A 60 anni dalla prima iniziativa di riavvicinamento tra Stati Uniti e Cuba (I)

Print Friendly, PDF & Email

Dopo il fallimento dell’invasione statunitense di Playa Girón e la terribile esperienza della Crisi d’Ottobre del 1962, J.F. Kennedy, apparentemente convinto che non fosse saggio in quel momento cercare di cambiare il regime cubano con mezzi militari diretti, iniziò a valutare un ampio spettro di tattiche che avrebbero soddisfatto ugualmente gli interessi strategici statunitensi.

Tra le numerose opzioni discusse come possibili linee d’azione, il presidente statunitense accettò di esplorare, con cautela e discrezione, un possibile modus vivendi con l’isola, ma prima doveva sapere quali concessioni Cuba fosse disposta a fare se fosse stato possibile raggiungere un qualche tipo di accordo. Allo stesso tempo, la decisione dell’URSS di ritirare i missili senza consultare i cubani e il disappunto della leadership cubana per un simile atteggiamento sembravano indicare a Kennedy una frattura tra cubani e sovietici che valeva la pena sfruttare. Inoltre, un possibile accordo con Cuba era molto in sintonia con le intenzioni di Kennedy di costruire una struttura di pace con l’URSS in quel momento. Per quanto riguarda Kennedy”, scrive Schlesinger, “i suoi sentimenti subirono un cambiamento qualitativo dopo Cuba (la Crisi d’Ottobre del 1962); un mondo in cui le nazioni si minacciavano a vicenda con armi nucleari ora gli sembrava non solo un mondo irrazionale, ma intollerabile e impossibile. Così Cuba fece nascere la sensazione che questo mondo avesse un interesse comune nell’evitare la guerra nucleare, un interesse che era di gran lunga superiore a quegli interessi nazionali e ideologici che un tempo potevano sembrare cruciali”.

Nel suo famoso discorso all’American University del giugno 1963, Kennedy lanciò un forte appello per la pace nel mondo e riesaminò l’atteggiamento americano nei confronti dell’URSS.

Nessuna nazione nella storia”, disse, “ha sofferto più dell’Unione Sovietica nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Se la guerra mondiale si ripetesse, tutto ciò che entrambe le parti hanno costruito, tutto ciò per cui abbiamo combattuto, verrebbe distrutto nelle prime ventiquattro ore. Tuttavia, siamo intrappolati in un circolo pericoloso e vizioso, in cui il sospetto da una parte alimenta il sospetto dall’altra, e nuove armi danno origine a nuove armi per contrastarle.

(…)

Se non possiamo porre fine a tutte le nostre differenze, possiamo almeno contribuire a mantenere la diversità del mondo. Perché, alla fine, il legame fondamentale che ci unisce è che tutti abitiamo questo piccolo pianeta. Tutti respiriamo la stessa aria. Abbiamo tutti a cuore il futuro dei nostri figli. E siamo tutti mortali”.

Passi come la firma di un trattato per la messa al bando degli esperimenti nucleari con l’URSS, l’istituzione del cosiddetto “telefono rosso” per le comunicazioni dirette in caso di emergenza tra il Cremlino e la Casa Bianca e l’autorizzazione degli Stati Uniti a vendere all’Unione Sovietica le eccedenze di produzione di grano, contribuirono a stabilire un clima di allentamento delle tensioni tra le due grandi potenze avversarie nel corso del 1963. Naturalmente, tutto ciò ebbe un impatto sulla politica statunitense nei confronti di Cuba.

L’impegno di James Donovan

Le trattative per il ritorno negli Stati Uniti di 1.200 mercenari imprigionati a Cuba dopo l’invasione della Baia dei Porci avevano aperto il primo canale di comunicazione tra i due Paesi dopo la rottura delle relazioni. James Donovan, avvocato newyorkese incaricato di negoziare la liberazione dei prigionieri della Baia dei Porci come consulente legale del Comitato dei Parenti, fu il primo a comunicare la disponibilità di Fidel – con il quale si incontrò in diverse occasioni – a risolvere il conflitto bilaterale.

