Dichiarazione finale del Vertice dell’Avana del G-77 e della Cina

Print Friendly, PDF & Email

L’importante ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione come pilastri dello sviluppo e il pieno accesso di tutti i Paesi del mondo ai loro benefici, così come il pieno rifiuto di leggi e regolamenti con impatto extraterritoriale e di tutte le altre forme di misure economiche coercitive, comprese le sanzioni unilaterali contro i Paesi in via di sviluppo e l’urgente necessità di eliminarle immediatamente, sono tra i punti essenziali della Dichiarazione del Vertice dei Capi di Stato e di Governo del G-77 e della Cina, appena concluso in questa capitale.

Segue il testo integrale del documento.

VERTICE DEI CAPI DI STATO E/O DI GOVERNO DEL G-77 E DELLA CINA SULLE “ATTUALI SFIDE DELLO SVILUPPO: IL RUOLO DELLA SCIENZA, DELLA TECNOLOGIA E DELL’INNOVAZIONE”.

L’Avana, Cuba

15-16 settembre 2023

DICHIARAZIONE DELL’AVANA SULLE “ATTUALI SFIDE DELLO SVILUPPO: RUOLO DELLA SCIENZA, DELLA TECNOLOGIA E DELL’INNOVAZIONE”.

Noi, Capi di Stato e di Governo dei Paesi membri del Gruppo dei 77 e della Cina, riuniti a L’Avana, Cuba, il 15 e 16 settembre 2023, in occasione del Vertice del Gruppo sulle attuali sfide dello sviluppo: ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione, convinti dell’imperativa necessità di agire insieme, riaffermiamo la nostra piena adesione allo spirito, ai principi e agli obiettivi del Gruppo dei 77 e della Cina.

Riaffermiamo inoltre l’impegno a rafforzare l’unità e la solidarietà del Gruppo per raggiungere i suoi obiettivi e rafforzare il suo ruolo nell’attuale contesto internazionale. Riaffermiamo il pieno rispetto degli scopi e dei principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.

Deploriamo profondamente la perdita di vite umane e materiali a seguito dei recenti fenomeni naturali che hanno colpito la Libia e il Marocco. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze ai rispettivi popoli e governi e alle famiglie e ai parenti delle vittime in entrambe le nazioni.
Notiamo con profonda preoccupazione che le principali sfide generate dall’attuale ingiusto ordine economico internazionale per i Paesi in via di sviluppo hanno raggiunto la loro espressione più acuta al momento a causa, tra l’altro, dei persistenti effetti negativi della pandemia COVID-19, nonostante la revoca dell’Emergenza Sanitaria Pubblica di Preoccupazione Internazionale (PHEIC) dell’OMS per la COVID-19; delle tensioni geopolitiche; delle misure coercitive unilaterali e delle attuali molteplici crisi, tra cui quella economica e finanziaria; della fragilità delle prospettive economiche globali; della crescente pressione sul cibo e sull’agricoltura e della crescente pressione sul cibo, sull’energia; lo spostamento di persone; la volatilità dei mercati; l’inflazione; l’aggiustamento monetario; il crescente onere del debito estero; l’aumento della povertà estrema; l’aumento delle disuguaglianze all’interno dei Paesi e tra i Paesi; e gli effetti negativi del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità, della desertificazione, delle tempeste di sabbia e di polvere e del degrado ambientale, nonché dei divari digitali, senza che finora sia stata definita una chiara tabella di marcia per affrontare queste sfide globali.

Esprimiamo inoltre la nostra profonda preoccupazione per le malattie, le morti e le continue perturbazioni e devastazioni socio-economiche causate dalla pandemia COVID-19, che ha ulteriormente esacerbato le forti disuguaglianze all’interno e tra i Paesi e le regioni, con un impatto sproporzionato sui Paesi in via di sviluppo. Questa situazione sottolinea l’urgenza di rafforzare la solidarietà globale e la cooperazione internazionale con i Paesi in via di sviluppo e di sostenerli per prevenire, prepararsi e rispondere alle pandemie e ad altre emergenze sanitarie, tenendo conto degli insegnamenti tratti dalla pandemia COVID-19.

