Discorso di Díaz-Canel al 14° incontro sui temi della globalizzazione e dello sviluppo

Print Friendly, PDF & Email

Discorso pronunciato da Miguel Mario Díaz-Canel Bermúdez, Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, in occasione del 14° Incontro sui problemi della globalizzazione e dello sviluppo, presso il Palazzo dei Congressi, il 17 novembre 2023, “Anno 65 della Rivoluzione”.

(Resoconto integrale degli atti – Ufficio del Presidente della Repubblica)

Compagno Primo Ministro, Manuel Marrero Cruz;

Compagno Ministro degli Esteri della Repubblica di Cuba, Bruno Rodríguez;

Oscar Luis Hung, Presidente della nostra Associazione Nazionale degli Economisti;

Vice Primo Ministro Alejandro Gil;

Ministri, membri del Comitato organizzativo e del Comitato accademico dell’evento;

Cari economisti, sociologi e studenti:

Cito gli studenti per ultimi perché mi sento parte di loro. Su un palcoscenico come questo, pieno di accademici e professori che espongono le loro idee sui problemi globali, chi non si sente uno studente quando impara? Soprattutto oggi, 17 novembre, Giornata internazionale degli studenti.

Mi congratulo e mi congratulo con voi, cari studenti di economia. Avete davanti a voi la gigantesca sfida di contribuire a risolvere il più grande problema del nostro Paese: che la nostra economia abbatta i muri del blocco. E di dimostrare, con impegno e talento, quanto il socialismo sia in grado di realizzare, anche nell’economia.

E visto che stiamo parlando del problema, vorrei innanzitutto ringraziare, a nome del popolo e del Governo cubano, i visitatori stranieri per le loro forti espressioni di rifiuto del blocco genocida, insieme alla loro solidarietà e al loro sostegno all’eroico popolo cubano, che oggi resiste e crea nuovi modi per affrontare le enormi difficoltà derivanti dall’assedio economico e finanziario, comprese quelle che colpiscono direttamente la famiglia cubana.

Vi ringrazio anche per la vostra presenza a Cuba, in aperta sfida alla politica imperiale, e per i dibattiti sostanziali che si sono generati qui nel vivace e intenso scambio di criteri ed esperienze diverse che, a mio modesto parere, contribuiscono allo stesso obiettivo: far sì che i vantaggi della globalizzazione funzionino per le grandi maggioranze di tutti i Paesi e non solo per le élite di un gruppo selezionato di nazioni che hanno costruito la loro prosperità a spese dell’impoverimento delle nostre. Nazioni che, tra l’altro, sono poi diventate eterne creditrici, come dimostra in modo così chiaro e doloroso l’esempio di Haiti, sorella e mille volte impoverita, che ancora paga con la profonda povertà, la violenza crescente e altri mali la sua ribellione ispiratrice: la prima rivoluzione schiavista della storia moderna.

Il debito d’indipendenza, termine assurdo e paradossale, è quello che chiamano i pagamenti di “riparazione” che la repubblica haitiana è stata costretta a fare per 122 anni per non essere nuovamente invasa dalla potente ex-metropoli che aveva sfruttato tutte le sue risorse umane e materiali con i metodi più crudeli.

Ma ancora oggi, l’unica soluzione che coloro che pretendono di essere i salvatori dei nostri vicini puniti riescono a trovare è l’invio di truppe, come spesso accade dal 1915, data della prima invasione statunitense, che si dichiarò pronta ad affrontare la povertà e l’instabilità del Paese, dopo che le Marine del nascente impero statunitense svuotarono la Banca Nazionale di Haiti.

Haiti soffre come la Palestina, la cui piccola Striscia di Gaza è diventata un test dell’inoperosità dei meccanismi e degli strumenti del diritto internazionale per prevenire il genocidio nel XXI secolo. Numerose risoluzioni delle Nazioni Unite sono state ignorate da coloro che hanno la responsabilità e l’impegno di fermare il genocidio, ma preferiscono spendere miliardi dei loro bilanci per non fermare la guerra che alimenta la loro economia.

Mentre ci riuniamo qui all’Avana, capitale di una Cuba che è stata bloccata per più di 60 anni con lo scopo dichiarato di farsi esplodere, Gaza continua a essere bombardata come culmine genocida di un altro blocco decennale.

