Cuba, gli Stati Uniti e l’interesse nazionale di entrambi

Print Friendly, PDF & Email

Il 7 febbraio di quest’anno, le delegazioni ufficiali di Cuba e degli Stati Uniti si sono incontrate a Washington DC, per affrontare temi legati all’agenda bilaterale, prevista dall’attuale Memorandum d’Intesa relativo all’Applicazione e alla Conformità della Legge

Il memorandum, firmato il 16 gennaio 2017, presuppone che le rispettive autorità si scambino informazioni e coordinino azioni comuni su otto sottotemi, che vanno

dalla sicurezza informatica e dall’emigrazione illegale, alla cooperazione giudiziaria e alla lotta al terrorismo.

Si potrebbe sostenere che si tratta del memorandum, firmato sotto il governo di Barack Obama, che, rispetto agli altri 21, impegna più agenzie federali e istituzioni ufficiali statunitensi a Cuba e, anche, uno di quelli più direttamente legati alla sicurezza .nazionale dei rispettivi Paesi, qualunque sia la definizione di detto concetto.

Questa è la sesta volta che si svolge un incontro così formale, il che in una certa misura contribuisce a fare una sorta di bilancio di tutte le azioni specifiche di scambio che hanno avuto luogo dall’incontro precedente.

Tra i risultati pratici che possono essere collegati grazie alla cooperazione bilaterale in questo settore ci sarebbero:

  1. Avvertimento tempestivo alle autorità statunitensi in caso di avvistamenti di navi coinvolte nel traffico di droga via mare.
  2. Prevenzione degli attacchi informatici contro obiettivi statunitensi utilizzando indirizzi IP cubani.
  3. Perseguimento giudiziario a Cuba o negli Stati Uniti contro accusati di vari reati, utilizzando le informazioni fornite dalla controparte.
  4. Utilizzo intenzionale della documentazione di immigrazione cubana per accedere illegalmente al territorio statunitense.
  5. Operazioni congiunte contro commissari di crimini diffusi dall’Interpol.
  6. Azioni contro la tratta di esseri umani via mare.
  7. Scambio di informazioni sulle nuove sostanze psicotrope e sul loro potenziale traffico tramite posta diretta tra i due paesi, pacchi o a bordo di voli diretti.
  8. Restituzione dei beni illegalmente sottratti ai rispettivi territori.

Nonostante gli alti e bassi nelle relazioni politiche bilaterali, Cuba ha mantenuto il suo impegno nello spirito e nella lettera di quanto concordato e ha continuato durante tutti questi anni a fornire informazioni alla parte statunitense su questi temi.

Si può affermare senza dubbio che questo atteggiamento ha consentito la preservazione di molte vite e di beni materiali. Attraverso comunicazioni discrete e professionali, le agenzie federali statunitensi a volte hanno accusato di aver ricevuto le informazioni, ringraziandole per la loro collaborazione, altre volte sono rimaste in silenzio.

Nella maggior parte dei casi in cui si sono svolti incontri, entrambe le delegazioni hanno rilasciato brevi dichiarazioni in cui dichiarano gli scopi del dialogo e i loro impegni al riguardo.

Tuttavia, al termine di questo sesto incontro, la delegazione statunitense ha rilasciato un comunicato stampa affermando che questo scambio con alti funzionari cubani rispondeva all’“interesse nazionale” degli Stati Uniti. Anche se questo è qualcosa che è presupposto, non è stato detto in modo così esplicito in ogni occasione.

È noto che all’interno di un settore politico limitato con collegamenti nel sud della Florida, ci sono state ripetute domande alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato sulla continuità di questi legami. Da Washington si ritiene che utilizzando l’espressione “interesse nazionale” l’esercizio sia sufficientemente giustificato di fronte a qualsiasi critica.

E così è, ma allo stesso tempo l’argomento è contraddittorio con altre pratiche che sono state esercitate contro Cuba negli ultimi sette anni. Il primo e più ovvio potrebbe essere l’inclusione e il mantenimento di Cuba nella lista dei paesi che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo.

In ripetute occasioni, i media del governo statunitense rilasciano alla stampa, o utilizzano nei propri documenti pubblici, frasi che servono a testare le reazioni e gli stati d’opinione del pubblico su argomenti specifici.

Sarebbe logico che questo fosse il tipo di esercizio che veniva portato avanti adesso, quando il suddetto comunicato stampa ha coinciso con la pubblicazione di articoli, della destra ideologica americana (non della sinistra), che riconsiderano la questione della necessità di rilanciare le relazioni con Cuba.

È sempre più chiaro a un numero sempre maggiore di osservatori e decisori che tutti gli argomenti utilizzati in passato per ostacolare le relazioni bilaterali ( attacchi sonori , truppe in Venezuela, basi cinesi) erano totalmente falsi e che i flussi migratori e altri disordini controproducenti si sono verificati come “veri e propri disordini nazionali”. interesse degli Stati Uniti.

Questi piccoli segnali appaiono nello stesso momento in cui si verificano situazioni inaspettate nella vita di alcuni dei principali portavoce dell’agenda anticubana, che vanno dal processo di sterminio contro un senatore, un tempo di spicco della zona democratica, alla declassificazione pubblica della modello di voto di un nuovo talebano repubblicano.

In un terzo caso, ricordiamo ancora le forti critiche contro un altro legislatore anticubano, letteralmente comprato dalla National Rifle Association , che ignora ancora e ancora le uccisioni di minorenni nelle scuole.

Se dal primo livello esecutivo degli Stati Uniti si decidesse politicamente di progettare una politica nei confronti di Cuba basata sull’“interesse nazionale”, allora la sicurezza dei migranti sarebbe più importante che consegnare il loro destino ai trafficanti con una determinata ubicazione residenziale, ci sarebbero più cooperazione universitaria e meno fuga di cervelli, si farebbero più progressi nella scienza e si salverebbero più vite, il bilancio federale degli Stati Uniti verrebbe utilizzato per scopi produttivi e non per tentativi inefficaci di destabilizzazione esterna, il commercio fiorirebbe e i prezzi dei prodotti americani aumenterebbero Non bisogna gonfiare le rispettive nazionalità nel mercato di ognuno, la vera cultura riempirebbe i teatri e gli spazi diversi invece del mercantilismo di un’industria dell’intrattenimento di terz’ordine, i viaggi temporanei forse sostituirebbero la migrazione definitiva.

Questo (e molto altro) avviene solo a livello bilaterale, chiediamo ai nostri vicini regionali quale sarà il beneficio che trarranno loro da questo nuovo tipo di relazione bilaterale tra Cuba e gli Stati Uniti.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...