Cuba è sempre stata disposta a dialogare con gli Stati Uniti in condizioni di uguaglianza

Print Friendly, PDF & Email

Vice Ministro degli Affari Esteri di Cuba, Ambasciatore Carlos Fernández de Cossío: Cuba è sempre stata disposta a dialogare con gli Stati Uniti in condizioni di uguaglianza, rispetto e nello spirito di cercare soluzioni globali.

Ambasciatore Rogelio Sierra, Rettore dell’Instituto Superior de Relaciones Internacionales “Raúl Roa García”.

Ambasciatore Dr. José Ramón Cabañas, Direttore del Centro di Ricerca sulla Politica Internazionale.

Grazie per averci invitato nuovamente a questo evento. Nel Ministero degli Affari Esteri e in particolare nella Direzione Generale degli Stati Uniti, lo consideriamo un’occasione in cui impariamo sempre e in cui abbiamo sempre il privilegio di ascoltare persone che hanno dedicato anni allo studio di questa materia. Mi congratulo per lo sforzo di cercare di ringiovanire l’evento.

Membri del corpo diplomatico, amici, accademici, specialisti, colleghi.

L’anno che sta per concludersi è stato molto rappresentativo dei forti legami di Cuba a livello internazionale, dell’attivismo e della politica estera del nostro Paese e del grado di simpatia e riconoscimento di cui gode il nostro Paese.

Tra poche settimane, Cuba concluderà il suo mandato di presidenza del Gruppo dei 77 e della Cina, una responsabilità che abbiamo assunto a seguito di una richiesta dei Paesi sottosviluppati, che rappresentano la maggioranza dei Paesi del mondo e circa l’80% della popolazione mondiale, e che abbiamo preso molto seriamente.

Ci ha dato la possibilità di influenzare importanti processi negoziali come gruppo. Abbiamo avuto l’opportunità di organizzare con successo un vertice dei Paesi in via di sviluppo a Cuba, che ha contribuito a promuovere l’agenda di interesse per questi Paesi. È stata anche un’opportunità per sperimentare molte espressioni, a livello di capi di Stato e di governo, di simpatia e solidarietà con Cuba.

Ha comportato anche un grande sforzo per partecipare ai massimi livelli del nostro governo a molti eventi internazionali, tra cui la Conferenza di Parigi sulla struttura monetaria e finanziaria internazionale, un vertice BRICS e altri eventi come la COP sul cambiamento climatico.

Quest’anno Cuba è stata nuovamente eletta al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite con il voto più alto tra i Paesi dell’America Latina e uno dei voti più alti mai ottenuti, nonostante gli sforzi che sappiamo essere stati compiuti dal governo degli Stati Uniti per impedire l’elezione di Cuba.

Abbiamo continuato a partecipare al processo di pace in Colombia tra il governo colombiano e l’Esercito di Liberazione Nazionale. L’Avana è stata ancora una volta la sede di un ciclo di dialoghi di pace, in cui sono stati adottati due importanti accordi: il primo accordo su uno dei punti all’ordine del giorno e un accordo di cessate il fuoco molto importante per questo processo.

Sono cresciuti – diremmo – i legami con l’America Latina e i Caraibi, sia a livello bilaterale con i Paesi che a livello sub-regionale, con una dinamica di maggiore attivismo e interazione che è stata promossa all’interno della regione.

Abbiamo rafforzato i legami con i popoli e i governi dell’Africa, una regione a cui siamo legati da vincoli storici che consideriamo fraterni. Abbiamo ampliato gli incontri ad alto livello con i Paesi asiatici e mediorientali. Abbiamo ampliato i legami con l’Unione Europea e l’Unione Economica Eurasiatica, e abbiamo anche rafforzato i legami con un gruppo di Paesi, tra cui Russia, Turchia, Serbia e altri. Il nostro Presidente sta concludendo una visita di successo in Medio Oriente, oltre a partecipare alla COP 28 sul cambiamento climatico.

Non c’è dubbio che si tratta di un successo importante per un Paese delle dimensioni di Cuba, con un’economia e una popolazione delle nostre dimensioni. Ed è un riflesso del fatto che Cuba gode di riconoscimento e prestigio grazie ai nostri precedenti, alla nostra condotta pulita, costruttiva, promotrice di pace e favorevole al dialogo – in qualsiasi circostanza – per le relazioni tra Paesi e per la risoluzione dei conflitti.

