Cuba affronta la tempesta tropicale Idalia

Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina presto, Idalia ha guadagnato in organizzazione e intensità mentre si trovava sopra il Golfo del Messico sud-orientale, diventando il terzo uragano dell’attuale stagione degli uragani.

Idalia diventa un uragano

Le bande di alimentazione di Idalia continuano a interessare le province da Pinar del Río a Mayabeque, compreso il comune speciale di Isla de la Juventud, con rovesci, piogge e temporali, che sono stati forti e intensi in alcune località. Le precipitazioni più significative tra le undici di ieri sera e le cinque di questa mattina sono state: 106 millimetri a Isabel Rubio (Pinar del Río), 91 millimetri a Amistad Cuba-France (Isla de la Juventud), 90 millimetri a San Juan y Martínez (Pinar del Río), 49 millimetri a Bauta (Artemisa) e 47 millimetri a Casa Blanca (La Habana).

I venti hanno raggiunto raffiche di 100 chilometri orari nella stazione meteorologica di Casa Blanca a L’Avana e di 88 chilometri orari a Pinar del Río, nell’omonima provincia. Persistono inondazioni costiere anche sull’Isola della Gioventù, a Boca de San Diego e a La Bajada, entrambe nella provincia di Pinar del Rio, e a Surgidero de Batabanó, a Mayabeque.

Idalia mantiene una rotta verso nord e ha aumentato la sua velocità a 22 chilometri orari. I suoi venti massimi sostenuti sono saliti a 120 chilometri orari, con raffiche più forti, rendendolo un uragano di categoria 1 sulla scala Saffir-Simpson, con un massimo di cinque. La pressione minima è scesa a 981 ettoPascal.

Alle 6 del mattino, il suo centro era stimato a 23,3 gradi di latitudine nord e 85,0 gradi di longitudine ovest, 155 chilometri a nord di Capo San Antonio, nella provincia di Pinar del Rio, e 350 chilometri a ovest-sud-ovest di Key West, nella penisola della Florida.

Nelle prossime 12-24 ore, Idalia continuerà a seguire una traiettoria simile, inclinandosi verso nord-nord-est con un aumento della velocità di atterraggio, e potrebbe diventare un uragano maggiore prima di atterrare sul nord della Florida.

Sebbene Idalia continui ad allontanarsi da Cuba, la probabilità di piogge forti e intense rimarrà alta nella regione occidentale, soprattutto in alcune località delle province di Pinar del Río e Artemisa. Le bande di alimentazione di questo organismo tropicale potrebbero causare piogge nella regione centrale.

I venti saranno da sud-est a sud tra i 20 e i 35 chilometri orari nella parte occidentale, tra i 65 e gli 80 chilometri orari a Pinar del Río, con raffiche più elevate, che diminuiranno gradualmente man mano che l’organismo si allontana dalle coste cubane.

Forti mareggiate continueranno su entrambe le coste di Pinar del Río e nel sud dell’Isola della Gioventù, con inondazioni costiere da leggere a moderate. A sud di Artemisa e Mayabeque ci saranno mareggiate con inondazioni costiere da leggere a moderate che diminuiranno gradualmente dal pomeriggio.

Oltre il 60% dei clienti di Pinar del Río è senza energia elettrica a causa dei danni provocati dall’uragano Idalia. Sono stati segnalati danni a Sandino, Guane, Mantua, San Luis, San Juan y Martínez, Consolación del Sur e Viñales. Anche diversi circuiti nel comune di Pinar del Río sono rimasti senza servizio.

Dalle 6 di questa mattina (ora di Cuba), la strada dal villaggio di Isabel Rubio al capoluogo comunale di Guane, e a Zarzal via Luis Lazo, è stata interrotta a causa dell’innalzamento del fiume Cuyaguateje causato da oltre 70,5 mm di pioggia registrati nelle ultime tre ore, come riporta il quotidiano Guerrillero.

Sono state registrate raffiche di oltre 100 km/h con venti massimi sostenuti di oltre 60 km.

