Cuba in dati: Bilancio, debito e proiezioni per il 2024.

Print Friendly, PDF & Email

La riduzione del deficit fiscale a Cuba è una questione di vitale importanza per lo sviluppo economico e sociale del Paese. Un deficit fiscale si verifica quando le spese del governo superano le entrate, portando a un aumento del debito pubblico e a una serie di ripercussioni negative a lungo termine.

Inoltre, la riduzione del deficit fiscale contribuirebbe anche alla stabilità macroeconomica del Paese. Una riduzione del deficit implicherebbe una diminuzione della necessità di finanziamento attraverso l’emissione di debito.

Secondo il Ministro delle Finanze e dei Prezzi, Vladimir Regueiro Ale, all’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, “il contenimento e la riduzione del deficit fiscale sono le sfide immediate per la performance del bilancio statale”.

Misure per ridurre il deficit fiscale: aumento delle entrate

Il bilancio dello Stato per il 2024 sostiene gli obiettivi e i traguardi considerati nel piano per l’economia, con priorità al soddisfacimento dei servizi di base della popolazione e all’avanzamento della ripresa dell’attività economica, dei settori primari e strategici.

Le entrate nette previste sono pari a 333.316 milioni di pesos, un minimo che finanzia solo il 69% della spesa totale, con il settore statale che rappresenta l’88%, confermando il suo ruolo fondamentale nell’economia.

Le entrate fiscali derivanti dall’applicazione di imposte, tasse e contributi rappresentano il 64% delle entrate totali, a testimonianza di una ripresa del sistema fiscale come fonte essenziale di risorse di bilancio.

A tal fine, i livelli di entrate sono sostenuti dall’attuazione di misure fiscali estese al 2024, che coinvolgono sia gli enti statali che i nuovi attori economici, e “cercano di consolidare l’applicazione delle imposte secondo i principi di generalità ed equità fiscale, nonché di migliorare la raccolta delle entrate di bilancio in base alla capacità economica di ciascun contribuente”.

I contributi derivanti dai profitti delle imprese rappresentano il 22% delle entrate totali, con una crescita del 15% (72.756 milioni di pesos), il che conferma l’importanza dei risultati delle imprese nella generazione delle entrate di bilancio e la necessità di attuare tutte le misure per aumentare l’efficienza.

Nel frattempo, i contributi provenienti da forme di gestione non statali sono previsti a 39172 milioni di pesos, in gran parte provenienti dai bilanci comunali, con una crescita prevista del 58% (14.363 milioni di pesos in più).

Nella proiezione di bilancio per il 2024, i bilanci locali ricevono una considerazione speciale per favorire l’autonomia finanziaria dei bilanci comunali e provinciali.

“In questo senso, si è deciso di cedere le entrate della tassa sui servizi di telecomunicazione, che ammontano a circa 2,6 miliardi di pesos”, ha annunciato Regueiro Ale.

Ha spiegato che, nel complesso, i bilanci locali prevedono un risultato negativo, pari a 21.209 milioni di pesos, migliorando rispetto alla stima del 2023 e segnando una tendenza al recupero rispetto agli anni fiscali precedenti.

I pareri sui bilanci dei comuni, preparati dal Ministero delle Finanze e dei Prezzi, mostrano che tutte le province migliorano il risultato di bilancio, tranne L’Avana, che mantiene il suo stato di avanzo, il che implica il 78% dei comuni.