Questo, ovviamente, ha un’eccezione, che è quella degli Stati Uniti.

A volte ci sono episodi che illustrano questo rapporto. A febbraio, un’eccezionale artista, cantante e compositrice di nome Norah Jones, molto conosciuta negli Stati Uniti e ben nota al pubblico cubano, aveva in programma di esibirsi nel nostro Paese, per il piacere e il beneficio del popolo cubano. E questo spettacolo, previsto per il mese di febbraio e promosso, ha dovuto essere cancellato a causa delle molestie, delle angherie a cui la cantante è stata sottoposta da parte – direi – degli elementi più rabbiosi dei settori anticubani negli Stati Uniti.

Non è una novità. Gli appassionati di baseball che hanno seguito il campionato Baseball Classic hanno assistito all’imbarazzante spettacolo nello stadio di Miami quando la squadra cubana ha giocato contro la squadra statunitense, una squadra che aveva dimostrato per tutto il campionato di avere una superiorità tecnica rispetto alla squadra cubana, e non è stata una sorpresa che abbia vinto la partita. Ma la partita è stata macchiata, poiché la squadra cubana ha dovuto gareggiare in condizioni di duro svantaggio a causa delle molestie.

Le molestie che ci sono state, e quelle che sono avvenute con Norah Jones, sono il risultato di un atteggiamento permissivo da parte delle autorità governative degli Stati Uniti, che favoriscono questo tipo di comportamento anche per il modo in cui si comportano nei confronti del nostro Paese. Ne parlo perché sono esempi a volte marginali ma imbarazzanti del modo in cui si sviluppano le relazioni tra i nostri due Paesi.

L’esibizione di Norah, ovviamente, sarebbe avvenuta con una licenza e un permesso, perché qualsiasi legame tra un americano e Cuba è, di norma, vietato. È tutto vietato avere un legame con Cuba. Per viaggiare nel nostro Paese, per partecipare a un evento come questo, è necessario un permesso – sia esso una licenza, che può essere generale o esplicita e specifica.

Il governo degli Stati Uniti ha questa capacità di controllo sui cittadini statunitensi o su chiunque viva sotto la giurisdizione degli Stati Uniti, all’interno di quel territorio. Per interagire con Cuba è necessario un permesso, per partecipare a un evento, per viaggiare come funzionario governativo, per intraprendere una conversazione d’affari, per vedere dove una persona alloggerà. Il governo è in grado di dirvi dove potete o non potete fermarvi a dormire. Nei tribunali statunitensi si può essere incriminati se si beve un mojito e non è esplicitamente indicato sulla licenza. È necessario un permesso per giocare a baseball, per pescare, per giocare a golf, per sposarsi, per innamorarsi – e suppongo per tutto ciò che fanno gli innamorati. Questa è la realtà in entrambi i nostri Paesi.

Il fatto è che, a tre anni dall’attuale amministrazione statunitense, non c’è stato alcun cambiamento sostanziale, né c’è alcuna prospettiva di cambiamento sostanziale. Sappiamo che il governo ha un margine di manovra sufficiente per cambiare la situazione attuale, se ne avesse la volontà.

La politica Trump-Biden, o Biden-Trump se usiamo l’ordine alfabetico, è caratterizzata da più di 240 misure ostili che sono state stabilite per due scopi: uno, rendere la vita il più difficile possibile per i cittadini cubani – gli 11 milioni di cubani – e, in secondo luogo, smantellare i progressi che esistevano nel 2015 e 2016 sotto l’amministrazione Obama-Biden.

Queste misure (243) hanno diverse caratteristiche. Una parte importante – ma non tutte – sono associate al tentativo di rafforzare il blocco economico. Mi riferirò a quelle che hanno il maggiore impatto sulla nostra popolazione, sulla nostra economia. Alcuni di voi li conosceranno bene, ma mi prendo la briga di indicarli, perché aiutano a dissipare i dubbi di chi ancora crede che i problemi economici del nostro Paese non siano il risultato, in misura molto rilevante, della politica ostile degli Stati Uniti e di chi sostiene che i problemi economici di Cuba siano fondamentalmente il risultato di problemi di amministrazione, gestione, modello o politica economica.

