L’esilio e la morte di Machado

Print Friendly, PDF & Email

Senza legge, autorità o ordine, l’Avana bruciava quel 12 agosto 1933, mentre il dittatore Gerardo Machado volava su un piccolo aereo anfibio verso Nassau, prima tappa di un esilio di sola andata. Il suo sostituto, il generale Alberto Herrera, prima di nascondersi nell’Hotel Nacional, nominò Carlos Manuel de Céspedes, figlio del Padre della Nazione, come Segretario di Stato per aprirsi la strada verso la Presidenza della Repubblica. La folla rase al suolo le case dei machadisti e giustiziò o imprigionò coloro che trovò sul suo cammino. Il tirapiedi Julio Leblanc fu ucciso a colpi di mattoni tra Prado e San José, mentre la moglie e il figlio assistevano alla macabra scena da un balcone dell’Hotel Pasaje, e poco più in là, all’angolo tra Prado e Virtudes, il soldato Heráclito Duvet colpì con un colpo di fucile in faccia il colonnello Antonio Jiménez, capo del gruppo paramilitare La Porra, che, pistola alla mano, stava affrontando i suoi inseguitori dalla farmacia del dottor Lorié.

Si gridò alla morte, agli incendi, ai saccheggi, ai suicidi, alle sparatorie e, in mezzo a questo caos, Céspedes, l’uomo dell’ambasciata americana, la ruota di scorta sul carro dell’ingerenza, che era ministro e ambasciatore di Machado, era deciso a far sì che il Congresso lo proclamasse presidente. Ma quale deputato convocare a quell’ora? Alla fine, quattro senatori e sette rappresentanti della Camera dei Rappresentanti riuscirono a riunirsi all’Hotel Nacional e, ottenuta la maggioranza necessaria, modificarono in fretta e furia la Legge Organica del Ramo Esecutivo e proclamarono Céspedes presidente. Alle 12.00, 21 salve di artiglieria dalla fortezza di La Cabaña salutarono il nuovo presidente, che sarebbe rimasto in carica per soli 23 giorni.

A Boyeros, a bordo di un Sikorsky N. M. nero a sei posti, appartenente alla Pan American, Machado fu raggiunto dall’ex sindaco dell’Avana Pepito Izquierdo, dagli ex ministri delle Finanze Octavio Averhoff e dell’Agricoltura Eugenio Molinet, e dai capitani Villa e Crespo Moreno. Tra coloro che si sono lasciati alle spalle l’ex ministro dell’Educazione Carlos Miguel de Céspedes – da non confondere con l’ex Céspedes -, il brigadiere di polizia Antonio Ainciart, Colinche, capo della scorta presidenziale, e il senatore Wilfredo Fernández, l’uomo che, con un gesto di insuperabile arguzia, disse a Machado: “Gerardo, è iniziato il tuo millennio”.

Scalo ad Andros

Non sembra che il viaggio del dittatore a Nassau sia stato una decisione sconsiderata. A Machado era stato assicurato il trattamento che avrebbe ricevuto dalle autorità coloniali britanniche alle Bahamas. In effetti, una rappresentanza delle autorità coloniali britanniche attendeva il suo arrivo la notte del 12 agosto, ma l’ex presidente arrivò a Nassau il 13, il che significa che le cinque ore di volo dall’Avana divennero 15 ore.

Nella valanga di informazioni che la caduta della dittatura provocò a Cuba, la stampa nazionale dell’epoca dedicò poco spazio ai dettagli della fuga. I dettagli furono forniti dal quotidiano Daily Tribune di Nassau.

A causa dell’oscurità e di un piccolo guasto, l’aereo dovette ammarare intorno alle 19.00 della sera del 12 nei pressi di Nicholls Town, sull’isola di Andros, dove i fuggitivi trascorsero la notte senza lasciare l’aereo anfibio. Solo il capitano Crespo scese a terra in cerca di qualcosa da mangiare e tornò con del pesce fritto. Il giorno dopo, alle 5:30 del mattino, riparato il guasto, l’aereo prese quota e alle sei ormeggiò alla base Pan American di Nassau.

L’insolito orario di arrivo sorprese i funzionari della compagnia aerea e attirò la loro attenzione perché l’aereo non si stava avvicinando al punto di sbarco. Un ispettore della dogana e il medico del porto si recarono quindi all’anfibio e tornarono in compagnia di Crespo Moreno, che si identificò come il segretario privato dell’ex presidente di Cuba e chiese di abbreviare le procedure per portare a terra i passeggeri del Sikorsky, Chiese di spostare due auto in un hotel e ha spiegò che tutti avevano bisogno di abiti presentabili. Viaggiarono tutti senza bagagli e la dogana trattenne i cinque revolver che portavano con sé. I capitani Villa e Crespo maneggiarono otto pesanti borse di tela. In esse c’era l’argento di Machado e l’oro. Allertato d’urgenza, il governatore inglese arrivò in tempo per rendere omaggio all'”illustre” viaggiatore.