Il governo statunitense gestì la questione della Baia dei Porci con molta discrezione, evitando in ogni momento di dare l’impressione che stesse negoziando con il governo cubano. Tutto doveva sembrare un affare privato. Era la metà di giugno del 1962.

A metà giugno 1962, su richiesta del Procuratore generale Robert Kennedy, il Comitato dei parenti dei prigionieri chiese all’avvocato James Donovan di rappresentarli nelle trattative con il governo cubano per la loro liberazione attraverso il pagamento che i Tribunali rivoluzionari richiedevano per ciascuno di loro. Alla fine di agosto del 1962, Donovan si recò sull’isola ed ebbe il suo primo colloquio con il Comandante in Capo. I rapporti di Donovan con le autorità cubane proseguiranno fino al dicembre dello stesso anno, quando fu raggiunto l’accordo finale. Si sarebbero interrotti solo durante il periodo della crisi di ottobre.

Mentre si svolgevano i colloqui tra Donovan e Castro, la CIA preparò un piano per far sì che Donovan portasse al leader della Rivoluzione cubana un’attrezzatura subacquea preparata dall’agenzia per attentare alla vita del leader cubano. Il respiratore era stato contaminato con bacilli della tubercolosi e la tuta da sub era impregnata dei funghi che causano la “maduramosi” (maduramicosi), una malattia che inizia attaccando le estremità inferiori, emergendo come gonfiori e fistole, e penetrando – fino a distruggerli – nei muscoli, nei tendini e nelle ossa. Poiché Donovan, di sua iniziativa, aveva già regalato a Fidel uno scafandro, il piano fu abbandonato. Il piano fu abbandonato.

Donovan continuò a incontrare Fidel nel 1963, ma in questo caso per organizzare il rilascio di diversi cittadini statunitensi imprigionati sull’isola. L’avvocato newyorkese riferì a Washington il desiderio di Fidel e di alcuni dei suoi più stretti consiglieri di migliorare le relazioni con gli Stati Uniti.

Kennedy reagì con interesse a tutte le notizie sui colloqui Donovan-Fidel. Infatti, nel marzo 1963, quando uno dei suoi assistenti propose di trasmettere a Fidel, tramite Donavan, il messaggio che solo due cose non erano negoziabili: i legami di Cuba con il blocco sino-sovietico e la sua ingerenza nell’emisfero, il Presidente degli Stati Uniti indicò sorprendentemente che non era d’accordo a rendere questa richiesta di “(…) la rottura dei legami sino-sovietici” un punto non negoziabile. “Non vogliamo venire da Castro con una condizione che ovviamente non può soddisfare. Dobbiamo iniziare a pensare in modo più flessibile”, disse Kennedy. Donovan si recò a Cuba tra un viaggio e l’altro.

Donovan si recò a Cuba tra il 5 e l’8 aprile per continuare i negoziati con le autorità cubane, che portarono al rilascio degli agenti americani. In un memorandum inviato a Kennedy su questi colloqui, il direttore della CIA affermò che lo scopo principale di questi contatti – al di là del rilascio degli agenti americani – era politico e mirava a sondare la posizione delle autorità cubane sulle relazioni con gli Stati Uniti. McCone informò inoltre Kennedy che l’aiutante di Fidel Castro, René Vallejo, aveva detto a Donovan che il leader cubano “(…) sapeva che le relazioni con gli Stati Uniti erano necessarie e che voleva che si sviluppassero”. Il 10 aprile Kennedy parlò a Donovan del desiderio del governo cubano di sviluppare le relazioni con gli Stati Uniti.

Il 10 aprile Kennedy parlò privatamente con McCone del contenuto del suddetto memorandum. Il Presidente espresse grande interesse per le discussioni di Donovan con le autorità cubane e pose diverse domande “sul futuro di Castro a Cuba, con o senza la presenza sovietica”. McCone dichiarò che la questione “(…) era in esame e propose di inviare Donovan a Cuba il 22 aprile per assicurare il rilascio dei prigionieri e mantenere aperto il canale di comunicazione”.

