Difendere i programmi sociali della Rivoluzione

Print Friendly, PDF & Email

Difendere i programmi sociali della Rivoluzione significa difendere il socialismo e la giustizia sociale.

Mercoledì si è svolta una riunione di lavoro, con la presenza dei vertici del Paese, in cui sono state valutate le azioni realizzate nel corso del 2023 come parte della trasformazione globale di comunità, gruppi, famiglie, nuclei familiari e persone in situazioni di vulnerabilità.

A Cuba sono state identificate 1.236 comunità vulnerabili e il 96% di esse è in fase di trasformazione integrale. In generale, vi si stanno realizzando progetti di trasformazione che mirano a trovare soluzioni ai principali problemi e quindi a modificare gli stili e i modi di vita delle persone che vivono in questi luoghi.

Lo ha annunciato il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale, Marta Elena Feitó Cabrera, in un incontro che si è svolto mercoledì, in cui è stato valutato il lavoro di trasformazione integrale svolto nelle comunità, nei gruppi, nelle famiglie, nelle case e nelle persone in situazione di vulnerabilità. Lo scambio è stato guidato dal Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez.

Il vice primo ministro Jorge Luis Perdomo Di-Lella ha ritenuto che l’attenzione in questo senso sia una questione prioritaria, nel mezzo dell’attuazione di tutte le misure economiche che sono state progettate come parte delle proiezioni del Governo per correggere le distorsioni e rilanciare l’economia nel 2024.

La difesa dei programmi sociali nell’attuale situazione economica, ha detto, è difendere il socialismo, è difendere la giustizia sociale e, quindi, è essenziale migliorare questo lavoro.

Commentando gli aspetti principali dell’anno 2023, il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale ha spiegato che, insieme al miglioramento dei gruppi di prevenzione nei consigli popolari, si è continuato ad aggiungere assistenti sociali a questo lavoro, che favorisce l’attenzione personalizzata alle famiglie in situazioni di vulnerabilità.

Il lavoro diretto e coordinato con i delegati e le istituzioni presenti nel distretto è essenziale per realizzare tutto ciò che proponiamo, ha sottolineato durante lo scambio, che è stato guidato dal membro dell’Ufficio Politico e Primo Ministro, Manuel Marrero Cruz.

Tra le azioni realizzate nelle comunità, ha evidenziato l’inserimento di 25.100 persone nel mondo del lavoro, di cui 8.020 giovani, e 2.335 in corsi di formazione. Allo stesso modo, 2.698 giovani sono tornati a scuola e 1.390 hanno beneficiato della consegna di terreni in usufrutto.

In particolare, Feitó Cabrera ha sottolineato che, alla fine dello scorso anno, 4.222 madri con tre o più figli sono state inserite nel mondo del lavoro e 276 in quello dell’istruzione; 829 sono state inserite in corsi di formazione per l’occupazione; 2.600 hanno beneficiato di prestazioni monetarie, sia temporanee che condizionate; 5.398 hanno ricevuto risorse materiali; 573 hanno ricevuto un alloggio e a 878 è stata data la possibilità di inserire i propri figli nella cerchia dei bambini.

In relazione alla protezione dell’assistenza sociale in queste comunità, ha sottolineato che 186.112 famiglie ne hanno beneficiato nel 2023, sia con benefici monetari che con servizi o risorse.

Tra le altre azioni realizzate nelle comunità, ha fatto riferimento alla consegna di sussidi per lavori di costruzione, piccole riparazioni di case e la costruzione di altre, l’eliminazione di pavimenti sporchi, così come contratti per l’acquisto di letti, materassi, mobili e altro.

Al termine dell’incontro, il Presidente della Repubblica ha espresso il suo apprezzamento per il fatto che, anche in mezzo alle limitazioni del Paese, il lavoro non è cessato nelle comunità vulnerabili, dove le condizioni di vita sono state migliorate. Ha menzionato il recupero di cliniche mediche, la riabilitazione delle condutture idriche, la costruzione di marciapiedi e strade dove prima non c’erano, l’apertura di negozi e farmacie, tra le altre opere, il tutto nel bel mezzo di un anno molto difficile per Cuba dal punto di vista economico.

Fonte: Presidencia y Gobierno de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...