Discorso del Presidente della Repubblica alla sessione inaugurale del Gruppo dei 77 + Cina

Print Friendly, PDF & Email

Discorso pronunciato da Miguel Mario Díaz-Canel Bermúdez, Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, alla Sessione di apertura del Vertice dei Capi di Stato e di Governo del Gruppo dei 77 e della Cina, sulle attuali sfide dello sviluppo: ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione, presso il Palazzo dei Congressi, il 15 settembre 2023, “Anno 65 della Rivoluzione”.

(Versione stenografica – Presidenza della Repubblica)

Eccellenze;

Illustri delegati e ospiti:

Siete tutti calorosamente benvenuti a Cuba, la terra di José Martí, al quale dobbiamo la bella idea che la patria è l’umanità.

Grazie per aver accettato l’invito che ci unisce oggi in difesa del futuro delle grandi maggioranze che costituiscono il grosso di quel grande concetto unificante che è l’umanità.

Come ha annunciato il Ministro degli Esteri cubano alla vigilia del Vertice, questo è un Vertice austero, e spero che perdonerete le mancanze che potrete incontrare. Cuba è letteralmente accerchiata da un blocco di sei decenni e da tutte le difficoltà che derivano da quell’assedio, ora rafforzato.

Naturalmente, dobbiamo anche affrontare le colossali sfide derivanti dall’attuale ingiusto ordine internazionale, ma non siamo gli unici. Quasi 60 anni fa, è stata la comunione delle difficoltà e la speranza di poterle affrontare e superare insieme che ci ha fatto nascere come gruppo. Siamo i 77 e la Cina! E siamo di più!

Come potrete apprezzare in questi giorni, ci mancano molte cose, ma abbiamo sentimenti in abbondanza: sentimenti di amicizia, solidarietà e fratellanza. E abbiamo una volontà più che sufficiente per farvi sentire come in famiglia. Siete tutti a casa vostra!

Potete anche essere certi che faremo del nostro meglio affinché le nostre deliberazioni portino a risultati tangibili, nel clima di solidarietà e cooperazione che rende ancora possibile la missione collettiva.

Il Gruppo dei 77 e la Cina hanno l’immensa responsabilità di rappresentare gli interessi della maggioranza delle nazioni del mondo sulla scena internazionale. Per ragioni storiche e di identità, abbiamo mantenuto il nome originale, ma siamo più, molto più di 77 Paesi. Oggi siamo 134, pari a più di due terzi degli Stati membri delle Nazioni Unite (ONU), dove vive l’80% della popolazione mondiale.

L’incontro a livello di vertice ci offre l’opportunità di deliberare collettivamente e al più alto livello politico per unire i nostri sforzi per difendere gli interessi di queste maggioranze. Ci aiuta a conciliare le posizioni di fronte alle attuali sfide allo sviluppo e al benessere dei nostri popoli. Ma solleva anche degli interrogativi.

Dopo quasi 60 anni di battaglie diplomatiche, nel difficile e a tutt’oggi fallimentare tentativo di trasformare le ingiuste e anacronistiche regole che governano le relazioni economiche internazionali, vale la pena ricordare gli appelli dei nostri leader storici a democratizzare l’Organizzazione delle Nazioni Unite; gli avvertimenti di Fidel Castro che “Domani sarà troppo tardi…”, e una frase indimenticabile del Comandante Hugo Chávez, quando disse che noi presidenti passiamo da un vertice all’altro e i popoli da un abisso all’altro.

Il leader bolivariano ha auspicato incontri veramente utili, da cui possano emergere benefici concreti per i popoli in attesa di soluzioni, sull’orlo dell’abisso in cui siamo stati precipitati dall’egoismo di chi da secoli taglia la torta e ci lascia gli avanzi.

Questo Vertice si svolge in un momento in cui l’umanità ha raggiunto un potenziale scientifico-tecnico inimmaginabile fino a un paio di decenni fa, con una straordinaria capacità di generare ricchezza e benessere che, in condizioni di maggiore uguaglianza, equità e giustizia, potrebbe garantire standard di vita dignitosi, confortevoli e sostenibili a quasi tutti gli abitanti del pianeta.