Sette anni fa, in occasione del Vertice dei Non Allineati sull’isola di Margarita, in Venezuela, l’allora Presidente di Cuba, il Generale dell’Esercito Raúl Castro Ruz, pronunciò parole che sembrano destinate a oggi, e cito: “È inaccettabile che il popolo palestinese continui a essere vittima dell’occupazione e della violenza, e che la potenza occupante continui a impedire la creazione di uno Stato palestinese indipendente con Gerusalemme Est come capitale”.

Questo appello, ribadito tante volte da molti leader mondiali, attende ancora una risposta, come il debito estero impagabile e tante altre conseguenze di un mondo troppo ingiusto per la maggior parte dei suoi abitanti. Questa realtà non ci farà abbassare le braccia o rinunciare alla difesa di idee più giuste per realizzare il miglior mondo possibile, anche se non riusciamo a vederlo.

Questo incontro è un omaggio all’idea fondante del Comandante in Capo Fidel Castro, alla sua instancabile ricerca del miglior percorso verso l’emancipazione umana e la sopravvivenza della nostra specie, che il capitalismo neoliberista sta irrazionalmente spingendo verso l’estinzione.

Dai grandi incontri sul Debito Estero degli anni ’80 agli eventi di Globalizzazione e Sviluppo, Fidel è stato un grande costruttore di consenso e un leader dalla fede infinita nel fatto che un mondo migliore è possibile, ma solo se si trasforma l’antidemocratico e arcaico ordine economico internazionale, considerando tutte le idee volte alla salvezza dell’umanità. Le sue idee di allora, alla luce dei gravissimi problemi di oggi, sono di un’attualità sconvolgente e ci obbligano a trasformare il nostro omaggio in studio, dibattito e azione.

Pensavo a Fidel quando martedì abbiamo aperto questo incontro. La sua presenza si sente ancora qui e le sue parole vengono ricordate nelle tanto attese chiusure della Globalizzazione, sia che si tratti degli inaspettati e brevi minuti con cui ha sorpreso i partecipanti alla prima riunione, sia che si tratti delle sei ore e mezza che hanno prolungato un’altra riunione fino alle prime ore del mattino.

Ho partecipato come ospite alla prima riunione e da allora ho riletto praticamente tutto ciò che ha detto nel corso degli anni; così, quando mi ha chiesto di parlare alla chiusura, mi sono ricordato delle sue parole quando gli è stato chiesto di fare lo stesso e ha detto che avrebbe voluto avere l’eloquenza e l’erudizione di coloro che avevano parlato prima.

È esattamente quello che ho provato ascoltando le relazioni di José Luis e Gambina nella sessione di apertura e condividendo poi alcune discussioni nelle sessioni. Ma sono state proprio queste analisi a ispirarmi a sviluppare le idee che vorrei condividere con voi oggi.

Questo incontro è stato una magnifica fonte di apprendimento e un’opportunità per affermare, ratificare le convinzioni sui temi trattati, grazie alla coincidenza con i punti di vista che abbiamo condiviso.

È magnifico confermare che continua a prevalere un dibattito plurale, anche polemico, aperto ai punti di vista più diversi su questioni che devono ancora essere chiarite e che sono il risultato dei processi associati alla globalizzazione, con un impatto sullo sviluppo.

Il confronto di idee è un principio di questi incontri che dobbiamo al loro principale promotore, Fidel, che si rese conto molto presto dell’importanza del processo già descritto dagli accademici e presentò sistematicamente e in modo convincente le proprie argomentazioni teoriche, sempre dalla prospettiva degli sfruttati e degli esclusi.

Descrisse la globalizzazione come un processo oggettivo e inarrestabile di crescente interconnessione e interdipendenza delle economie nazionali a livello mondiale, che influenza tutte le sfere della vita sociale e che ha le sue basi e i suoi pilastri fondamentali nello sviluppo raggiunto nella tecnologia dei trasporti, delle comunicazioni e dell’elaborazione e trasmissione automatizzata delle informazioni. Ma denunciò anche con forza l’irrazionalità e l’insostenibilità dell’ondata neoliberista e l’urgenza che l’umanità prendesse coscienza della necessità di una globalizzazione della solidarietà umana come passo importante verso il trionfo definitivo della globalizzazione socialista come alternativa per la sopravvivenza della specie.

