Interessante intervista del Presidente cubano Miguel Díaz-Canel a The Nation

Print Friendly, PDF & Email

Nella sua prima intervista con un media statunitense (The Nation è la più antica rivista statunitense fra quelle ancora in vita e pubblicate continuativamente. La sua prima uscita risale al 6 luglio 1865. Ha sede a New York, ma ha uffici anche a Washington, Londra ed in Sudafrica), il Presidente cubano condivide il suo pensiero sul futuro del socialismo cubano, sul blocco degli Stati Uniti e sulle difficoltà economiche dell’isola.

Alla fine di settembre, il direttore editoriale di The Nation, Katrina vanden Heuvel, e il suo redattore, DD Guttenplan, hanno incontrato il Presidente cubano Miguel Díaz-Canel per un’intervista esclusiva a New York.

È stata la prima intervista del Presidente negli Stati Uniti. I due hanno discusso della crisi economica che sta attraversando la sua isola, del futuro del suo modello socialista e dell’impatto della continua ostilità di Washington.

DD Guttenplan: Lei è il primo Presidente cubano nato dopo la Rivoluzione. Cosa significa oggi la Rivoluzione?

Miguel Díaz-Canel: Innanzitutto, vorrei ringraziarvi per questa intervista, realizzata in occasione della visita che abbiamo effettuato come parte della delegazione cubana alla 78ª sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Vi ringrazio per avermi permesso di rivolgermi al pubblico americano, in particolare ai milioni di latinoamericani e cubani che vivono negli Stati Uniti.

La mia generazione è nata con la Rivoluzione. Sono nato nel 1960 e ho festeggiato il mio primo compleanno il giorno dopo la vittoria a Playa Giron. La nascita e la vita della rivoluzione hanno segnato la mia generazione.

Fin da piccoli eravamo motivati a partecipare a tutte le opportunità che la Rivoluzione ci offriva: migliorare noi stessi, acquisire conoscenze, partecipare alla cultura, alla scienza e allo sport e godere dell’accesso alla salute. Eravamo anche consapevoli della necessità di adempiere ai nostri doveri e non solo di essere destinatari di diritti, ma anche di affrontare le sfide del Paese.

Naturalmente, la Rivoluzione ha attraversato diverse fasi. I miei ricordi d’infanzia parlano di anni molto difficili. In seguito, abbiamo goduto di un periodo di maggiore tranquillità economica negli anni ’70 e ’80, quando avevamo relazioni più strette con il campo socialista e, in particolare, con l’Unione Sovietica. Poi è arrivato il periodo speciale, che ha rappresentato un’altra sfida.

Dal 2000 in poi, il Paese è entrato in una nuova fase di crescita economica e le prospettive sono migliorate. Oggi, però, ci troviamo in una situazione che lei stesso ha definito “complessa”. Le relazioni internazionali sono complicate in un mondo così incerto, soprattutto per i problemi causati dalla pandemia.

Come rappresentante di un’intera generazione che è arrivata ad assumere le responsabilità della vita politica e di governo, sento un enorme impegno nei confronti della Rivoluzione, del popolo cubano e di Fidel [Castro] e Raúl [Castro], che sono stati leader visionari a cui dobbiamo la nostra gratitudine e il nostro riconoscimento.

Ci definiamo una generazione di continuità, anche se non una generazione di continuità lineare. Continuità non significa assenza di trasformazione, ma piuttosto il contrario: una continuità dialettica, in modo che, mentre trasformiamo, avanziamo e cerchiamo di perfezionare al massimo la nostra società, non abbandoniamo le nostre convinzioni di costruire il socialismo nel nostro Paese, con la massima giustizia sociale possibile.

Questo è il nostro impegno e la nostra visione di sempre. Richiede grandi sforzi, risultati e altruismo, e questo richiede molto da parte nostra, soprattutto in circostanze difficili.

Katrina vanden Heuvel: Oggi a Cuba ci sono molti giovani. In questo contesto, mi chiedo come immagini il futuro dell’economia cubana. Il blocco è brutale, certo, ma tra i giovani c’è anche la sensazione che, senza un cambiamento, potrebbero non vedere il loro futuro a Cuba.

