Novembre/5 – Brevi Prensa Latina

Print Friendly, PDF & Email

La brigata medica cubana nel suo primo anno in Italia onora Fidel Castro

27.11 – L’anniversario dell’arrivo di una brigata medica cubana in Calabria è stato celebrato nel corso di una cerimonia in omaggio allo storico leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, a sette anni dalla sua scomparsa, ha dichiarato oggi un portavoce. Il dottor Luis Enrique Pérez, responsabile del gruppo, ha dichiarato a Prensa Latina che durante la cerimonia le autorità politiche e sanitarie locali hanno riconosciuto il lavoro svolto dal loro arrivo, il 28 dicembre 2022, dagli specialisti dell’isola, “degni seguaci delle idee di Fidel”.

Cuba ricorda la fucilazione di otto studenti di medicina nel 1871

27.11 – La fucilazione di otto studenti di medicina, uno dei crimini più efferati commessi dal regime coloniale spagnolo a Cuba, viene ricordata oggi in occasione del 152° anniversario di questo fatto. Anche con il passare del tempo, l’orrendo evento ritorna nella memoria storica della nazione come un altro esempio della perversità degli imperi in declino, come quello della Spagna del 1871, che ricevette colpi importanti dall’Esercito di Liberazione cubano.

Il Parlamento di Cuba convoca il secondo periodo ordinario di sessioni

28.11 – Il presidente dell’Assemblea Nazionale del Poder Popular di Cuba (Parlamento), Esteban Lazo, ha convocato oggi il Secondo Periodo Ordinario di Sessioni di questo organismo, nella sua X Legislatura. Le sessioni inizieranno il 20 dicembre di quest’anno, a partire dalle 9:00 (ora locale), al Palacio de Convenciones della capitale.

Cuba riafferma il suo incrollabile sostegno alla causa palestinese

29.11 – Il Presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel, ha ribadito oggi il suo incrollabile appoggio alla causa e alla legittima lotta palestinese contro l’illegale occupazione e il genocidio, in occasione della Giornata Internazionale di Solidarietà con il popolo palestinese. Nel suo account sulla rete sociale X, ex Twitter, il Presidente ha sottolineato che “spetta ai popoli del mondo saldare il debito storico con la Palestina esigendo la pace”.

Cuba sviluppa le attività che precedono la sua partecipazione alla COP28

29.11 – La delegazione cubana alla 28° Conferenza delle Parti della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP28) sta sviluppando oggi diverse attività prima dell’inizio dell’evento di domani. La rappresentanza caraibica sta ultimando i dettagli del padiglione nazionale all’Expo City di Dubai, dove mostrerà alcuni degli scopi e dei risultati dell’applicazione del Piano di Stato per la lotta al cambiamento climatico, noto come Task Life.

Cuba offre maggiori opportunità di investimento nel settore della salute

29.11 – Il settore dell’esportazione della salute a Cuba offre oggi nuove opportunità ai potenziali investitori dell’isola caraibica, dove esiste un potenziale per sviluppare diversi servizi in questo campo. La presidente dell’Azienda di Commercializzazione dei Servizi Medici di Cuba, Yamila de Armas, ha spiegato che la più grande delle Antille ha un portafoglio di opportunità e rimane aperta ad altre proposte.

Denunciato un attacco alla cultura cubana

30.11 – L’Unione degli Scrittori e degli Artisti di Cuba (UNEAC) ha denunciato oggi un attacco alla cultura dell’isola da parte di sette città degli Stati Uniti e dell’America Latina, attraverso un festival organizzato dal cosiddetto Istituto Internazionale di Artivismo Hannah Arendt. In un comunicato diffuso su Internet, l’UNEAC ha sottolineato che questo incontro si è proposto di esporre poco più di una decina di produzioni audiovisive, in cui l’obiettivo è riscrivere la storia e falsificare le realtà di questa nazione, che in mezzo alla crescente e sostenuta ostilità delle amministrazioni statunitensi, difende il suo diritto inalienabile alla sovranità, all’autodeterminazione e all’indipendenza, ha sottolineato il documento.

Cuba ricorda la rivolta armata del 1956 a Santiago

30.11 – Cuba ricorda l’insurrezione armata messa in atto esattamente 67 anni fa dal Movimento 26 Luglio per appoggiare lo sbarco di Fidel Castro sullo yacht Granma al largo della costa orientale di Cuba. L’azione, guidata da Frank País nel 1956, aveva l’obiettivo di distrarre le forze della tirannia di Fulgencio Batista (1952-1959) in Oriente per sostenere l’arrivo degli 82 spedizionieri e fomentare un clima di lotta insurrezionale in tutto il paese.

Potrebbero interessarti anche...