Un popolo rivoluzionario non si lascia manipolare dalle campagne politiche dell’imperialismo e della controrivoluzione

Print Friendly, PDF & Email

Quello che noi cubani sappiamo e non potremo mai dimenticare:

Questa è la Rivoluzione cubana vittoriosa dal 1959 fino all’infinito, portata avanti dal popolo e difesa dall’immensa maggioranza dei cubani a qualsiasi prezzo.

Ecco perché la nostra risposta rivoluzionaria a questo nuovo assalto mediatico controrivoluzionario, indotto dal momento storico che stiamo vivendo e dall’impatto negativo del contesto internazionale e interno che noi cubani stiamo attraversando, a partire dalle 243 misure di Trump contro il nostro Paese e dagli effetti economici negativi della pandemia di Covid-19 che ha quasi paralizzato il nostro Paese.

Le aggressioni dell’imperialismo yankee e il blocco rafforzato, insieme alla pandemia, hanno portato gravi problemi di deficit finanziario, contrazione economica e penuria che l’economia cubana non è ancora riuscita a risolvere.

Ora ci sono effetti collaterali diretti e di altro tipo sull’economia e sulla società cubana, perché la situazione finanziaria, il commercio e l’intera Geopolitica Globale Egemonica dell’Imperialismo stanno cambiando: tensioni tra le potenze, nuovi conflitti militari, inflazione e un clima prebellico con un’enfasi sulla corsa agli armamenti e sulla sfiducia politica e diplomatica nello stile della Guerra Fredda.

I nuovi, per la loro importanza strategica e per l’uso efficiente delle nuove tecnologie, delle comunicazioni, dell’informazione e dello spionaggio, sono depositari di nuove possibilità di sovversione politico-ideologica, il cui metodo principale si basa sulla distruzione delle basi culturali e spirituali, della memoria storica e simbolica dei popoli, con meccanismi di guerra psicologica “cognitiva” di quarta e quinta generazione, nonché con l’applicazione dell’intelligenza artificiale.

Ora ci troviamo di fronte ad aggressioni mediatiche per generare ulteriori disordini ed esortare alla sfiducia, alla disperazione e alla richiesta di manifestazioni, per cercare di generare sovversione e rompere l’unità nazionale dei cubani.

È così che ci troviamo oggi noi cubani: da un lato abbiamo gli impatti cumulativi del blocco illegale e rafforzato con la condizione che “Cuba sponsorizza il terrorismo”, una falsità spuria che fornisce un pretesto per “trattare come un potenziale Paese nemico”.

Per questo è necessario partire dalla storia e dall’analisi del contesto attuale. Molto è stato detto e scritto sulla genesi della storica disputa tra gli Stati Uniti e la Rivoluzione cubana. Viviamo in un clima di economia di guerra e di nazione sotto assedio.

Non neghiamo nemmeno le distorsioni e i problemi interni di organizzazione e gestione nella gestione della crisi economica: inflazione, ritardi nei pagamenti ai produttori, mancanza di controllo, indisciplina lavorativa e tecnologica, illegalità, casi di corruzione, ritardi nella risoluzione delle rivendicazioni e delle richieste della popolazione, tra le altre difficoltà.

Ma la battaglia condotta dal popolo e dalla leadership della Rivoluzione contro questi problemi è in linea con le politiche approvate e con gli sforzi di migliaia di quadri dedicati del Partito, dello Stato, del governo e delle organizzazioni.

Gli operatori politici dell’imperialismo statunitense e gli esemplari della controrivoluzione da loro reclutati non dicono nulla di tutto questo.

Con la guerra mediatica, le menzogne e gli appelli al “confronto tra cubani”, l’imperialismo non sconfiggerà mai la Rivoluzione cubana.

Non c’è “abbraccio con la verità”, da parte di coloro che sono passati dalla parte degli infedeli o hanno venduto l’anima all’imperialismo, quando sono solo capaci di cianciare, di affibbiare fatti, citazioni e nomi di personalità politiche per squalificare la leadership della Rivoluzione, ignorando così la storia della dominazione imperiale statunitense contro il nostro eroico popolo.

Qualunque sia lo status che si attribuiscono, e il falso ruolo di presunti difensori di “un’altra democrazia migliore”, che non è altro che quella capitalista, li squalifica e li allontana dalla vita reale e dalle lotte eroiche del nostro popolo.

Per questo insultano, si ripetono, disprezzano la resistenza e il duro lavoro del loro stesso popolo, non riconoscono le loro conquiste, i sacrifici e le lotte collettive, la solidarietà con gli altri popoli, i progressi della scienza e dell’innovazione.

Non potranno mai riconoscere quelli di noi che sono uniti nella resistenza creativa, per la sovranità nazionale e per il mantenimento dei principi politici di giustizia sociale e democrazia socialista, inclusiva e partecipativa del popolo, sanciti nella Costituzione, nel Codice di Famiglia, nelle politiche di uguaglianza di genere e razziale e nell’avanzamento delle donne.

I nemici della Rivoluzione cubana sono rimasti e rimarranno sempre con il desiderio di sovvertire l’ordine e la tranquillità del popolo, scommettendo sempre che “il popolo cesserà di essere unito e di resistere”.

Quando vediamo che dagli Stati Uniti e anche da qui invitano alla violenza e ai disordini una parte del popolo contro la direzione di questa Rivoluzione, di cui il popolo è custode, questo tipo di atteggiamento infido e di manifestazioni illegali a cui dobbiamo rispondere con forza e applicare le leggi, è un peccato.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...