Miguel Díaz-Canel: Il momento attuale ha qualcosa di unico. Abbiamo vissuto sotto il blocco da quando siamo nati. Ad esempio, la mia generazione, quella degli anni ’60, è nata con il blocco. I nostri figli e nipoti – io ho dei nipoti – sono cresciuti sotto il blocco. Tuttavia, il blocco è cambiato in modo significativo nella seconda metà del 2019. È diventato ancora più duro di prima.

Il nuovo e più duro blocco è stato il risultato di due fattori. Uno è stato l’attuazione di oltre 243 misure da parte dell’amministrazione Trump, che ha rafforzato il blocco internazionalizzandolo e attuando per la prima volta il capitolo tre della legge Helms-Burton. In questo modo, hanno tagliato il nostro accesso ai capitali esteri, alle valute convertibili internazionali e alle rimesse; gli americani non hanno più potuto visitare Cuba e hanno esercitato pressioni finanziarie sulle banche e sui gruppi finanziari che fanno affari con Cuba.

E come se non bastasse, nove o dieci giorni prima di lasciare l’incarico, nel gennaio 2021, Trump ci ha inserito in una falsa lista in cui si dice che Cuba è un Paese che sostiene il terrorismo, il che è assolutamente falso. Tutto il mondo conosce la vocazione umanista di Cuba e il nostro contributo alla pace. Non mandiamo militari da nessuna parte, ma medici. E anche in questo caso, quando mandiamo i nostri medici all’estero per agire in solidarietà e fornire servizi ad altre parti del mondo, gli Stati Uniti sostengono che in realtà siamo coinvolti nel traffico di esseri umani.

Allo stesso tempo, proprio mentre la situazione economica si aggravava, il Covid-19 colpiva e colpiva duramente Cuba, come ovunque. Tuttavia, durante la pandemia di Covid-19, il governo statunitense ha agito in modo perverso e ha inasprito il blocco. Mi riferisco al governo e non al popolo degli Stati Uniti perché abbiamo un profondo rispetto e legami di amicizia con il popolo degli Stati Uniti.

Credo che il governo statunitense abbia pensato che la Rivoluzione non sarebbe sopravvissuta a quel momento. La pandemia ha raggiunto un livello molto alto a Cuba ed è durata per gran parte del 2021. Quando è iniziata nel 2020, non avevamo ancora i vaccini e nemmeno la possibilità di ottenerli.

Poi c’è stato un guasto all’impianto di ossigeno medico a Cuba. Abbiamo esaurito l’ossigeno e il governo statunitense ha fatto pressioni sulle aziende dei Caraibi e dell’America centrale affinché non ci fornissero ossigeno. Abbiamo anche dovuto ampliare i reparti di terapia intensiva e il governo statunitense ha risposto facendo pressione sulle aziende che producevano e commercializzavano ventilatori affinché non rifornissero Cuba.

La situazione era critica e accompagnata da un’enorme campagna mediatica per screditare la Rivoluzione cubana. Ci siamo rivolti al nostro sistema sanitario – un sistema efficiente, gratuito e di alta qualità che considera la salute un diritto – e ai nostri scienziati, soprattutto quelli più giovani. I nostri scienziati hanno progettato i ventilatori e sviluppato cinque vaccini candidati, tre dei quali sono ora riconosciuti come efficaci. E questo ha salvato il Paese. Tuttavia, siamo usciti dalla pandemia con molti problemi, molti dei quali accumulati da prima del 2019.

C’è carenza di medicinali, cibo e carburante. Subiamo blackout prolungati che danneggiano la popolazione e hanno un impatto diretto sulla vita delle persone, soprattutto dei giovani. Credo che il nostro processo educativo abbia impresso ai giovani l’importanza della situazione che stiamo vivendo. Tuttavia, come generazione abbiamo una sfida enorme: fare in modo che questo momentaneo allontanamento dei giovani cubani – giovani nati durante il Periodo Speciale e che hanno vissuto tutti questi anni in una situazione economica e sociale davvero difficile – non porti a una rottura ideologica con la Rivoluzione e con il Paese stesso.

È vero che la migrazione è maggiore che in altri periodi. Ma questo è accaduto periodicamente nella storia tra Cuba e gli Stati Uniti. Gli eventi migratori più intensi sono sempre stati associati a periodi in cui gli Stati Uniti hanno applicato politiche aggressive che hanno peggiorato la situazione economica cubana. Attraverso il Cuban Adjustment Act [del 1966] e altre misure, gli Stati Uniti hanno favorito l’immigrazione illegale, non sicura e disordinata dei cubani, senza estendere queste politiche agli immigrati di altri Paesi.