Tra queste misure, una delle più dannose è, ovviamente, la presenza di Cuba nella lista del Dipartimento di Stato dei Paesi che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo. Sappiamo che si tratta di una lista arbitraria e unilaterale, che non è riconosciuta da nessuna entità a livello globale, e che è una lista che, in termini pratici, per il modo in cui viene utilizzata, non fa altro che demeritare o screditare la volontà del governo degli Stati Uniti o l’atteggiamento del governo degli Stati Uniti nei confronti di una cosa così grave e seria come il terrorismo.

L’uso della lista per scopi opportunistici scredita la posizione degli Stati Uniti sul terrorismo, ma l’impatto più grave non è la diffamazione. L’impatto più grave è l’effetto che ha sull’economia cubana, dal momento che, a livello globale e al di fuori della giurisdizione degli Stati Uniti, molte istituzioni bancarie e finanziarie rifiutano – o sono diffidenti – di avere rapporti con un Paese incluso nella lista per paura di rappresaglie da parte del governo statunitense. E questo è un immenso disservizio per qualsiasi Paese nella conduzione della propria economia.

Le entità commerciali, ad esempio, che tradizionalmente esportano input per l’industria farmaceutica a Cuba, si sono rifiutate di farlo – o hanno avuto difficoltà a farlo – perché le banche che utilizzano per la loro attività commerciale hanno legami con gli Stati Uniti e queste banche o istituzioni finanziarie si rifiutano di continuare le transazioni con Cuba. Questo ha un impatto diretto sulla produzione di farmaci nel nostro Paese.

Ma anche Paesi, organizzazioni e aziende con cui esisteva una tradizione commerciale hanno difficoltà a riscuotere pagamenti da Cuba, o Cuba ha difficoltà a pagare per le normali transazioni commerciali, o Cuba ha difficoltà a riscuotere i pagamenti per le esportazioni – sia di beni che di servizi. E questo provoca un aumento sostanziale del conto del commercio estero del nostro Paese, sia in termini di quanto perdiamo quando esportiamo sia di quanto ci costa quando dobbiamo importare. Inoltre, diventa sempre più difficile trovare fornitori per i settori sensibili della nostra economia.

La questione è aggravata dall’impatto extraterritoriale, poiché è noto che una delle fonti di reddito fondamentali di Cuba è il turismo. Inoltre, in virtù della legislazione statunitense, i cittadini di quei Paesi che godono di un’esenzione dal sistema di immigrazione statunitense, in base alla quale non devono richiedere un visto per recarsi negli Stati Uniti, perdono tale privilegio se si recano a Cuba. Ciò riguarda la maggior parte dei Paesi dell’Unione Europea, che è un mercato molto importante per il turismo cubano, e interessa alcuni Paesi dell’America Latina.

Riguarda i cittadini cubani che hanno la cittadinanza in un Paese europeo o latinoamericano e che hanno parenti negli Stati Uniti e che ora, recandosi a Cuba per vedere una parte della loro famiglia, perdono il privilegio di potersi recare negli Stati Uniti, dovendo richiedere un visto e correndo il rischio che gli venga negato, come è già successo in alcuni casi.

Ciò significa che, inserendo Cuba in questa lista, gli Stati Uniti non solo stabiliscono un divieto per il cittadino statunitense o per il cittadino che vive sotto la giurisdizione degli Stati Uniti, ma anche per il cittadino di un Paese terzo, scavalcando la giurisdizione – o la volontà o l’autorità governativa – di altri Paesi, perché penalizzano o minacciano il cittadino di un Paese terzo se si avvale di quello che considererebbe un suo diritto, cioè recarsi a Cuba, poiché sta violando una norma stabilita dal governo statunitense. Naturalmente, questo ha un impatto su una delle fonti di reddito fondamentali per la nostra economia, ovvero il turismo.

Ora, è importante soffermarsi un po’ su questo argomento. È noto che l’argomento fondamentale utilizzato per inserire Cuba in questa lista è stata la presenza a Cuba di una delegazione dell’Esercito di Liberazione Nazionale della Colombia, che si trovava qui su esplicita richiesta scritta del Presidente della Colombia per condurre il dialogo di pace, a seguito degli accordi firmati dal governo colombiano e dall’ELN, che impegnavano Cuba e la Norvegia come garanti, oltre a impegnare un gruppo di Paesi ad accompagnare il processo.

