Un mondo migliore è possibile

Print Friendly, PDF & Email

Un mondo migliore è possibile grazie alle missioni di solidarietà cubane Operación Milagro e Yo sí puedo: Claudia Camba lancia una serie di otto interviste in Argentina.

Una serie di interviste al personale del Centro oftalmologico Ernesto Che Guevara di Córdoba, gestito dalla Fundación Un Mundo Mejor es Posible (Fondazione Un Mondo Migliore è Possibile), mostra il lavoro di solidarietà nel campo della salute visiva e dell’alfabetizzazione con i consigli cubani.

La Fundación Un Mundo Mejor Es Posible è responsabile del coordinamento delle brigate mediche ed educative cubane in Argentina fin dalla sua nascita, due decenni fa. Dopo diverse esperienze in tutto il Paese, nel 2015 è stato inaugurato il Centro oftalmologico Ernesto Che Guevara nella sua sede attuale nella città di Córdoba.

Nell’agosto del 2023, nella provincia di Jujuy, in Argentina, si è svolta una nuova brigata di solidarietà internazionale con l’obiettivo di condurre una ricerca attiva e fornire un’assistenza visiva completa, organizzata dal Centro oftalmologico Ernesto Che Guevara di Córdoba e coordinata dalla Fondazione UMMEP.

Un rappresentante dell’Associazione Valenciana di Amicizia con Cuba José Martí ha preso parte alla brigata di solidarietà, che gli ha permesso di vedere da vicino il progetto del Centro oftalmologico nella città di Córdoba, nonché di partecipare alla ricerca attiva nella provincia di Jujuy, insieme all’allergologa cubana Aleida Guevara March, internazionalista e figlia dell’eroico guerrigliero che dà il nome al Centro oftalmologico.

In questo contesto, sono state realizzate diverse interviste con diversi volontari e operatori del Centro oftalmologico Ernesto “Che” Guevara: Claudia Camba, presidente della Fondazione UMMEP; Daylin Cárdenas Chacón, medico cubano e consulente del Centro oftalmologico; Javier Motta, coordinatore del Centro oftalmologico; Alejandra Ayllapan, medico argentino mapuche laureatosi a Cuba presso la Scuola latinoamericana di medicina (ELAM); Gonzalo Ayuso, ottico e coordinatore dell’Operazione Miracolo del Centro oftalmologico; Isabel Cristina Fernández, insegnante e pedagoga cubana che coordina l’insegnamento dell’alfabetizzazione con il metodo cubano Yo sí puedo in Argentina; Clara Luna Solís, coordinatrice dell’accoglienza e dell’assistenza ai pazienti del Centro; Eloisa Auat, responsabile della comunicazione del Centro e direttrice del programma radiofonico La Chispa.

L’Associazione Valenciana di Amicizia con Cuba José Martí sostiene il Centro oftalmologico con fondi propri e presentando progetti di cooperazione allo sviluppo nei comuni valenciani, seguendo il lavoro promosso da Euskadi Cuba, che da anni sviluppa progetti di cooperazione triangolare insieme alla Fundación Un Mundo Mejor Es Posible (Fondazione Un Mondo Migliore è Possibile), insieme a diverse organizzazioni e istituzioni.

Diversi rappresentanti della Fondazione UMMEP hanno visitato il Paese valenciano in diverse occasioni e hanno tenuto incontri con le organizzazioni sindacali e i consiglieri di alcuni comuni valenciani per continuare a esplorare le possibilità di collaborazione.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...