Ho imparato molto quando abbiamo superato la pandemia; ho capito che il modo in cui i cubani resistono è una forma di resistenza creativa. Resistere in modo creativo significa non solo resistere rimanendo al proprio posto, ma andare avanti creando e sfruttando il talento e la forza del nostro popolo per superare le avversità. Un esempio è stato quello dei vaccini. Solo altri cinque Paesi al mondo sono riusciti a sviluppare i vaccini, e tutti sono Paesi sviluppati. Cuba è l’unico Paese in via di sviluppo che è riuscito a farlo, con indicatori impressionanti: 0,76 di mortalità. Cuba ha somministrato più dosi di vaccino pro capite durante la pandemia di qualsiasi altro Paese.

Siamo uno dei 20 Paesi con più del novanta per cento della popolazione completamente vaccinata contro il Covid. E siamo stati solo il secondo Paese al mondo a vaccinare la popolazione pediatrica a partire dai due anni di età. Queste forme di resistenza creativa vengono ora trasferite ad altri settori dell’economia e della vita sociale, per superare il blocco con il nostro impegno, il nostro talento e il nostro lavoro.

Stiamo coinvolgendo sempre più i nostri giovani in questo sforzo e offriamo loro più spazio per la partecipazione sociale. Di conseguenza, i giovani possono vedere che è possibile avere obiettivi di vita che coincidono con il progetto sociale difeso dalla Rivoluzione. Naturalmente c’è chi emigra, ma la maggior parte dei giovani è a Cuba, a lavorare nei settori che ho citato e in altri. Sono loro a guidare il nostro sviluppo scientifico. I giovani sono coinvolti nelle principali attività produttive ed economiche del Paese. Sono loro a guidare la trasformazione digitale della società, i portabandiera della comunicazione sociale, politica e istituzionale. Sono loro a convincerci della necessità di lavorare per la continuità della Rivoluzione.

DDG: Vorrei soffermarmi su due cose che ha detto, signor Presidente. Una è la natura ciclica di quella che lei chiama emigrazione da Cuba e il modo in cui, secondo lei, risponde all’inasprimento delle sanzioni. Se ho capito bene il suo ragionamento, gli Stati Uniti impongono sanzioni più dure e questo fa uscire dal Paese un numero maggiore di persone. Pensa che l’amministrazione Biden possa fare qualcosa in questo senso?

Miguel Díaz-Canel: Non ci aspettiamo che cambi molto con l’amministrazione Biden. Abbiamo ancora una relazione diplomatica con gli Stati Uniti; c’è un’ambasciata statunitense a Cuba e un’ambasciata cubana negli Stati Uniti. Le relazioni sono state ristabilite sotto Obama, una politica completamente diversa da quella attuata da Trump e mantenuta da Biden. Lo sottolineo perché, mentre è stato un presidente repubblicano ad attuare una politica di massima pressione su Cuba, è un presidente democratico a mantenere tale politica.

Attraverso canali diretti e indiretti, abbiamo fatto sapere all’amministrazione Biden che siamo disposti a sederci e a discutere dei nostri problemi, compresa l’immigrazione negli Stati Uniti. Ma ciò deve avvenire da una posizione di uguaglianza, rispetto e senza condizioni. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta dagli Stati Uniti. Pertanto, non riteniamo che questa amministrazione abbia l’intenzione di lavorare con noi.

Tuttavia, aspiriamo a un rapporto civile tra i due Paesi, a prescindere dalle nostre differenze ideologiche. Fino a quel momento, continueremo a lavorare per superare questa situazione. Stiamo lavorando per garantire che i giovani non siano ingannati, manipolati o travisati sulle opportunità a loro disposizione. I giovani vengono coinvolti in un flusso migratorio completamente disordinato e illegale, cadendo in schemi di traffico di esseri umani, quando lasciano Cuba legalmente, per poi diventare illegali durante il transito verso gli Stati Uniti.

Si parla molto dell’emigrazione cubana, soprattutto dei giovani cubani, ma la verità è che l’emigrazione riguarda tutti i Paesi e chi emigra è generalmente una persona giovane, sana e con dei sogni.

KvH: A Cuba si vedono piccoli negozi, alberghi e ristoranti privati: fino a che punto pensa che questo processo possa spingersi nel quadro del socialismo?