Sottolineiamo l’urgente necessità di una riforma globale dell’architettura finanziaria internazionale e di un approccio più inclusivo e coordinato alla governance finanziaria globale, con una maggiore enfasi sulla cooperazione tra i Paesi, anche attraverso una maggiore rappresentanza dei Paesi in via di sviluppo negli organismi decisionali e politici globali, che contribuirà a rafforzare le capacità dei Paesi in via di sviluppo di accedere e sviluppare la scienza, la tecnologia e l’innovazione.

Ribadiamo la ferma convinzione che tutti gli Stati e le parti interessate debbano perseguire collettivamente lo sviluppo globale e la cooperazione “win-win” per lo sviluppo scientifico e tecnologico, sulla base di ampie consultazioni, contributi comuni e benefici condivisi, che possono portare enormi vantaggi a tutti i Paesi e a tutte le parti del mondo nella costruzione di una comunità di futuro condiviso per l’umanità.

Respingiamo l’imposizione di leggi e regolamenti con impatto extraterritoriale e tutte le altre forme di misure economiche coercitive, comprese le sanzioni unilaterali contro i Paesi in via di sviluppo, e ribadiamo l’urgente necessità di eliminarle immediatamente. Sottolineiamo che tali azioni non solo minano i principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale, ma costituiscono un serio ostacolo al progresso della scienza, della tecnologia e dell’innovazione e al pieno raggiungimento dello sviluppo economico e sociale, in particolare nei Paesi in via di sviluppo.

Inoltre, sottolineiamo che le misure coercitive unilaterali hanno un impatto negativo e devastante sul godimento dei diritti umani, compresi il diritto allo sviluppo e il diritto all’alimentazione. Tali misure ostacolano anche l’accesso dei Paesi colpiti all’assistenza sanitaria, agli aiuti e alle forniture umanitarie e ai beni di proprietà nazionale.

Rifiutiamo i monopoli tecnologici e altre pratiche sleali che ostacolano lo sviluppo tecnologico dei Paesi in via di sviluppo. Gli Stati che detengono il monopolio e la posizione dominante nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, compreso Internet, non dovrebbero utilizzare i progressi delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione come strumenti di contenimento e soppressione del legittimo sviluppo economico e tecnologico di altri Stati. Invitiamo la comunità internazionale a promuovere un ambiente aperto, equo, inclusivo e non discriminatorio per lo sviluppo scientifico e tecnologico.

Notiamo con preoccupazione che, a metà dell’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, il mondo, in particolare i Paesi in via di sviluppo, è ancora lontano dal raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Notiamo inoltre che la scienza, la tecnologia e l’innovazione sono state identificate come fattori di trasformazione per accelerare i progressi nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, e che il loro impiego strategico potrebbe affrontare e ridurre al minimo i divari tra gli Obiettivi e i traguardi, e riconosciamo che il trasferimento di tecnologia ai Paesi in via di sviluppo sarà fondamentale per scalare e accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030.

Sottolineiamo l’importante ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione come pilastri, fattori abilitanti e catalizzatori per sostenere una crescita sostenuta, inclusiva e sostenibile, accelerando la piena attuazione dell’Agenda 2030 e dell’Agenda d’azione di Addis Abeba e, in questo contesto, riaffermano la necessità che il processo decisionale politico a tutti i livelli crei un ambiente internazionale favorevole allo sviluppo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione e tenga conto, in primo luogo, delle conoscenze scientifiche e dell’innovazione disponibili, nonché dell’uso e della promozione delle conoscenze e delle capacità tradizionali, locali, afrodiscendenti e indigene.