Se coloriamo lo spazio occupato dai Paesi membri del Gruppo su una mappa del mondo, vedremo due forze che nessuno può vincere: siamo di più e siamo più diversi! Anche il Sud esiste, dicono i versi del poeta uruguaiano Mario Benedetti. Per tutto il tempo in cui il Nord ha accomodato il mondo ai suoi interessi a scapito degli altri, ora tocca al Sud cambiare le regole del gioco.

“È l’ora dei forni, in cui non si vede altro che luce”, come direbbe José Martí. Con la consapevolezza che noi – la stragrande maggioranza dei membri del Gruppo dei 77 – siamo le principali vittime dell’attuale crisi multidimensionale che colpisce il mondo, degli squilibri ciclici del commercio e della finanza internazionale, dello scambio abusivo ineguale, del divario scientifico, tecnologico e di conoscenza, degli effetti del cambiamento climatico e del pericolo di progressiva distruzione ed esaurimento delle risorse naturali da cui dipende la vita sul pianeta, chiediamo l’attesa democratizzazione del sistema di relazioni internazionali.

Sono i popoli del Sud del mondo a soffrire di più per la povertà, la fame, la miseria, la morte per malattie curabili, l’analfabetismo, gli spostamenti umani e altre conseguenze del sottosviluppo. Molte delle nostre nazioni sono definite povere, mentre in realtà dovrebbero essere considerate nazioni impoverite. Dobbiamo invertire questa condizione in cui secoli di dipendenza coloniale e neocoloniale ci hanno fatto sprofondare, perché non è giusto e perché il Sud non deve più sopportare il peso morto di tutte le disgrazie.

Coloro che hanno costruito città sfolgoranti con le risorse, il sudore e il sangue delle nazioni del Sud stanno già soffrendo, e soffriranno ancora di più in futuro, le conseguenze degli squilibri economici e sociali che il saccheggio ha portato, perché stiamo viaggiando sulla stessa nave, anche se alcuni sono passeggeri VIP e altri i suoi servi.

L’unico modo valido perché questa nave-mondo non finisca come il Titanic è la cooperazione, la solidarietà, la filosofia africana dell’Ubuntu, che intende il progresso umano senza esclusioni, dove il dolore e la speranza di ciascuno sono il dolore e la speranza di tutti.

Eccellenze:

Abbiamo proposto come tema di questo Vertice il ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione, quali componenti essenziali del dibattito politico associato allo sviluppo.

Lo facciamo nella convinzione che saranno i risultati e i progressi in questo campo a dire, in ultima analisi, se e quando sarà possibile raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile relativi alla fine della povertà, all’azzeramento della fame nel mondo, alla salute e al benessere, all’istruzione di qualità, all’uguaglianza di genere, all’acqua pulita e alle strutture igienico-sanitarie, alla soluzione dei problemi dell’energia, dell’occupazione, della crescita economica, dell’industrializzazione e della giustizia sociale.

Sono assolutamente convinto che senza queste premesse non sarà possibile andare verso uno stile di vita sostenibile, in armonia con le condizioni naturali che garantiscono la vita sul pianeta. Ed è ovvio che il processo di trasformazione verso questi obiettivi implica, in un modo o nell’altro, il ruolo della conoscenza come generatore di scienza, tecnologia e innovazione.

Le barriere internazionali che hanno ostacolato l’accesso dei Paesi in via di sviluppo alla conoscenza e il loro utilizzo di fattori così cruciali per il progresso economico e sociale devono ora essere abbattute.

Mi riferisco a barriere intimamente associate a un ordine economico internazionale ingiusto e insostenibile, che perpetua condizioni di privilegio per i Paesi sviluppati e relega la maggioranza dell’umanità in condizioni di sottosviluppo.

Senza affrontare questi problemi, lo sviluppo sostenibile a cui tutti abbiamo diritto non potrà essere raggiunto in alcun modo, indipendentemente dal numero di obiettivi fissati. Né sarà possibile ridurre l’immenso divario che separa le condizioni di vita privilegiate di un piccolo segmento della popolazione del pianeta, o il sottosviluppo che si sta approfondendo tra la grande maggioranza. Né possiamo essere sicuri di raggiungere un mondo di pace, in cui spariranno guerre e conflitti armati di ogni tipo.