Misure per ottenere una crescita fiscale

  • Applicazione di imposte speciali sulla commercializzazione di un gruppo di beni e servizi non essenziali per la popolazione, in base all’aumento dei loro prezzi di vendita, tra cui sigari e sigarette a causa dell’aumento dei prezzi di vendita al dettaglio.
  • Eliminazione delle esenzioni fiscali per gli attori economici non statali di 6 mesi e di un anno in occasione della loro costituzione. Estensione dell’applicazione dell’imposta sulle vendite a tutte le operazioni effettuate dalle PMI.
  • Aumento degli importi da pagare per la tassa sui trasporti terrestri.
  • Aggiornamento dei valori di riferimento delle abitazioni per l’applicazione delle imposte associate alla compravendita di questi beni tra persone fisiche e regolamentazione del loro pagamento al momento della formalizzazione del trasferimento.
  • Riconoscimento del tasso di cambio di 1USD = 120,00 CUP = per il calcolo delle tariffe nelle operazioni di importazione con metodi di gestione non statali.
  • Adeguamento dell’aliquota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche per i bonus ottenuti da persone che lavorano in filiali di aziende commerciali straniere Uffici di rappresentanza di banche, società finanziarie non bancarie e altre rappresentanze di entità straniere accreditate nel Paese, comprese agenzie di stampa, uffici diplomatici e rappresentanze di organizzazioni internazionali.
  • Aumento dell’efficacia delle azioni di controllo contenute nel piano globale di controllo fiscale attuato dall’Ufficio Nazionale dell’Amministrazione Fiscale (ONAT), legato al consolidamento delle direttive approvate per la prevenzione e il contrasto dell’indisciplina fiscale, della non conformità e dell’evasione.

Un altro degli adeguamenti fiscali è un incentivo attraverso l’applicazione della tassa o tariffa doganale.

“Questo incentivo ha lo scopo di incoraggiare le importazioni di beni intermedi, input, materie prime che promuovono lo sviluppo del settore produttivo del nostro Paese, sia degli attori economici statali che di quelli non statali, compreso il coordinamento e l’articolazione dei processi produttivi che possono essere svolti congiuntamente”.

“È stato spiegato in Assemblea che alla fine di novembre le importazioni da parte di attori economici non statali hanno superato il miliardo di dollari. Si tratta di una cifra significativa e queste importazioni sono generalmente caratterizzate dal fatto che si tratta di prodotti finiti. Questo non aggiunge valore alla nostra economia.

“Per riattivare l’economia è necessario che si realizzi uno sviluppo produttivo, che ci siano processi produttivi per la creazione di beni, per la fornitura di servizi, con le capacità che la nostra industria possiede e che dobbiamo continuare a sviluppare. Possiamo farlo con gli attori statali e anche attraverso una maggiore integrazione reale, non solo come fornitori, come è successo in alcune occasioni, ma anche condividendo responsabilità e rischi in questi processi.

“Esiste una capacità di importazione che dobbiamo stimolare affinché, invece di prodotti finiti, vengano importati input e materie prime”, ha spiegato.
Ha specificato che l’incentivo consiste in una riduzione del 50% dell’imposta doganale, l’aliquota tariffaria attualmente stabilita per l’importazione di questi beni.

Ha riconosciuto che ci sono delle complessità, “perché un bene, a seconda della sua destinazione, può essere un prodotto finito o una materia prima. La stessa farina di grano potrebbe essere un input in un processo di produzione o un prodotto pronto per la vendita in un punto vendita al dettaglio”.

Per questo motivo, la risoluzione che il MFP emanerà a breve per regolare il nuovo quadro che facilita le importazioni di input e materie prime comporterà l’analisi particolare di ogni progetto di importazione, la destinazione e la verifica che sia destinato a un progetto produttivo che contribuisca a rilanciare la nostra economia”.

“Si tratta di un beneficio per tutti gli attori senza distinzione: statali o non statali, anche per i progetti congiunti”, ha aggiunto, sottolineando che è di immediata attuazione, con la sua prossima pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

“Mentre stiamo diminuendo le tariffe per questi input e materie prime, è necessario aumentare le tariffe per l’importazione di beni che hanno caratteristiche simili nelle produzioni nazionali. È una protezione per la nostra industria e per l’economia nazionale.

“Stiamo parlando di prodotti che sono stati importati in modo considerevole, principalmente da attori economici non statali, ma anche da entità statali”, ha affermato.