Discussione sulle possibili linee d’azione in relazione a Cuba

L’11 aprile 1963, Gordon Chase, assistente di McGeorge Bundy, aveva sottolineato in un memorandum a Bundy che tutti erano preoccupati di risolvere il problema cubano, ma che fino a quel momento avevano cercato di risolverlo solo attraverso “azioni scorrette palesi e occulte di varia portata”, ignorando l’altra faccia della medaglia: “attirare dolcemente Castro verso di noi”. Chase espose a Bundy le sue considerazioni sul fatto che, se l'”approccio dolce a Cuba” avesse funzionato, i benefici per gli Stati Uniti sarebbero stati sostanziali.

A breve termine”, sosteneva Chase, “potremmo probabilmente neutralizzare almeno due delle nostre principali preoccupazioni riguardo a Castro: la reintroduzione di missili offensivi e la sovversione cubana. A lungo termine, potremmo lavorare alla rimozione di Castro a nostro piacimento e da una posizione di vantaggio”. Inoltre, Chase disse a Bundy che sarebbe stato in grado di neutralizzare la sovversione cubana.

Allo stesso modo, Chase disse a Bundy che i due ostacoli a questa possibile svolta politica in relazione a Cuba – il rifiuto interno dell’opinione pubblica statunitense e la riluttanza di Fidel a farsi sedurre – erano difficili ma non impossibili da superare.

Così, già nell’aprile 1963, l’amministrazione Kennedy analizzava tutte le varianti che potevano risolvere il “problema cubano”, che divenne praticamente un’ossessione del presidente fino al fatidico 22 novembre 1963. Oltre alle proposte di spionaggio, guerra economica, sabotaggio occulto, pressione diplomatica e piani di emergenza militari, i documenti top secret del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti includevano la possibilità di “uno sviluppo graduale di una qualche forma di accordo con Castro”. In un memo su “Il problema cubano” del 21 aprile, McGeorge Bundy spiegava la logica di una tale iniziativa: “C’è sempre la possibilità che Castro o altri che attualmente occupano posizioni elevate nel regime vedano un qualche vantaggio in un graduale allontanamento dalla loro attuale dipendenza da Mosca. In termini strettamente economici, sia gli Stati Uniti che Cuba hanno molto da guadagnare dal ristabilire le relazioni. Un Castro “titoista” non è inconcepibile, e una rivoluzione diplomatica totale non sarebbe l’evento più straordinario del XX secolo”. Gli Stati Uniti e Cuba hanno molto da guadagnare dal ristabilire le relazioni.

Il 30 aprile 1963, in una riunione del Gruppo Permanente, si decise di “mantenere la linea di comunicazione con Castro che era stata aperta dal signor Donovan durante i negoziati sui prigionieri americani”[11] Ma in quel periodo si aprì un altro importante canale di comunicazione tra i due governi attraverso la giornalista Lisa Howard. [12] La bella giornalista era stata presentata a Fidel da Donovan in aprile, che aveva anche organizzato un’intervista con il leader cubano per la ABC. L’intervista, della durata di un’ora, sarebbe stata trasmessa negli Stati Uniti il 10 maggio 1963 e avrebbe generato titoli come: “Castro vuole parlare con Kennedy” e “Castro dà indicazioni di voler negoziare con Kennedy”.[13] Al suo ritorno negli Stati Uniti, Lisa Howard informò la CIA dell’interesse del leader rivoluzionario cubano a parlare con l’amministrazione Kennedy. Il vicedirettore dei piani della CIA Richard Helms preparò un promemoria con le informazioni raccolte dal colloquio per McCone, con copia al Procuratore Generale, all’Assistente Speciale del Presidente per gli Affari di Sicurezza Nazionale e ad altri alti membri dell’apparato di intelligence. Helms concluse le sue valutazioni come segue: “Lisa Howard vuole sicuramente impressionare il governo statunitense con due fatti: Castro è pronto a discutere il riavvicinamento e lei stessa è pronta a discutere la questione con lui se il governo degli Stati Uniti le chiede di farlo”,