La scienza, la tecnologia e l’innovazione svolgono un ruolo trascendentale nel promuovere la produttività, l’efficienza, la creazione di valore aggiunto, l’umanizzazione delle condizioni di lavoro, la promozione del benessere e la garanzia dello sviluppo umano.

Questa è la più grande rivoluzione scientifica e tecnica che l’umanità abbia mai conosciuto. La scienza ha cambiato il corso della vita. Gli esseri umani sono stati in grado di conoscere lo spazio esterno e di ideare macchine sofisticate che automatizzano anche i processi più elementari legati alla loro esistenza.

Internet ha cancellato i confini spaziali e temporali. Lo sviluppo tecnologico ha permesso di collegare il mondo e di eliminare migliaia di chilometri di distanza alla velocità di un clic. Ha moltiplicato le capacità di insegnamento e di apprendimento, ha accelerato i processi di ricerca e ha dotato l’umanità di capacità insospettate di migliorare le proprie condizioni di vita. Ma queste possibilità non sono disponibili per tutti.

A questo proposito, l’ONUDO ha evidenziato che la creazione e la diffusione di tecnologie avanzate di produzione digitale (PDA) è ancora concentrata a livello globale, con uno sviluppo molto debole nella maggior parte delle economie del Sud. Solo dieci economie – leader nelle tecnologie PDA – sono responsabili del 90% di tutti i brevetti a livello mondiale e del 70% di tutte le esportazioni direttamente collegate[1].

Lungi dal diventare strumenti per colmare il divario di sviluppo e contribuire a superare le ingiustizie che minacciano il destino stesso dell’umanità, tendono a diventare armi per approfondire tale divario, piegare la volontà di molti governi e proteggere il sistema di sfruttamento e saccheggio che per diversi secoli ha alimentato la ricchezza delle ex potenze coloniali e relegato le nostre nazioni a un ruolo subordinato.

Questo spiega perché, nel mezzo del più colossale sviluppo scientifico e tecnico di tutti i tempi, il mondo è tornato indietro di tre decenni in termini di riduzione della povertà estrema e ha registrato livelli di carestia che non si vedevano dal 2005.

Spiega che nel Sud del mondo più di 84 milioni di bambini rimangono fuori dalla scuola e più di 600 milioni di persone sono prive di elettricità; che solo il 36% della popolazione utilizza Internet nei Paesi in via di sviluppo meno sviluppati e senza sbocco sul mare, rispetto al 92% con accesso nei Paesi sviluppati.

Si consideri che il costo medio di uno smartphone è pari ad appena il 2% del reddito mensile pro capite in Nord America, mentre questa cifra sale al 53% in Asia meridionale e al 39% nell’Africa subsahariana. Non si può parlare seriamente di progresso tecnologico o di accesso equo alle comunicazioni di fronte a queste realtà[2].

La transizione energetica avviene anche in condizioni di profonda disuguaglianza, che tende a perpetuarsi. La sproporzione nel consumo di energia tra i Paesi sviluppati – 167,9 gigajoule per persona all’anno – e i Paesi in via di sviluppo – 56,2 gigajoule per persona all’anno – è una conseguenza del divario economico e sociale esistente ed è anche la ragione per cui questo divario continuerà a crescere. Il consumo di elettricità pro capite nei Paesi OCSE è 2,38 volte superiore alla media mondiale e 16 volte superiore a quello dell’Africa subsahariana[3].

Una parte consistente delle malattie più diffuse nei Paesi in via di sviluppo sono quelle prevenibili e/o curabili. L’Organizzazione mondiale della sanità[4] ha dichiarato nel suo Rapporto sulla salute mondiale che, secondo le stime, ogni anno 8 milioni di persone muoiono prematuramente a causa di malattie e condizioni prevenibili. Questi decessi rappresentano circa un terzo di tutte le morti umane che avvengono ogni anno nel mondo.

Abbiamo il dovere di cercare di cambiare le regole del gioco e ci riusciremo solo se mobiliteremo un’azione comune.