Riaffermiamo l’Agenda di Tunisi del 2005 per la Società dell’Informazione, che ha riconosciuto le particolari e specifiche esigenze di finanziamento dei Paesi in via di sviluppo, e promuoviamo uno stretto allineamento tra il processo del Vertice Mondiale sulla Società dell’Informazione e l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, sottolineare i contributi trasversali delle TIC agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, in particolare l’eliminazione della povertà in tutte le sue forme e dimensioni, e notare che l’accesso alle TIC è diventato anche un indicatore di sviluppo e un’aspirazione in sé.

Chiediamo inoltre uno stretto allineamento tra il processo del Vertice mondiale sulla società dell’informazione e l’Agenda d’azione di Addis Abeba e gli altri risultati dei processi intergovernativi pertinenti, tra cui il Patto digitale globale e il Vertice del futuro. Concordiamo di lavorare per una posizione forte e concertata del G-77 e della Cina per garantire che il processo WSIS+20, il Patto Digitale Globale e il Vertice del Futuro contribuiscano, tra l’altro, al raggiungimento dello sviluppo sostenibile e a colmare il divario digitale tra paesi sviluppati e in via di sviluppo.

Ribadiamo che l’Agenda di Tunisi e la Dichiarazione di principi e il Piano d’azione di Ginevra definiranno i principi guida della cooperazione digitale.

Riconosciamo l’opportunità offerta dalla scienza, dalla tecnologia e dall’innovazione per il pieno godimento di tutti i diritti umani da parte di tutti, compreso il diritto allo sviluppo.

Chiediamo di promuovere l’inclusione digitale, nonché di raggiungere la parità di genere e l’empowerment di tutte le donne e le ragazze, e di rafforzare il loro accesso e la loro partecipazione piena, paritaria e significativa in questi settori, compresa la partecipazione delle donne ai processi scientifici e tecnologici, come modo per eliminare il divario digitale di genere, affrontare i rischi e le sfide derivanti dall’uso delle tecnologie e garantire che i loro benefici siano disponibili per tutti, comprese le donne e le ragazze.

Concordiamo sulla necessità di investire maggiormente in scienza, tecnologia e innovazione e di avviare iniziative a tutti i livelli per lo sviluppo delle risorse umane in questi settori. Sottolineiamo l’importanza di formulare strategie volte a combattere la fuga di cervelli di risorse umane qualificate formate nei Paesi del Sud. Concordiamo di continuare a promuovere l’interesse dei giovani per gli studi scientifici, anche nel campo dell’istruzione.

Riaffermiamo il nostro impegno per una collaborazione scientifica aperta ed equa e riconosciamo l’importante contributo della scienza aperta allo sviluppo di soluzioni per affrontare le sfide globali. A questo proposito, incoraggiamo le iniziative volte a promuovere l’incorporazione delle prove scientifiche nei processi decisionali.

Riconosciamo l’importante contributo che la conoscenza prodotta dalle attività di ricerca e innovazione può dare alla progettazione di politiche pubbliche migliori, nonché la necessità di rafforzare la collaborazione e gli scambi tra i responsabili politici e le comunità scientifiche e tecnologiche a tal fine.

Incoraggiamo la promozione di una governance basata sulla scienza e sull’innovazione sia a livello nazionale che locale, nonché l’inclusione di questa prospettiva nelle strategie di sviluppo nazionali come elementi integrali e trasversali. Chiediamo inoltre il rafforzamento degli ecosistemi della scienza e dell’innovazione che collegano i governi nazionali e locali, i settori pubblico e privato, le università, i centri di ricerca e la società civile, tenendo conto della legislazione e dei contesti nazionali.

Esprimiamo la nostra disponibilità a sostenere l’espansione dei modelli di scienza aperta a tutti i livelli, al fine di garantire l’accesso dei cittadini ai risultati della ricerca e alle informazioni scientifiche, in modo che la scienza e la conoscenza siano accessibili a tutte le persone.

Sosteniamo lo sviluppo e l’uso della scienza, della tecnologia e dell’innovazione in modo etico e responsabile, nonché il rafforzamento e l’espansione delle infrastrutture di ricerca e sviluppo.