La tariffa che attualmente viene pagata per questi prodotti rientra in media nella categoria tariffaria generale”. Regueiro Ale ha sottolineato che la tariffa è gestita con due categorie, una generale e una della nazione più favorita che, date le nostre condizioni commerciali, è quella più applicata, tra il 10 e il 5%.

“In altre parole, la tariffa effettiva è stata del 5% e la misura prevede un aumento della tariffa generale al 30% e una tariffa effettiva della nazione più favorita del 15%. Stiamo aumentando le tariffe per questi prodotti che hanno una produzione nazionale simile che dobbiamo continuare a stimolare e proteggere con le nostre risorse endogene, con le nostre infrastrutture, con la nostra industria, con la combinazione dei settori primari e del settore manifatturiero, cercando di promuovere le esportazioni e anche una maggiore presenza dei nostri prodotti nel mercato nazionale. È un regolamento generale, per tutti gli attori che importano”.

Performance di spesa

La previsione massima di spesa totale per l’anno 2024 è di 480.707 milioni di euro (crescita del 37%).

Oltre a garantire i principali settori e programmi sociali, essa copre anche le richieste di finanziamento da parte del settore delle imprese e le spese finanziarie associate al debito pubblico, che non hanno potuto essere soddisfatte negli anni precedenti.

I settori e i programmi sociali, con priorità a sanità pubblica, istruzione, cultura, sport, assistenza e sicurezza sociale, rappresentano il 63% della spesa totale.

Circa il 26% della spesa per attività iscritta a bilancio è destinata al sistema sanitario, la maggior parte della quale viene spesa nei bilanci comunali, principalmente per finanziare il livello di assistenza sanitaria primaria.

Ciò garantisce l’erogazione di 110 milioni di consultazioni nell’ambito dell’assistenza sanitaria di base, 375.000 ricoveri negli ospedali nazionali (compreso il consumo di farmaci necessari ai pazienti) e la continuità del processo di riparazione e manutenzione costruttiva delle strutture, nonché di sanificazione e igienizzazione.

Il budget per l’istruzione sostiene un’iscrizione totale di 1.388.000 studenti a diversi livelli di istruzione. Comprende i trasporti, il vitto negli asili, nei semiconvitti, nei collegi e nelle case per bambini e adolescenti senza sostegno familiare, le risorse di base, il materiale di studio e di vita e i pasti scolastici per la scuola secondaria inferiore.

Allo stesso tempo, l’istruzione superiore è garantita per un numero di iscritti pari a 389.392 studenti.

Il budget per la sicurezza sociale copre il 15% della spesa per le attività iscritte a bilancio. Aumenta di 3.075 milioni di pesos e sostiene le prestazioni di oltre 1.824.000 pensionati e pensionandi. Il sussidio sociale di maternità viene esteso da 12 a 15 mesi.

Nel bilancio dello Stato per il 2024, la protezione attraverso l’assistenza sociale è prevista per 186 783 famiglie e 339 754 beneficiari in situazioni di vulnerabilità, per i quali sono stanziati più di 6 miliardi di pesos.

“Vengono tutelate le madri di bambini gravemente disabili e gli assistenti domiciliari, il pagamento dei servizi di trasporto per ricevere cure mediche specialistiche al di fuori del territorio di residenza, così come il pagamento del consumo di elettricità per i malati cronici, per mantenere la loro vitalità a casa”, ha detto il ministro.

Inoltre, nell’ambito della graduale attuazione del passaggio dal sovvenzionamento dei prodotti al sovvenzionamento delle persone, è prevista l’assistenza ai singoli e alle famiglie che ne hanno bisogno.

La spesa per la cultura è prevista in crescita, garantendo l’aumento dell’offerta artistica culturale, il sostegno all’educazione artistica, il rispetto delle politiche approvate e del programma per lo sviluppo della cultura, lo svolgimento di importanti eventi culturali come il Festival Internazionale del Balletto e la Biennale dell’Avana, e la pubblicazione da parte degli editori di titoli per la Fiera Internazionale del Libro, tra gli altri.