Ci si aspettava che Cuba si rimangiasse la parola data e violasse un impegno firmato e scritto. La cosa più divertente è che la settimana scorsa – giovedì, credo fosse il 30 novembre – il Dipartimento di Stato ha pubblicato un rapporto sulla situazione del terrorismo a livello globale in cui si afferma ancora una volta che Cuba è un Paese che sponsorizza il terrorismo. Non è quello che descrive Cuba, ma presumibilmente descrive noi.

È il rapporto che corrisponde allo scenario dell’anno 2022 ed è un peccato che nessuno abbia avvertito il Dipartimento di Stato che nell’anno 2022, in agosto, il ministro degli Esteri colombiano si è recato a Cuba e ha denunciato pubblicamente il fatto che Cuba fosse in quella lista. Ha chiesto pubblicamente che il governo statunitense rimuovesse Cuba dalla lista. Ha riconosciuto l’importante ruolo svolto da Cuba, ha riconosciuto l’importantissimo attaccamento di Cuba al suo impegno nei colloqui di pace, grazie al quale è stato possibile riavviarli.

Ma lo stesso ha fatto il Presidente colombiano in televisione, accanto al Segretario di Stato americano. Ha riconosciuto il ruolo molto importante di Cuba, ha denunciato la presenza di Cuba in questa lista e ne ha chiesto la cancellazione. Il governo del Paese che sarebbe servito da pretesto per imporre questa classificazione a Cuba lo ha fatto. Inoltre, ha revocato i mandati di arresto, rinunciando alla cooperazione richiesta all’Interpol per i mandati di arresto di queste persone.

Grazie all’atteggiamento di Cuba, è stato possibile riavviare i colloqui di pace. Come ho detto, si è tenuta una sessione a Cuba e ora si sta svolgendo una sessione di dialogo di pace in Messico in cui due dei partecipanti erano proprio le persone che venivano richieste e che servivano e venivano usate come pretesto per inserire Cuba in questa lista.

È chiaro che il terrorismo non ha nulla a che vedere con l’impatto economico dell’inserimento del nome di Cuba in questa lista. Si tratta chiaramente di un’azione punitiva. E il pretesto del terrorismo non può essere utilizzato. Anche se si cerca di leggere il rapporto, si può intuire lo sforzo di chi deve scriverlo per cercare di giustificare il mantenimento della classificazione di Cuba in questo modo.

Ma questa è una delle misure di rafforzamento del blocco a cui volevo fare riferimento. Un’altra è quella di aver permesso di agire nei tribunali statunitensi per le cause intentate ai sensi del Titolo III della legge Helms-Burton, che ogni presidente – compreso Donald Trump nei suoi primi due anni – ha sospeso, e che ha un immenso impatto extraterritoriale.

Chi studia l’economia e le questioni legate allo sviluppo sa bene che esiste un concetto consolidato secondo cui nessun Paese in via di sviluppo sarà in grado di dare impulso allo sviluppo senza finanziamenti esterni, siano essi investimenti diretti esteri o investimenti indiretti. Anche per Cuba, quindi, attrarre investimenti esteri, diretti o indiretti, è una priorità.

L’applicazione di questo titolo serve proprio a impedirlo. Non si tratta di investimenti diretti da parte degli Stati Uniti, ma di investimenti diretti da parte di aziende di qualsiasi Paese, indipendentemente dal rapporto che hanno con Cuba, dal luogo in cui sono costituite, dal luogo in cui pagano le tasse, dal luogo in cui si trovano i lavoratori e dal tipo di prodotto che producono. Si tratta di un’azione extraterritoriale volta a impedire a Cuba di disporre dei capitali di cui ha inevitabilmente bisogno per lo sviluppo.

Non so come si possa dire che i problemi o le limitazioni che Cuba ha per il suo sviluppo siano solo ed esclusivamente responsabilità del governo cubano, e che non ci sia un’immensa responsabilità da parte del governo statunitense, se sa dell’esistenza di questo titolo e della sua applicazione.

Ma c’è una terza misura, ovvero le sanzioni o le minacce di sanzioni contro le compagnie di navigazione, i vettori, gli assicuratori o i riassicuratori coinvolti nella fornitura di carburante a Cuba. Questo è un Paese la cui economia, la cui vita – luci, aria condizionata, movimento di persone, trasporti, tutti i servizi – dipende dall’importazione di carburante, perché noi non lo abbiamo.