Nel frattempo, una comunicazione inviata a Robert Kennedy il 2 maggio su istruzioni di McCone attestava le preoccupazioni del direttore della CIA per qualsiasi iniziativa che potesse comportare un riavvicinamento al regime cubano. Dimostrava inoltre la mancanza di interesse e di volontà politica di muoversi in quella direzione. Per quanto riguarda il rapporto di Lisa Howard”, si legge nel documento, “il signor McCone mi ha telegrafato questa mattina, affermando che non può enfatizzare troppo l’importanza della segretezza in questa questione e mi ha chiesto di prendere tutte le misure appropriate a questo proposito per riflettere la sua personale opinione sulla sua sensibilità. Il signor McCone ritiene che le voci e le inevitabili fughe di notizie con la conseguente pubblicità sarebbero molto dannose. Suggerisce di non intraprendere alcuna iniziativa attiva sulla questione della riconciliazione in questo momento e sollecita le discussioni più limitate a Washington. In queste circostanze si deve sottolineare, in qualsiasi discussione, che la via della riconciliazione viene esplorata come una possibilità remota e una delle varie alternative che comportano diversi livelli di azione dinamica e positiva.

L’inizio della diplomazia segreta

Solo il 6 giugno 1963 il Gruppo Permanente valutò in modo approfondito la questione delle conversazioni di James Donovan con Fidel Castro e gli altri rapporti di intelligence che indicavano l’interesse di Cuba a migliorare le relazioni con gli Stati Uniti. Nel 1963 erano giunte ripetutamente informazioni da varie fonti della CIA. In quella riunione furono valutate le varie possibilità di stabilire canali di comunicazione con il leader della Rivoluzione cubana e il gruppo convenne che si trattava di un’iniziativa utile.[16] Ma sarebbe passato settembre prima che i contatti iniziassero a concretizzarsi, e Lisa Howard avrebbe svolto un ruolo catalizzatore in questo senso.

Nel settembre 1963, la Howard comunicò a William Attwood, un funzionario dell’amministrazione Kennedy addetto alla missione statunitense presso le Nazioni Unite, che Fidel Castro, con il quale si era incontrata per diverse ore durante la sua visita all’Avana, aveva espresso la volontà di stabilire un qualche tipo di comunicazione con il governo statunitense e la disponibilità a esplorare un modus vivendi. Per coincidenza, anche l’ambasciatore guineano all’Avana, Seydon Diallo, aveva trasmesso gli stessi sentimenti alla Atwood. Atwood aveva anche letto l’interessante articolo di Howard sul giornale liberale War/Peace Report, intitolato “Castro’s Overture”, in cui il giornalista notava che in un’intervista di otto ore con Fidel, quest’ultimo era stato ancora più categorico sul suo desiderio di negoziare con gli Stati Uniti. Di conseguenza, Atwood e Howard avrebbero messo in moto un piano per avviare colloqui segreti tra Stati Uniti e Cuba.

Entusiasta dell’idea di stabilire una sorta di riavvicinamento tra L’Avana e Washington, Atwood ne discusse il 12 settembre 1963 con il sottosegretario di Stato Averell Harriman, che gli suggerì di scrivere un memorandum in tal senso. Attwood non perse tempo e sei giorni dopo il documento era pronto. Il documento iniziava affermando che:

“Questo memorandum propone una linea d’azione che, se ottenesse risultati positivi, potrebbe eliminare la questione di Cuba dalla campagna presidenziale del 1964”.

Non si propone di offrire a Castro un “accordo””, ha proseguito, “che da un punto di vista politico sarebbe più pericoloso del non fare nulla, ma un’indagine discreta sulla possibilità di neutralizzare Cuba nei nostri interessi….

Dal momento che non intendiamo rovesciare il regime di Castro con la forza militare, c’è qualcosa che possiamo fare per promuovere gli interessi degli Stati Uniti senza essere accusati di appeasement?