Da allora il mondo è cambiato radicalmente. Ne abbiamo avuto la conferma in un colpo solo, con la recente pandemia che ha paralizzato il pianeta per lunghi e incerti anni e ci ha lasciato tutti peggio per non aver dato alla cooperazione e alla solidarietà la loro possibilità.

I conflitti vecchi e nuovi si trasformano in guerre da cui traggono profitto solo i produttori e i trafficanti di armi. Il multilateralismo emergente sta cercando di avanzare su un percorso minato da obsolete ambizioni imperiali. Le Nazioni Unite, i suoi organi e i suoi principi sono costantemente disattesi e violati perché hanno ritardato troppo a lungo la loro necessaria democratizzazione.

Se non cambiamo l’attuale disordine mondiale, l’avidità e l’egoismo di pochi ci faranno precipitare nell’abisso, dal quale non potranno sfuggire nemmeno coloro che sono determinati a impedire un diverso paradigma di convivenza; un mondo più giusto, inclusivo ed equo, che offra alle nazioni impoverite reali opportunità di una vita dignitosa e sostenibile, in cui la fame e la povertà scompaiano definitivamente e in cui il diritto alla vita e allo sviluppo siano rispettati.

Vorrei tornare a Fidel e alle sue idee sulle sfide dell’alternativa alla globalizzazione neoliberista.

Alla chiusura del V Encuentro, lo storico leader della Rivoluzione cubana disse: “C’è un campo in cui la produzione di ricchezza può essere infinita: il campo della conoscenza, della cultura e dell’arte in tutte le sue espressioni, compresa un’attenta educazione etica, estetica e solidale, una vita spirituale piena, socialmente sana, mentalmente e fisicamente sana, senza la quale non potremo mai parlare di qualità della vita”.

“C’è qualcosa che ci impedisce di raggiungere questi obiettivi? -ha chiesto.

E poi ha detto: “Vogliamo dimostrare ciò che tutti proclamiamo: che un mondo migliore è possibile!

“È giunto il momento che l’umanità inizi a scrivere la propria storia!”.

Dopo sei decenni di blocco criminale, di 243 misure per rafforzare questa persecuzione ossessiva di tutto ciò che potrebbe significare una via d’uscita dalla crescita sulla strada dello sviluppo, Cuba sta scommettendo tutto su questo campo dove la produzione di ricchezza può essere infinita, come Fidel ha detto e dimostrato, promuovendo lo sviluppo della scienza e della conoscenza.

Permettetemi di dire a chi ancora non lo sapesse che il blocco statunitense contro Cuba non ha lasciato nulla di intentato, fino all’assurdo inserimento in una lista di presunti sponsor del terrorismo, una sorta di campo imperiale che vieta l’accesso a crediti e finanziamenti.

Gli economisti sono nella posizione migliore per capire cosa significhi questo atto di suprema malvagità contro un’intera nazione. Non esiste economia al mondo che funzioni senza finanza e credito. Ma i portavoce di questa malvagità e perversione, mentre ci bloccano e ci molestano, lanciano fiumi di diffamazione e manipolazione, con un unico scopo: incolpare il governo cubano per il dolore che causano, far credere che la pianificazione neghi lo sviluppo, che gli Stati responsabili siano inoperosi e che il socialismo sia impraticabile.

Ed ecco che Cuba, bloccata, vessata, diffamata, dimostra che solo il socialismo può garantire la giustizia sociale, anche in un mondo ingiusto, diseguale e governato da regole cieche e poteri abusivi come quello attuale.

Cuba soffre e denuncia il blocco come illegale, criminale e una violazione dei diritti umani di un’intera nazione da più di 60 anni. Ma non si ferma nei suoi programmi, non rinuncia a uno solo dei suoi Obiettivi di Sviluppo fino al 2030, cosa che poche nazioni in via di sviluppo possono anche solo tentare.

