La doppia morale dell’Europa

Print Friendly, PDF & Email

Il Parlamento europeo “così preoccupato” per i diritti umani a Cuba, approvando una serie di risoluzioni che condannano violazioni inventate dal Dipartimento di Stato americano, simili a quelle contro il Venezuela, non ne ha redatta nemmeno una per condannare e sanzionare Israele per i crimini contro l’umanità commessi nei suoi continui bombardamenti di ospedali e centri per i rifugiati palestinesi.

Queste azioni dell’aviazione israeliana violano le norme internazionali, tra cui le Regole di guerra aerea stabilite dalla commissione di giuristi che presentò all’Aia, nel febbraio 1923, un rapporto sulla revisione della guerra, dove si stabilisce nel capitolo IV, articolo 22:

“Sono proibiti i bombardamenti aerei per terrorizzare la popolazione civile o per distruggere o danneggiare proprietà private di natura non militare o per ferire i non combattenti”.

Un’altra violazione da parte di Israele nei suoi attacchi criminali su Gaza è la Convenzione di Ginevra, 12 agosto 1949, relativa alla protezione delle persone civili in tempo di guerra, nel titolo I, articolo 4, che afferma:

“La presente Convenzione protegge le persone che, in qualsiasi momento e in qualsiasi modo, si trovano, in caso di conflitto o di occupazione, in potere di una parte in conflitto o di una Potenza occupante di cui non sono sudditi”.

Essi violano anche l’articolo 18 che afferma che:

“In nessun caso gli ospedali civili organizzati per la cura dei feriti, dei malati, degli invalidi e delle partorienti possono essere sottoposti ad attacchi; essi devono essere sempre rispettati e protetti dalle parti in conflitto”.

Tuttavia, Israele bombarda premeditatamente Al-Shifa, il più grande ospedale della Striscia di Gaza, con l’intenzione di uccidere i bambini, le donne e i feriti, secondo il principio di radere al suolo la Palestina per impossessarsi del suo territorio, cosa che fa da 75 anni, senza ascoltare le risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, perché hanno il pieno appoggio degli Stati Uniti, un Paese che ogni anno dà a Israele 4 miliardi di dollari in aiuti e che in questo momento ne ha appena approvati 14, utilizzati per cercare di sterminare i palestinesi senza il minimo rispetto per la vita.

Dall’inizio di ottobre 2023, i bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza e soprattutto sugli ospedali hanno ucciso 11.000 persone, tra cui più di 8.000 donne e bambini, insieme a quasi 28.000 feriti, cifre che crescono di ora in ora.

La crudeltà israeliana è tale da dare la priorità ai bombardamenti nei reparti di maternità e di emergenza, dove si registra il maggior numero di morti e feriti, e da arrivare a sparare con cattiveria sulle persone che cercavano di fuggire dall’ospedale di Al Shifa, senza il minimo senso di umanità, un atteggiamento comune da più di mezzo secolo.

Le immagini trasmesse in diretta dalla rete televisiva Al Jazeera il 9 novembre mostrano che il massiccio bombardamento effettuato quella notte nei pressi dell’ospedale di Beit Lahia aveva lo scopo di uccidere e diffondere il panico tra gli operatori sanitari, i feriti e la popolazione civile.

L’organizzazione umanitaria Medici senza frontiere (MSF) ha denunciato queste azioni omicide, ma, con il cinismo che la contraddistingue, Israele ha respinto le accuse del bombardamento di Al Shif, come dichiarato da Moshe Tetro, capo dell’Amministrazione di coordinamento per Gaza, come se il mondo non vedesse i risultati di questi bombardamenti.

Di fronte a questi omicidi, il Parlamento europeo è complice del silenzio, perché come fedele agnello di Washington non può condannare Israele, a riprova che le sue azioni contro Cuba e Venezuela sono su ordine degli yankee.