È una misura che di solito si prende in tempo di guerra. Il pretesto utilizzato è stata la presunta presenza di decine di migliaia di militari cubani in Venezuela, che nessuno ha mai visto. Non hanno visto una compagnia, ma questo è il pretesto che è stato usato. Non è stato ripetuto, ma la misura è ancora in vigore e ha un impatto enorme sul conto che Cuba deve pagare per le forniture di carburante.

Un’altra misura è l’attacco alla cooperazione medica internazionale che il nostro Paese fornisce e per la quale ha ricevuto il riconoscimento di diversi segretari generali delle Nazioni Unite, di diversi governi, di alcuni governatori e politici statunitensi, e che storicamente ha avuto un impatto, e lo ha ancora oggi, sulla vita di milioni di persone, per le quali i servizi sanitari forniti da professionisti cubani sono l’unica fonte di servizi sanitari che ricevono. Quasi sempre, quasi sempre, si tratta di Paesi in via di sviluppo, delle comunità più disagiate, più remote e più svantaggiate.

L’attacco è prodotto, tra le altre ragioni, sia per screditare Cuba e questa cooperazione così celebrata, sia per danneggiare le nostre fonti di reddito, perché è risaputo che si tratta di un’importante fonte di reddito per il sistema sanitario pubblico cubano e per permettere a Cuba di continuare a fornire questo servizio ai Paesi ai quali viene fornito gratuitamente.

Ed è per questo che si cerca di minare questa cooperazione con il fatto che Cuba riceve un compenso. Si tratta di un’esportazione di servizi, proprio come qualsiasi altro Paese. Molti possono godere di risorse naturali date loro dalla natura. Nel nostro caso, si tratta di risorse umane, che sono state formate da noi e sono frutto degli sforzi dei nostri professionisti; ma anche come se fosse una pratica inventata da Cuba o inventata dal socialismo. È comune negli stessi Stati Uniti, nelle organizzazioni private, in quelle governative, nelle università, fornire servizi con i propri professionisti, ma l’istituzione trattiene una parte, spesso considerevole, del reddito ricevuto per i servizi forniti da questi professionisti in altri Paesi. Allora perché attaccare Cuba quando è una pratica universale?

Ma è anche una pratica riconosciuta da diverse risoluzioni delle Nazioni Unite sulla cooperazione Sud-Sud o cooperazione tra Paesi in via di sviluppo. Questa misura mira a colpire le entrate che il nostro Paese riceve e che sono state destinate per molti anni al sistema sanitario pubblico del nostro Paese.

C’è anche la lista delle entità ristrette, una lista, ci dicono, redatta capricciosamente in un caffè di Miami con un computer sulla base di una ricerca su Google delle entità turistiche che esistono a Cuba. E hanno iniziato a mettere insieme una lista che poi si è ampliata per questo motivo. Senza alcuna legittimità, senza alcuna giustificazione. Ma all’americano è vietato interagire con le entità presenti in quell’elenco, che comprende ristoranti, organizzazioni commerciali, alberghi, sia statali che privati.

Infine, devo fare riferimento a una misura adottata nel 2019, che stabiliva ancora una volta che è vietato esportare a Cuba qualsiasi prodotto fabbricato in qualsiasi Paese – a prescindere dalle relazioni di quel Paese con Cuba, a prescindere da chi possiede l’azienda, da chi sono i lavoratori, da quale nazionalità hanno, da dove pagano le tasse – se quel prodotto ha una componente statunitense pari o superiore al 10%. E la componente è costituita da materie prime, tecnologia, parti e pezzi, software, proprietà intellettuale o altro.

Quindi, in un’economia globalizzata come quella odierna, se ci si prende la briga di scomporre i componenti di un qualsiasi prodotto, quante garanzie ci sono che non si scopra che i mezzi di trasporto, le attrezzature per l’edilizia, le apparecchiature per i servizi medici, le attrezzature di laboratorio, gli impianti di produzione di energia elettrica, gli impianti di pompaggio, vari tipi di macchinari non abbiano almeno un 10% di componente statunitense?

