Fidel 60 anni fa: “I fatti parlano più delle parole”

En la graduación de 300 maestros del Pedagógico Makarenko
Print Friendly, PDF & Email

Fin dal trionfo della Rivoluzione, il Comandante in capo Fidel Castro ha stabilito che l’istruzione è un diritto fondamentale per tutti i cubani. Sono state attuate politiche e programmi per garantire l’accesso all’istruzione, indipendentemente dall’origine sociale, dal sesso o dalla posizione geografica.

Il 6 dicembre 1963, Fidel Castro ha partecipato alla cerimonia di laurea di 300 insegnanti donne dell’Istituto Pedagogico Makarenko e alla fine dell’anno scolastico di 10.000 contadine della Scuola Ana Betancourt.

Durante l’evento, che si è svolto nella Ciudad Deportiva, ha tenuto un discorso in cui ha parlato dei progressi della Rivoluzione cubana nel campo dell’istruzione e della formazione degli insegnanti, soprattutto per le zone rurali e montane dove l’accesso era più difficile.

Cubadebate e il sito Fidel Soldado de las Ideas condividono con i lettori alcuni estratti di quel discorso:

La Rivoluzione è sempre più organizzata

L’evento di questa sera è il culmine di molte cose, si può dire che oggi qui si sta svolgendo una moltitudine di lavoro. Sarebbe ancora più comprensibile se dicessi che l’evento di stasera assomiglia al corso di un fiume, che è formato da molti ruscelli, fiumi maggiori e minori, fino a quando tutte le correnti si uniscono in una sola. E qui, tutta una serie di correnti educative si uniscono in una sola, ed è per questo che quella di stasera è praticamente un’alluvione [Risate]. Si può dire che il fiume che rappresenta questo movimento rivoluzionario nell’educazione è straripato. A sua volta, questo grande fiume si riverserà nell’altro fiume più grande, che è l’enorme sforzo nazionale in materia di istruzione che si sta compiendo.

Ma si può dire che una delle più rappresentative di tutte è questa, e una delle cose in cui si può meglio apprezzare il progresso della Rivoluzione: ciò che la Rivoluzione ha guadagnato in organizzazione, in efficienza, ciò che ha guadagnato in esperienza, ciò che ha guadagnato in quadri. Perché è davvero incredibile come si sia moltiplicato il numero di quadri che sono entrati a far parte di questo movimento educativo.

Era necessario fare appello ai giovani

(…) All’inizio della Rivoluzione non c’erano insegnanti per le montagne, era difficile, perché anche la maggior parte degli insegnanti proveniva dalle città. Naturalmente, in montagna non c’erano scuole elementari – come potevano esserci insegnanti in montagna – e in campagna c’erano piccole scuole per la prima e la seconda elementare, e la cosa finiva lì.

Gli istituti di formazione per insegnanti si trovavano nelle città, e naturalmente tutto il personale docente professionale che proveniva dalle città era molto difficile da adattare alla vita in campagna. Ci sono molte storie sul lavoro, su come funzionavano le scuole; alcune scuole funzionavano molto bene, ma altre funzionavano male. In alcune scuole di campagna c’erano insegnanti molto laboriosi, ma ce n’erano altri che andavano il mercoledì e tornavano anche il giovedì. E questo in campagna, non in montagna.

Io sono nato e vissuto in campagna, e all’inizio ho frequentato una di quelle piccole scuole, e non era molto lontana, certo, la ferrovia era a quattro chilometri, ma una scuola a La Plata, a Ocujal, a Palma Mocha, a Caguara, a Gaviro, a San Lorenzo, a Caracas e in tutti questi posti della Sierra Maestra è una cosa molto difficile, perché lì sei a giorni di distanza da qualsiasi comunicazione.

Era quindi necessario fare appello ai giovani, studenti delle scuole superiori, dell’università o delle scuole professionali, che volevano intraprendere la professione di insegnante. Per metterli alla prova, organizzammo una scuola nelle Minas del Frío. Poi, lì, hanno affrontato un corso di prova di diversi mesi, comprese tre promozioni al Turquino. Perché la Rivoluzione, la guerra, la lotta in montagna ci hanno insegnato che la montagna era un banco di prova molto duro e molto buono, e quelli che non avevano il temperamento per la montagna finivano sempre per inventarsi qualcosa per tornare in pianura o per abbandonare la lotta. E alcuni di loro confessavano francamente: “Non riesco a resistere”.

Così abbiamo usato la montagna e soprattutto un ambiente di montagna, che era la zona in cui avrebbero lavorato.