Praticamente privi di finanziamenti, crediti e accesso alle tecnologie con componenti nordamericane, così comuni da molto prima che si parlasse di globalizzazione, abbiamo progettato un sistema di governo basato sulla scienza e sull’innovazione, scommettendo sulla risorsa primaria di Cuba: il talento e la creatività del popolo, alimentati in 64 anni di Rivoluzione con solidi programmi educativi, scientifici e culturali.

Abbiamo chiesto di trasferire la ricerca dalle aule universitarie alla produzione e ai servizi, di promuovere e scambiare le conoscenze, di sfruttare al massimo gli indiscutibili vantaggi di vivere in una società in cui i mezzi di produzione fondamentali appartengono al popolo, non come un’entelechia ma come l’unica spiegazione della nostra sopravvivenza dopo sei decenni di blocco da parte di coloro che si comportano da padroni del mondo.

Crediamo e confidiamo nei giovani affinché questi progetti si concretizzino. Crediamo persino nelle migliaia di giovani che sono emigrati perché credevano che qui sarebbe stato impossibile realizzare i loro sogni, e perché abbiamo visto, soprattutto, migliaia di altri che si sono messi in gioco senza altro compenso che la felicità di fare cose eccezionali o semplici per il loro Paese.

Nonostante le aperte azioni di fuga di cervelli, di assedio e di conquista di centinaia di migliaia di giovani altamente preparati che si laureano nelle università cubane; nonostante la criminale Legge di Aggiustamento Cubano con la quale gli Stati Uniti ricevono quasi automaticamente come emigranti politici i nostri cittadini che arrivano irregolarmente alle loro frontiere, Cuba ha una massa di giovani studenti e lavoratori che stanno realizzando progetti impressionanti in patria.

Siamo l’unico Paese in via di sviluppo ad avere un proprio vaccino contro la COVID-19 e altre malattie, creato principalmente da giovani scienziati, così come quelli che hanno prodotto ventilatori polmonari paragonabili ai migliori al mondo; o quelli che attualmente stanno compiendo un’impresa nella manutenzione delle centrali elettroenergetiche, consumate da anni di sfruttamento; Oppure gli insegnanti e gli operatori sanitari, che lavorano in città e in montagna, negli ospedali e nei policlinici, a volte senza le condizioni materiali per fornire un servizio ottimale, eppure hanno mantenuto i nostri indicatori di qualità della vita a livelli paragonabili ai migliori del mondo; o ancora coloro che intraprendono progetti in forme non statali, le note PMI, spesso legate a entità statali cubane. Le abbiamo incontrate nei nostri viaggi in tutto il Paese, alle prese con la scarsità ma anche con l’inefficienza e l’ozio.

Non esistono società perfette. Noi siamo ben lontani dall’esserlo. E ci manca così tanto che coloro che misurano lo sviluppo in base ai livelli di consumo della società ci descrivono come un Paese impantanato nella povertà. Tuttavia, chi conosce il volto e l’essenza della povertà descrive un’altra realtà: una nazione che resiste senza rinunciare allo sviluppo in base ai suoi livelli di conoscenza e di partecipazione al progetto sociale.

Il socialismo, un sistema così nuovo, così diverso, così bisognoso di volontà politica e partecipazione sociale per affermarsi e progredire, ci sfida a tentare ogni giorno con un nuovo ostacolo davanti a noi. Per questo non è possibile giudicare Cuba senza considerare le sfide che rendono unica la nostra esperienza e i percorsi che stiamo aprendo con la spinta della storia e del futuro che potrebbe ancora essere.

Abbiamo detto più di una volta che in un’autentica Rivoluzione, la vittoria è apprendimento, perché non stiamo marciando su un percorso collaudato. Marceremo lungo un sentiero recintato, cercando di evitare gli ostacoli dell’avversario e i nostri stessi errori. Chiamiamo questo esercizio continuo di apprendimento e generazione di alternative resistenza creativa.

Siamo orgogliosi di essere sfuggiti alla globalizzazione neoliberista, che non è solo un modello economico, ma anche una concezione ideologica e un progetto politico di dominio imperiale, promosso dalle principali potenze mondiali con gli Stati Uniti in testa, determinate a controllare, ridisegnare e sfruttare l’ingiusto sistema di relazioni internazionali per strutturare un Nuovo Ordine Mondiale che permetta loro di mantenere i propri interessi egemonici, quando altri importanti attori optano per il multilateralismo e la cooperazione.