Tutti, o quasi, cerchiamo di attrarre investimenti diretti esteri come componente necessaria del nostro sviluppo e della gestione delle nostre economie. A volte raggiungiamo l’obiettivo che questo sia accompagnato da un certo trasferimento di tecnologia. Ma sappiamo che il più delle volte non è accompagnato dal trasferimento di conoscenze e dall’assistenza allo sviluppo delle capacità. Questa assenza fa sì che i Paesi in via di sviluppo siano collocati in fondo alle catene globali del valore e che la loro ricerca in campo sanitario, alimentare, ambientale e in altri settori sia molto limitata o sistematicamente svalutata.

Questo fenomeno si accompagna alla fuga dei talenti o a quella che viene comunemente definita “fuga dei cervelli”: la pratica dei Paesi più sviluppati di beneficiare delle competenze e delle conoscenze dei professionisti che i Paesi in via di sviluppo formano faticosamente, spesso senza alcun sostegno da parte delle nazioni più ricche.

Si tratta di una fuga massiccia e di un contributo finanziario notevole dai Paesi in via di sviluppo a quelli ricchi, molto più grande, tra l’altro, dell’aiuto pubblico allo sviluppo, sulla base di un flusso migratorio devastante per i Paesi sottosviluppati.

Un’altra realtà è la tendenza a brevettare tutto. Si tratta di una pratica che accresce le casse delle grandi imprese transnazionali dei Paesi più potenti e rende più fragili le economie restanti. In questo modo, il dilagante processo di privatizzazione della conoscenza contribuisce ad aumentare il divario e limita l’accesso allo sviluppo.

Si fa pressione sui Paesi in via di sviluppo affinché introducano leggi per proteggere i diritti di proprietà intellettuale, e si dimentica volutamente che molti Paesi industrializzati si sono sviluppati proprio piratando prodotti e tecnologie al di fuori dei loro confini geografici, soprattutto in quelli che oggi sono Paesi in via di sviluppo.

Le domande di brevetto hanno continuato ad aumentare, anche nel bel mezzo della pandemia, nel 2020 dell’1,5% e sono salite alle stelle nel 2021, con una crescita del 3,6%. Le tecnologie legate alla salute hanno continuato a registrare la crescita più rapida tra tutti i settori. Nel 2021, le domande di registrazione di marchi hanno raggiunto i 3,4 milioni a livello globale, con un aumento del 5,5% rispetto al 2020. Tuttavia, la crescita non è stata uniforme per regione: L’Asia ha ricevuto due terzi, il 67,6%, di tutte le domande depositate, grazie soprattutto alla crescita della Cina; il Nord America il 18,5%. Mentre l’Europa con il 10,5%, l’Africa con lo 0,6%, l’America Latina e i Caraibi con l’1,6% e l’Oceania con lo 0,6% hanno rappresentato le quote più basse delle domande totali[5].

Il divario di genere nell’innovazione persiste. Nel periodo 2014-2018, la forza lavoro della ricerca è cresciuta tre volte più velocemente (13,7%) rispetto alla crescita della popolazione globale (4,6%)[6]. Tuttavia, solo un terzo dei ricercatori sono donne. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale, gli uomini rappresentano ancora la grande maggioranza delle persone associate alle invenzioni brevettate in tutto il mondo. Solo il 17% delle persone designate come inventori nelle domande di brevetto internazionale erano donne nel 2021[7].

La privatizzazione della conoscenza pone dei limiti alla circolazione e alla ricombinazione del sapere. Limita il progresso e le soluzioni scientifiche ai problemi. Costituisce un ostacolo significativo allo sviluppo e al ruolo che la scienza, la tecnologia e l’innovazione dovrebbero svolgere in esso. Aggrava le condizioni socio-economiche dei Paesi in via di sviluppo.

Basti pensare che, nel bel mezzo della più grande pandemia che l’umanità abbia mai conosciuto, solo dieci produttori rappresentavano il 70% della produzione di vaccini contro il COVID-19.[8] La pandemia ha illustrato in modo eclatante il costo dell’esclusione scientifica e digitale, mietendo vittime e ampliando il divario tra Nord e Sud.

