Gli Stati Uniti raccolgono milioni di fondi per i piani anti-Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Le autorità statunitensi hanno approvato una somma aggiuntiva di oltre 50 milioni di dollari per azioni sovversive a Cuba, con particolare attenzione alle campagne di manipolazione dei media, ha denunciato ieri il portale web Cubadebate.

Con il titolo “Blocco e sovversione contro Cuba: multe alle banche e più di 50 milioni per i programmi di interferenza”, il direttore della testata, Randy Alonso, ha commentato questa domenica alcuni dei passi più recenti della politica di Washington contro l’isola.

Venerdì 22 marzo, la mafia anticubana alla Camera dei Rappresentanti è riuscita a introdurre i nuovi fondi in una risoluzione che autorizza il finanziamento di 1,2 miliardi di dollari per sostenere le operazioni di alcuni settori del governo statunitense, ha spiegato il direttore di IDEAS Multimedios.

Secondo un comunicato stampa pubblicato dall’ufficio del deputato anticubano Mario

Díaz-Balart, il regolamento prevede 25 milioni di dollari per programmi di “promozione della democrazia a Cuba”; la somma rappresenta un aumento del 25% rispetto al 2023, ha spiegato Alonso.

Questi programmi, ha sottolineato l’analista, mirano fondamentalmente a sviluppare azioni sovversive contro l’isola e “campagne di manipolazione” negli Stati Uniti e nel resto del mondo.

Attraverso il Dipartimento di Stato, il NED e l’USAID, finanziano generosamente le organizzazioni di lobby anticubane in Florida e altrove, e pagano le loro indennità ai mercenari che hanno a Cuba, ha aggiunto l’esperto.

Parte di questi finanziamenti, ha aggiunto, viene utilizzata per mantenere la macchina mediatica anticubana e gli agitatori dei social network che hanno fomentato negli ultimi 10 anni “con l’obiettivo esplicito di avere un impatto, generare narrazioni manipolate e confondere l’opinione pubblica cubana”.

Con uno scopo simile, la proposta legislativa firmata dalla Camera degli Stati Uniti stanzia 25 milioni per il lavoro 2024 dell’Ufficio di Radiodiffusione di Cuba, responsabile di Radio e TV Martí, che rappresenta un notevole aumento rispetto ai 13 milioni dell’ultimo anno fiscale, ha detto.

Inoltre, una somma aggiuntiva “non specificata” è riservata al Fondo per la tecnologia aperta per promuovere le tecnologie che favoriscono la “libertà di Internet” a Cuba, ha detto lo specialista.

In questo senso, il regolamento stabilisce che 90 giorni dopo l’approvazione finale della legge, il Segretario di Stato e il direttore esecutivo dell’Agenzia Globale per i Media degli Stati Uniti devono presentare ai Comitati per gli stanziamenti i fondi e i piani per l’attuazione delle disposizioni relative ai programmi di sviluppo della tecnologia Internet.

Un recente articolo pubblicato dal sito web Razones de Cuba ha richiamato l’attenzione sul crescente deficit fiscale degli Stati Uniti, mentre la Casa Bianca continua a spendere somme straordinarie per scopi di interferenza.

“Quei miliardi di dollari che sprecano fanno parte del grande e crescente deficit fiscale pagato dai cittadini statunitensi”, ha sostenuto Razones de Cuba con dati concreti.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...