Miguel Díaz-Canel: Aspiriamo a un’economia socialista che garantisca la massima giustizia sociale possibile. Dobbiamo costruire, rafforzare e sviluppare questa economia socialista senza dimenticare le condizioni del mondo in cui viviamo, che è pieno di incertezze e complessità, un mondo in cui il divario tra ricchi e poveri si sta allargando e in cui i Paesi del Sud hanno molti svantaggi.

Tuttavia, non rinunceremo mai al nostro ideale di socialismo. Ma come possiamo farlo date le condizioni attuali, tra cui il blocco e i problemi interni di Cuba? Difendiamo l’economia socialista come via per raggiungere una maggiore giustizia sociale, sostenendo allo stesso tempo una maggiore efficienza, una maggiore autonomia e un migliore rendimento dell’impresa di Stato socialista, cioè dell’impresa pubblica all’interno del nostro modello economico sociale.

Abbiamo anche aperto un settore privato e non statale dell’economia come complemento al settore statale. Da un lato c’è un sistema di impresa unica, dove c’è un attore – l’impresa statale – che oggi possiede e gestisce i principali mezzi di produzione; dall’altro c’è un secondo attore non statale che contribuisce anch’esso allo sviluppo del Paese, al PIL nazionale e assorbe parte della forza lavoro.

Ultimamente abbiamo assistito a uno sviluppo molto interessante: queste imprese non statali stanno iniziando a collegarsi con il settore statale. Ad esempio, in condizioni di blocco, le nostre imprese statali non possono sfruttare appieno la loro capacità produttiva. Tuttavia, il settore non statale, che ha maggiori possibilità di importare nonostante il blocco, si collega a quell’entità statale e insieme sviluppano attività produttive e servizi che alla fine vanno a beneficio della popolazione.

Aspiriamo a dare al popolo cubano la prosperità che merita per tutto l’eroismo che ha dimostrato nel resistere al blocco per tutti questi anni. Come lo faremo? Con un concetto di costruzione socialista che comprende un settore statale e un settore privato. È una sfida, ma ce la faremo.

KvH: Ho avuto la fortuna di vedere l’ex ministro degli Esteri Alarcón una settimana prima della sua scomparsa, e ciò che più lo affascinava erano i cambiamenti nella regione. Proprio l’altro giorno, Lula era a Cuba per un importante incontro. La regione sembra muoversi in una direzione più rosa e meno di destra. Questo dà a Cuba più spazio per fare cambiamenti o forse anche per ricreare il movimento dei non allineati per una nuova era?

Miguel Díaz-Canel: Difendiamo il principio dell’integrazione dell’America Latina e dei Caraibi. Difendiamo anche il principio che l’America Latina e i Caraibi debbano essere una zona di pace. Abbiamo relazioni con tutti i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi.

Cooperiamo e collaboriamo con diversi Paesi che hanno richiesto i nostri servizi professionali o tecnici, tra cui le nostre brigate mediche e altri specialisti in campi come l’ingegneria. Cerchiamo di lavorare per sviluppare relazioni commerciali. Inoltre, quando partecipiamo a missioni di cooperazione, impariamo a conoscere quei Paesi, il che aiuta il nostro sviluppo.

L’America Latina è un luogo molto favorevole ai movimenti progressisti, nonostante una corrente di estrema destra cerchi di minare questi processi. Abbiamo forti relazioni con Venezuela, Nicaragua, Bolivia, Brasile e Argentina, che si stanno rafforzando. Il Brasile è quasi un continente all’interno dell’America Latina e una delle economie più importanti. Abbiamo avuto ampi scambi commerciali e bilaterali sotto i governi di Lula e poi di Dilma. Quando questi governi progressisti prenderanno il potere, si apriranno nuove possibilità anche per il nostro Paese.

Cuba ha sponsorizzato il processo di pace in Colombia, che ha aiutato e contribuito alla pace in tutto il continente. L’accordo finale di quel processo di pace è stato firmato all’Avana qualche anno fa. Cuba ha sviluppato una politica estera coerente, basata sulla cooperazione e sulla collaborazione con altri Paesi, sulla condivisione di ciò che abbiamo in modo molto altruistico. Quando è arrivato il Covid, abbiamo condiviso i nostri vaccini con i Paesi dei Caraibi e dell’America Latina che ne hanno fatto richiesta.

