Milei annuncia una ricostruzione senza mezze misure in Argentina

Print Friendly, PDF & Email

Da un palco all’esterno dell’Hotel Libertador della capitale, ha assicurato che la sua amministrazione si baserà su tre presupposti: “un governo limitato che rispetti rigorosamente gli impegni presi, il rispetto della libertà privata e il libero commercio”.

Inoltre, ha affermato che è necessario procedere rapidamente con cambiamenti strutturali e drastici.

Milei ha anche ringraziato l’ex presidente Mauricio Macri, l’ex candidata di Juntos por el Cambio Patricia Bullrich e il consigliere e “vero architetto nell’ombra” Santiago Caputo, nipote di un amico dell’ex capo di Stato, per il loro sostegno.

Tutti coloro che vogliono unirsi alla nuova Argentina sono i benvenuti. Non importa da dove vengano o cosa abbiano fatto in precedenza. Un modo di fare politica è finito e ne inizia un altro. Domani, dalla prima ora, inizieremo a lavorare per portare le soluzioni di cui abbiamo bisogno il 10 dicembre”, ha dichiarato.

Prensa Latina

Inizia il processo di transizione in Argentina

Dopo il secondo turno delle elezioni politiche, l’Argentina inizia oggi un processo di transizione, con il Presidente Alberto Fernández che esorta a un’azione ordinata e responsabile.

Il giorno prima, il leader di La Libertad Avanza, Javier Milei, ha ricevuto 14.473.340 voti (55,69%), mentre il rappresentante di Unión por la Patria (UP), Sergio Massa, ha registrato il sostegno di 11.513.116 cittadini (44,30), secondo i dati diffusi con il 99,25% dei seggi elettorali scrutinati.

Fernández ha sottolineato l’affluenza alle urne, che ha superato il 76% di oltre 35 milioni di cittadini, e ha sottolineato che il popolo ha espresso la sua volontà.

Milioni di persone sono andate a votare e hanno definito il destino del Paese per i prossimi quattro anni. Sono un uomo di democrazia e non apprezzo nulla di più del verdetto del popolo”, ha scritto il presidente sul suo profilo sul social network X.

Confido che si possa iniziare a lavorare con Milei per garantire una transizione ordinata”, ha aggiunto.

Da parte sua, Massa ha detto di essersi congratulato con il suo avversario e ha sottolineato che è stata una campagna elettorale molto lunga e difficile, e che a un certo punto ha avuto dei risvolti un po’ rudi che sperava venissero abbandonati per sempre.

Ha inoltre dichiarato di aver detto a Milei e Fernández della necessità di mettere in moto meccanismi di collegamento e di transizione per il cambiamento democratico, in modo che nei prossimi giorni gli argentini non abbiano dubbi o incertezze sul normale funzionamento economico, sociale, politico e istituzionale del Paese.

I cittadini hanno scelto una strada diversa e la responsabilità di fornire certezze e garanzie sul funzionamento del Paese spetta al nuovo presidente. Ci auguriamo che lo faccia”, ha dichiarato.

D’altra parte, ha sottolineato il valore della convivenza democratica e del rispetto per gli altri e ha ringraziato i sindacati, le organizzazioni sociali e la società civile per il loro sostegno.

Questa giornata sancisce che l’Argentina ha un sistema democratico forte, solido e trasparente che rispetta sempre i risultati. Non sono i numeri che ci aspettavamo. Oggi si chiude una fase della mia vita politica, ma sappiate che potrete sempre contare su di me per difendere il lavoro, l’istruzione pubblica, l’industria nazionale e il federalismo”, ha dichiarato.

La convivenza, il dialogo e il rispetto della pace sono il modo migliore per affrontare la violenza e l’interdizione, ha aggiunto.

A sua volta, la leader della gioventù peronista, Lucía Cámpora, ha sottolineato l’importanza di agire con più organizzazione che mai, con coraggio, temperanza e lealtà nei confronti della vicepresidente Cristina Fernández.

Da parte sua, l’ex candidata del Frente de Izquierda, Myriam Bregman, ha assicurato che affronteranno le azioni di Milei con mobilitazioni.

Arriva senza governatori o maggioranze parlamentari e con ampi settori contrari alle sue politiche e a quelle della sua vicepresidente (Victoria Villarruel). Saremo in piazza di fronte a ogni attacco perché la sua libertà è quella di uno sfruttamento illimitato”, ha commentato.