Machado prese alloggio nella suite 119 del Royal Victoria Hotel e chiese la protezione della polizia. Ordinò tè e whisky e si coricò per dormire. Il giorno dopo, in abiti nuovi, fece visita al governatore coloniale.

Molti anni dopo la sua permanenza alle Bahamas, si diceva ancora che a Nassau non c’era mai stato tanto oro come quando Machado era lì. Il suo soggiorno in quella città fu breve. All’inizio di settembre del 1933 era già a Montreal. Arrivò dalle Bahamas su una bananiera e alloggiò nel miglior hotel della città. La stampa tenne d’occhio lui e il suo entourage, che consumò il meglio e il più costoso a spese dell'”eroe della patria cubana”. L’ex dittatore uscì a malapena dalla sua stanza. Trascorse ore e ore, accasciato su una poltrona, immerso in un silenzio sospetto.

L’uomo d’azione

A Montreal, Machado ricevette le notizie dall’isola con indifferenza. Averhoff e Molinet, che lo conoscevano bene, sapevano che stava ancora cercando di riprendere il potere. In ogni caso, la macchina di Machado non era stata completamente distrutta e non era impossibile rimetterla in moto. “Sono un uomo d’azione, non di parole”, disse, e in questa espressione i suoi accoliti vedevano la sua volontà di tornare al potere. Ma il colpo di Stato di Batista del 4 settembre 1933, che rovesciò il presidente Céspedes, chiuse ogni possibilità di ritorno.

Entrò clandestinamente negli Stati Uniti e, inseguito dalla polizia dell’immigrazione che voleva catturarlo, lasciò New York clandestinamente e si stabilì a Santo Domingo per stabilirsi, senza che nessuno lo disturbasse più, in Florida, dove nella città di Alapata si dice che abbia piantato un viale di palme reali ancora conservato. Chi scrive ha cercato invano di localizzare la casa in cui visse a Coral Gable.

Finale

Machado morì il 29 marzo 1939. Affetto da un cancro al colon, morì mentre veniva operato al French Hospital di Miami Beach dal dottor Ricardo Núñez Portuondo, suo medico di famiglia, che si era recato in Florida con i suoi assistenti per curarlo. Scrisse le sue memorie che, con il titolo Ocho años de lucha (Otto anni di lotta), apparvero finalmente nel 1982. Il suo patrimonio è stato stimato in 12 milioni di dollari. Fu sepolto in una nicchia nell’edificio principale del Woodlawn Memorial sull’Ottava Strada a Miami. La nicchia adiacente è occupata dai resti della moglie Elvira Machado – erano cugini – morta nel 1969.

Anche i suoi accoliti fecero una fine infelice. Le tracce di Colinche si smarrirono dopo quel 12 agosto. Probabilmente  tornò alle Isole Canarie, da dove arrivò prima della Guerra d’Indipendenza, alla quale partecipò come assistente di Machado. Il brigadiere Ainciart si suicidò nella casa al numero 20 di Lozano a Marianao, quando, vestito da donna, cercò di sottrarsi alle persecuzioni cui era sottoposto. Il senatore Wilfredo Fernández, nonostante il salvacondotto concesso dal governo Céspedes, fu costretto a sbarcare dal cargo tedesco Erfurt nel porto dell’Avana, dove sperava di recarsi all’estero, e portato nella prigione di La Cabaña mentre la folla gridava insulti e tentava di linciarlo. In prigione si sparò al cuore il 27 febbraio 1934. Crespo Moreno si stabilì a Santo Domingo e, raccomandato da Machado, fu al servizio di Trujillo. Le sue memorie furono pubblicate in Boemia nel marzo e nell’aprile del 1964. A partire dal 1936, i sostenitori di Machado cominciarono a tornare. Elvira Machado si stabilì nella residenza all’angolo tra la 5ª Avenue e la 16ª Avenue, a Miramar, dove si trova la Casa del Habano. Da lì tornò all’estero. Averhoff andò a vivere al 17, all’angolo con L. Carlos Miguel de Céspedes rientrò in politica e divenne membro del Senato. Molinet ottenne un modesto impiego come responsabile dell’agricoltura urbana nel Municipio dell’Avana. Morì nel 1959 e fu sepolto con gli onori militari inerenti al suo status di generale dell’Esercito di Liberazione. Pepito Izquierdo, che aveva perso tutto, finì i suoi giorni come impiegato in una sala da bowling.

Per ordine del Congresso della Repubblica, i resti di Machado non poterono essere portati a Cuba.

Fonte: juventud rebelde

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...