.

Il 15 e 16 settembre ospiteremo il Vertice dei Capi di Stato e di Governo sul tema “Le attuali sfide dello sviluppo: il ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione”. Si tratta di un incontro necessario per rafforzare la capacità del Gruppo dei 77 di sfruttare questi importanti strumenti per lo sviluppo.

Abbiamo continuato a sostenere con le azioni la nostra forte posizione a favore della pace in Colombia. Lo svolgimento a Cuba del terzo ciclo del Tavolo di dialogo per la pace tra il Governo della Colombia e l’ELN ha rappresentato una pietra miliare storica.

La cooperazione internazionale di Cuba continua a svilupparsi come una caratteristica emblematica della politica estera. È un’attività legittima e altruistica che manteniamo nonostante la sporca campagna degli Stati Uniti per cercare di denigrare questo sforzo e privare centinaia di migliaia di persone in Paesi di tutto il mondo dei servizi medici di qualità forniti dai professionisti cubani.

Tutti gli eventi a cui partecipiamo sono meccanismi di coordinamento in cui Cuba ha una storia di contributo attivo e costruttivo, come è norma della nostra politica estera.

Oltre a rispettare gli impegni intergovernativi, abbiamo avuto l’opportunità di incontrare direttamente in ogni luogo i cubani che vivono in quei Paesi e i gruppi di amici di Cuba, in incontri caratterizzati da espressioni di amicizia, solidarietà e sostegno alla Rivoluzione.

Come nazione, abbiamo il privilegio di avere gruppi di cubani che vivono in vari Paesi e che sostengono attivamente la patria, e anche gruppi di persone di varie nazionalità che sono molto impegnate nella solidarietà con Cuba. È una realtà che ci rende orgogliosi come cubani e che si spiega con il prestigio della Rivoluzione, il suo lavoro per la giustizia e la sua storia di solidarietà e internazionalismo (Applausi).

La partecipazione a diversi eventi internazionali e le numerose visite di personalità straniere di tutti i continenti dimostrano la nostra determinazione a continuare ad espandere i legami bilaterali e la cooperazione con numerosi Paesi di tutte le regioni, ad aprire possibilità commerciali e scambi diversificati e a promuovere la comprensione reciproca.

Si tratta anche di adempiere al compito strategico di rompere l’accerchiamento economico a cui l’imperialismo vuole condannarci.

Tuttavia, la politica aggressiva degli Stati Uniti continua ad avere un effetto altamente dannoso sull’economia, come i cittadini sanno bene. Attraverso il dominio delle strutture e dei flussi finanziari internazionali, il governo statunitense ha il potere di danneggiare le nostre relazioni economiche esterne in quasi tutti i Paesi del mondo. Questo non è un caso, ma un disegno.

Per giustificare questa politica, mantiene la pratica di fabbricare calunnie e rilasciare dichiarazioni assolutamente mendaci, che aggiorna frequentemente con nuove leggende sempre più disoneste.

Fa affidamento sul suo dominio dei media ed è convinto di avere la capacità di ingannare l’opinione pubblica, soprattutto quella del suo Paese.

Non sempre ci riesce. Ad esempio, decine di legislature statali, consigli comunali, consigli di contea, consigli scolastici e organizzazioni sindacali, oltre ad altre organizzazioni rappresentative della società civile degli Stati Uniti, hanno emesso circa 93 risoluzioni contro la politica di blocco economico e, in particolare, chiedendo che Cuba venga rimossa dall’elenco arbitrario del Dipartimento di Stato degli Stati sponsor del terrorismo.

Si uniscono così alla richiesta quasi unanime della comunità internazionale, che si riflette ogni anno nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e nei pronunciamenti di numerose organizzazioni regionali come la Celac, la Caricom, l’Unione Africana e l’Unione Europea, solo per citarne alcune.

È l’impero che porta isolamento e discredito alla sua politica criminale. È sostenuto dal potere sproporzionato che concentra, dal suo disprezzo per la volontà della comunità internazionale e dalla sua spregiudicata volontà di usare minacce e coercizione contro molti governi e contro i suoi stessi cittadini.

Il nostro dovere è continuare a denunciare questa politica spietata e, allo stesso tempo, fare progressi nello sforzo creativo per rimettere l’economia in carreggiata e su un percorso sostenibile, nonostante il blocco.

Nelle brevi ma intense visite di lavoro all’estero, negli scambi con altri leader della regione e del resto del mondo in occasione di vertici, conferenze o incontri bilaterali, abbiamo riscontrato rispetto, riconoscimento, ammirazione e gratitudine per il popolo e la nostra storia, per la difesa del multilateralismo, della cooperazione e della solidarietà come principio di relazione tra tutte le nazioni.

Abbiamo confermato il valore della coerenza, della dignità, della difesa dei principi e del non cedere a pressioni e ricatti. In breve, riaffermiamo il valore della resistenza creativa! (Applausi).

Soprattutto, confermiamo la straordinaria eredità di Fidel e Raúl, i cui indiscutibili contributi alle relazioni internazionali, da parte del Governo e del Partito, ci hanno permesso di arrivare a questo momento con un’opera solida che si distingue per i suoi valori umanisti, internazionalisti ed etici. Un lavoro ispirato al concetto di Marti secondo cui la patria è l’umanità.

Membri del Parlamento:

C’è ancora molto da imparare e molto da fare per sfruttare al meglio queste sessioni come fonte di proposte di soluzioni. La gravità e l’urgenza dei tempi ci impongono di essere più agili e precisi nella missione che solo noi possiamo intraprendere: superare i problemi, vincere la politica criminale di vessazione e persecuzione finanziaria. Ma di fronte alle peggiori sfide, confermiamo ancora una volta che è possibile!

Cuba non è sola in questa lotta e lo abbiamo dimostrato. Non siamo gli unici ad essere puniti per aver difeso la sovranità, l’indipendenza e il multilateralismo.

Credo che ricorderemo a lungo questa Prima Sessione della X Legislatura dell’Assemblea Nazionale: per la complessità del momento che Cuba sta attraversando, per i temi discussi e per il modo in cui sono stati discussi. Qui i nostri problemi sono stati più visibili e anche più visibile è stato lo sforzo per raggiungere l’orizzonte delle soluzioni.

Lo ricorderemo anche per il numero di giovani deputati, provenienti da diverse professioni e da tutto il Paese, che hanno portato il loro punto di vista con acutezza e argomentazioni, difendendo con passione il Paese in cui vivono e lavorano. In loro abbiamo visto l’orizzonte, abbiamo visto il futuro che i nostri avversari non vedono.

In questi giovani abbiamo visto anche quei giovani che 70 anni fa andarono a combattere per un Paese libero da dipendenze e abusi, per lottare contro una dittatura reale e sanguinaria mai condannata o bloccata dall’impero.

Questi giovani sono quelli che hanno salvato il Paese, che hanno costruito una nazione colta e attenta, ammirata e rispettata in tutto il mondo.

Ci sono quindi motivi per celebrare, nonostante le carenze e le sfide, il 70° anniversario di quell’eroico assalto a due fortezze militari per cambiare la storia. Grazie alla Generazione del Centenario, a Fidel, Raúl e ai loro compagni! Grazie per sempre!

I più giovani eredi della vostra eredità sono impegnati nella lotta più importante di questa epoca! (Applausi).

Il 26 ci vedremo nell’eroica Santiago de Cuba!

E per concludere ritorno a due frasi molto note e care al mio cuore: sappiate, signori imperialisti, che non abbiamo assolutamente paura di voi!

¡Patria o Muerte! – ¡Venceremos!

Fonte: Parlamento cubano

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...