Gli studi clinici con NeuroEPO avanzano a Holguín

Print Friendly, PDF & Email

La sperimentazione clinica (CD) con NeuroEPO o Neural CIM in pazienti con malattia di Alzheimer sta procedendo nella provincia di Holguín, nell’ambito dei programmi di miglioramento dei trattamenti per questa malattia neurocognitiva.

Il dottor Zaimar Rodríguez Feria, responsabile del Gruppo Provinciale CD, ha dichiarato ad ACN che questo processo è attualmente in fase di valutazione e inclusione nel territorio, dove esiste un numero significativo di pazienti con diagnosi lievi e moderate di questa patologia.

Ha sottolineato che lo studio coinvolgerà un’équipe multidisciplinare composta, tra le altre specialità, da neurologi, neuropsicologi e psichiatri, e che gli enti capofila saranno il Centro di Igiene Mentale, il Gruppo Provinciale CD e il Centro di Immunologia Molecolare del paese.

Ha inoltre sottolineato che le consultazioni di valutazione si terranno presso il Centro di Igiene Mentale della città di Holguín e il sito clinico dell’Ospedale Lucía Íñiguez Landín, con l’obiettivo di determinare la sicurezza e l’affidabilità di questo farmaco, nonché la valutazione e le analisi di laboratorio dei pazienti.

Ha inoltre spiegato che i pazienti con malattie di base scompensate o sottoposti a protocolli di trattamento utilizzati per le patologie del deterioramento cognitivo non saranno considerati per l’inclusione.

La direttrice ha dichiarato che si tratta di uno studio multicentrico e adattivo di fase IV, al quale parteciperanno più di 1.400 persone provenienti da tutta Cuba, con una durata di 104 settimane e un test diagnostico alla 52ª settimana e un altro alla 78ª settimana.

A Holguín è iniziato lo studio con NeuroEPO in persone affette da Atassia spinocerebellare di tipo 2, con 46 pazienti finora inclusi, che contribuirà a migliorare i protocolli di trattamento per questa patologia, dopo la conclusione della CE, ha dichiarato Rodríguez Feria.

L’Alzheimer è una malattia del cervello che peggiora nel tempo ed è caratterizzata dalla morte dei neuroni, che provoca un graduale deterioramento della memoria, del pensiero, del comportamento e delle abilità sociali; nei prossimi cinque anni saranno diagnosticate circa 55 milioni di persone.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...