Poi dicono che il blocco non è universale, che non è extraterritoriale e che Cuba può commerciare con qualsiasi Paese. Sì, possiamo commerciare con qualsiasi Paese, ma molte aziende, senza prendersi la briga di verificare la composizione disaggregata del prodotto, sospettano semplicemente che possa esserci una componente statunitense e decidono di non commerciare con il nostro Paese. Perché, inoltre, sanno che a stabilire se c’è il 10% o più – o meno – potrebbe essere un tribunale statunitense, conoscendo l’influenza politica che esiste nel sistema giudiziario americano.

Quindi è molto difficile per chiunque sostenere – sapendo questo e conoscendo solo questi elementi, che sono poche delle misure per rafforzare il blocco – che non ci sia un impatto sull’economia cubana e che non abbia un impatto devastante su un’economia delle dimensioni di quella cubana.

Immaginate se questa sola misura, senza contare il resto del blocco, venisse applicata a un altro Paese dell’America Latina, quale sarebbe l’impatto, o a un Paese sviluppato, o a un Paese europeo? Quale sarebbe l’impatto se venisse applicata loro la metà di queste misure? Quale capacità avrebbero di gestire la loro economia? Quale capacità avrebbero di gestire i servizi per la popolazione, di garantire un certo grado di equità, di assicurare un livello minimo di offerta per tutta la popolazione – non per un segmento ridotto, non per una percentuale – se venissero applicate loro queste misure?

E ribadisco: qui mi riferisco solo a quello che a Cuba chiamiamo il rafforzamento o l’inasprimento del blocco, o a quelle che Trump chiama misure di massima pressione. Non mi riferisco al blocco economico come esisteva prima del 2017, ma solo all’inasprimento.

A volte ci si chiede come una persona informata possa onestamente affermare che il blocco non abbia un impatto reale sull’economia cubana e non sia un fattore fondamentale per spiegare i problemi che l’economia cubana ha oggi, le carenze che la nostra popolazione ha, le carenze che i nostri servizi, i trasporti, l’istruzione, la salute, il commercio e le forniture hanno per il nostro Paese.

Ora, l’essenza di tutto questo è la riluttanza che è esistita storicamente – e che continua ad esistere oggi – da parte di coloro che sono al potere negli Stati Uniti – non direi tutti, ma una parte significativa – e dei politici negli Stati Uniti, ad accettare il diritto di Cuba all’autodeterminazione.

E questa è l’essenza del problema: l’incapacità di accettare che questo Paese, questo territorio e questa popolazione – un vicino, tra l’altro, degli Stati Uniti – abbia il diritto all’autodeterminazione, e la pretesa di trattare Cuba come se fosse un territorio coloniale o un territorio e una popolazione sotto una certa tutela neocoloniale, o una sorta di tutela.

Tutto ciò è molto coerente con la Dottrina Monroe, che, tra l’altro, pochi giorni fa ha celebrato il suo 200° anniversario di esistenza e applicazione.

E questa situazione, ovviamente, non essendo dichiarata apertamente, spiega i vari pretesti utilizzati per giustificare la politica attuale. Ne abbiamo sentiti molti: i nostri legami con la defunta Unione Sovietica, la presenza di truppe cubane in Africa, presunti attacchi acustici che nessuno è in grado di spiegare con il rigore della scienza, la presenza di decine di migliaia di militari cubani in Venezuela che nessuno ha visto, la presunta presenza di basi militari cinesi che nessuno ha visto.

A Cuba c’è una presenza permanente della stampa estera, che suppongo si sia sforzata di trovare le basi cinesi e non le ha trovate – anche i ristoranti cinesi sono difficili da trovare nel nostro Paese, purtroppo non ne abbiamo molti. Abbiamo smentito pubblicamente, il governo cubano e il governo della Repubblica Popolare Cinese, ma è una leggenda che continua a essere ripetuta e riciclata di tanto in tanto.

E poi c’è il presunto pretesto dei diritti umani che, a quanto pare, informa, educa e guida la politica estera degli Stati Uniti. Ma, facendo riferimento a quanto spiegava il direttore del CIPI Cabañas, vedendo il coinvolgimento e la complicità del governo statunitense con le atrocità che si stanno commettendo oggi a Gaza, si suppone che molti stiano immaginando il conflitto morale nella coscienza dei funzionari e dei politici statunitensi che affermano che i Diritti Umani sono la priorità nella politica estera degli Stati Uniti.

