Cuba, una minaccia?

Print Friendly, PDF & Email

Lungo, ma necessario per capire e agire…

Leggo come sempre, passo in rassegna varie fonti e piattaforme, consulto vari autori su argomenti di interesse didattico, mi soffermo nelle mie riflessioni, la motivazione viene da una recente conversazione con amici abituali e stretti, vecchi analisti di quartiere, pensionati polemici, amici che sanno e danno la loro opinione su tutto, mi dicono che apprezzano il branco anticubano che si rifugia nel sud della Florida, la disperazione e l’intensificazione di una brutale persecuzione dell’impero sul Paese.

L’impronta della politica aggressiva del governo degli Stati Uniti è reale, non ha smesso di realizzare azioni destabilizzanti nell’ambito della guerra non convenzionale, della guerra cognitiva, espressione della guerra ibrida in uno scenario di pace apparente, che si sta sviluppando contro Cuba.

Il golpe morbido è in corso, si sta sferrando con ondate ripetute quando il nemico valuta il momento tempestoso perfetto per sferrare il colpo di grazia, i miei amici stanno ascoltando con molta attenzione.

A mio avviso, l’attività operativa della CIA e della comunità di intelligence statunitense rimane attiva come sempre, esplorando il “potenziale di eventi dissimili” per individuare gli sviluppi e le tendenze chiave che accelereranno gli effetti di qualsiasi conflitto interno, misurando costantemente le incertezze e le potenziali lacune per cercare di penetrarci e favorire nuovi tentativi di destabilizzazione.

Il programma sovversivo che si sta applicando contro Cuba, come descritto negli studi degli ideologi statunitensi, in via prioritaria, cerca di continuare a sfruttare la variabile di una brutale guerra economica, insieme ad altre componenti; psicologiche, morali, soggettive, in uno scenario sociale travolto dalle carenze e dai bisogni materiali accumulati negli anni.

L’influenza sediziosa e interferente si è intensificata su gruppi che sono una “minoranza di disaffezionati e non conformisti, ma anche sulla maggioranza rivoluzionaria, che è suscettibile di impatto ideologico”.

Il lavoro prioritario è nelle comunità locali complesse e nei settori di maggiore sensibilità, soprattutto i giovani, che presuppongono una maggiore vulnerabilità, approfittando della complessità della situazione di risorse limitate, carburante, interruzioni di corrente, cibo, medicine, trasporti, vitali per la vita quotidiana in qualsiasi nazione.

Dopo aver ottenuto una grande quantità di dati e informazioni sulla realtà interna cubana, i risultati degli studi della situazione operativa, tipici dell’attività di intelligence, l’obiettivo è gestire lo scenario in modo da generare un “logoramento progressivo”, utilizzando dapprima l’accesso dell’impalcatura politica anticubana al Congresso del Paese del Nord, e mantenendo la pressione sui social network, con fake news, azioni di troll o influencer, e terrorismo mediatico.

Ha continuato a rafforzare l’operazione di comunicazione, matrice permanente del presunto dissenso, della destabilizzazione e dell’ingovernabilità del Paese, per realizzare provocazioni che contribuiscono all’aggravamento della situazione interna e ottenere così l’esplosione sociale concepita dopo il presunto errore delle autorità cubane nella gestione di possibili disordini pubblici.

Osservare e muovermi sulle diverse piattaforme delle reti digitali, molto utili per la mia attività didattica, mi ha permesso di apprezzare un crescente aumento dell’attività sovversiva con messaggi intenzionali, sfruttando le gigantesche capacità tecnologiche della loro potenza radioelettrica, di internet e di altri spazi di scambio sociale, che stanno promuovendo con finanziamenti federali.

Il nemico misura costantemente il grado di razionalità ed equilibrio della risposta delle autorità cubane, nel mezzo di una crisi economica molto acuta, quando le opzioni per una via d’uscita si restringono, le azioni del governo hanno più probabilità di commettere errori di calcolo, la possibilità di una decisione fatale aumenta, cercano una risposta violenta, la repressione del popolo, un ferito o un morto, di conseguenza i servizi di intelligence continueranno ad adattare il loro modello di azione operativa.

