Díaz-Canel riceve il rappresentante speciale dell’Unione europea per i diritti umani

Print Friendly, PDF & Email

Il Presidente, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha ricevuto questo venerdì pomeriggio il Sig. Eamon Gilmore, Rappresentante Speciale dell’Unione Europea per i Diritti Umani.

Nell’ampio scambio avuto, Díaz-Canel ha ribadito il fermo impegno di Cuba per la piena realizzazione di tutti i diritti umani e ha sottolineato l’importanza del dialogo e della cooperazione come mezzi efficaci per la promozione e la protezione dei diritti umani, senza politicizzazione, selettività, doppi standard o interferenze. negli affari interni dei partiti.

Il presidente ha commentato l’ampio, profondo e globale processo di riforme legislative che ha avuto luogo nel paese, che ha influenzato il rafforzamento del quadro giuridico e istituzionale per la promozione e la protezione dei diritti umani.

Tutto questo, nonostante gli effetti negativi del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dal Governo degli Stati Uniti contro Cuba, che costituisce una violazione massiccia, flagrante e sistematica dei diritti umani dei cubani.

Il Rappresentante Speciale ha realizzato una visita ufficiale di due giorni all’Avana con l’obiettivo principale di presiedere la delegazione europea al IV Dialogo sui Diritti Umani tra Cuba e l’Unione Europea.

La delegazione cubana presente a questi dialoghi era guidata da Rodolfo Benítez Verson, direttore generale degli Affari Multilaterali e del Diritto Internazionale del Ministero delle Relazioni Estere.

In un clima rispettoso e costruttivo, le parti hanno affrontato diverse questioni legate ai diritti civili, politici, economici, sociali e culturali.

Come nelle occasioni precedenti, sono emerse evidenti differenze di posizione riguardo a molti dei temi affrontati. Tuttavia, sono state individuate anche aree comuni che offrono opportunità di cooperazione.

Allo stesso modo, le due delegazioni hanno convenuto che questi scambi rappresentano un importante contributo al rafforzamento delle relazioni tra Cuba e l’Unione Europea.

Durante il suo soggiorno all’Avana, il Rappresentante Speciale ha realizzato un’intensa agenda che comprendeva incontri con autorità e altri rappresentanti dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, del Ministero di Giustizia, della Procura Generale, del Ministero degli Interni, dell’Ufficio Nazionale di Statistica e Informazione, il Centro Nazionale di Educazione Sessuale e la Federazione delle Donne Cubane, nonché con rappresentanti della società civile cubana

Allo stesso modo, il rappresentante europeo ha avuto un incontro con il Ministro degli Affari Esteri, Bruno Rodríguez Parrilla.

A seguito di questo ciclo di dialoghi sono stati raggiunti numerosi accordi, che si riflettono nell’allegato al presente comunicato stampa.

Azioni concordate tra Cuba e l’Unione Europea sulla cooperazione in materia di diritti umani

Questa cooperazione si svilupperà sulla base dei principi, modalità e procedure inclusi nell’Accordo di Dialogo Politico e Cooperazione tra Cuba e l’Unione Europea.

Sono stati concordati i seguenti quattro accordi di cooperazione iniziali:

Discutere e adottare, durante il primo trimestre del 2024, un programma di scambi tecnici in vari ambiti dei diritti umani, che potrebbero includere quelli relativi alle migliori pratiche legislative, al progresso delle donne, ai diritti sessuali e riproduttivi, all’infanzia, ai diritti delle persone con disabilità. disabilità, tra gli altri.

Discutere congiuntamente potenziali progetti di cooperazione in vari settori dei diritti umani, che includono cibo, alloggio, assistenza medica, energia, cultura, ambiente, cambiamento climatico, partecipazione dei cittadini e attenzione a persone o gruppi in situazioni vulnerabili e le raccomandazioni accettate nel Periodico Universale Recensione, tra gli altri.

Avviare l’attuazione del progetto di collaborazione “Rafforzare l’ufficio del difensore civico per la protezione globale dei diritti dei bambini e degli adolescenti”.

Continuare a promuovere la cooperazione in settori quali la digitalizzazione dei registri dello stato civile, dei notai e della Gazzetta Ufficiale.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...