Questa, quella con Cuba, è una relazione basata non sulla giustizia, non sul diritto e nemmeno sul buon senso. Si basa sull’esercizio della forza da parte del più potente – che sono gli Stati Uniti – ed è una posizione di forza che poggia sulla potenza militare, economica e tecnologica degli Stati Uniti. Si basa sul potere indiscutibile della comunicazione, che è in grado di trasformare la menzogna in verità, il falso in verità, in grado di manipolare diversi settori della popolazione degli Stati Uniti, compresi quelli di origine cubana, e di mobilitarne alcuni contro il loro Paese.

Si basa su dogmi ideologici, bianco e nero, buono e cattivo, sull’abitudine di confondere il socialismo e il comunismo con il diavolo, di confondere il Partito Democratico negli Stati Uniti con il socialismo, di confondere la democrazia con il capitalismo – e non è la stessa cosa. Si basa sulla generale mancanza di informazione e di interesse per Cuba negli Stati Uniti e sulla crescente paura e insicurezza in quel Paese, risultato della crescente disuguaglianza economica, della polarizzazione, dell’alienazione di settori della popolazione.

E questo viene facilmente sfruttato per cercare di dipingere Cuba come un demone pericoloso e una presunta minaccia per gli Stati Uniti.

La questione è semplice e cruda: non c’è la volontà di migliorare le relazioni e lo stato attuale delle cose si basa sull’esercizio della forza da parte dei più potenti.

Questo pone una contraddizione difficile da risolvere, se continua e si mantiene in questi termini, perché non è possibile, così come non è giusto e non è razionale, né realistico, aspettarsi che i cubani rinuncino al diritto all’autodeterminazione. Chiunque conosca la nostra storia, soprattutto quella degli ultimi decenni, gli ultimi decenni, con la Rivoluzione, sa che è impossibile pretendere questo da Cuba e aspettarsi questo dal nostro Paese.

D’altra parte, Cuba non ha modo di costringere i governanti degli Stati Uniti a cambiare la loro posizione. Noi non abbiamo questa capacità e, a quanto pare, nemmeno la comunità internazionale.

Sono note le diverse espressioni a livello mondiale contro il blocco, praticamente unanimi anno dopo anno nelle votazioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Nei discorsi di più di 30 capi delegazione nel segmento di alto livello dell’Assemblea Generale, essi hanno chiesto esplicitamente la revoca del blocco e più di 20 – credo su 24 – hanno chiesto esplicitamente la rimozione di Cuba dalla lista degli Stati sponsor del terrorismo.

E a novembre è successo di nuovo: è stato richiesto all’unanimità da tutti i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi, dall’Unione Africana, dall’Unione Europea, dalla maggior parte dei Paesi asiatici. È stato detto al Presidente degli Stati Uniti al vertice emisferico in California l’anno scorso, quindi dico che la comunità internazionale non sembra avere nemmeno questa capacità.

In assenza di un altro fattore influente, è chiaro che la soluzione si trova negli Stati Uniti; è negli Stati Uniti che si può cambiare l’equazione.

La nostra posizione, la posizione di Cuba, è ben nota, l’abbiamo detta pubblicamente e l’abbiamo ribadita per anni. Si tratta essenzialmente della nostra disponibilità a dialogare su qualsiasi questione in condizioni di uguaglianza, rispetto e nello spirito di cercare soluzioni globali o con una visione globale dei problemi che abbiamo tra i due Paesi e la volontà su questa base di sviluppare una relazione rispettosa e civile.

Ma non abbiamo solo dichiarato pubblicamente questa posizione in molte occasioni. È noto che nel corso degli anni, in diversi momenti, abbiamo avuto la possibilità di dialogare direttamente con il governo degli Stati Uniti e con i membri del Congresso degli Stati Uniti.

Oggi questa è una realtà e in nessuna di queste opportunità e in nessuna di queste conversazioni è stata avanzata una proposta da parte di Cuba che potesse essere interpretata come dannosa per gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Né vi è stata alcuna proposta che potesse essere considerata come una minaccia per la stabilità politica o economica del Paese o per il benessere dei suoi cittadini o per il tenore di vita dei cittadini statunitensi.