I manuali di guerra non convenzionale e la dottrina del golpe morbido, esposti nei libri del politologo Gene Sharp, “Dalla dittatura alla democrazia” e “Il ruolo del potere nella lotta nonviolenta”, costituiscono il quadro dottrinale del discorso e delle azioni sovversive della destra cubano-americana e delle organizzazioni terroristiche del sud della Florida, seguono alla lettera e inducono ad applicare contro Cuba ciascuno dei 198 metodi di destabilizzazione interna, le basi della dottrina per ottenere il “cambio di regime”.

Gli eventi e le proteste del 17 marzo 2024 hanno come cause e condizioni l’appello alla disobbedienza civile come risultato dell’irritazione causata dalle lunghe ore di blackout, dalla carenza di cibo e dalle altre difficoltà quotidiane che i cubani vivono in questi giorni, rispettate dalle autorità della nazione cubana, cosa non comune negli Stati del primo mondo, che presumono di essere un modello di democrazia e diritti umani, nella nazione delle Antille è un diritto dei cittadini a manifestare pacificamente, riconosciuto nella Costituzione della Repubblica approvata a maggioranza dalla popolazione nel 2019.

Come in passato, sono stati fatti ripetuti tentativi di applicare le ben note tecniche volte a gestire il “sostegno” alla società civile cubana, a rafforzare la leadership di base e le strutture comunitarie e a coinvolgere le piattaforme comunitarie nei processi di cambiamento previsti, garantiti da un budget di milioni di dollari.

In una rete di organizzazioni sovversive, la NED è riuscita, tra l’altro, a “promuovere la democrazia e il cambio di regime” per un ammontare di 600 milioni di dollari; tuttavia, non ha ottenuto la risposta necessaria dalla società civile cubana, le organizzazioni sociali, politiche e di massa si ispirano agli ideali che definiscono il carattere socialista della Rivoluzione.

Non è un caso che negli ultimi giorni sia aumentato il numero di messaggi sui social network che incitano ripetutamente ad azioni violente da parte di “attivisti che all’interno dell’isola lottano per la libertà e i diritti umani”, utilizzando un substrato ideologico di terrorismo mediatico, La comunicazione si basa sulle parole “caos”, “inettitudine”, “crollo”, “è il momento”, “la dittatura è nella fase finale del regime”, si continuano a lanciare appelli a protestare, a scendere in piazza e si moltiplicano le false informazioni su presunte mobilitazioni in diverse parti della geografia cubana.

Le mie meditazioni non fanno parte di un apprezzamento superficiale, è evidente che c’è molta fretta da parte dell’avversario storico, il nemico apprezza erroneamente che è ora o mai più, l’opportunità di raggiungere i suoi stucchevoli obiettivi, le notizie provenienti dalla fogna dell’ultradestra anticubana nel sud della Florida nelle ultime ore lo hanno confermato e lo condivido:

  • La persecuzione delle operazioni finanziarie dell’isola è diventata evidente quando, di recente, il gruppo bancario privato svizzero EFG International AG è stato sanzionato per il pagamento di circa 3,7 milioni di dollari di multa alla Commissione Europea. 3,7 milioni di dollari di multa all’Office of Foreign Assets Control (OFAC) degli Stati Uniti per aver “violato” i molteplici programmi di sanzioni di Washington, comprese le restrizioni contro i “regimi cubano e russo” (c’è ancora qualcuno che non ha le prove dell’uso delle sanzioni come meccanismo di ricatto, di pressione e della natura extraterritoriale del blocco)?
  • La matrice dell’esistenza della cosiddetta “Sindrome dell’Avana” è riciclata, l’indagine dei servizi segreti statunitensi che ha concluso che era “molto improbabile” che un avversario straniero fosse responsabile della cosiddetta Sindrome dell’Avana, che ha colpito i diplomatici di tutto il mondo, è sconosciuta e messa in discussione dalla mafia anticubana. La CIA non ha esitato ad avallare i risultati dell’indagine, che ha coinvolto centinaia di funzionari dei servizi segreti statunitensi, esperti esterni e ha riguardato più di 90 Paesi.

