Argentina: la povertà sale di 13 punti nei due mesi al governo di Milei

Print Friendly, PDF & Email

Secondo l’analisi dell’Osservatorio Sociale dell’Università Cattolica dell’Argentina, circa 27 milioni di persone sono povere nel Paese e attribuisce le cause di questa crescita alla svalutazione e all’impennata inflazionistica che il governo di Javier Milei ha provocato in soli due mesi.

Il deprezzamento della moneta e l’escalation sfrenata dei prezzi dei prodotti del paniere di base hanno influito sulla brusca caduta del potere d’acquisto dei ceti medi, che hanno rapidamente ampliato le cifre della povertà in Argentina.

L’Osservatorio sociale dell’università che ha condotto lo studio prevede che la popolazione indigente sia passata dal 9,6% nel terzo trimestre del 2023 al 14,2% nel dicembre 2023 e al 15% nel gennaio 2024.

Il record attuale del 57,4% è il livello più alto della serie iniziata nel 2004, quando era del 54%, e si prevede che ci sarebbero quasi 27 milioni di poveri in tutto il Paese, di cui 7 milioni sarebbero indigenti.

A gennaio, nella Regione Metropolitana di Buenos Aires il paniere di povertà per un adulto era di 193 146 pesos argentini (ARS) e per una famiglia tipo di 596 823 dollari (ARS), senza considerare il prezzo degli affitti.

Il rapporto dell’UCA spiega che “per ponderare il peggioramento della situazione sociale, sono stati realizzati due esercizi di simulazione in base agli aggiustamenti applicati ai microdati dell’EDSA (Indagine sul Debito Sociale Argentina) del terzo trimestre del 2023”.

“Il primo ricalcola il livello di indigenza e povertà in una situazione di aumento dei panieri e di aggiornamento dei redditi da lavoro e non da lavoro nel dicembre 2023. Il secondo esercizio riproduce la situazione dei costi dei panieri e dei redditi da lavoro e non da lavoro delle famiglie nel gennaio 2024”, concludono gli autori.

L’attacco di Cristina Kirchner

L’ex presidente Cristina Fernández de Kirchner tramite il suo account X ha attaccato il governo di Javier Milei e soprattutto quello di Mauricio Macri. In riferimento al balzo della povertà misurato dall’UCA, ha affermato che questa tendenza è iniziata nel 2018, come risultato del mega-indebitamento con il Fondo Monetario Internazionale.

CFK ha condiviso una nota del quotidiano Perfil e un grafico dell’Observatorio de la Deuda Social Argentina che mostra l’evoluzione dei tassi di povertà urbana e di indigenza tra il gennaio 2004 e il gennaio 2024, “nel tanto chiacchierato, agitato e criticato ‘ultimo ventennio'”, secondo l’ex presidente. Lo stesso Milei aveva diffuso il rapporto dell’UCA e affermato che il balzo della povertà “è la vera eredità del modello di casta”.

“Non è riuscito a rimanere al governo (mi riferisco a Macri), ma il condizionamento strutturale delle sue decisioni in termini di indebitamento, sia per quanto riguarda l’entità del suo volume totale con gli obbligazionisti privati e con il FMI, sia per il ritorno di tale organizzazione multilaterale nel suo ruolo di controllore dell’economia argentina, persiste tuttora”. Con il governo di Mauricio Macri, l’Argentina, come nel gioco dell’oca, è andata indietro a passi da gigante. Il governo che è seguito non ha potuto o saputo tagliare questo vero e proprio nodo gordiano dell’economia argentina”.

Secondo l’ex presidente, “se si trattasse del Gioco dell’Oca, guardando il grafico dell’Osservatorio, più che un passo indietro, vedremmo come dal 2018 in poi – con l’indebitamento in dollari e il ritorno del FMI sotto Mauricio Macri – siamo tornati indietro al punto di partenza”.

E ha concluso: “La vera tragedia è che non stanno giocando a un gioco da tavolo, ma con il tavolo degli argentini”.

Potrebbero interessarti anche...