Al momento sono 26 i residenti della zona costiera di Baylén evacuati nella zona di difesa di Sábalo, in particolare in un rifugio allestito nella caffetteria El Viajero, mentre altre 403 persone sono protette nelle case di parenti e amici.

Vengono mantenuti il pane, il cesto alimentare di base e i servizi sanitari.

A Isabel Rubio, il distaccamento di soccorso e salvataggio della FAR è pronto con un trasportatore anfibio per qualsiasi trasferimento si renda necessario.

Presso il comando dei vigili del fuoco è stato attivato anche il distaccamento municipale di soccorso e salvataggio per far fronte a qualsiasi situazione sulla strada Luis Lazo, ha informato Eridania Soto Ledesma.

Nel frattempo, l’Agenzia di stampa cubana ha riferito che Yanelki Fuentes Ramos, vicepresidente del Consiglio di difesa municipale, ha spiegato telefonicamente che dalle sei di questa mattina è stata interrotta la strada tra il consiglio popolare Isabel Rubio e il capo di Guane, e tra i consigli popolari Guane I e Portales e Punta de la Sierra.

➡️ Le misurazioni del fiume mostrano un forte innalzamento.

➡️ Continuano le piogge a Guane e nel comune di Minas de Matahambre.

➡️ Il deflusso manterrà le inondazioni nelle prossime ore.

➡️ Si segnalano forti piogge e venti: la stazione Isabel Rubio ha registrato raffiche di oltre 100 km/h.

➡️ In sole sei ore sono stati registrati 106 millimetri di pioggia.

➡️ 429 persone rimangono evacuate.

Segnalati malfunzionamenti nei circuiti elettrici dell’Avana

Come spiega l’Empresa Eléctrica de La Habana, attraverso una nota informativa pubblicata sui social network, a causa del peggioramento del tempo nella capitale da lunedì pomeriggio, associato al passaggio dell’uragano Idalia, sono stati colpiti – fino alle 8:00 di oggi – 45 circuiti di distribuzione e 2 circuiti di sub-trasmissione, per un totale di 47.980 clienti senza elettricità.

Il testo indica che, a causa delle misure di sicurezza, non sono iniziati i lavori per risolvere i guasti fino a quando non saranno passati i forti venti e le forti piogge.

I comuni più colpiti sono Habana del Este, Arroyo Naranjo, Boyeros, Plaza de la Revolución e Cerro.

“Le brigate di lavoro necessarie sono mobilitate per risolvere i danni causati, abbiamo le risorse necessarie e lavoreremo ininterrottamente per ripristinare il servizio elettrico nel più breve tempo possibile”, si legge nella nota.

Allo stesso modo, si raccomanda alla popolazione di non toccare i conduttori abbattuti e, in caso di incidente, di chiamare il numero 18 888, i numeri telefonici del Comando provinciale (76463281 all’interno 89) e dei comuni, nonché il canale dell’ente sul social network Telegram.

Pardo Guerra valuta gli effetti nel comune di Sandino

Il capo dello Stato Maggiore della Protezione Civile, il Maggiore Generale Ramón Pardo Guerra, in visita al comune di Sandino, il più occidentale di Cuba, ha valutato l’impatto dell’uragano Idalia al suo passaggio sul territorio nazionale e ha visitato uno dei locali allestiti come centro di evacuazione per le famiglie.

Pardo Guerra ha anche partecipato al Consiglio comunale di difesa, dove ha impartito istruzioni per la protezione delle persone e degli obiettivi economici.

Secondo le informazioni condivise da Radio Guamá, nella zona di Guanahacabibes, 63 persone rimangono evacuate sul radar meteorologico, si segnala la caduta di alberi e la penetrazione del mare in diverse zone. Allo stesso modo, le città di El Cabo e Manuel Lazo rimangono isolate, così come quest’ultima con il capoluogo comunale.

Le fasce di alimentazione Idalia continuano a colpire Artemisa

Le correnti di alimentazione di Idalia continuano a colpire la provincia di Artemisa con rovesci, piogge e temporali, che sono stati forti e intensi in alcune località, ha comunicato il Gruppo di Previsione del Centro Meteorologico Provinciale al quotidiano El Artemiseño.