Oggi più che mai, con onorevoli eccezioni, sono evidenti i doppi standard dei parlamentari europei, sempre così “preoccupati” per i diritti umani nei Paesi che non accettano di inginocchiarsi davanti agli Stati Uniti.

Si vergognino gli europei per questo atteggiamento remissivo e complice che mette a nudo la verità del loro Parlamento, in un momento in cui il mondo rifiuta e condanna i crimini commessi da Israele, sempre sostenuto e sovvenzionato dagli yankee che si proclamano “campioni dei diritti umani”.

Come un uccello della stessa piuma, la legislatrice repubblicana della Florida Michelle Salzman, durante una sessione della Camera dei Rappresentanti dello Stato sulla de-escalation della violenza nella Striscia di Gaza, il 10 novembre, alla domanda di Angie Nixon, rappresentante democratica: Quanti altri palestinesi devono morire prima che le ostilità cessino?

Salzman ha risposto immediatamente: Tutti.

Questo ha dimostrato l’odio e la mancanza di umanità, in una situazione condannabile per chi ha valori etici e morali e rispetto per la vita degli esseri umani.

L’olocausto subito dagli ebrei viene ora ripetuto dagli stessi ebrei contro i palestinesi, che lo subiscono da 75 anni con la complicità di potenze come gli Stati Uniti e l’Europa.

Organizzazioni come Amnesty International, Human Rights Watch, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e Papa Francesco hanno chiesto a Israele di smettere di bombardare e di togliere immediatamente il blocco a Gaza, perché la punizione collettiva della popolazione palestinese costituisce un crimine di guerra.

Da anni le Nazioni Unite lavorano per codificare e perseguire i crimini di guerra, così come le Convenzioni dell’Aia del 1899 e del 1907, le Convenzioni di Ginevra del 1864 e del 1949 (più i Protocolli del 1977), i principali strumenti che identificano i crimini di guerra. Inoltre, la Corte penale internazionale (CPI), istituita nel 2002 con lo Statuto di Roma e con sede all’Aia, nei Paesi Bassi, in uno dei suoi più recenti capitoli sull’argomento, è incaricata di processare le persone accusate di crimini di guerra.

La CPI ha adottato definizioni specifiche per il genocidio, i crimini di guerra, i crimini contro l’umanità e il crimine di aggressione, affermando che:

“I crimini di guerra comprendono gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra e altre gravi violazioni delle leggi e delle consuetudini applicabili nei conflitti non internazionali, enumerate nello Statuto di Roma, quando sono commesse come parte di un piano o di una politica o su larga scala”.

Human Rights Watch afferma che l’assedio di Gaza costituisce una punizione collettiva e un crimine di guerra, mentre Volker Türk, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha dichiarato:

“Prima del 7 ottobre, Gaza era stata descritta come la più grande prigione a cielo aperto sotto 56 anni di occupazione e 16 anni di assedio, e la punizione collettiva di Israele nei confronti dei civili palestinesi equivale a un crimine di guerra, così come l’evacuazione forzata illegale dei civili”.

Ma finché gli Stati Uniti, signore e padrone del mondo, manterranno il loro sostegno politico, militare e finanziario a Israele, i crimini commessi continueranno nel totale disprezzo del diritto internazionale e del rispetto per la vita di milioni di palestinesi.

Aveva ragione José Martí quando diceva:

“Tacere su un crimine significa commetterne un altro”.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it


Vallina (IU) denuncia la “doppia morale e l’ipocrisia dell’Unione Europea nei confronti di Israele”.

All’Assemblea parlamentare europea è intervenuta Ángela Vallina, eurodeputata di Izquierda Unida:

Perché l’UE pratica questo doppio standard, questa ipocrisia con Israele, se si tratta di un governo che non rispetta minimamente il diritto internazionale, né le sentenze della Corte dell’Aia, né i diritti umani, né i trattati e gli accordi che sottoscrive, nemmeno i confini?

Fonte

Potrebbero interessarti anche...