Di conseguenza, i Paesi in via di sviluppo avevano solo 24 dosi di vaccino ogni 100 persone, mentre i Paesi più ricchi avevano quasi 150 dosi ogni 100 persone.[9] Di fronte all’invito a moltiplicare la solidarietà e a mettere da parte i disaccordi, il mondo ha finito per essere assurdamente più egoista.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha formulato la nota sindrome del 90/10, secondo la quale il 90% delle risorse per la ricerca sanitaria sono destinate alle malattie che causano il 10% della mortalità e della morbilità, mentre quelle che causano il 90% della mortalità e della morbilità hanno solo il 10% delle risorse[10].

All’indomani della pandemia, i nostri Paesi hanno dovuto affrontare circostanze estremamente complesse, che stanno ancora lottando per superare.

Rivolgendosi ai mercati finanziari, i Paesi del Sud hanno dovuto affrontare tassi di interesse fino a otto volte superiori a quelli dei Paesi sviluppati[11]. Circa un quinto delle economie in via di sviluppo ha liquidato più del 15% delle proprie riserve valutarie internazionali per attenuare la pressione sulle valute nazionali[12].

Nel 2022, 25 Paesi in via di sviluppo hanno dovuto destinare più di un quinto del loro reddito totale al servizio del debito pubblico estero,[13] il che equivale a una nuova forma di sfruttamento.

La spesa globale per la ricerca e lo sviluppo tra il 2014 e il 2018 è aumentata del 19,2%, superando il tasso di crescita economica globale del 14,6%. Tuttavia, rimane altamente concentrata, con un contributo del 93% da parte dei Paesi del G20[14].

Le risorse necessarie per una soluzione fondamentale a questi problemi esistono. Solo nel 2022, la spesa militare globale ha raggiunto la cifra record di 2,24 trilioni di dollari, ovvero trilioni di dollari[15]. Quanto si potrebbe fare con queste risorse a vantaggio del Sud del mondo?

Per raggiungere una partecipazione universale e inclusiva all’economia digitale sarà necessario investire almeno 428 miliardi di dollari nei nostri Paesi entro il 2030[16], una richiesta che può essere soddisfatta con appena il 19% della spesa militare globale[17].

Tuttavia, il Sud sembra destinato a vivere delle briciole che il sistema attuale gli ha riservato. Il sostegno finanziario del Fondo Monetario Internazionale ai Paesi meno sviluppati e ad altri a basso reddito dal 2020 alla fine di novembre 2022[18] non supera l’equivalente di quanto la Coca-Cola ha speso solo per la pubblicità del marchio negli ultimi otto anni[19].

Nel frattempo, meno del 2% del già carente Aiuto pubblico allo sviluppo è stato destinato alla scienza, alla tecnologia e alle capacità di innovazione[20].

Secondo le stime, il 9% della spesa militare globale potrebbe finanziare l’adattamento al cambiamento climatico in dieci anni e il 7% sarebbe sufficiente a coprire il costo della vaccinazione universale contro la pandemia[21].

Un’architettura finanziaria internazionale che perpetua tali disparità e costringe il Sud del mondo a vincolare risorse finanziarie e a indebitarsi per proteggersi dall’instabilità che il sistema stesso genera, che allarga le tasche dei ricchi a spese delle riserve dell’80% più povero[22], è senza dubbio un’architettura ostile al progresso delle nostre nazioni. Deve essere demolita, se davvero aspiriamo a ritagliare lo sviluppo della grande massa di nazioni qui riunite.

Eccellenze:

Deve essere un compito prioritario demolire una volta per tutte i paradigmi di ricerca che si limitano agli ambienti e alle prospettive culturali del Nord e che privano la comunità scientifica internazionale di un notevole capitale intellettuale.

Questa tendenza pone una premessa alle nostre nazioni: l’urgenza di ripristinare la fiducia nell’elemento più dinamico delle nostre società: gli esseri umani e la loro attività creativa.

In questo sforzo, il rafforzamento delle capacità è fondamentale per realizzare la promessa della scienza, della tecnologia e dell’innovazione per lo sviluppo sostenibile.