Secondo l’avviso emesso questa mattina, le precipitazioni più significative fino alle 8:00 sono state di 157,8 millimetri nella stazione di Güira de Melena, 122,2 a Bauta, 75 a Mariel e 42,2 a Bahía Honda.

“I venti hanno raggiunto velocità di 25-40 chilometri orari (km/h), con raffiche da tempesta tropicale in alcune località come Bahía Honda con 74 km/h nella regione meridionale nelle prime ore del mattino”, ha dichiarato Sidney Moreno, aggiungendo che Mariel ha registrato una raffica di 66,6 km/h alle 13:56 di lunedì e 69,1 nella regione sud-sud-ovest alle 3:55 di questa mattina”, ha detto la fonte.

Lo specialista ha avvertito che, sebbene Idalia continui ad allontanarsi da Cuba, nella provincia rimarrà alta la probabilità di precipitazioni, che potrebbero essere intense, soprattutto in alcune località. I venti saranno da sud tra i 25 e i 40 chilometri orari con raffiche più elevate, che diminuiranno gradualmente man mano che l’organismo si allontana dalla costa cubana.
Le mareggiate continueranno con inondazioni costiere da leggere a moderate, che diminuiranno gradualmente dal pomeriggio.

Mantenimento del monitoraggio dei bacini di Isla de la Juventud

A causa delle piogge associate alla tempesta tropicale Idalia, il nono organismo nominato dell’attuale stagione ciclonica, i serbatoi dell’Isla de la Juventud, oggi al 63,4% (%) della loro capacità totale di riempimento, sono tenuti sotto stretta sorveglianza.

Yaisel Covarrubias Bravo, delegato dell’Istituto Nazionale di Risorse Idrauliche nel comune speciale, ha precisato che nella fase di allarme (decretata alle 18.00 di questo martedì) gli specialisti monitorano ogni due ore i volumi di precipitazioni immagazzinati, anche se nessuno di questi bacini artificiali rappresenta un pericolo per la popolazione.

Nella sua relazione al Consiglio Comunale di Difesa, l’ingegnere ha specificato che delle 14 dighe presenti sul territorio, solo due scaricano le loro acque: El Enlace (101,6%) e Vietnam (99,2%), anche se Cristal (92,9%), Malpaís I (88,6%) e Río del Medio-Las Nuevas (85,3%) sono tra quelle con il più alto accumulo

In considerazione della situazione idrometeorologica esistente, il maggiore Alexis Rubio, del Centro per la gestione del rischio di disastri, ha consigliato alla popolazione di evitare di pescare negli sfioratori e di far bollire l’acqua per il consumo umano, al fine di evitare infezioni diarroiche acute.

Sebbene non siano stati segnalati danni nel comune speciale, 249 persone che vivono in situazioni di vulnerabilità si sono trasferite a casa di parenti, vicini o amici, i cui edifici sono in condizioni tecniche e costruttive migliori.

Il meteorologo Luis Sanchez ha detto che le precipitazioni non sono significative finora, la pioggia sarà a intervalli soprattutto sulla costa meridionale del territorio, dove si stimano raffiche di vento massime di 70 chilometri all’ora (km/h) e sostenute di 40 km/h e lievi penetrazioni del mare nelle zone basse a causa delle mareggiate.

Tenendo conto della rapida evoluzione di questo sistema, il CDM ha indicato la sospensione della circolazione di persone e veicoli, la chiusura delle strutture commerciali fino al miglioramento delle condizioni meteorologiche, la salvaguardia delle vite umane e delle risorse economiche e di rimanere attenti alle linee guida emanate dalla Protezione Civile.

Lunedì pomeriggio, i membri del CDM hanno visitato la zona di La Reforma per verificare in loco il rispetto delle misure delineate nel piano di riduzione del rischio di catastrofi nel sistema agricolo.

Gli operai elettrici di Matanzas lavoreranno al recupero dei danni a Vueltabajo

Un contingente di lavoratori elettrici di Matanzas è stato allestito in questo territorio per contribuire al recupero dei danni al servizio elettrico causati dal passaggio dell’uragano Idalia su Pinar del Río.