Al recente Vertice del Gruppo dei 77 e della Cina, tenutosi proprio in questo Palazzo dei Congressi, abbiamo condiviso gli indicatori di sviluppo che mostrano solo il clamoroso fallimento del neoliberismo per la grande maggioranza della popolazione mondiale.

Riprendo alcuni dei dati e delle osservazioni che abbiamo espresso allora e che vorremmo ribadire ora, per la loro dolorosa forza nel descrivere l’attuale ordine globale ingiusto e insostenibile:

A soli sette anni dalla scadenza fissata per la realizzazione dell’Agenda 2030, le prospettive sono scoraggianti. Al ritmo attuale, nessuno dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sarà raggiunto e più della metà dei 169 obiettivi concordati saranno mancati.

È inaccettabile che nel XXI secolo quasi 800 milioni di persone soffrano la fame su un pianeta che produce abbastanza per sfamare tutti.

Non c’è alcuna giustificazione al fatto che, nell’era della conoscenza e dello sviluppo accelerato delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, più di 760 milioni di persone, due terzi delle quali donne, non sappiano leggere o scrivere.

I Paesi del nostro Gruppo hanno dovuto destinare 379 miliardi di dollari delle loro riserve per difendere le loro valute nel 2022, quasi il doppio dell’importo dei nuovi Diritti speciali di prelievo assegnati loro dal Fondo monetario internazionale.

Mentre i Paesi più ricchi si sottraggono all’impegno di destinare almeno lo 0,7% del loro prodotto nazionale lordo all’aiuto pubblico allo sviluppo, le nazioni del Sud devono spendere fino al 14% del loro reddito per pagare gli interessi sul debito estero.

La maggior parte dei Paesi del G77 è costretta a spendere più per il servizio del debito che per gli investimenti nella sanità o nell’istruzione.

Il cambiamento climatico minaccia la sopravvivenza di tutti, con effetti già irreversibili.

Più di 3 miliardi di persone sono colpite dal degrado degli ecosistemi. Più di un milione di specie di piante e animali sono a rischio di estinzione. Se non agiamo immediatamente, lasceremo in eredità ai nostri figli e nipoti un pianeta irriconoscibile e inabitabile.

Coloro che hanno meno influenza sulla crisi climatica sono quelli che ne subiscono maggiormente gli effetti, in particolare i piccoli Stati insulari in via di sviluppo. Mentre i Paesi industrializzati, voraci predatori di risorse e di ambiente, si sottraggono alla loro grande responsabilità e non rispettano gli impegni assunti nell’ambito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e dell’Accordo di Parigi.

Per citare solo un esempio, è profondamente deludente che l’obiettivo di mobilitare non meno di 100 miliardi di dollari all’anno fino al 2020 come finanziamenti per il clima non sia mai stato raggiunto.

Sono le popolazioni del Sud del mondo a soffrire di più per la povertà, la fame, la miseria, la morte per malattie curabili, l’analfabetismo, gli spostamenti umani e altre conseguenze del sottosviluppo. Molte delle nostre nazioni sono definite povere, mentre in realtà dovrebbero essere considerate nazioni impoverite. E questa condizione, in cui siamo stati precipitati da secoli di dipendenza coloniale e neocoloniale, deve essere invertita, perché non è giusta e perché il Sud non porti più il peso morto di tutte le disgrazie.

Nel mezzo del più colossale sviluppo scientifico e tecnico di tutti i tempi, il mondo è tornato indietro di tre decenni in termini di riduzione della povertà estrema e ci sono livelli di carestia che non si vedevano dal 2005.

Nel Sud del mondo, più di 84 milioni di bambini sono ancora fuori dalla scuola e più di 660 milioni di persone sono prive di elettricità; solo il 36% della popolazione utilizza internet nei Paesi in via di sviluppo meno sviluppati e senza sbocco sul mare, rispetto al 92% che ha accesso nei Paesi sviluppati.

