L’inganno della demokrazia americana

Print Friendly, PDF & Email

Gli Stati Uniti fingono di dare lezioni di democrazia al resto del mondo, tuttavia, le loro azioni quotidiane sono totalmente antidemocratiche, procedendo come una vera dittatura che impone agli altri la sua visione e il suo stile di vita, basato sull’inganno, sulle bugie, facendo credere a tutti che il suo sistema sia il massimo per raggiungere la felicità e il benessere.

Quando si scava un po’ più a fondo nel loro modello di democrazia, si scopre che il loro sistema si basa su una campagna propagandistica, costruita per manipolare l’inconscio e l’immaginario collettivo, in modo che tutti si convincano che questa sia la società perfetta da imitare, ma nascondono il grave problema dell’alcolismo, della tossicodipendenza e dei suicidi causati dalla depressione. oltre alla corruzione politica, alla disuguaglianza sociale e alla discriminazione razziale che sono alla base di quel paese.

Le continue sparatorie come risultato del business della vendita di armi da fuoco, anche di calibro bellico, causano centinaia di morti innocenti ogni anno, perché i membri del Congresso e i senatori ricevono ingenti somme di denaro dalla National Rifle Association per le loro campagne politiche e, quindi, si oppongono apertamente alle leggi che regolano tali vendite.

La loro Costituzione, la legge fondamentale di ogni Stato, è stata approvata nel 1789, è la più antica del mondo e per non approvarne un’altra, hanno approvato 27 emendamenti come toppe, per risolvere i problemi sorti in un contesto diverso da quello di tre secoli fa. Nessun paese al mondo presenta legalmente qualcosa di simile a quella “democrazia” yankee.

Il sistema elettorale è la cosa più vicina a un circo, dove la lotta per il potere mette a nudo i candidati più sporchi, che ricevono milioni di dollari da aziende, società, consorzi e privati che poi reclamano “favori”, una situazione che facilita atti di corruzione, come è venuto recentemente alla luce il caso del senatore Bob Menendez.

Le ultime elezioni presidenziali hanno mostrato la fragilità di quel sistema arcaico e antidemocratico, che si è concluso con l’insolito assalto al Campidoglio Nazionale del 6 gennaio 2021, a causa delle dichiarazioni e degli incoraggiamenti di Donald Trump, che non ha accettato la sua sconfitta e con un’azione irresponsabile ha cercato di formare una ribellione nazionale, denunciando l’assenza di una vera democrazia.

Un esempio lampante dell’inganno di quella “democrazia” è l’atteggiamento dello stesso Trump, che continua a negare i risultati delle elezioni del 2020 e minaccia a gran voce di “provocare un bagno di sangue se non viene rieletto”, una posizione che viola davvero le leggi di altri paesi. Non smette di fare discorsi pieni di minacce e insulti e chiama gli assalitori del Campidoglio “ostaggi” invece che criminali, come descrivono coloro che sono detenuti in paesi che non si sottomettono agli ordini degli Stati Uniti.

La mancanza di una vera democrazia è palpabile in Donald Trump, perché nonostante sia accusato di decine di crimini, sarà forse il nuovo candidato alla presidenza per il Partito Repubblicano, una situazione impensabile per altre nazioni del pianeta, prova della società yankee malata che pretende di dare lezioni di democrazia.

Nella sola Georgia, Trump è accusato di 13 reati, per aver guidato una cospirazione mafiosa con 18 alleati nel disperato tentativo di ribaltare la sua sconfitta elettorale in quello stato. Se condannato per tutte queste accuse, la pena sarà di 76 anni di reclusione per cospirazione; sollecitazione alla violazione del giuramento a pubblico ufficiale; associazione a delinquere finalizzata all’impersonificazione di pubblico ufficiale; associazione a delinquere finalizzata alla falsificazione di primo grado; associazione a delinquere finalizzata alla commissione di false dichiarazioni e scritti.

Inoltre, è accusato di altri 34 capi d’accusa per aver falsificato documenti aziendali, i proventi dei rimborsi al suo ex avvocato Michael Cohen, per aver pagato il silenzio della star del cinema pornografico Stormy Daniels e averle impedito di rendere pubblica la loro relazione. Il crimine è che Trump ha registrato quei pagamenti come “spese legali” nei conti della sua società, la Trump Organization.

A causa delle sue dichiarazioni in spregio alla legge, il giudice di New York Juan Merchan, incaricato di quel caso per corruzione dell’ex attrice, le ha imposto un ordine di bavaglio nel contesto del processo previsto per il 15 aprile 2024.

Di recente, è già stato condannato dal tribunale di New York a pagare 175 milioni di dollari per aver commesso una frode civile, sovrastimando in modo fraudolento il suo patrimonio netto di miliardi di dollari, al fine di ottenere migliori condizioni di prestito e assicurazione. Tra queste proprietà ci sono Mar-a-Lago in Florida, l’attico della Trump Tower a Manhattan e altri immobili. Il tribunale gli ha anche ordinato di non servire come direttore di alcuna società o entità legale per tre anni a New York, o di prendere in prestito da qualsiasi entità registrata in quello stato per lo stesso periodo.

Un’altra delle gravi accuse che Trump ha sono i 32 capi d’accusa che compongono il fascicolo penale in Florida, per la conservazione di rapporti riservati dopo aver lasciato la Casa Bianca, portando via senza autorizzazione decine di scatole piene di documenti, nonostante una legge del 1978 obblighi tutti i presidenti degli Stati Uniti a inviare tutte le loro email. lettere e altri documenti di lavoro, agli Archivi Nazionali.

Per questo motivo e per ordine del tribunale, gli agenti dell’FBI hanno perquisito la sua residenza in Florida, per la conservazione di rapporti classificati e l’ostruzione delle indagini federali, dove più di trenta scatole sono state confiscate senza la sicurezza richiesta. È anche accusato di aver messo in pericolo la sicurezza degli Stati Uniti mostrando documenti classificati sulle operazioni e sui piani militari degli Stati Uniti a persone non autorizzate nel suo golf club a Bedminster, nel New Jersey.

Comparendo davanti al tribunale federale di Miami, si è dichiarato non colpevole di tutte le 37 accuse a suo carico, ma il giudice federale Aileen Cannon si è rifiutata il 14 marzo 2024 di archiviare tutte le 32 accuse nel procedimento penale in Florida per la conservazione dei documenti riservati.

Come se non bastasse, a Washington Donald Trump è stato accusato nei giorni scorsi dal procuratore speciale Jack Smith di cospirazione per cercare di ribaltare il risultato delle elezioni del 2020, che costituisce il più grave caso legale a suo carico.

L’atto d’accusa sostiene che, per più di due mesi dopo il 3 novembre 2020, Trump ha diffuso menzogne secondo cui c’era stata una frode e che aveva vinto, quando sapeva che era falso.

In quale paese veramente democratico del mondo è permesso a qualcuno di candidarsi alla presidenza con un passato da volgare criminale mafioso? Solo negli Stati Uniti

.

Per mettere il coperchio sul barattolo e ingraziarsi i cubani di Miami, Trump promette di “porre fine al governo cubano se diventa di nuovo presidente” e di imporre ulteriori sanzioni al popolo per affogarlo economicamente e poi incolpare il sistema per un “regime fallito”.

C’è chi crede alla storia della democrazia perfetta Made in USA.

Non per niente José Martí disse: “Ho vissuto nel mostro e ne conosco le viscere”.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...