A Cuba si discute di cambiamenti climatici e rischi di catastrofi

Print Friendly, PDF & Email

La mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici per la gestione della riduzione del rischio di catastrofi segneranno la penultima giornata dell’11° Congresso internazionale sui disastri e della 7° Conferenza internazionale dei vigili del fuoco.

Il sistema di preparazione dei gruppi operativi e di soccorso in risposta a grandi eventi improvvisi, la politica dello Stato nel campo della protezione della popolazione e dei territori contro le emergenze naturali e antropiche, saranno argomenti da discutere.

Anche il ruolo della Croce Rossa nella gestione della riduzione del rischio sarà discusso durante l’incontro, che si terrà fino a domani presso il Palacio de Convenciones della capitale.

Il giorno prima, il capo dei Vigili del Fuoco cubani, Luis Carlos Guzman, ha dichiarato che garantire il rispetto degli standard di sicurezza e protezione antincendio è un compito importante nel Paese caraibico.

Parlando con Prensa Latina, Guzmán ha detto che tutte le questioni saranno analizzate in profondità e discusse tra i partecipanti al conclave.

Stiamo scambiando esperienze con i vigili del fuoco di varie parti del mondo e siamo sicuri che trattare la prevenzione, i sistemi di sicurezza e i modi di agire contribuirà a ridurre il numero di incidenti a livello internazionale”, ha detto il primo colonnello del Ministero dell’Interno.

I vigili del fuoco di Cuba raddoppieranno la loro vigilanza e il controllo del rispetto delle misure di sicurezza, ed entro il 2024 abbiamo in programma di lavorare con tutto ciò che riguarda i nuovi investimenti, che serviranno a evitare eventi sfortunati, ha detto il funzionario.

In Disastri 2023 vengono analizzati temi come la Piattaforma nazionale per la gestione della riduzione del rischio di disastri e la preparazione integrale della società per raggiungere una cultura e una gestione efficace nella gestione dei disastri.

Anche l’origine naturale, tecnologica e sanitaria dei disastri, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione e le infrastrutture di dati speciali fanno parte della discussione.

I partecipanti affrontano questioni relative alla cooperazione e all’assistenza internazionale, alla gestione degli eventi estremi e all’introduzione di nuove tecnologie per la risposta alle catastrofi.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...