Riconosciamo che i diritti di proprietà intellettuale dovrebbero contribuire a promuovere l’innovazione tecnologica, in modo da favorire il benessere sociale ed economico, tenendo conto delle leggi nazionali e chiediamo l’applicazione, ove opportuno, delle flessibilità previste dagli obblighi legali internazionali in materia di diritti di proprietà intellettuale.

Riconosciamo il contributo della scienza allo sviluppo di tecnologie e soluzioni innovative per passare a modelli di produzione e consumo più sostenibili. In questo contesto, chiediamo che ai Paesi in via di sviluppo vengano forniti i mezzi di attuazione necessari per rafforzare le loro capacità scientifiche e tecnologiche. Rileviamo inoltre la necessità di aumentare la consapevolezza dello sviluppo sostenibile e dei mezzi di sussistenza sostenibili, in conformità con gli impegni contenuti nell’Agenda 2030. A questo proposito, ci impegniamo a continuare a promuovere stretti legami e partenariati tra i responsabili politici, il mondo accademico, i centri di ricerca e il settore privato, come appropriato.

Riconosciamo inoltre il contributo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione allo sviluppo industriale nei Paesi in via di sviluppo e come fonte chiave di crescita economica, diversificazione economica e aggiunta di valore.

Chiediamo la promozione di nuove ricerche, lo sviluppo e il trasferimento delle tecnologie necessarie e l’accesso alle tecnologie esistenti nei settori dell’alimentazione e della nutrizione, della salute, dell’acqua e dei servizi igienici e dell’energia, al fine di contribuire all’eliminazione della povertà in tutte le sue forme e dimensioni e al raggiungimento di una crescita economica sostenuta, inclusiva ed equa, del benessere umano e dello sviluppo sostenibile.

Rileviamo il ruolo centrale dei governi, con il contributo attivo delle parti interessate del settore privato, della società civile, del mondo accademico e degli istituti di ricerca, nella creazione e nel sostegno di un ambiente favorevole a tutti i livelli, compresi i quadri politici e di governance, in conformità con le priorità nazionali, per promuovere la scienza, l’innovazione, l’imprenditorialità e la diffusione delle conoscenze e delle tecnologie, in particolare alle micro, piccole e medie imprese, nonché la diversificazione industriale e l’aggiunta di valore ai prodotti di base.

Sottolineiamo l’importanza della ricerca e dello sviluppo e del trasferimento tecnologico nel settore della salute umana, tenendo conto dell’aumento delle malattie trasmissibili e non trasmissibili emergenti e riemergenti, compresi i loro fattori di rischio.

Invitiamo la comunità internazionale e gli organi competenti del sistema delle Nazioni Unite a intraprendere azioni urgenti per promuovere un accesso senza ostacoli, tempestivo ed equo da parte dei Paesi in via di sviluppo alle misure, ai prodotti e alle tecnologie sanitarie necessarie per affrontare le risposte attuali e future di preparazione e prevenzione delle pandemie. Ciò include il finanziamento, il rafforzamento dei sistemi sanitari, lo sviluppo delle capacità, la garanzia della sostenibilità delle catene di approvvigionamento, il trasferimento di tecnologia e know-how per la produzione locale e regionale di contromisure mediche, compresi farmaci, vaccini, terapie, diagnostici, tecnologie sanitarie e altri prodotti sanitari nei Paesi in via di sviluppo.

Riconosciamo il ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione nell’identificare e affrontare le sfide poste dai cambiamenti climatici, i cui effetti hanno un impatto sproporzionato sui Paesi in via di sviluppo. Riconosciamo che tutte le barriere tecnologiche, comprese quelle identificate dall’IPCC, limitano l’adattamento ai cambiamenti climatici e l’attuazione dei Contributi Nazionali Determinati (NDC) dei Paesi in via di sviluppo.