Sebbene sia stata verificata con il massimo rigore scientifico, con interviste, revisioni di registrazioni e lo sviluppo di speciali sensori, fino alla creazione di modelli tridimensionali dei luoghi degli incidenti, all’identificazione di persone ed edifici vicini a quei siti e al tracciamento delle targhe, la Commissione nazionale di intelligence del Congresso, su pressione di senatori cubano-americani, ha richiesto poche ore fa informazioni all’ufficio del Direttore dell’Intelligence nazionale, alla CIA, alla Defense Intelligence Agency e all’FBI.

La teoria del complotto è stata ripresa, ora si parla della partecipazione della Russia, ancora una volta si vogliono rieditare, cercando una base reale per le smentite, pretesti per mantenere Cuba nella lista spuria dei Paesi sponsor del terrorismo e per intaccare le relazioni con la nazione slava, partner storico e strategico nelle condizioni di assedio in cui si trova l’isola, ostacolando l’opportunità che questa rappresenta per l’economia della più grande delle Antille.

Nelle ultime ore, le cosiddette “organizzazioni dell’esilio a Miami”, congressisti e portavoce di organizzazioni con ampia copertura nei media locali del circuito controrivoluzionario, hanno riferito con frettoloso trionfalismo di nuove misure derivanti da una legislazione che ha il consenso del Congresso statunitense.

Il pericolo imminente per gli Stati Uniti viene usato come argomento e viene approvata una legislazione che utilizza programmi che forniscono fondi per la sicurezza nazionale e la politica estera per proteggere la nazione nordamericana da nemici come la “dittatura cubana”, presumibilmente assediata dalle proteste e dal crescente malcontento sociale.

Fondi dal bilancio degli Stati Uniti per un ammontare di 43,5 milioni di dollari per la tecnologia aperta “per affrontare la censura di Internet nel mondo” sono stati approvati da una sottocommissione del quadro congressuale e dal Dipartimento di Stato per l’anno 2024.

Non è una novità che tali fondi tecnologici siano destinati a Paesi che sono priorità pubbliche o più occulte della Strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Cuba, Nicaragua, Venezuela, Cina, Russia e Iran, più soldi per la sovversione in nome del diritto all’informazione e per le tasche dei promotori.

A questo proposito è stato approvato un aumento del 25%, circa 25 milioni di dollari per sostenere gli attivisti sociali che lottano all’interno di Cuba e altri 25 milioni per rafforzare la radio e la TV Martí, fonti di trasmissione indipendenti; a questo proposito si chiede al governo di consultare il Congresso prima di inviare assistenza umanitaria a Cuba.

È stato inoltre annunciato il divieto assoluto di finanziare con il bilancio nazionale le cosiddette PMI, secondo i promotori perché la maggior parte di esse sono gestite e controllate dal regime cubano, con l’obiettivo di colpire la prosperità dell’attore economico non statale previsto nella strategia di sviluppo economico cubano e che copre non poco spazio in posti di lavoro, prodotti e servizi alla popolazione cubana.

Le missioni internazionaliste di collaborazione medica cubana con altri Paesi, che forniscono anche ingenti risorse come compensazione per sostenere il sistema sanitario cubano, sono perseguite con ostinazione e priorità malsana.

In questo senso, i legislatori anticubani hanno utilizzato la sezione 7031, che regola la proibizione dei visti per viaggiare negli Stati Uniti, per negare i visti d’ingresso nel Paese anglosassone del Nord a qualsiasi funzionario governativo, compresi i familiari, e alle organizzazioni internazionali legate allo “sfruttamento dei medici cubani” nelle “missioni schiaviste della dittatura”.