Secondo diplomatici neutrali e altri con cui ho parlato alle Nazioni Unite e in Guinea, c’è motivo di credere che Castro non gradisca la sua attuale dipendenza dal blocco sovietico; che non gli piaccia essere a tutti gli effetti un satellite; che l’embargo commerciale lo danneggi, anche se non abbastanza da mettere a repentaglio la sua posizione; e che vorrebbe avere qualche contatto ufficiale con gli Stati Uniti e farebbe molto per ottenere una normalizzazione delle relazioni con noi, anche se la maggior parte del suo entourage comunista più duro, come Che Guevara, non lo vedrebbe di buon occhio.

Tutto questo potrebbe non essere vero, ma sembrerebbe che abbiamo qualcosa da guadagnare e nulla da perdere scoprendo se Castro vuole davvero parlare e quali concessioni sarebbe disposto a fare….

Per il momento, tutto ciò che vorrebbe è l’autorità per prendere contatto con (Carlos) Lechuga (il capo della missione di Cuba presso le Nazioni Unite). Vedremo poi cosa succederà”.

Era praticamente impossibile che, secondo questa visione riflessa nel memorandum di Atwood, si potesse raggiungere un qualsiasi tipo di accordo tra gli Stati Uniti e Cuba. La proposta si riduceva a sondare l’isola per vedere se era disposta a fare una serie di gesti e concessioni agli Stati Uniti. A quanto pare, il funzionario statunitense ha dimenticato che i leader cubani avevano già stabilito la loro posizione di rifiuto di qualsiasi forma di negoziazione che implicasse la messa in discussione dell’autodeterminazione dell’isola. Non è nemmeno assurdo pensare che la leadership cubana, se percepisse la manovra di Washington, approfitterebbe del processo di dialogo per guadagnare tempo e preparare il Paese politicamente e militarmente a un eventuale confronto militare diretto con gli yankee.

Così, lo scopo dei tenui riavvicinamenti con Cuba che gli Stati Uniti avrebbero avviato con il consenso di Kennedy era stato perfettamente delineato nel memorandum di Attwood: neutralizzare Cuba nell’interesse degli Stati Uniti, strappandole il maggior numero possibile di concessioni. Naturalmente, queste concessioni significavano che Cuba doveva iniziare a soddisfare le richieste di Washington riguardo a: “l’evacuazione di tutto il personale militare dal blocco sovietico”, “la fine delle attività sovversive di Cuba in America Latina” e “l’adozione da parte di Cuba di una politica di non allineamento”. Se non fossero state soddisfatte queste condizioni, gli Stati Uniti non avrebbero rischiato di esplorare un modus vivendi con Cuba.

Il 18 settembre Attwood mostrò il memorandum all’allora ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite, Adlai Stevenson, che promise di discutere la questione con il Presidente. “Quando parlai per la prima volta di questa iniziativa o approccio cubano ad Adlai Stevenson”, ha ricordato Atwood davanti a una commissione del Senato degli Stati Uniti nel 1975, “egli disse che gli piaceva, ma… purtroppo la CIA era ancora al comando di Cuba. Ciononostante, disse che era disposto a discutere la questione con la Casa Bianca”. Il giorno successivo, Atwood si incontrò con la Casa Bianca.

Il giorno successivo, Atwood si incontrò nuovamente con Harriman a New York e gli consegnò il promemoria. Il sottosegretario di Stato, dopo aver letto il documento, suggerì ad Attwood di discuterne anche con il procuratore generale Robert F. Kennedy. Ma già il giorno dopo questo incontro, Stevenson aveva ottenuto l’approvazione del Presidente affinché Attwood prendesse contatti discreti con l’ambasciatore cubano alle Nazioni Unite, Carlos Lechuga. Attwood parlò immediatamente con Lisa Howard per organizzare il contatto con Lechuga. Il 23 settembre, nel bel mezzo della sala dei delegati delle Nazioni Unite, Howard si avvicinò a Lechuga e, come ricorda lo stesso Lechuga, gli disse che Attwood desiderava parlargli e che era urgente perché il giorno dopo sarebbe dovuto partire per Washington. L’incontro ebbe luogo nella casa di Attwood alle Nazioni Unite.