Da parte sua, il leader del Frente Patria Grande, Juan Grabois, ha esortato ad affrontare le avversità con forza, a sostenere l’organizzazione con saggezza e a mantenere salde le nostre convinzioni.

Più forti che mai, con la Costituzione in mano e il popolo nel cuore, torneremo molto meglio. Nessuno si arrende qui; se la persecuzione ci colpirà, sarà la fucina del futuro. Che il sogno di una patria giusta, libera e sovrana con una terra, un tetto e un lavoro per tutti possa vivere per sempre”, ha detto.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it


Cosa accadrebbe in Argentina con la dollarizzazione proposta da Milei?

Il candidato de La Libertad Avanza (LLA), il fanatico ultraliberista Javier Milei, ha confermato durante il dibattito presidenziale prima del ballottaggio presidenziale in Argentina che sosterrà le sue due principali proposte elettorali in materia economica: la dollarizzazione dell’economia e la chiusura della Banca Centrale. Lo ha fatto presentando le sue idee di politica economica e monetaria e si trattava di iniziative che erano state messe in discussione dopo il riavvicinamento avuto con Mauricio Macri e Patricia Bullrich dopo il 22 dicembre. Infatti, davanti al risultato sorprendete del peronista Massa autore di un grande recupero, Milei che imbracciava la motosega e diceva di voler fare a pezzi la cosiddetta ‘casta’, ha poi deciso di stringere all’alleanza proprio con una parte di essa rappresentata da Macri e Bullrich.

“Dollarizzerete l’economia oppure no?” ha insistito più volte Sergio Massa con Milei durante il blocco di dibattito incentrato sull’economia. Dopo diversi tentativi, il libertario ha ammesso: “Sì, dollarizzeremo l’economia. Chiuderemo la Banca Centrale. “Metteremo fine al cancro dell’inflazione”, ha detto, anche se a differenza di altre occasioni si è astenuto dal fornire dettagli o spiegare come funzionerebbe il meccanismo di sostituzione del peso con la valuta nordamericana.

Problemi e danni derivanti dalla dollarizzazione

Ma questa misura potrebbe davvero portare dei benefici per l’Argentina? La dollarizzazione, ovvero l’adozione di una valuta estera come unica moneta a corso legale, può comportare una serie di problemi, danni ed effetti collaterali per un’economia. Uno dei problemi principali è la perdita di controllo sulla politica monetaria. Quando un paese dollarizza, perde il potere di manipolare i propri tassi di interesse, tassi di cambio e offerta di moneta, poiché queste decisioni sono ora determinate dalla banca centrale estera. Questa perdita di autonomia può limitare la capacità di un Paese di rispondere alle condizioni economiche interne, potenzialmente esacerbando gli squilibri economici e aumentando la vulnerabilità agli shock esterni.

Un altro problema legato alla dollarizzazione è il potenziale di stagnazione economica o deflazione. Una volta che un paese si dollarizza, perde la capacità di svalutare la propria valuta per aumentare la competitività sui mercati internazionali. Un tasso di cambio fisso con il dollaro può rendere le esportazioni del paese più costose, portando a un calo dei proventi delle esportazioni. Inoltre, la dollarizzazione può anche provocare pressioni deflazionistiche se il tasso di cambio fisso è troppo elevato rispetto ai livelli dei prezzi interni. Ciò può danneggiare le imprese e i consumatori poiché i prezzi e i salari diminuiscono, portando a una diminuzione dell’attività economica e degli investimenti.

Inoltre, la dollarizzazione può avere effetti negativi sulle industrie nazionali. Man mano che la valuta locale diventa obsoleta, le imprese e gli individui locali potrebbero incontrare difficoltà nell’ottenere prestiti denominati in dollari. Le banche potrebbero diventare più riluttanti a concedere prestiti a causa dei maggiori rischi di cambio, con conseguente accesso limitato al credito e investimenti ridotti. Inoltre, la dollarizzazione può anche portare a una perdita di intermediazione finanziaria, poiché il settore bancario nazionale potrebbe ridursi o essere sostituito da banche estere, riducendo la disponibilità di credito e di servizi finanziari.