Riconosciamo, a questo proposito, il merito dell’Iniziativa Globale per lo Sviluppo, lanciata dal Presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping. Si tratta di una proposta inclusiva, coerente con la necessità di un nuovo ordine internazionale giusto ed equo, che pone lo sviluppo basato sulla conoscenza al suo posto, al centro delle priorità del sistema internazionale.

Pur essendo un Paese in via di sviluppo, gravato da grandi difficoltà economiche, Cuba possiede capacità scientifiche che non vanno sottovalutate e che fanno parte dell’eredità del leader storico della Rivoluzione cubana, il Comandante in capo Fidel Castro Ruz, che, con una visione lungimirante, individuò in questo campo una fonte di potenziale sviluppo.

Abbiamo un sistema di gestione del governo basato sulla scienza e sull’innovazione, che è diventato un importante punto di forza per la conservazione della nostra sovranità, con la sua migliore espressione nella creazione di vaccini propri contro il COVID-19.

Tuttavia, per Cuba, collegare la conoscenza con la soluzione dei problemi di sviluppo è un compito gigantesco, perché questi sforzi devono avvenire nel bel mezzo di un blocco economico, commerciale e finanziario di ferro che comporta limitazioni significative delle risorse.

Per citare un solo esempio, per decisione politica del governo statunitense, molti siti web dedicati alla conoscenza e alla scienza sono specificamente bloccati ai ricercatori cubani.

Non è questa la sede per approfondire l’impatto del criminale blocco economico statunitense sulla nostra economia, sul nostro progresso tecnico-scientifico e sul nostro sviluppo, con un costo umanitario che sta diventando visibile. Ma devo identificarlo come un ostacolo fondamentale, nonostante il quale e sulla base di una ferrea volontà politica, Cuba è stata in grado di raggiungere risultati indiscutibili nella scienza e nell’innovazione.

Vi invito a discutere in questi giorni le sfide dello sviluppo delle nostre nazioni, le ingiustizie che ci tengono lontani dal progresso globale, ma anche il valore della nostra unità e del nostro ricco patrimonio di conoscenze.

Orientiamo le nostre riflessioni alla ricerca di consenso, strategie, tattiche e forme di coordinamento. Portiamo sul tavolo il nostro patrimonio di conoscenze, rafforziamo le sinergie. Mostriamo il valore e la competenza del Sud di fronte a chi cerca di presentarci come una massa amorfa in cerca di carità o assistenza.

Ricordiamo che molte delle nazioni uniche rappresentate dal Gruppo dei 77 e dalla Cina hanno scritto pagine impressionanti di creatività ed eroismo nella storia dell’umanità prima che la colonizzazione e il saccheggio impoverissero i destini di una parte di esse.

Recuperiamo lo spirito combattivo, le conoscenze tradizionali, il pensiero creativo e la saggezza collettiva. Lottiamo per il nostro diritto allo sviluppo, che è anche il diritto di esistere come specie.

Solo allora saremo in grado di competere nella rivoluzione scientifica e tecnica su un piano di parità. Solo allora saremo in grado di prendere il posto che ci spetta in un mondo in cui veniamo relegati allo status di docili fornitori di ricchezza per le minoranze. Compiamo insieme l’onorevole missione di completarlo, migliorarlo, renderlo più giusto e razionale, senza la minaccia permanente di scomparire dai nostri sogni.

Eccellenze:

23 anni fa, in occasione di un incontro come questo, il leader storico della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, affermava:

“Per il Gruppo dei 77 l’ora attuale non può essere quella della supplica ai Paesi sviluppati, né della sottomissione, del disfattismo o delle divisioni interne, ma del recupero del nostro spirito combattivo, dell’unità e della coesione intorno alle nostre richieste”.

“Cinquant’anni fa ci è stato promesso che un giorno non ci sarebbe stato un abisso tra i Paesi sviluppati e quelli sottosviluppati. Ci hanno promesso pane e giustizia, e oggi c’è sempre meno pane e sempre meno giustizia”.

La validità di queste parole potrebbe essere interpretata come una sconfitta di ciò che questo gruppo intendeva fare e che non è riuscito a risolvere. Chiedo che vengano prese come una conferma della lunga strada che abbiamo percorso insieme e di tutti i diritti che abbiamo per chiedere i cambiamenti che sono ancora in sospeso.