L’incontro avvenne a casa del giornalista la sera del 23 settembre, in modo del tutto informale e senza l’apparenza di un approccio ufficiale da parte degli Stati Uniti, come richiesto dallo stesso Atwood, approfittando di una festa che aveva preparato e alla quale aveva invitato Lechuga. L’ambasciatore cubano informò immediatamente L’Avana:

“Ho avuto un colloquio con William Atwood. Mi ha detto che è stato autorizzato da Stevenson. Oggi partirà per Washington per parlare con Kennedy e chiedergli l’autorizzazione a recarsi a Cuba per parlare con Fidel ed esplorare le possibilità di negoziati, se a Cuba saranno d’accordo sul fatto che debba fare questo viaggio. Abbiamo concordato che non avrei sollevato formalmente la questione con voi finché non avesse avuto l’autorizzazione da Washington, ma è ovvio che sa che gliela comunicherò immediatamente. Questo è stato il mio approccio affinché l’iniziativa venisse sempre da loro, come in effetti è, ma in questa attività diplomatica si imparano molte cose. Il suo viaggio sarebbe stato in incognito. Come me, abbiamo chiarito in ogni momento che stavamo parlando a titolo personale, in attesa di istruzioni da parte di entrambi i governi. La sua idea è che la situazione tra i due Paesi sia anomala e che qualcuno, a un certo punto, abbia dovuto rompere il ghiaccio.

(…)

Dice che Kennedy, in molte occasioni e in conversazioni private, ha detto di non sapere come cambiare la politica verso Cuba. Riconosce che né loro né noi possiamo cambiare politica da un giorno all’altro, perché è una questione di prestigio e che è difficile, ma qualcosa deve essere fatto e dobbiamo iniziare da qualche parte. Riconosce che la questione politica interna è difficile per loro perché i repubblicani li tengono sempre sulla difensiva sulla questione cubana.

(…)

Atwood, parlando di Bob Kennedy, dice che è un individuo dal carattere duro, ma che è un politico e vede le cose con obiettività. Dice che ciò che vuole è sempre vincere. Ha detto questo nel senso che, se ritiene che il prolungamento della politica verso Cuba gli darà un risultato negativo nel lungo periodo, cambia posizione.

(…)

Atwood mi chiese della possibilità che il governo cubano mi permettesse di andare a Cuba per esplorare le possibilità. Gli ho detto che lo pensavo, anche se non potevo dargli un’opinione precisa. Mi chiese se pensavo che ci fosse il 50% di possibilità di sì e il 50% di possibilità di no. Risposi che quella era la formula. Ho risposto che quella era la formula perfetta per la mia risposta. In risposta alle sue domande sulle condizioni per negoziare, dissi che non potevo dargli alcuna anticipazione in quell’ambito, anche se potevo dargli la mia personalissima opinione, ovvero che era difficile negoziare qualcosa con la situazione di pressione su Cuba; con l’embargo, le infiltrazioni, i voli illegali, ecc. ecc. Mi disse che la situazione era molto complessa e che lo capiva, ma che qualcuno, un giorno o l’altro, doveva iniziare qualcosa e che credeva che, anche se avesse ascoltato ciò che gli avevo appena detto a livello personale, sarebbe stato fruttuoso tentare un riavvicinamento con Cuba”.

Anni dopo, il 10 luglio 1975, davanti alla Commissione ecclesiastica del Senato degli Stati Uniti, Atwood ricordò il suo contatto con Lechuga come segue: “… La signorina Howard organizzò il ricevimento per il 23. Ho incontrato Lechuga. Mi disse che Fidel Castro aveva sperato di poter avere un contatto con il presidente Kennedy nel ’61, ma poi c’era stata la Baia dei Porci e non era più possibile. Ma era rimasto molto colpito dal discorso del Presidente del giugno ’63, in cui parlava della diversità nel mondo. Fu allora che gli dissi che non ero più un privato ma un funzionario del governo e convenimmo che la situazione era diversa, anche se le circostanze erano un po’ anomale. Mi disse che i cubani erano molto contrariati dalla posizione dell’esilio, dalla posizione della CIA su Cuba e dal congelamento dei beni cubani”. Il passo successivo fu la visita di Attila Attila a Cuba.