Né abbiamo mai chiesto un trattamento privilegiato, un trattamento preferenziale. Non abbiamo nemmeno mai chiesto che ci venisse regalato qualcosa in qualsiasi conversazione.

Abbiamo chiesto di essere lasciati in pace, di rispettare i nostri diritti sovrani, di poterci sviluppare come noi cubani vogliamo, senza interferenze.

È noto che abbiamo divergenze politiche con gli Stati Uniti, come possiamo averle con altri Paesi, e le solleviamo con franchezza così come vengono sollevate – devo dire – con franchezza con noi. Ma questo fa parte del modo in cui si sviluppano i legami tra molti Paesi. E il governo degli Stati Uniti, ovviamente, è anche consapevole della nostra posizione di avere il diritto di difenderci. Questa è una realtà.

Ora, quando parliamo della posizione pubblica di Cuba e della nostra disponibilità al dialogo e alla relazione, non è solo quello che diciamo pubblicamente, non è solo la natura dei nostri scambi con il governo statunitense, ma la riflettiamo nella pratica, nonostante l’ostilità del governo statunitense, nonostante l’inasprimento del blocco che ho descritto pochi minuti fa, nonostante il mancato rispetto degli impegni che entrambi i Paesi hanno assunto bilateralmente tra il 2015 e il 2016.

Il nostro Paese, nonostante la prosecuzione della politica di sovversione politica contro Cuba, finanziata con decine di milioni di dollari approvati dal Congresso degli Stati Uniti, nonostante le campagne diffamatorie contro Cuba, nonostante tutto questo, è stato disposto, ad esempio, ad ampliare nuovamente l’ambasciata statunitense a Cuba e ad espandere la nostra ambasciata negli Stati Uniti. Si poteva supporre che Cuba non sarebbe stata disposta a farlo in virtù dell’aperta ostilità.

Nonostante gli Stati Uniti abbiano rinnegato unilateralmente gli accordi sulla migrazione, Cuba ha continuato a rispettarli e siamo stati disposti a dialogare sulla migrazione. Negli ultimi due anni ne abbiamo tenuti quattro, nonostante – ripeto – l’aperta ostilità.

Ma oltre a questo, siamo stati disposti a sviluppare dialoghi bilaterali in diversi settori. È interessante notare che i dialoghi sul terrorismo si sono già svolti e possiamo svolgerne altri sulla frode all’immigrazione, la sicurezza marittima, la geologia, l’agricoltura, la salute, la scienza e la tecnologia, l’ambiente, l’istruzione, l’istruzione superiore e lo scambio con la società statunitense in senso lato, ma anche con il governo degli Stati Uniti.

Se volesse, il governo statunitense potrebbe considerare queste azioni come atti di buona volontà da parte di Cuba, nonostante l’ostilità manifesta del governo americano.

E chiunque potrebbe chiedersi perché lo stiamo facendo, cioè perché, nonostante questa ostilità, Cuba mantiene questa disposizione e dialoga e permette all’ambasciata a Cuba di espandersi e di continuare a discutere anche di terrorismo?

È una domanda legittima, che chiunque può porsi, direi molto legittima, poiché la storia dimostra che quando i Paesi sono in conflitto, si rifiutano di interagire. E questo non è stato il comportamento di Cuba.

Quello che posso dire è che questo è il modo in cui ci comportiamo in politica estera in generale con qualsiasi Paese, anche quando abbiamo differenze politiche. Posso anche dire che è il modo in cui crediamo che le relazioni tra due Paesi debbano svilupparsi. E questo ci spinge ad agire in questo modo. Crediamo anche che sia vantaggioso per il nostro Paese, così come crediamo che sia vantaggioso per gli Stati Uniti. Ma in realtà è già una considerazione per gli Stati Uniti.

Ma soprattutto, lo facciamo perché siamo convinti di avere ragione in questo conflitto e, soprattutto, lo facciamo perché abbiamo il privilegio e la virtù di godere di una piena e vera sovranità. Siamo padroni del nostro destino, esercitiamo davvero l’autodeterminazione. E abbiamo la capacità, anche in queste condizioni di ostilità, di interagire in questo modo con gli Stati Uniti.

Vi auguro di avere successo in questo evento in cui è sempre nostra abitudine imparare molto.

Muchas gracias.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...