In omaggio a coloro che hanno creduto e fondato, in nome dei popoli che rappresentiamo, facciamo rispettare le loro voci e le loro richieste!

¡Somos más! ¡Y Venceremos!


[1] ONUDI (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale) (2019). Rapporto sullo sviluppo industriale 2020. L’industrializzazione nell’era digitale. Sintesi. Vienna, UNIDO ID/449. https://www.unido.org/sites/default/files/files/2019-11/UNIDO_IDR2020-Spanish_overview_0.pdf.

[2] Guterres, A. (2023). Prefazione. Our Common Agenda Policy Brief 5: A Global Digital Compact – An Open, Free and Secure Digital Future for All People, maggio, https://www.un.org/sites/un2.un.org/files/our-common-agenda-policy-brief-gobal-digi-compact-es.

[3] (Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) (IEA Statistics © OCDE/AIE, jea.org/stats/index.asp); Energy Statistics and Balances for Non-OCDE Countries; Energy Statistics for OCDE Countries; and Energy Balances for OCDE Countries. https://datos.bancomundial.org/indicator/EG.USE.ELEC.KH.PC.

[4] Organizzazione Mondiale della Sanità (2004): 10/90 Rapporto sulla ricerca sanitaria 2003-2004 2004. 282 pagine. ISBN 2-940286-16-7.

[5] WIPO (2022). World Intellectual Property Indicators 2022, Ginevra, Svizzera, ISBN: 978-92-805-3463-4 (online), ISSN: 2709-5207 (online). https://www.wipo.int/edocs/pubdocs/en/wipo-pub-941-2022-en-world-intellectual-property-indicators-2022.pdf.

[6] UNESCO (2021). La corsa contro il tempo per uno sviluppo più intelligente, 11 giugno, https://www.unesco.org/reports/science/2021/es.

[7] Per maggiori dettagli si veda: https://amiif.org/mujeres-y-propiedad-intelectual-aceleracion-de-la-innovacion-y-la-creatividad/ (accesso 3 luglio 2023).

[8] Dati ricavati dal sito ufficiale delle Nazioni Unite, https://news.un.org/es/story/2022/11/1516737.

[9] Dati estratti dal rapporto “Financing for Sustainable Development 2022: Closing the financing gap”, della Inter-Agency Task Force on Financing for Development.

[10] Luchetti, M. (2014). La salute globale e il divario 10/90. British Journal of Medical Practitioners, 7(4), 4.

[11] Dati tratti dalla prefazione del Segretario Generale delle Nazioni Unite al Rapporto sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2023.

[12] Rapporto sul finanziamento dello sviluppo sostenibile 2023, Nazioni Unite.

[13] Rapporto sul finanziamento dello sviluppo sostenibile 2023, Nazioni Unite.

[14] UNESCO (2021). The Race Against the Clock for Smarter Development, 11 giugno, https://www.unesco.org/reports/science/2021/es.

[15] Dati tratti dal rapporto Trends in World Military Expenditure 2022 del SIPRI.

[16] Rapporto sul finanziamento dello sviluppo sostenibile 2022, Nazioni Unite.

[17] Calcolato a partire dalla cifra della spesa militare nel 2022 e dalla stima degli investimenti necessari nell’economia digitale.

[18] Rapporto sul finanziamento dello sviluppo sostenibile, 2023, Nazioni Unite, 32,3 miliardi di dollari.

[19] Dati ottenuti dal sito web Statista sulla base delle informazioni pubblicate dalla società Coca Cola. https://es.statista.com/estadisticas/1292278/coca-cola-co-inversion-publicitaria/ (Tra il 2015 e il 2022, la spesa pubblicitaria della società è stata di 31,491 miliardi di dollari).

[20] Dati ricavati dal rapporto “Technology and Innovation 2023” dell’UNCTAD.

[21] OXFAM (2023): 2023 Shadow Report on Climate Finance DOI: 10.21201/2023.621500) www.oxfam.org.

[22] Si riferisce alla popolazione rappresentata dal Gruppo dei 77 e dalla Cina.

Fonte: Presidencia y Gobierno de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Alina Lopez ha detto:

    Muy bueno el discurso de nuestro Presidente.