Il passo successivo fu una visita di Atwood a Washington nello stesso mese di settembre per incontrare Robert Kennedy. Atwood informò il Procuratore Generale sull’iniziativa e il Procuratore Generale dichiarò la sua posizione secondo cui “un viaggio di Atwood a Cuba, come suggerito da Lechuga, sarebbe stato un po’ rischioso, poiché avrebbe certamente fatto trapelare la notizia e avrebbe potuto finire in un’indagine del Congresso, o qualcosa del genere (…) ma ritenne che valesse la pena di perseguire la questione attraverso la via delle Nazioni Unite e indicò che avrebbe parlato con Averell Hariman e Bundy sull’argomento”.

Al primo contatto tra Atwood e Lechuga ne seguirono altri nella sala dei delegati dell’ONU. In uno di questi, Atwood disse a Lechuga che il governo statunitense, dopo aver valutato la proposta, aveva deciso che non era conveniente per lui recarsi a Cuba in queste circostanze a causa del pericolo di fughe di notizie dato il suo “status ufficiale”, ma che il suo governo era nella migliore disposizione per incontrare Fidel o un suo emissario alle Nazioni Unite. Il 28 ottobre, Lechuga disse ad Attwood che L’Avana non riteneva utile inviare nessuno alle Nazioni Unite in quel momento, ma sperava che i contatti tra loro potessero continuare. Dalla Casa Bianca, l’incaricato di Bundy, Gordon Chase, fu incaricato di seguire i contatti di Atwood con i cubani.

Successivamente, Lisa Howard offrì la sua casa affinché Atwood potesse parlare direttamente con Fidel Castro attraverso il suo assistente René Vallejo. Il 31 ottobre, in una telefonata a casa di Atwood all’Avana, Howard offrì la sua casa a Fidel Castro attraverso il suo assistente René Vallejo.

Il 31 ottobre, in una telefonata che Vallejo fece a Lisa Howard, le riferì che Fidel era disposto a inviare un aereo in Messico per prelevare un inviato da Washington e portarlo in un aeroporto segreto vicino a Varadero, dove avrebbe avuto un incontro da solo con il leader della Rivoluzione cubana. Lisa Howard rispose che dubitava che ciò fosse possibile e che forse la cosa migliore da fare era che lui (Vallejo), come portavoce personale di Fidel, si recasse alle Nazioni Unite o in Messico per incontrare un rappresentante del governo statunitense.

Nel 1975 Atwood raccontò come l’attenzione delle massime autorità del governo statunitense per i suoi contatti con Cuba stesse crescendo rapidamente. Il 5 novembre fu chiamato alla Casa Bianca per parlare con Bundy, il quale gli disse che “il Presidente era più favorevole a premere per un’apertura con Cuba rispetto al Dipartimento di Stato, con l’idea di farla uscire dall’ovile sovietico, cancellando forse ciò che era accaduto alla Baia dei Porci, e forse riportandola alla normalità”. Bundy voleva un promemoria cronologico dell’intera iniziativa.

L’11 novembre, Vallejo telefonò a Lisa Howard e ribadì l’interesse di Fidel a incontrare un emissario statunitense e che, in tal caso, un aereo cubano avrebbe potuto prelevare la persona designata dal governo statunitense a Key West e portarla in uno degli aeroporti vicini all’Avana dove avrebbe partecipato a un incontro con Fidel. Quando Atwood lo comunicò a Bundy, gli fu detto che, su istruzioni del Presidente, egli (Atwood) avrebbe dovuto prima prendere contatto con Vallejo alle Nazioni Unite per scoprire cosa Fidel avesse in mente, in particolare se fosse interessato a discutere i punti esposti da Stevenson nel suo discorso alle Nazioni Unite del 7 ottobre, considerati inaccettabili dagli Stati Uniti: la “sottomissione di Cuba all’influenza comunista esterna”, “la campagna cubana volta a sovvertire il resto dell’emisfero” e “la mancata realizzazione delle promesse della Rivoluzione in materia di diritti costituzionali”. Come ha detto anche Bundy in un memorandum per il verbale: “senza indicazioni di una volontà di andare in quella direzione, è difficile vedere cosa potrebbe realizzare una visita a Cuba” Attwood ha trasmesso il 18 marzo 2007 il seguente messaggio all’Ambasciata cubana a Cuba.