A questo proposito, ribadiamo la necessità di una risposta efficace all’urgente minaccia dei cambiamenti climatici, in particolare attraverso il potenziamento dei finanziamenti, il trasferimento di tecnologie e lo sviluppo di capacità in base alle esigenze e alle priorità dei Paesi in via di sviluppo, in conformità con i principi e gli obiettivi della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) e del suo Accordo di Parigi, tra cui l’equità e le responsabilità comuni ma differenziate e le rispettive capacità, nonché sulla base della migliore scienza disponibile.

Riconosciamo che le tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono un catalizzatore e un fattore chiave per lo sviluppo sostenibile. Riaffermiamo la visione di costruire una società dell’informazione inclusiva, incentrata sulle persone e orientata allo sviluppo. Invitiamo la comunità internazionale e gli organi competenti del sistema delle Nazioni Unite a intraprendere azioni urgenti per ridurre i divari digitali e le disuguaglianze nella generazione di dati, nelle infrastrutture e nell’accessibilità all’interno e tra i Paesi e le regioni, nonché tra i Paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo, con particolare attenzione ai più poveri e vulnerabili.

Chiediamo la creazione delle condizioni necessarie per fornire ai Paesi in via di sviluppo una connettività economica e affidabile, tra l’altro, per promuovere l’accesso e l’inclusione digitale, anche per le persone nelle comunità remote e rurali, nonché per garantire uno sviluppo, un accesso e un utilizzo etico, affidabile e più equo dell’intelligenza artificiale.

Notiamo con profonda preoccupazione le disparità esistenti tra Paesi sviluppati e Paesi in via di sviluppo in termini di condizioni, possibilità e capacità di produrre nuove conoscenze scientifiche e tecnologiche. Invitiamo la comunità internazionale, il Sistema delle Nazioni Unite e le Istituzioni Finanziarie Internazionali a sostenere gli sforzi dei Paesi del Sud per sviluppare e rafforzare i loro sistemi nazionali di scienza, tecnologia e innovazione.

Esortiamo i Paesi sviluppati a mobilitare con urgenza i mezzi di attuazione, come il trasferimento di tecnologia, l’assistenza tecnica, il rafforzamento delle capacità e il finanziamento, attraverso risorse nuove, aggiuntive e prevedibili in relazione alle esigenze dei Paesi in via di sviluppo in questo settore, in conformità con le loro esigenze, politiche e priorità nazionali.

Riconosciamo che non dovrebbero essere imposte restrizioni all’accesso dei Paesi in via di sviluppo ai materiali, alle attrezzature e alle tecnologie TIC al fine di mantenere uno sviluppo sostenibile.

Riconosciamo inoltre l’importanza di assistere i Paesi in via di sviluppo nell’affrontare le sfide e le opportunità legate all’uso di Internet e del commercio elettronico per sviluppare, tra l’altro, le loro capacità commerciali internazionali.

Sosteniamo la promozione e l’attuazione di politiche di innovazione specifiche e mirate, volte a favorire una crescita economica sostenibile e la creazione di nuove opportunità di lavoro per le generazioni attuali e future.

Ribadiamo il ruolo cruciale dell’aiuto pubblico allo sviluppo nel sostenere le esigenze di sviluppo dei Paesi del Sud e sottolineiamo l’urgente necessità che i Paesi sviluppati rispettino il loro storico impegno in tal senso.

Abbiamo sottolineato l’importanza di rafforzare la cooperazione Nord-Sud, compresa l’attuazione degli impegni di aiuto pubblico allo sviluppo per sostenere le esigenze di sviluppo dei Paesi del Sud.

Allo stesso tempo, abbiamo concordato di continuare a lavorare sullo sviluppo della scienza e della tecnologia nei Paesi in via di sviluppo rafforzando la cooperazione Sud-Sud, necessaria per massimizzare il nostro potenziale e integrare le nostre risorse e competenze, fornendo al contempo modi praticabili per affrontare le sfide comuni dei Paesi in via di sviluppo e, tra l’altro, per accelerare i progressi verso il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Incoraggiamo le discussioni sulle possibilità di istituire nuove piattaforme per la cooperazione e gli scambi Sud-Sud nel campo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione.