Furono così organizzati tre corsi in cui studiarono migliaia di giovani e da cui uscirono migliaia di insegnanti. Ma tra gli studenti di quei corsi abbiamo fatto una selezione e abbiamo organizzato la scuola di istruzione rivoluzionaria Conrado Benítez: quindi gli istruttori Conrado Benítez sono una selezione degli insegnanti volontari, di coloro che hanno superato il corso nelle Minas del Frío e poi hanno studiato qui, hanno ricevuto un corso speciale in cui sono stati formati per il loro lavoro come istruttori rivoluzionari e, allo stesso tempo, come insegnanti, per lavorare nelle scuole notturne per lavoratori domestici.

La gioventù è la materia prima

(…) E credo che i fatti parlino più delle parole; ci sono dei miscredenti che, finché non vedono le cose, non ci credono. L’umanità progredisce grazie a chi ha fede, a chi ha fiducia nel futuro e, soprattutto, a chi ha fiducia nella gioventù, a chi capisce che la gioventù è la materia prima del grande futuro del Paese! [Applausi] Ed è per questo che dobbiamo prenderci cura di questa gioventù e dedicarci ad essa con grande attenzione. E questi giovani devono essere completamente nuovi nella loro visione della vita, nel loro atteggiamento verso tutto e, soprattutto, nel loro atteggiamento verso il lavoro, verso i loro doveri, perché questa è la speranza della società futura che vogliamo costruire.

Il vostro è un compito straordinariamente importante

(…) Ecco perché già oggi il nostro popolo guarda al futuro con ottimismo e fiducia. Il futuro di un Paese unito, di un Paese forte, di un Paese laborioso, che va avanti senza paura, con fiducia nella sua forza, nella sua energia, nella sua capacità di superare difficoltà e ostacoli. Ecco perché il futuro del nostro Paese diventa sempre più chiaro e promettente.

E questo futuro appartiene a voi, che dovete essere i forgiatori di questo futuro e, inoltre, ne godrete, voi più di chiunque altro, giovani di tutto il mondo! Tutti voi, ovunque siate, potete fare molto e farete molto! Tutti voi, contadine, tutti voi, studenti insegnanti, tutti voi, istruttori, tutti voi!

Non ho dimenticato nessuno di voi, perché in parte siete insegnanti, in parte insegnanti, in parte studenti.

E quindi, dove lavorate, dove tornate, avete l’opportunità di fare molto. E, tra le altre cose, di continuare a migliorarvi. Perché non significa che chi torna non ha speranza di ricevere una borsa di studio, no! Chi non ha ancora ricevuto una borsa di studio, lì ha la scuola, lì ha un insegnante in prima linea. E in quella scuola, studiando, potete anche raggiungere la sesta classe, e in quella scuola, studiando, potete guadagnarvi la possibilità di una borsa di studio, per studiare proprio come questi 2.557 compagni selezionati.

Quindi nessuno di voi può pensare di non avere l’opportunità. Tutti voi avete l’opportunità. E sono sicuro che molti di voi continueranno a studiare e molti di voi acquisiranno l’opportunità di ricevere una borsa di studio per studiare uno di questi insegnamenti che abbiamo citato e altri ancora.

Perché questo è il significato della Rivoluzione: l’opportunità per tutti, il diritto per tutti di poter studiare, di potersi migliorare, di poter diventare un cittadino utile del proprio Paese, di poter sviluppare al massimo la propria intelligenza! Non una sola intelligenza andrà perduta; nei nostri campi, nelle nostre montagne, non una sola intelligenza andrà perduta.

E il Paese di domani sarà grande quando tutte le intelligenze del nostro Paese lavoreranno e combatteranno in esso, quando tutte le intelligenze del nostro Paese saranno impiegate in esso!

E questa è la vostra missione: quella che avete svolto ora, selezionando le ragazze contadine che continueranno a studiare; quella che dovrete svolgere sempre più ovunque.

E soprattutto voi, insegnanti, futuri insegnanti, studenti dell’Istituto pedagogico che iniziate ora, il vostro compito è un compito straordinariamente importante, straordinariamente bello. Perché voi andrete su quelle montagne, insegnerete su quelle montagne, tutti i diplomati dei nostri istituti pedagogici passeranno per quelle montagne. E sarete voi ad avere i primi contatti con i bambini, con le intelligenze del nostro popolo.

E il compito inizia lì, nella piccola scuola di campagna; il compito inizia lì, con il maestro elementare, e finirà nelle università, finirà nei centri di ricerca scientifica.

E lavorando in questo modo, costruiremo un grande futuro, costruiremo una grande patria. È a questa grande patria che tutti pensiamo quando diciamo: “Patria o morte!

Patria o morte!

Noi vinceremo!

Resoconti integrali – Consiglio di Stato

In audio, il discorso completo:

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...