Il 18 novembre Attwood ha trasmesso il messaggio per telefono a Vallejo, il quale ha risposto che non era possibile per lui recarsi a New York in quel momento, ma che invece sarebbero state inviate istruzioni a Lechuga per discutere con lui (Attwood) un’agenda per un successivo incontro con Fidel. Il giorno successivo, Atwood riferì telefonicamente la sua conversazione a Gordon Chase. L’assistente di Bundy disse quindi ad Atwood, dopo aver ricevuto la telefonata di Lechuga per fissare un appuntamento per discutere l’ordine del giorno, di contattarlo rapidamente, poiché il Presidente voleva conoscere immediatamente l’esito della conversazione per valutare il passo successivo da compiere da parte dell’amministrazione.

Chase, ora uno dei principali sostenitori del riavvicinamento diplomatico con Cuba, il 12 novembre, in un promemoria altamente confidenziale – che fu letto solo da Bundy – espose le sue confutazioni a vari argomenti contro la “conciliazione con Castro”, quali: “Castro non soddisferà mai i nostri requisiti minimi”; “la conciliazione con Castro implica che gli Stati Uniti parleranno con lui, e il fatto che gli Stati Uniti vogliano parlare con Castro lo solleverà dalle gravi preoccupazioni che lavorano a nostro favore”; “l’opinione pubblica americana non sosterrà la conciliazione con Castro”; “nel caso in cui dovessimo riconciliarci con Castro e lui ci tradisse, ci troveremmo in una situazione spiacevole (soprattutto in termini pubblici)” e “anche se la conciliazione con Castro è un’alternativa reale, ora non è il momento giusto”.

Questo documento è molto importante, perché riflette molto chiaramente le idee che si muovevano nella stretta cerchia di collaboratori di Kennedy, dove l’iniziativa di riavvicinamento a Cuba era nota. In questo memorandum Chase affermava: “La nostra posizione, per non dire le nostre parole, dovrebbe trasmettere quanto segue: “Fidel, siamo pronti a lasciare che gli eventi seguano il loro corso attuale. Intendiamo mantenere e, ove possibile, aumentare la nostra pressione contro di te per rovesciarti e siamo più che fiduciosi che avremo successo. Inoltre, potete scordarvi di avere “un’altra Cuba” nell’emisfero. Abbiamo imparato la lezione e non permetteremo “un’altra Cuba”. Tuttavia, da persone ragionevoli quali siamo, non puntiamo alla vostra testa né godiamo delle sofferenze del popolo cubano. Sapete quali sono le nostre principali preoccupazioni: il legame con i sovietici e la sovversione. Se lei ritiene di essere in grado di dissipare tali preoccupazioni, probabilmente possiamo trovare un modo per coesistere amichevolmente e costruire una Cuba prospera. Se ritenete di non poter rispondere alle nostre preoccupazioni, allora lasciate perdere; non abbiamo alcuna obiezione a mantenere lo status quo. Allo stesso tempo, potrebbe voler tenere a mente che mentre saremo sempre interessati alle sue opinioni sul legame sovietico e sulla sovversione cubana, ovviamente non possiamo dirle in questo momento che saremo sempre disposti a negoziare con lei alle stesse condizioni” In conclusione, Chase ha osservato che “ci sono molti vantaggi in un discreto riavvicinamento con Castro”. In primo luogo, un riavvicinamento dimostrerebbe chiaramente a Castro che ha un’alternativa di cui forse non è sicuro, ovvero vivere con gli Stati Uniti alle condizioni americane. In secondo luogo, anche se dovesse rifiutare la nostra offerta, impareremmo molto.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...