Si consideri che il costo medio di uno smartphone è pari ad appena il 2% del reddito mensile pro capite in Nord America, mentre questa cifra sale al 53% in Asia meridionale e al 39% nell’Africa subsahariana. Non si può parlare seriamente di progresso tecnologico o di accesso equo alle comunicazioni di fronte a queste realtà.

La transizione energetica avviene anche in condizioni di profonda disuguaglianza che tende a perpetuarsi. La sproporzione nel consumo di energia tra i Paesi sviluppati (167,9 gigajoule per persona all’anno) e quelli in via di sviluppo (56,2 gigajoule per persona all’anno) è una conseguenza del divario economico e sociale esistente ed è anche la causa di questo divario che continua a crescere.

Una parte sostanziale delle malattie più diffuse nei Paesi in via di sviluppo sono quelle prevenibili e/o curabili. L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato nel suo Rapporto sulla salute mondiale che, secondo le stime, ogni anno 8 milioni di persone muoiono prematuramente a causa di malattie e condizioni prevenibili. Questi decessi rappresentano un terzo di tutte le morti umane che avvengono ogni anno nel mondo.

Tutti, o quasi, cerchiamo di attrarre investimenti diretti esteri come componente necessaria per lo sviluppo e la gestione delle economie.

Ma sappiamo che il più delle volte non sono accompagnati dal trasferimento di conoscenze e dall’assistenza allo sviluppo delle capacità. Questa assenza fa sì che i Paesi in via di sviluppo vengano collocati in fondo alle catene globali del valore e che la loro ricerca in campo sanitario, alimentare, ambientale e in altri settori venga fortemente limitata o sistematicamente svalutata.

Questo fenomeno si accompagna alla fuga dei talenti o a quella che viene comunemente definita “fuga dei cervelli”, ovvero la pratica dei Paesi più sviluppati di beneficiare delle competenze e delle conoscenze dei professionisti che i Paesi in via di sviluppo formano faticosamente, spesso senza alcun sostegno da parte delle nazioni più ricche.

Si tratta di una fuga massiccia e di un contributo finanziario notevole dai Paesi in via di sviluppo a quelli ricchi, molto più grande, tra l’altro, dell’aiuto pubblico allo sviluppo, sulla base di un flusso migratorio devastante per i Paesi sottosviluppati.

La privatizzazione del sapere pone limiti alla circolazione e alla ricombinazione delle conoscenze. Limita il progresso e le soluzioni scientifiche ai problemi. Costituisce un ostacolo significativo allo sviluppo e al ruolo che la scienza, la tecnologia e l’innovazione dovrebbero svolgere in esso. Aggrava le condizioni socio-economiche dei Paesi in via di sviluppo.

Basti pensare che, nel bel mezzo della più grande pandemia che l’umanità abbia mai conosciuto, solo dieci produttori rappresentavano il 70% della produzione di vaccini contro il COVID-19. La pandemia ha illustrato in modo eclatante il costo dell’esclusione scientifica e digitale, mietendo vittime e aumentando il divario tra Nord e Sud.

Di conseguenza, i Paesi in via di sviluppo avevano solo 24 dosi di vaccino ogni 100 persone, mentre i Paesi più ricchi avevano quasi 150 dosi ogni 100 persone. Di fronte all’invito a moltiplicare la solidarietà e ad accantonare le fratture, il mondo ha finito per essere assurdamente più egoista.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha formulato la ben nota sindrome 90/10, secondo la quale il 90% delle risorse per la ricerca sanitaria sono destinate alle malattie che causano il 10% della mortalità e della morbilità, mentre quelle che causano il 90% della mortalità e della morbilità ricevono solo il 10% delle risorse. Le multinazionali del farmaco non sono chiaramente interessate a curare le persone, ma hanno bisogno che siano malate per ottenere maggiori profitti.

Se ci si rivolge ai mercati finanziari, le nazioni del Sud del mondo hanno dovuto affrontare tassi di interesse fino a otto volte superiori a quelli dei Paesi sviluppati. Circa un quinto delle economie in via di sviluppo ha liquidato più del 15% delle proprie riserve valutarie internazionali per attutire la pressione sulle valute nazionali.

Nel 2022, 25 Paesi in via di sviluppo hanno dovuto destinare più di un quinto del loro reddito totale al servizio del debito pubblico estero, il che equivale a una nuova forma di sfruttamento.

