Superare le difficoltà dell’emancipazione femminile

Print Friendly, PDF & Email

La sessione plenaria del Comitato nazionale della Federazione delle donne cubane ha valutato l’attuazione del Programma nazionale per l’avanzamento delle donne e lo sviluppo del processo dell’XI Congresso.

Il Programma Nazionale per l’Avanzamento della Donna (PAM) “sta avanzando e si sta perfezionando, mentre si lavora per ridurre il tasso di gravidanze adolescenziali, le manifestazioni di violenza di genere e il resto dei suoi assi, in una prospettiva integrale, per superare tutte le impossibilità”, ha dichiarato Teresa Amarellé Boué, membro dell’Ufficio Politico del Partito e segretaria generale della Federazione delle Donne Cubane (FMC), durante la sessione plenaria nazionale di tale organizzazione, tenutasi ieri all’Avana.

È stato sottolineato che il PAM, approvato dal Consiglio dei Ministri, è un meccanismo essenziale per promuovere l’uguaglianza di genere, al fine di affrontare le restanti sfide legate alle manifestazioni di discriminazione e violenza di genere, nonché ai comportamenti sessisti.

A questo proposito, si è appreso che nei Centri di orientamento femminile e familiare sono stati tenuti più di 2.400 corsi, dai quali 17.000 donne si sono diplomate e sono entrate nel mondo del lavoro.

Sunilda Montes de Oca, di Santiago, ha affermato che, tuttavia, è ancora necessario incrementare le azioni di divulgazione del programma e rafforzare ulteriormente la prevenzione e l’assistenza alle vittime di violenza di genere, aspetti in cui “il CCP deve necessariamente essere protagonista”, ha detto.

Un altro dei temi discussi è stato quello relativo alle case dei bambini, che sono già 154 in tutta l’isola, con 4.874 posti, in cui viene applicato un bonus del 50% alle madri lavoratrici con tre o più figli. Questo sforzo contribuisce anche alla creazione di nuove fonti di occupazione.

Per quanto riguarda il processo organico dell’11° Congresso della FMC, è stato riferito che 129 comuni hanno tenuto le loro assemblee e che l’assemblea provinciale di Las Tunas si è già riunita.

“È positivo, e segno della vitalità della Federazione, che il 36,5% dei dirigenti eletti abbia meno di 35 anni”, ha dichiarato Rosmeris Santiesteban Lago, secondo segretario dell’organizzazione.

L’occasione è stata propizia perché la Plenaria riconoscesse il lavoro di TataManía, “una microimpresa specializzata nell’assistenza 24 ore su 24 a 61 anziani, malati e disabili, presente nelle province dell’Avana e di Guantánamo, e molto presto anche a Villa Clara, la provincia con il più alto tasso di invecchiamento del Paese”, secondo Yadira Álvarez, presidente di questa forma di gestione non statale.

La plenaria ha ribadito la propria solidarietà con le donne e il popolo palestinese, che soffrono per il massacro scatenato dal regime sionista di Israele.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...