Infine, la dollarizzazione può creare disuguaglianze e problemi sociali. L’uso di una valuta estera tende ad avvantaggiare coloro che hanno accesso a beni o redditi esteri, come individui facoltosi o grandi aziende. D’altro canto, gli individui a basso reddito e le piccole imprese, che operano prevalentemente nell’economia nazionale, potrebbero incontrare difficoltà nell’adattarsi a un sistema di valuta estera. Ciò può portare ad un aumento della disuguaglianza di reddito e delle divisioni sociali, esacerbando ulteriormente le tensioni economiche e sociali.

Quindi, in ultima analisi, sebbene la dollarizzazione possa offrire teoricamente alcuni vantaggi come una maggiore stabilità dei prezzi e una maggiore credibilità del sistema monetario, comporta soprattutto una serie di problemi, danni ed effetti collaterali. Questi includono la perdita del controllo della politica monetaria, la stagnazione economica o la deflazione, gli effetti negativi sulle industrie nazionali e la disuguaglianza tra la popolazione. I politici come il fanatico ultraliberista Javier Milei che contemplano la dollarizzazione dovrebbero considerare attentamente queste potenziali conseguenze e valutarle rispetto ai benefici prima di prendere una decisione così critica per le loro economie.

I vantaggi della dedollarizzazione in un mondo che vira verso in un sistema multivaluta

La proposta chiave del programma di Milei appare alquanto vetusta e fuori tempo massimo quando negli ultimi anni c’è una tendenza crescente da parte dei paesi a prendere in considerazione la de-dollarizzazione, che si riferisce al processo di riduzione della dipendenza dal dollaro USA come valuta globale dominante. Questa idea ha guadagnato terreno a causa di varie preoccupazioni come la volatilità del dollaro, il privilegio che offre agli Stati Uniti, la necessità di una maggiore stabilità nel sistema finanziario globale e soprattutto l’utilizzo da parte degli Stati Uniti della propria moneta come arma di ricatto verso governi non allineati ai desiderata di Washington. Mentre il mondo si imbarca in un sistema multivaluta, è possibile prevedere diversi vantaggi derivanti dalla dedollarizzazione.

In primo luogo, la dedollarizzazione promuove un’economia globale più equilibrata. Il predominio del dollaro USA nel commercio internazionale ha dato agli Stati Uniti un vantaggio significativo in termini di controllo dei flussi finanziari globali. Questo privilegio consente al governo degli Stati Uniti di imporre sanzioni economiche unilaterali, creando difficoltà economiche per i paesi presi di mira. Riducendo la dipendenza dal dollaro e aumentando l’uso di altre valute, come lo yuan o anche una valuta digitale come Bitcoin, il potere economico globale può essere distribuito in modo più uniforme, promuovendo un sistema finanziario internazionale più equo e inclusivo.

In secondo luogo, la dedollarizzazione fornisce protezione contro i rischi del tasso di cambio. Con la fluttuazione del dollaro, i paesi che dipendono fortemente da esso per il commercio e le riserve estere possono affrontare sfide significative e persino crisi economiche. L’eccessiva dipendenza dal dollaro può esacerbare le vulnerabilità economiche, come testimoniato durante la crisi finanziaria asiatica del 1997-98. Diversificando le valute, i paesi possono proteggersi dalle fluttuazioni valutarie e ridurre i rischi associati a un’unica valuta dominante, migliorando la stabilità economica e la resilienza.

In terzo luogo, la dedollarizzazione promuove la sovranità finanziaria. Molti paesi fanno spesso affidamento sul dollaro per le loro transazioni internazionali e per le riserve a causa della stabilità e della comodità che offre. Tuttavia, questa dipendenza può minare la sovranità economica di un paese, poiché diventa soggetto alla politica monetaria e alle decisioni economiche degli Stati Uniti. La dedollarizzazione consente ai paesi di riprendere il controllo sulla propria politica monetaria, riducendo l’influenza esterna e consentendo un processo decisionale economico più indipendente.

Inoltre, la dedollarizzazione incoraggia l’innovazione finanziaria. L’attuale sistema finanziario globale è altamente centralizzato e il dollaro gioca un ruolo dominante. Ciò limita la possibilità che le valute alternative emergano e prosperino. La dedollarizzazione creerebbe opportunità per nuove forme di valuta, come le valute digitali o le valute di riserva regionali, per acquisire importanza. Questa diversificazione può promuovere progressi tecnologici e innovazioni finanziarie che potrebbero avvantaggiare vari paesi e regioni.

Potrebbero interessarti anche...