Il Presidente cubano denuncia l’uccisione di giornalisti in Palestina

Print Friendly, PDF & Email

“Per ogni giornalista ucciso a Gaza, altre migliaia useranno i loro nobili strumenti di lavoro come armi per denunciare i crimini di Israele”, ha scritto il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, in X, il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez.

Il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha espresso il suo rifiuto per l’assassinio di quasi venti giornalisti commesso dall’esercito israeliano nei territori palestinesi dal 7 ottobre scorso.

Nella sua denuncia attraverso il social network X, il presidente ha assicurato che, per ogni giornalista ucciso a Gaza, migliaia di altri useranno i loro nobili strumenti di lavoro come armi per denunciare i crimini di Israele.

Allo stesso tempo, Díaz-Canel ha affermato che i reporter in quello scenario di guerra continueranno a denunciare la complicità del governo statunitense, che con il suo vergognoso veto nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sta prolungando il genocidio a Gaza.

Secondo i rapporti delle organizzazioni non governative, in soli due mesi, 17 giornalisti sono stati massacrati nella Striscia a causa del bombardamento sistematico della popolazione civile palestinese.

Dall’escalation del conflitto del 7 ottobre, i media e le organizzazioni umanitarie hanno contato più di 20.000 palestinesi uccisi dalle incursioni sioniste, tra cui circa 6.000 bambini.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...