Secondo il direttore dell’Empresa Eléctrica Matanzas, José Alejandro Rodríguez Azpeitia, il gruppo è composto da 65 lavoratori, tra cui tecnici di linea e specialisti. Se le condizioni lo permetteranno, dovrebbero partire per la regione di Pinar del Río mercoledì 30 agosto.

Le acque del fiume Cuyaguateje interrompono il passaggio tra Guane e Isabel Rubio

Il presidente del Consiglio Provinciale di Difesa di Pinar del Río, Yamilé Ramos Cordero, durante un tour delle regioni colpite dal passaggio dell’uragano Idalia, ha affermato che si dovrebbero utilizzare rapidamente i mezzi anfibi per spostare un gruppo di persone che sono ancora isolate nella zona di Isabel Rubio.

Secondo gli abitanti, l’esondazione del fiume è stata rapida, cosa che non accadeva da diversi anni.

L’uragano Idalia aumenta di intensità e continua ad allontanarsi da Cuba

L’uragano Idalia ha guadagnato intensità questa mattina spostandosi ulteriormente nel Golfo del Messico, allontanandosi gradualmente da Cuba.

Le fasce di alimentazione di Idalia hanno continuato a interessare le province da Pinar del Río a Mayabeque, compreso il Comune Speciale di Isla de la Juventud, con rovesci, piogge e temporali, che sono stati forti e intensi in alcune località. Le precipitazioni più significative segnalate dalle stazioni meteorologiche si sono verificate a: Isabel Rubio a Pinar del Río con 214,4 millimetri, Nueva Gerona, Isla de la Juventud con 164,6 millimetri e 157,8 millimetri a Güira de Melena, Artemisa. Le precipitazioni accumulate segnalate dai pluviometri dell’INRH hanno superato i 100 millimetri in 24 ore in 46 località, sei delle quali hanno superato i 200 millimetri, tra cui El Colony con 227,6 millimetri a Isla de la Juventud e 223,0 millimetri ad Acueducto de Mantua, Pinar del Río.

I venti hanno raggiunto raffiche fino a 133 chilometri orari nella stazione meteorologica di Casablanca a L’Avana, 108 chilometri orari a Isabel Rubio e 106 chilometri orari a Santa Lucía, entrambe a Pinar del Río.

Idalia mantiene una rotta verso nord con una velocità di traslazione di 22 chilometri orari. I suoi venti massimi sostenuti sono aumentati a 140 chilometri orari, con raffiche più elevate, per cui rimane un uragano di categoria 1 sulla scala Saffir-Simpson con un massimo di cinque. La pressione minima è scesa a 976 ettoPascal.

A mezzogiorno di oggi, il suo centro era stimato a 24,8 gradi di latitudine nord e 84,8 gradi di longitudine ovest, 320 chilometri a nord di Capo San Antonio nella provincia di Pinar del Rio e 425 chilometri a sud-sud-ovest di Tampa, sulla costa occidentale della penisola della Florida.

Nelle prossime 12-24 ore, Idalia continuerà a seguire una traiettoria simile e aumenterà la sua velocità spostandosi verso nord-nord-est e potrebbe diventare un uragano maggiore mercoledì prima di fare landfall sul nord della Florida.

Sebbene Idalia continui ad allontanarsi da Cuba, la probabilità di piogge forti e intense rimarrà alta nella regione occidentale, soprattutto in alcune località delle province da Pinar del Rio a Matanzas, compresa l’Isola della Gioventù.

I venti saranno da sud a ovest, tra i 30 e i 45 chilometri, con occasionali raffiche, e potranno essere più forti nelle zone di rovesci e temporali.

Continueranno le forti mareggiate su entrambe le coste di Pinar del Río e nel sud dell’Isola della Gioventù, con inondazioni costiere da leggere a moderate. A sud di Artemisa e Mayabeque si verificheranno mareggiate con inondazioni costiere da leggere a moderate, che diminuiranno gradualmente a partire dalla prossima mattina.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...