DDG: Signor Presidente, lei ha parlato dei cubani all’estero. Naturalmente, conosciamo tutti la lunga e illustre storia dei medici cubani che forniscono assistenza sanitaria in tutto il mondo. Ma alcuni di noi negli Stati Uniti sono rimasti sorpresi dai recenti titoli dei giornali sul reclutamento di cubani in Ucraina per combattere. Mi chiedo se possa spiegare la risposta del suo governo a questa situazione.

Miguel Díaz-Canel: Innanzitutto, la nostra posizione sulla guerra in Ucraina è che siamo un Paese di pace. Sosteniamo il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite. Non ci piacciono le guerre. Non celebriamo le guerre e non le sosteniamo. Ci fa male quando si perdono vite umane da una parte o dall’altra e crediamo che si debba cercare il dialogo e le soluzioni diplomatiche per porre fine a questa guerra.

Non siamo coinvolti nella guerra in Ucraina, ma abbiamo scoperto, grazie alle nostre indagini, che una rete illegale ingaggiava cubani che vivevano in Russia e alcuni che vivevano a Cuba per combattere dalla parte russa. Il nostro Codice penale vieta i mercenari e noi consideriamo questo un caso di mercenarismo e di traffico di esseri umani. Per questo motivo, quando abbiamo raccolto tutte le prove di questa indagine, abbiamo informato le parti coinvolte e denunciato pubblicamente l’accaduto. Grazie alle nostre strette relazioni con la Russia, entrambe le parti hanno potuto lavorare per eliminare il traffico illegale di persone che le trasforma in mercenari. Posso certificare che Cuba non fa parte della guerra e che se scopriremo di nuovo una rete di traffico illegale come quella che abbiamo visto, la denunceremo e agiremo per fermarla.

KvH: Per chiarire la posizione di Cuba sulla guerra ucraina, avete cercato di svolgere un ruolo in eventuali offerte di cessate il fuoco? Qual è la posizione del governo cubano sulla guerra ucraina?

Miguel Díaz-Canel: Insistiamo nell’utilizzare tutti i meccanismi e gli spazi internazionali per il dialogo; deve esserci una soluzione attraverso il dialogo e le relazioni diplomatiche. Il problema è che si cerca di distorcere la realtà e di imporre un quadro distorto. Per noi, il governo statunitense ha motivato la guerra non ascoltando le rimostranze e gli avvertimenti della Russia sul pericolo rappresentato dall’estensione dei confini della NATO in Russia. Gli Stati Uniti, a mio avviso, hanno manipolato la situazione. Il conflitto ha coinvolto anche molti Paesi europei, tanto che non si tratta di una guerra Ucraina-Russia, ma di un conflitto NATO-Russia.

Chi paga questa guerra? Viene dai bilanci dei Paesi coinvolti nella guerra, quindi sono i cittadini di quei Paesi a pagare. Ma il costo di questa guerra è anche a carico di coloro che non sono coinvolti, ma che comunque ne vedono le conseguenze. I problemi con le esportazioni di cereali e i mercati alimentari hanno dimostrato come questo si ripercuota sul mondo. Ci opponiamo alla guerra anche sulla base delle nostre convinzioni umanistiche, secondo cui le vite umane vengono sacrificate nei conflitti.

Ma crediamo che gli Stati Uniti abbiano un’enorme responsabilità in questo conflitto. Sono stati in grado di distorcere la vera essenza della guerra e poi hanno cercato di fingere di essere quelli nella posizione giusta. Credo che la risposta giusta per porre fine alla guerra sia quella diplomatica. Ci devono essere garanzie oggettive di sicurezza per tutte le parti. Credo che con intelligenza e sensibilità potremmo tutti sostenere la ricerca di una soluzione piuttosto che alimentare la guerra e le fiamme del conflitto.

DDG: Prima ha parlato di costruzione socialista. Vorrei insistere un po’ sulla questione dell’equilibrio che lei vede in futuro tra il settore privato e lo Stato. Durante il Periodo Speciale, in pratica, sono state tagliate le sovvenzioni dall’Unione Sovietica, e questo è stato molto difficile per il popolo cubano, soprattutto a causa del blocco. Tuttavia, il problema della costruzione socialista non è stato risolto a Cuba, né è stato risolto in Cina, dove si è dovuto espandere il settore privato per aumentare il tenore di vita quotidiano. Qual è l’equilibrio che cercate tra il settore privato e lo Stato in futuro?