In altre parole, governi, organizzazioni o funzionari non potranno lavorare per offrire programmi di servizi sanitari a grandi masse di popolazione che nei loro Paesi d’origine non ne hanno diritto, con il supporto di prestigiosi professionisti cubani.

Faccio ancora fatica a capire che ad alcuni non sia ancora chiara l’esistenza del blocco e la palese e aperta ingerenza degli Stati Uniti nelle nostre vite come causa principale dei nostri problemi. Un’amica mi ha raccontato che qualcuno le ha detto che le nostre autorità diventano “un minestrone di giustificazioni”, vorrei vedere quel qualcuno che agisce come autorità in un Paese nelle nostre condizioni di accerchiamento.

Le origini di tutti i venti di odio che provengono dal Nord sono nominate, Marco Rubio, María Elvira Salazar, Carlos Jiménez, Mario Díaz-Balart e altri leader dell'”esilio”, viagrero e compotero, zecche del porcile e siringhe usa e getta che abbondano a quella latitudine.

Quel branco su tutte le furie parla da lì dell’esistenza di un “movimento popolare indigeno decentrato”, che sta lottando all’interno dell’isola “per rovesciare il regime nelle strade”, giustificando così le nuove misure, l’informazione per la sovversione dal presunto “libero accesso a internet”, alle onde corte e alla televisione, non bisogna essere un esperto in materia per rendersi conto di quanto denaro porterà loro vantaggi personali in quella grande industria che è l’obiettivo Cuba.

La mia valutazione, in tempi di elezioni nel mostro che ci odia e ci disprezza, è che la polarizzazione che esiste nel Paese del Nord è sempre più acuta e brutale, l’attuale amministrazione, come la precedente, mantiene intatta la pressione di più di 60 anni di blocco contro Cuba, per ottenere l’asfissia economica, Utilizza anche tutte le impalcature bugiarde del suo sistema sovversivo per ottenere l’esplosione sociale desiderata, dimostrando la solita incoerenza della politica estera statunitense a livello globale e dimostrando ancora una volta la certezza che le autorità statunitensi sono i gestori e i complici dell’aggressione permanente contro l’isola non sottomessa.

Per il momento, “piano contro piano”, come diceva José Martí, prima di tutto la vigilanza, l’allerta permanente, la previsione in anticipo e la prontezza al combattimento su qualsiasi terreno, nella risposta al golpe morbido, la chiave è la capacità delle autorità della Rivoluzione di interpretare il sentimento popolare attraverso meccanismi formali e la ricerca di soluzioni rapide ai problemi urgenti, con il dialogo, la costruzione del consenso e il rafforzamento dell’Unità Nazionale, che ci permetteranno di difendere il progetto nazionale scelto dalla maggioranza del nostro popolo e di consolidare il cammino verso la nostra unica alternativa, la vittoria.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

3 risposte

  1. Liverani ha detto:

    Contributo fondamentale!
    Importante conoscere il nome degli autori dei singoli contributi.
    C’è una ragione per ometterli nella traduzione in italiano?

    • Italia-Cuba ha detto:

      Caro Giuseppe, non c’è nessuna ragione per omettere i contributi degli articoli presente sul nostro sito.
      Infatti alla fine di ogni articolo è sempre presente la fonte dell’articolo. Forse ti è sfuggito questo piccolo particolare.

      Comunque la fonte di quell’articolo è Razones de Cuba e l’autore dell’articolo è Osvaldo de Jesús Figueroa.

      Grazie comunque per la segnalazione e ti auguriamo una buona giornata.

      Valter Tanzi
      webmaster di italiacuba.it

  2. Marco Rognoni ha detto:

    Totalmente d’accordo con quanto espresso in questo eloquente articolo, volto a smascherare le meschine e criminali manovre occulte del governo Nord Americano con l’ appoggio dei criminali Cubani rifugiati in Florida. La caduta dell ‘ egemonia del criminale governo Statunitense sarebbe di grande beneficio per Cuba e per il mondo intero. Speriamo nella crescita del potere di Russia Cina India e di tutte quelle nazioni che non sono schiavi dei criminali USA.