La spesa globale per la ricerca e lo sviluppo tra il 2014 e il 2018 è aumentata del 19,2%, superando il tasso di crescita economica globale del 14,6%. Tuttavia, rimane altamente concentrata, con un contributo del 93% da parte dei Paesi del G20.

Le risorse necessarie per una soluzione fondamentale a questi problemi esistono. Solo nel 2022, la spesa militare globale ha raggiunto la cifra record di 2,24 trilioni di dollari. Quanto si potrebbe fare con queste risorse a vantaggio del Sud del mondo?

Per raggiungere la partecipazione inclusiva universale all’economia digitale sarà necessario investire nei nostri Paesi almeno 428 miliardi di dollari entro il 2030, una richiesta che può essere soddisfatta con appena il 19% della spesa militare globale.

Eppure il Sud sembra destinato a vivere con le briciole che il sistema attuale gli riserva. Il sostegno finanziario del Fondo Monetario Internazionale ai Paesi meno sviluppati e ad altri a basso reddito dal 2020 alla fine di novembre 2022 non supera l’equivalente di quanto la Coca Cola ha speso solo per la pubblicità del marchio negli ultimi otto anni.

Nel frattempo, appena meno del 2% del già carente Aiuto pubblico allo sviluppo è stato destinato alla scienza, alla tecnologia e alle capacità di innovazione.

Secondo le stime, il 9% della spesa militare globale potrebbe finanziare l’adattamento al cambiamento climatico in dieci anni e il 7% sarebbe sufficiente a coprire il costo della vaccinazione universale contro le pandemie.

Un’architettura finanziaria internazionale che perpetua tali disparità e costringe i Paesi in via di sviluppo a vincolare le risorse finanziarie e a indebitarsi per proteggersi dall’instabilità che il sistema stesso genera, che allarga le tasche dei ricchi a spese delle riserve dei più poveri per l’80% è, senza dubbio, un’architettura ostile al progresso delle nazioni. Deve essere demolita se davvero aspira a portare allo sviluppo la grande massa delle nazioni in via di sviluppo.

La pandemia COVID-19, da cui il pianeta non è ancora completamente libero, ci ha insegnato dure lezioni. Se da un lato si sono manifestati valori e virtù edificanti e ci sono stati notevoli esempi di spirito di solidarietà, dall’altro è stata purtroppo rivelata la natura profondamente disumana dell’attuale sistema internazionale. Hanno prevalso l’insensibilità e l’egoismo di fronte alle sofferenze umane e la logica del profitto per i vaccini e le attrezzature mediche essenziali.

È essenziale intraprendere una riforma approfondita delle istituzioni finanziarie internazionali, sia in termini di governance che di rappresentanza e accesso ai finanziamenti, che tenga in debito conto gli interessi legittimi dei Paesi in via di sviluppo ed espanda la loro capacità decisionale nelle istituzioni finanziarie globali.

È essenziale chiedere la fine delle misure coercitive unilaterali e dei blocchi illegali, come quello contro Cuba, ulteriormente intensificato dall’inclusione fraudolenta del nostro Paese nell’elenco arbitrario e unilaterale dei Paesi che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo.

Questo per quanto riguarda i frammenti della presentazione che abbiamo fatto a nome delle maggioranze, escluse dai benefici della globalizzazione e dello sviluppo.

In questi giorni mi sono chiesto in silenzio, ascoltando con attenzione ogni intervento, se esiste oggi nel mondo un’economia in via di sviluppo che sia sfuggita alle conseguenze del disordine globale e che offra prosperità al suo popolo. Non ho sentito citare alcun esempio.

Dovremo concludere che la tirannia del mercato al servizio delle economie più potenti del pianeta non solo non ha risolto nessuno dei nostri problemi, ma ci ha fatto cadere in quella che il mio caro amico Frei Betto chiama globocolonizzazione.

Cari amici:

Grazie per l’opportunità di ascoltarli e di ascoltarmi!

C’è ancora molto da dire e da proporre. Per questo ci auguriamo di vedervi all’Avana nel 2025.

Muchas gracias.

https://youtu.be/RaUFwXVZs5c

Fonte: Presidencia y Gobierno de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...