La Giustizia cilena riapre le indagini sulla morte di Pablo Neruda

Print Friendly, PDF & Email

La Prima Sezione della Corte d’Appello di Santiago ha deciso di riaprire l’inchiesta sulla morte del poeta cileno Pablo Neruda, avvenuta 12 giorni dopo il golpe fascista di Augusto Pinochet nel settembre del 1973, ha dichiarato all’agenzia di stampa EFE la famiglia del premio Nobel, parte civile nel caso.

Il giudice incaricato dell’inchiesta, Paola Plaza, che deve chiarire se il premio Nobel sia morto per un cancro alla prostata in fase avanzata o se sia stato avvelenato da un agente segreto della dittatura, ha chiuso l’indagine il 25 settembre e si è rifiutata di riaprirla a dicembre, ma sia la famiglia che il Partito Comunista – in cui Neruda aveva militato fin da giovane – hanno fatto appello alla decisione.

“L’unanimità della sentenza è una conferma del nostro appello. Siamo riusciti a togliere la pietra tombale che volevano mettere su questa indagine. Sono 14 anni che lottiamo per far luce sulla morte di Neruda”, ha dichiarato a EFE l’avvocato della famiglia Elizabeth Flores.

“Questa decisione è molto importante perché confera le nostre accuse e il nostro background secondo cui, nel contesto in cui è avvenuta la morte, c’è stato un intervento dell’apparato terroristico statale della dittatura civile-militare”, ha dichiarato a EFE Juan Andrés Lagos, responsabile delle relazioni politiche del PC.

L’autore di “Venti poesie d’amore e un canto di disperazione” morì il 23 settembre 1973 nella clinica Santa María di Santiago, un giorno prima di andare in esilio in Messico.

La tesi dell’avvelenamento fu sollevata pubblicamente per la prima volta dall’autista e segretario personale del poeta, Manuel Araya, che morì nel giugno dello scorso anno e fu una delle ultime persone a vederlo vivo.

La sua testimonianza è stata alla base della denuncia presentata dal Partito Comunista – sostenuta da una parte della famiglia – che nel 2011 ha dato origine all’indagine che ora deve essere riaperta.

“La verità richiede tempo per arrivare, ma sta arrivando a poco a poco. È un grande risultato per la giustizia che chiediamo da anni per mio zio Pablo”, ha dichiarato a EFE Rodolfo Reyes, nipote del poeta e parte civile.

L’indagine, che ha coinvolto tre gruppi di esperti internazionali, è stata ribaltata nel 2017, quando il secondo gruppo di specialisti ha respinto la versione ufficiale che indicava il cancro alla prostata come causa di morte e ha trovato “clostridium botulinum” in uno dei molari del poeta.

Il Clostridium botulinum, responsabile del botulismo, è un bacillo che si trova solitamente nel terreno e può causare problemi al sistema nervoso e persino la morte.

Un terzo gruppo di esperti della McMaster University (Canada) e dell’Università di Copenaghen (Danimarca) ha rivelato un anno fa che il batterio “era nel suo corpo al momento della morte”, cosa che la famiglia ha interpretato come prova inconfutabile che Neruda è stato “avvelenato” durante la sua permanenza nella clinica.

“Neruda dal 2017 grida che nel suo corpo c’è il ‘clostridium botulinum’ e che gli è arrivato attraverso l’intervento di terzi”, ha sottolineato l’avvocato Flores.

Resta tuttavia l’incognita di come la tossina botulinica, che si trova spesso anche in cibi in scatola mal conservati, sia stata introdotta naturalmente o intenzionalmente nel suo corpo.

Nella sentenza di lunedì, la Prima Sezione della Corte d’Appello di Santiago ha anche ordinato che vengano eseguite diverse procedure richieste dai querelanti, come l’analisi della calligrafia del certificato di morte e la raccolta di nuove dichiarazioni.

Per la famiglia, la misura più importante è una “meta-perizia per rivedere e interpretare i risultati degli esperti delle Università McMaster e Copenaghen, che dovrebbe essere eseguita solo da esperti proposti da tali istituzioni”.

Reyes ha spiegato che il giudice del caso aveva chiesto a diverse università cilene di interpretare la perizia dello scorso anno, ma che queste “non hanno le conoscenze o l’esperienza per farlo” e che Canada e Danimarca sono i Paesi “più avanzati” in questo tipo di analisi forense.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...