Milei inizia la svendita dell’Argentina agli USA

Print Friendly, PDF & Email

L’Argentina governata dall’estremista liberale Javier Milei dà il via libera al dispiegamento di militari statunitensi per controllare la più importante via d’acqua del Paese sudamericano.

L’Amministrazione Generale dei Porti di Stato (AGP) argentina e il Corpo degli Ingegneri dell’Esercito degli Stati Uniti hanno recentemente firmato un accordo in base al quale le truppe statunitensi saranno dislocate sulla via d’acqua Troncal, la via d’acqua più vitale che collega i fiumi Paraguay, Paraná e Uruguay.

Il documento è stato firmato da Mauricio Gonzalez Botto, Segretario di Stato per le Imprese e le Corporazioni dell’Ufficio Nazionale di Gabinetto, Marc Stanley, Ambasciatore degli Stati Uniti in Argentina, Gastón Benvenuto dell’AGP e Adriel McConnell, rappresentante del Corpo degli Ingegneri dell’Esercito statunitense.

L’ambasciatore statunitense ha elogiato la decisione del governo Milei, affermando che l’accordo “è un perfetto esempio di come i nostri Paesi possano mettere in contatto esperti tecnici per migliorare la gestione delle loro infrastrutture critiche”.

Un comunicato dell’ambasciata statunitense ha sottolineato che l’Argentina e gli Stati Uniti “condividono l’obiettivo di garantire operazioni portuali efficienti e trasparenti in un contesto di dinamiche ambientali in continua evoluzione, compresa la realtà del cambiamento climatico”, come riporta HispanTv.

Tuttavia, va notato che il corso d’acqua ha visto un aumento del flusso del traffico internazionale di droga, secondo l’ex capo della Federazione Agraria Argentina, Pedro Peretti, citato nello stesso documento. “È la via principale attraverso la quale la droga raggiunge l’Europa”.

Questa rotta fluviale argentina è anche utilizzata per trasportare più dell’80% dei prodotti esportabili della nazione, come cereali, farina e oli, tra gli altri, un mercato che è conteso soprattutto da aziende statunitensi e cinesi.

Dopo aver appreso della firma dell’accordo, l’opposizione argentina ha suonato il campanello d’allarme, denunciando l’iniziativa come “un attacco alla sovranità nazionale” e chiedendo al capo del gabinetto, Nicolás Posse, di spiegare le implicazioni dell’accordo al Congresso.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. David ha detto:

    Pobre Argentina regalando sus recursos a consorcios extranjeros