Miguel Díaz-Canel: Il fatto che ci sia un settore privato in un’economia socialista non nega il socialismo. Anche i classici del marxismo – o la stessa pratica di Lenin all’interno della rivoluzione sovietica – hanno concepito che ci sono periodi di transizione in cui un settore privato sarà presente all’interno della costruzione socialista. Riconoscere un settore privato non significa affatto rinunciare al socialismo, perché? Perché la maggior quantità e il maggior volume dei mezzi di produzione fondamentali sono ancora nelle mani dello Stato.

Questi mezzi di produzione possono essere gestiti in una combinazione di forme statali e non statali. Ad esempio, a Cuba, più dell’80% della terra è di proprietà dello Stato. Tuttavia, circa l’80% della nostra terra è stata gestita per anni da cooperative di agricoltori privati. Questo non significa che abbiamo smesso di costruire il socialismo.

Per quanto riguarda l’economia, siamo insoddisfatti di alcuni aspetti dell’attuale performance economica, ma qual è stata la realtà dell’economia cubana? Un’economia di guerra che ha dovuto affrontare un blocco da parte del Paese più potente del mondo. Dobbiamo vedere cosa avremmo ottenuto senza il blocco. Naturalmente, cerchiamo anche di trovare modi per migliorarci. Quando dico che sono insoddisfatto dei risultati dell’economia cubana, mi riferisco al fatto che non riusciamo ancora a produrre i beni e i servizi che darebbero al nostro popolo una piena prosperità. Ma è la stessa economia di guerra che ha garantito un’assistenza sanitaria e un’istruzione gratuita, di alta qualità e sovvenzionata dallo Stato, nonché il libero accesso alla cultura e allo sport. I professionisti cubani, anche quelli che emigrano, sono competitivi nei mercati del lavoro dei Paesi capitalisti.

Cuba ha un incredibile sistema di assistenza sociale che non lascia nessuno indietro o senza protezione. Ci si potrebbe chiedere: se le persone ricevono tutto ciò gratuitamente, non costa allo Stato? E chi copre queste spese statali? Queste spese sono coperte da un’economia che, da un lato, è stata duramente colpita dal blocco, ma, dall’altro, ha fatto importanti conquiste sociali che i Paesi capitalisti e più sviluppati non hanno mai raggiunto. Nonostante l’inasprimento del blocco, gli indicatori di salute e istruzione di Cuba possono essere paragonati a quelli di qualsiasi Paese sviluppato del mondo.

Dove dobbiamo andare? Dobbiamo essere meno dipendenti dalle circostanze internazionali. Per questo stiamo scommettendo sulla resistenza creativa del popolo cubano, con i nostri sforzi e il nostro talento. Stiamo lavorando a un modello di sviluppo economico e sociale che includa un piano di stabilizzazione macroeconomica per affrontare l’inflazione, le distorsioni del mercato dei cambi e dei prezzi.

Stiamo puntando sulla scienza e sull’innovazione come pilastri della gestione del governo. Guardate cosa abbiamo fatto durante la pandemia. Abbiamo deciso che, per affermare la sovranità, avevamo bisogno di vaccini cubani, quindi abbiamo progettato un sistema di governance basato su scienza e innovazione. Questa idea è stata testata durante la Covid-19 e ora l’abbiamo estesa ad altri settori dell’economia.

Una di queste è la sovranità alimentare. Ci stiamo concentrando sulla scienza e sull’innovazione per incrementare la produzione alimentare in modo che Cuba non debba importare o dipendere da fonti esterne per il cibo. Stiamo anche cambiando la matrice energetica del Paese, in modo da ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e utilizzare maggiormente le fonti di energia rinnovabili. Il nostro obiettivo è che entro il 2030 oltre il 24% dell’energia sia generato da fonti rinnovabili.

In mezzo a circostanze difficili, stiamo sviluppando programmi sociali per aiutare le persone e le famiglie a uscire dalle situazioni di vulnerabilità. Stiamo inoltre avviando un processo di trasformazione digitale. L’insieme di queste azioni creerà un presente e un futuro molto più stabili.