Incoraggiamo inoltre la promozione di progetti e programmi di cooperazione triangolare volti a migliorare l’accesso dei Paesi in via di sviluppo a maggiori e migliori risorse per l’attuazione di iniziative tecniche e scientifiche.

Riconosciamo che la cooperazione triangolare mira a facilitare, sostenere e potenziare le iniziative Sud-Sud, fornendo, tra l’altro, finanziamenti, sviluppo di capacità, trasferimento di tecnologia e altre forme di sostegno, su richiesta dei Paesi in via di sviluppo, in linea con i principi della cooperazione Sud-Sud, e che dovrebbe essere guidata dai Paesi del Sud.

Riconosciamo che dovrebbe essere preso in considerazione un quadro tecnologico internazionale, compreso il Digital Global Compact, in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, che fornisca ai paesi in via di sviluppo un accesso preferenziale alle tecnologie avanzate pertinenti, sviluppando le loro capacità produttive, ponendo fine alle restrizioni discriminatorie e concentrandosi sulla ricerca globale e sviluppo sui progressi scientifici rilevanti per gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Riconosciamo il ruolo dei partenariati multilaterali nel promuovere investimenti strategici a lungo termine a sostegno dello sviluppo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione nei paesi in via di sviluppo, anche attraverso finanziamenti innovativi.

Ratifichiamo la nostra decisione di riprendere i lavori del Consorzio Scienza, Tecnologia e Innovazione per il Sud (COSTIS), e invitiamo i membri del Gruppo a valutare ed elaborare strategie per garantirne l’efficace funzionamento.

Concordiamo che i nostri Ministri e le Alte Autorità della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione si incontrino periodicamente, secondo i casi, per fare il punto sul ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione nelle agende di sviluppo approvate dalle Nazioni Unite e per rafforzare la cooperazione Sud-Sud in questi sfere.

Esortiamo le commissioni, le agenzie, i fondi e i programmi regionali delle Nazioni Unite, in particolare l’UNDP, l’UNESCO, l’UNCTAD, l’UNIDO, l’ITU e l’Ufficio delle Nazioni Unite per la cooperazione Sud-Sud, nell’ambito dei rispettivi mandati, a compiere ulteriori sforzi per sostenere paesi in via di sviluppo nel rafforzamento dei quadri istituzionali e delle politiche pubbliche legate alla scienza, alla tecnologia e all’innovazione.

Siamo d’accordo nel chiedere al Presidente dell’Assemblea Generale di convocare, nel contesto dell’ottantesima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, una riunione di alto livello su scienza, tecnologia e innovazione per lo sviluppo, concentrandosi in particolare sulle misure che dovrebbero essere adottate per soddisfare le esigenze dei paesi in via di sviluppo in questi settori.

Riaffermiamo il nostro impegno ad attuare le misure concrete contenute in questa Dichiarazione a livello nazionale e internazionale. Abbiamo deciso di dichiarare il 16 settembre Giornata della scienza, della tecnologia e dell’innovazione nel Sud.

Esprimiamo la nostra gratitudine al Governo della Repubblica di Cuba, Presidente del Gruppo dei 77, e alla Cina, per l’organizzazione e lo sviluppo di questo Vertice.

Confidiamo che questo incontro darà il tono alle nostre azioni in questi tempi di enormi sfide e ci consentirà di andare avanti verso la realizzazione delle nostre legittime aspirazioni di sviluppo.

Cuba, Vertice del Gruppo dei 77 (G77) e Cina

https://youtu.be/aJjU7J6vdAY

https://youtu.be/A-kt2IxnSKc

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marco ha detto:

    Nella speranza che grazie a questo vértice si proceda nella direzione di destabilizzare la dittatura económica ideologica mondiale sostenuta è promossa attivamente dagli USA auspichiamo il miglior successo di questo vertice è di tutti coloro coloro che lo sostengono. Con i migliori auguri e la speranza che Cuba ne tragga vantaggio, i migliori auguri Rognoni Marco.