Come la giunta rivoluzionaria cubana di New York verificò la morte di Martí

Print Friendly, PDF & Email

I membri della delegazione cubana a New York inviarono il patriota Ricardo Muñíz a Santiago de Cuba. La sua missione era quella di verificare se le terribili notizie fossero vere, in quanto provenienti da fonti spagnole. L’incarico era certamente rischioso.

Quando i membri della delegazione cubana a New York appresero dalla stampa della morte di José Martí nella manigua cubana, rimasero sbalorditi. Non potevano crederci, perché per loro era impensabile che il Maestro potesse morire come riportavano i giornali.

Per Gonzalo de Quesada la notizia, o meglio la terribile notizia, non era credibile perché proveniva da fonti spagnole, ricorda il patriota cubano Ricardo Muñíz, che ascoltò mentre la raccontava a Horacio Rubens e León Benolt, che si trovavano nell’ufficio della Delegazione molto presto il 20 maggio 1895.

Incerto sulle informazioni, Quesada disse a Muñiz di presentarsi la mattina del giorno successivo: “Vieni pronto nel caso in cui Cuba abbia bisogno di te”.

Il giovane di Manzanillo era pronto a svolgere qualsiasi missione gli venisse affidata al di fuori del territorio statunitense, perché aveva i documenti in regola: la Lettera di cittadinanza americana rilasciata dalla Court of Common Pleas per il City Country di New York, emessa il 10 aprile 1895 e il passaporto n. 23590, come cittadino statunitense, rilasciato l’8 maggio dello stesso anno.

La mattina successiva, il 21 maggio, Muñiz si recò negli uffici della Delegazione dove Quesada lo stava già aspettando e insieme si recarono all’agenzia di piroscafi Ward Line a Wall Street, dove prenotò e pagò un biglietto di seconda classe per il piroscafo Niagara, che salpò alle 12 di quel giorno per Santiago de Cuba con scali in altri porti cubani.

Il biglietto costava 45 dollari e poiché il giovane ne aveva solo 48, Quesada gliene diede 52 per completare i 100 dollari che avrebbe portato in tasca per le spese del viaggio e lo accompagnò a bordo, nella sua cabina, dove gli consegnò una busta per il generale Antonio Maceo, con queste istruzioni: “se non c’è un modo sicuro per inviargliela da Santiago, dovrai andare in campagna e consegnargliela personalmente”.

L’altra missione era quella di indagare su tutto ciò che riguardava la morte di Martí. Gli disse: “il caso del Maestro senza alcun dubbio sull’esattezza delle tue indagini; se è vivo, metterai un telegramma a un certo indirizzo, dicendo ‘Elisa bene’; se è ferito, dirai ‘Elisa male’; e se è morto, dirai ‘Elisa grave'”.

Ricardo Muñíz, giovane patriota cubano al servizio della delegazione cubana a New York, a cui fu affidata la missione di recarsi a Santiago de Cuba nel maggio 1895 per verificare la veridicità della morte di Martí. Foto: Rivista Carteles

Muñíz ricorda che per portare a termine queste missioni doveva contattare il signor Desiderio Fajardo (il prigioniero) a Santiago de Cuba, che era l’agente ufficiale in quella città della Giunta Rivoluzionaria di New York, affinché lo sostenesse in queste missioni rischiose.

A SANTIAGO DE CUBA

Quando Muñiz sbarcò a Santiago de Cuba, non sapeva come localizzare il suo contatto né conosceva la città, ma ebbe la fortuna che, passeggiando per la via Enramadas, incontrò i suoi amici di Manzanillo, Rafael ed Eudaldo Manrique, che gli indicarono dove avrebbe potuto trovare la persona che stava cercando.

La mattina del 30, prendendo le precauzioni necessarie per non attirare l’attenzione, Muñiz bussò alla porta dove abitava “El Cautivo”, che gli aprì e si presentò con il nome di copertura di Leónidas, come gli aveva detto Quesada, e gli consegnò la busta che conservò, dicendogli che “quella stessa notte lo avrebbe mandato a destinazione e che, naturalmente, non avrebbe avuto bisogno di uscire in campagna”.

Sulla morte e l’identificazione di Martí, le disse:

“Gli spagnoli dicono che è Martí, ma noi non sappiamo nulla di più di quello che dicono”. Fino al 27 maggio, quando il cadavere in decomposizione è stato sepolto, nessuno lo aveva identificato perché i cubani qui conoscevano Martí solo per riferimento. Capirete l’impossibilità di identificare un cadavere putrefatto, senza occhi e con il resto del viso deformato”.