KvH: Per quanto riguarda la trasformazione digitale, a che punto è Cuba secondo lei in termini di accesso a internet? Ho saputo che c’è stato un accordo con aziende statunitensi ed europee che è fallito, fermando il movimento verso la trasformazione digitale. Come si procura i media la gente? Riceve un briefing ogni mattina? Sono curioso di sapere quali media guardate.

Miguel Díaz-Canel: Sono molto attivo su Twitter. Credo di avere più follower di chiunque altro a Cuba, anche se non ne sono sicuro.

KvH: Quanti follower ha?

Miguel Díaz-Canel: Mi dicono che ho circa 760.000 follower su Twitter. Abbiamo avviato un progetto di digitalizzazione della società, incentrato su due aree chiave. Il primo è lo sviluppo di piattaforme digitali come l’e-commerce e l’e-government, in modo che ci sia una maggiore interconnessione tra la popolazione, le istituzioni e i servizi governativi, con una maggiore partecipazione democratica della popolazione. Stiamo anche lavorando sul quadro giuridico del commercio elettronico. Il blocco ha un impatto su questo aspetto perché, per passare a una società digitale, sono necessarie risorse finanziarie e tecnologia. Pertanto, dobbiamo costruire le fondamenta della nostra infrastruttura digitale in modo indipendente.

Con l’aiuto della Cina siamo riusciti a passare alla digitalizzazione della televisione. Per quanto riguarda Internet, negli ultimi anni ci sono stati importanti progressi. Già più di 7 milioni di cubani hanno accesso a Internet attraverso i loro telefoni cellulari. A Cuba, e soprattutto tra i giovani, è molto comune vedere tutti connessi e attivi sui social network, anche se a causa del blocco ci sono siti e piattaforme che ci vengono negati.

Ci sono momenti in cui si cerca di aggiornare un’applicazione o di accedere a un sito, oppure uno scienziato vuole visitare un database di ricerca e riceve un messaggio che dice: “Il tuo Paese non ha accesso a questo sito”. Ma stiamo facendo progressi. Abbiamo programmi di informatica in tutte le università del Paese. Abbiamo anche sviluppato un negozio di applicazioni cubano chiamato Apklis e stiamo anche sviluppando i nostri sistemi applicativi cubani. Abbiamo un sistema operativo sviluppato dall’Università di Scienze informatiche, che viene utilizzato su computer portatili, tablet e telefoni cellulari che stiamo sviluppando attraverso un progetto congiunto con la Cina.

Squadre di giovani cubani hanno partecipato a eventi internazionali di programmazione informatica e hanno ottenuto risultati eccezionali. Dobbiamo continuare su questa strada dell’informatizzazione per il seguente motivo: a Cuba c’è una popolazione economicamente attiva più piccola, e questo gruppo deve sostenere una popolazione economicamente inattiva più numerosa, perché la nostra popolazione sta invecchiando contemporaneamente all’aumento dell’aspettativa di vita.

In altre parole, pur essendo un Paese sottosviluppato, abbiamo le dinamiche demografiche dei Paesi sviluppati; con un numero inferiore di persone direttamente attive nella produzione e nei servizi, dobbiamo ottenere risultati più efficienti e il modo per farlo è attraverso l’informatizzazione, la trasformazione digitale e l’automazione. Abbiamo sviluppato diversi programmi popolari per raggiungere questi obiettivi. Per esempio, c’è il programma Young Computer Club: istituzioni in cui i bambini vengono introdotti al computer e ad altre tecnologie di comunicazione in età molto giovane. Ci sono anche corsi per gli anziani, in modo che non siano esclusi dall’intero processo di trasformazione digitale.

Naturalmente, i cubani sono attivi anche sui social network. Credo che le reti sociali possano essere uno strumento attraverso il quale gestire la conoscenza, che è molto importante per l’umanità. Aspiriamo a creare un Paese in cui le persone non si distinguano per i loro beni materiali, ma per la loro spiritualità e per il contributo che possono dare alla società e alla cultura. Ciò che condanno dei social media sono le loro manifestazioni di volgarità, banalità e il tipo di bullismo online che fa molti danni, soprattutto tra i giovani.

Credo che il mondo abbia anche bisogno di un approccio più completo e unito alla governance di Internet. Le questioni di sicurezza informatica sono oggi un tema importante nel mondo e Cuba sta sviluppando le proprie piattaforme di sicurezza informatica. Senza contare che le sfide dell’intelligenza artificiale non sono solo di natura tecnologica, ma comportano anche importanti conseguenze sociali ed etiche. Dobbiamo raggiungere una forma di governance globale di Internet. Dobbiamo costruire un mondo emancipatorio e inclusivo, dove il virtuale e il fisico siano meno distanti e dove Internet possa aiutare le persone a trovare risposte ai loro problemi.

