L’Ospedale Lucía Íñiguez e la sua storia dopo 25 anni dalla sua fondazione

Print Friendly, PDF & Email

Dopo 25 anni di assistenza medica ininterrotta, l’Ospedale Clinico Chirurgico Lucía Íñiguez Landín della provincia di Holguín, fondato il 28 novembre 1998, ha consolidato la sua posizione come uno dei centri di riferimento del settore sanitario pubblico nell’est di Cuba.

Sebbene dal febbraio 1998 i servizi di diagnostica per immagini abbiano iniziato a ricevere i pazienti dopo l’installazione di un tomografo, il primo nella storia del territorio orientale, è in quella data che il centro ha iniziato a operare con l’esecuzione di una colecistectomia video laparoscopica per rimuovere la cistifellea.

Il moderno ospedale, il cui investimento è costato 25 milioni di pesos, aveva 330 posti letto nella fase iniziale e disponeva di un laboratorio clinico, di microbiologia e citologia, di chirurgia generale e neurochirurgia e di un’Unità di Terapia Intensiva, è stato costruito come premio e stimolo per il popolo di Holguín, come ha dichiarato il leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, durante la sua inaugurazione.

Nel corso degli anni sono state incorporate anche specialità come la Medicina Interna, la Reumatologia, la Gastroenterologia, l’Emodialisi, l’Urologia, l’Angiologia e la Patologia, con un alto livello di formazione professionale e moderne attrezzature mediche per assistere più di un milione di abitanti.

Numerosi risultati identificano il lavoro quotidiano dell’ospedale “clinico” di Holguín, tra cui i servizi regionali di oftalmologia e trapianti di organi, la chirurgia minimamente invasiva, nonché i progressi nella formazione professionale e come unità didattica dell’Università di Scienze Mediche.

Durante la pandemia di Covid-19, questo ospedale si è fatto carico anche dei casi più complessi del nuovo coronavirus e, dalla zona rossa, i suoi laureati e tirocinanti hanno salvato migliaia di vite nel bel mezzo della pandemia.

Attualmente, la Clinica Chirurgica si sta espandendo con nuovi contributi alla cura della retinite pigmentosa e dell’albinismo, malattie incluse nel monitoraggio delle popolazioni vulnerabili.

In 25 anni, il “Lucía” ha dato notevoli contributi alla ricerca, all’insegnamento, al miglioramento e ha fatto la storia della sanità pubblica cubana con la premessa di fornire cure di qualità alla popolazione.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...