Muñiz gli chiese quindi quali fossero gli effetti personali ritrovati e Fajardo rispose che “tutto ciò che fu trovato non permise a nessuno di determinare in modo concreto che il cadavere fosse quello di Martí”, aggiungendo che “era stato trovato anche un ritratto, ma che nessuno sapeva chi fosse” e che era in possesso della moglie cubana di uno dei capi spagnoli. Ha detto che ne avrebbe ottenuto una copia.

IL RITRATTO CHE MARTI PORTAVA CON SÉ

Il 31 Muñiz rimase nascosto nell’albergo; non osava uscire perché aveva commesso l’errore di indossare abiti che non erano i più adatti a camminare per le strade di Santiago. Nero, di lana grossa, cappotto da mattina e bombetta. Un giovane di 22 anni che indossa tali abiti a maggio attirerebbe sicuramente l’attenzione!

Maria ricorda che mentre passeggiavano lungo Bath Beach, a Long Island, New York, un fotografo di strada ha scattato loro questa foto. Foto: Archivio Granma

Il giorno successivo non poté fare altro che tornare a casa dell’agente per informarsi su tutto ciò che era stato discusso il giorno precedente, e soprattutto sulla foto trovata tra gli effetti personali di Martí. La busta indirizzata al generale Maceo era stata spedita la notte del 30″, gli disse Fajardo, “e per quanto riguarda la foto, gli mostrò un piccolo ritratto e gli indicò:

“Questa è la copia di cui le ho parlato l’altro ieri, anche se non credo che ci risolverà il problema”. Muñiz lo vide e chiese a Fajardo se era assolutamente sicuro che il ritratto fosse stato trovato in una tasca del morto e, alla risposta affermativa, disse eccitato:

“Abbiamo perso Martí e la rivoluzione ha subito un colpo terribile; ma questo non significa che abbiamo perso la guerra”.

L’agente gli chiese allora perché fosse così sicuro che il morto fosse Martí.

Muñiz spiegò: “Questo ritratto è di María Mantilla, una ragazza che viveva a New York, per la quale Martí provava un grande affetto. La conobbi a Central Valley, nella casa di Don Tomás Estrada Palma, nel settembre del 1892, e anche se non ricordo di averla rivista, non ho dimenticato i suoi lineamenti e credo di essere sicuro che solo in possesso di Martí si potesse trovare questo ritratto”.

Fajardo gli disse di non fargli più visita perché aveva notato che la sua casa era sorvegliata. Il 6 giugno avrebbe inviato un emissario all’hotel con una busta per la delegazione cubana a New York. E così accadde.

RAPPORTI SULLA VERIDICITÀ DELLA MORTE DI MARTI

La mattina del 2 giugno Muñiz inviò un dispaccio a un indirizzo specifico fornitogli da Quesada, con il seguente testo: “Elisa grave”. La morte di Martí era certa.

Attraverso il riconoscimento e l’autenticità del ritratto di María Mantilla, la Delegazione rivoluzionaria cubana a New York verificò la certezza della morte dell’Apostolo.

Immagine poco conosciuta della giovane María Mantilla pubblicata nella rivista Cuba y América, nel 1901. Foto: rivista Bohemia

La mattina del 6 giugno un uomo lo incontrò all’hotel, gli disse che stava andando per conto di “El Cautivo”, per sapere la data della sua partenza e gli chiese se avesse bisogno di soldi per il viaggio.

Il giovane patriota gli disse che doveva imbarcarsi l’8, quando il piroscafo Niagara sarebbe tornato a New York.

Dopo aver contato i suoi fondi, scoprì che, dopo aver pagato l’albergo, gli rimanevano solo 32 dollari e che, dovendo pagare 45 dollari per il passaggio, 1 dollaro al barcaiolo che lo avrebbe portato al piroscafo e 5 dollari allo steward come mancia, la somma che possedeva non era sufficiente.

Allora l’inviato di “El Cautivo” gli disse che sarebbe tornato l’8 verso le 9 del mattino per consegnargli una busta e 20 dollari per il viaggio.

CHIARIMENTO

In realtà il cadavere di Martí fu pienamente riconosciuto e identificato dai suoi effetti personali e da spagnoli e cubani che lo conoscevano, come sottolinea lo storico Emilio Roig de Leuchsenring.

Fonti: Revista Carteles, 2 maggio 1937.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...