DDG: Per quanto riguarda la cultura, tutti sanno che Cuba è una potenza culturale nella musica, nella letteratura e nella danza. Dato che la cultura digitale non rispetta le frontiere, vede qualche differenza o cambiamento nell’atteggiamento del suo governo nei confronti dei cubani che magari non vivono più a Cuba ma si sentono ancora molto orgogliosi di essere cubani?

Miguel Díaz-Canel: È la seconda volta che mi trovo negli Stati Uniti: una volta cinque anni fa e ora questa volta. In entrambe le occasioni sono venuto per partecipare alle sessioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Durante queste visite abbiamo sempre trovato spazio per incontrare i rappresentanti della cultura americana. Ieri pomeriggio, ad esempio, proprio in questo luogo si è tenuto uno di questi incontri tra artisti e accademici americani e artisti cubani con sede a Cuba e negli Stati Uniti.

Come lei, ho sperimentato l’armonia che si crea quando musicisti cubani e americani possono condividere il palco. L’abbiamo sperimentato nei festival jazz dell’Avana, che si chiudono sempre con un’orchestra che unisce musicisti cubani e americani. I cubani apportano alle forze originali del jazz americano e al loro virtuosismo una certa latinità.

Sono momenti in cui si raggiunge un nuovo livello di benessere spirituale. Oggi la cultura è uno dei settori in cui si possono costruire ponti e non muri tra Cuba e gli Stati Uniti. Attraverso lo scambio culturale si abbattono le frontiere e si uniscono i nostri popoli. I nostri popoli possono condividere i valori della loro storia e della loro cultura.

Qualche anno fa, durante l’era Obama, il Kennedy Center ha organizzato una mostra sulla cultura cubana a Washington. È stato un grande evento. Qui i nostri artisti si sono sentiti a proprio agio. Volevamo portare artisti americani a Cuba attraverso un progetto del Kennedy Center, ma tutto è saltato a causa delle restrizioni imposte da Trump. Ci sono ancora molti contatti. Ad esempio, ieri abbiamo incontrato alcuni importanti musicisti cubani che vivono negli Stati Uniti da molti anni. Non hanno abbandonato il rapporto con il loro Paese e riteniamo che il loro successo sia anche il successo della cultura cubana.

KvH: C’è un dialogo in corso con l’amministrazione Biden e cosa vi aspettate se Biden sarà rieletto, in termini di relazioni tra Stati Uniti e Cuba?

Miguel Díaz-Canel: Dovrebbe chiederlo a Biden. Al momento ci sono relazioni diplomatiche. Abbiamo colloqui su alcune questioni, ma non abbiamo riscontrato alcuna volontà da parte dell’amministrazione Biden di stabilire un rapporto diverso con Cuba.

E continuiamo a insistere sulla nostra visione. Non rinunceremo alla costruzione socialista. Ma vogliamo una relazione civile e normale tra Cuba e gli Stati Uniti. Tuttavia, per costruire questo rapporto, dobbiamo sederci e parlare. Dobbiamo valutare tutte le questioni su cui abbiamo opinioni diverse, quelle su cui siamo d’accordo e quelle su cui siamo in disaccordo, per cercare di andare avanti. Penso che questo porterebbe a un rapporto migliore e a maggiori possibilità e potenzialità per i nostri popoli. Ma al momento non vediamo alcun segno che questo sia l’atteggiamento del governo statunitense.

KvH: Un’ultima domanda: ha visto Barbie o Oppenheimer?

Miguel Díaz-Canel: Non ho visto Oppenheimer, ma mi è stato consigliato di vederlo e lo farò presto. Sono interessato a vedere Oppenheimer. Sono meno interessato a vedere Barbie. Penso che Barbie sia molto, molto debole.

*Questo articolo appare nell’edizione di The Nation del 13/20 novembre 2023, con il titolo “Domande e risposte: Miguel Díaz-Canel”.
(Traduzione in spagnolo a cura di Cubadebate)

(Traduzione in italiano a cura di italiacuba.it)

La video intervista:

Potrebbero interessarti anche...