Sostiene inoltre l’attività sportiva e garantisce la preparazione degli atleti nell’ultimo anno dell’attuale ciclo olimpico, la loro qualificazione e partecipazione ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024. Nel 2024, il baseball parteciperà a diversi eventi, tra cui le Caribbean Series e il Tournament of Champions.

Risorse finanziarie dell’ordine di 21.812 milioni di pesos sono destinate a finanziare, tra l’altro, la compensazione del prezzo d’importazione dei mangimi per l’allevamento; la compensazione dei prezzi d’importazione dei principali prodotti, che sono commercializzati a prezzi centralizzati e incidono sul paniere standard dei mangimi; la differenza tra il prezzo di importazione del latte e il prezzo di vendita al dettaglio alla popolazione; i pagamenti alle banche per un abbuono del 50% degli interessi bancari e dei premi assicurativi per i finanziamenti concessi alle basi di produzione, al bestiame genetico, ai programmi zoo e alla conservazione della flora e della fauna.

I sussidi di bilancio vengono incrementati per coprire le differenze tra i prezzi e le tariffe dei vari servizi e dei consumi di base della popolazione e i costi e le spese sostenute per la loro produzione, per i quali sono stanziati più di 80 miliardi di pesos, con una crescita di circa 38.472 milioni di pesos rispetto alla stima per il 2023.

Il finanziamento riguarda principalmente le tariffe dell’elettricità nei settori residenziale e agricolo, la commercializzazione dei carburanti, i farmaci controllati, il latte per i bambini, le donne in gravidanza e le diete mediche, le tariffe dei trasporti e le tariffe dell’acqua.

“Questi sussidi saranno gradualmente trasformati in sussidi ai privati, il che va oltre l’anno fiscale previsto”, ha dichiarato Regueiro Ale.

Nell’ambito del bilancio, nel settore della tecnologia e dell’innovazione, sono previsti 2.184 milioni di pesos per 17 programmi nazionali, 10 programmi settoriali e 63 programmi territoriali, volti ad aumentare l’impatto della scienza e dell’innovazione nei settori strategici del Paese.

Inoltre, sono previsti 525 milioni di pesos per il Fondo nazionale per la scienza e l’innovazione (Fonci) e 100 milioni di pesos per il Fondo nazionale per l’ambiente.

Agli investimenti materiali, che sostengono il piano economico, sono destinati 28 182 milioni di pesos, simili al livello stimato nel 2023.

L’attuazione del programma abitativo è sostenuta dallo stanziamento di circa 5,196 miliardi di pesos.

Per il capitale circolante sono previsti 4,69 miliardi di pesos, di cui 2 miliardi di pesos sono destinati alle banche commerciali per la continuazione dello sviluppo agricolo e del fondo per la piantagione di canna da zucchero, e 1,267 miliardi di pesos per la ripresa dell’industria del nichel.

Il settore dello zucchero riceverà 564 milioni di pesos e l’agricoltura 110 milioni di pesos, mentre 650 milioni di pesos andranno alla Unión Nacional Eléctrica e 99 milioni di pesos all’acqua e ai servizi igienici.

Quanto è grande il deficit?

Per il 2024, il bilancio dello Stato prevede un deficit fiscale di 147.391 milioni di pesos, superiore ai 49.027 milioni di pesos stimati, risultante dalla raccolta di entrate nette per 333.316 milioni di pesos e dal sostenimento di spese totali per 480.707 milioni di pesos.

Le entrate previste finanziano il 71% delle spese totali.
L’indebitamento previsto è di 201,76 miliardi di pesos. La cifra include gli ammortamenti dei debiti in scadenza nel periodo e i finanziamenti approvati a banche ed enti a causa della svalutazione del peso cubano.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...