Gli Stati Uniti e il terrorismo contro Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Cuba è nella lista degli Stati sponsor del terrorismo dal 1982, con una pausa tra il 2015 e il 2021, il che è ironico se si considera che dal 1960 è un Paese che ha sofferto molto per gli attacchi terroristici. Naturalmente, cosa ci si può aspettare da una lista stilata dallo stesso governo che ha sponsorizzato e protetto i terroristi che attaccano Cuba?

Oggi vi presento cinque delle volte in cui gli Stati Uniti sono stati all’origine di atti terroristici contro Cuba o hanno protetto coloro che li hanno compiuti, questa volta visti dal punto di vista delle vittime umane.

Bombardamenti aerei sugli zuccherifici cubani

Sebbene questi attacchi, compiuti tra il 1961 e il 1965, avessero l’obiettivo di colpire il ramo principale dell’economia cubana, avevano anche lo scopo di provocare il panico nella popolazione locale: come non spaventarsi quando ci si sveglia e si vede una bomba nel cortile di casa che miracolosamente non è esplosa, come è successo a Domingo Baños?

Ma non tutti furono lasciati soli dallo spavento o persero solo la casa, come coloro che vivevano vicino agli zuccherifici. Quattro contadini: Eduardo Harga, José María Soa, Rogelio Pena Simón e Santiago González Linares sono morti carbonizzati quando sono rimasti intrappolati dalle fiamme mentre cercavano di spegnere l’incendio doloso nel campo di canna da zucchero del Venezuela centrale.

Nemmeno l’interno della casa era al sicuro: Fabric Aguilar Noriega era nella sua stanza quando una bomba è esplosa, uccidendolo all’istante e ferendo tre dei suoi figli.

Se qualcuno se lo stesse chiedendo, tutti gli aerei e i velivoli leggeri responsabili degli attentati provenivano dagli Stati Uniti e, sebbene Orlando Bosch abbia rivendicato in più di un’occasione la responsabilità delle azioni e sia stato persino sorpreso mentre cercava di contrabbandare armi a Cuba, non è stato arrestato.

Attacchi a pescherecci e rapimenti di pescatori

Questi attacchi facevano parte di una serie di eventi avvenuti tra il 1962 e il 1973 che seguivano uno schema simile. I pescherecci venivano attaccati da imbarcazioni pirata di La Florida con mitragliatrici, affondati e i pescatori venivano abbandonati al loro destino su zattere o isole deserte.

Durante i bombardamenti c’erano sempre membri dell’equipaggio che venivano feriti o uccisi, altri scomparivano in mare e quelli che venivano abbandonati o rapiti passavano giorni senza cibo e acqua.

È importante precisare che i pescherecci erano disarmati e nella maggior parte dei casi, dato che la maggior parte degli attacchi avveniva nelle prime ore del mattino, i pescatori dormivano. Anche il 10 ottobre 1972, i pirati avevano già preso i pescherecci Aguja e Plataforma 4 e, nonostante l’equipaggio stesse ancora dormendo, decisero di sgozzare il pescatore Amado Jiménez.

Si contano almeno 4 morti, 6 feriti e 51 pescatori sequestrati e abbandonati in mare o su isole deserte. Anche in questo caso, nonostante i colpevoli si siano vantati con la stampa statunitense delle loro azioni, non sono stati catturati.

Esplosione dell’aereo della Cubana de Aviación alle Barbados

Questo è probabilmente l’evento più noto di questo elenco. È anche uno dei più crudeli.

Alle 12:15 del 6 ottobre 1976, l’aereo decollò dall’aeroporto Seawell di Barbados. Alle 12:23 si verificò la prima esplosione, meno di un minuto dopo la seconda. Cinque minuti dopo, l’aereo e i suoi 73 passeggeri si inabissarono in mare. Non ci furono sopravvissuti.

Hernán Ricardo Lozano e Freddy Lugo, gli autori del crimine, furono arrestati e processati per il crimine. Nelle loro dichiarazioni hanno indicato Orlando Bosch e Luis Posada Carriles come le menti. Hanno anche confessato quanto hanno ricevuto per piazzare le bombe: 25.000 dollari, cioè circa 342,5 dollari per ogni vita che hanno tolto.

Sebbene alle testimonianze degli imputati si siano aggiunte altre prove, ci sono voluti 11 anni per arrestare sia gli esecutori che le menti, ma Posada Carriles e Bosch non sono rimasti lì a lungo.

Posada Carriles è evaso dal carcere e alcuni anni dopo è riuscito a entrare illegalmente negli Stati Uniti. Sebbene Cuba e Venezuela avessero richiesto la sua estradizione per pagare i crimini commessi contro entrambe le nazioni, un tribunale statunitense stabilì che poteva essere estradato solo in qualsiasi Paese tranne Cuba e Venezuela. Alla fine è stato processato solo per ingresso illegale, assolto dalle accuse di terrorismo e rilasciato.

Nel caso di Bosch, è stato estradato negli Stati Uniti dove è stato rilasciato solo nove mesi dopo.

Entrambi i terroristi sono morti liberi, senza pagare per i loro crimini e sono stati trattati come eroi.

Sabotaggio del piroscafo francese La Coubre

Il 4 marzo 1960, il piroscafo La Coubre, carico di armamenti che Cuba aveva acquistato dal Belgio, esplose al molo della baia dell’Avana.

Dopo la prima esplosione, furono organizzate squadre per soccorrere i feriti. 30 minuti dopo, quando centinaia di persone stavano soccorrendo i feriti, si verificò la seconda esplosione, con un numero maggiore di vittime.

In totale si contarono 101 morti e più di 200 feriti.

Quando il governo cubano accusò gli Stati Uniti, questi ultimi negarono le accuse e incolparono Cuba di un errore nelle misure di sicurezza, anche se avevano già testato il lancio di casse uguali a quelle trasportate dal piroscafo da aerei che volavano alla stessa altitudine o addirittura a un’altitudine superiore a quella da cui venivano trasportate. Nessuna di esse è esplosa, quindi la possibilità di non uno, ma di due incidenti era nulla.

In seguito si scoprì che la CIA aveva iniziato il sabotaggio a Cuba in quel periodo.

La febbre emorragica dengue

Dei 158 decessi, 101 erano bambini.

I primi tre casi sono comparsi in aree distanti e non c’era traccia di contatti tra i pazienti, quindi non era possibile che uno avesse infettato l’altro. La durata della malattia variava da tre a sette giorni, ma quasi nessun bambino sopravviveva al quinto giorno.

Il terzo giorno di febbre era quello in cui si verificavano le emorragie dalla pelle, dalla bocca e dal naso e i segnali di allarme: dolori addominali, vomito frequente, irritabilità o sonnolenza. Il quarto giorno, poco dopo la comparsa della febbre, arrivava lo shock, seguito in molti casi da un’emorragia importante. Il quinto giorno era il giorno della morte.

Anche in questa situazione, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti si rifiutò di vendere a Cuba gli insetticidi in grado di combattere l’agente trasmittente della malattia, per cui ci volle più tempo per ottenerli da Paesi terzi.

Questo è uno dei pochi casi in cui il colpevole è stato condannato per terrorismo negli Stati Uniti. Ma non pensate che l’abbiano fatto per le sue azioni contro Cuba. No, il motivo per cui Eduardo Arocena è stato condannato a due ergastoli è che più di 30 dei suoi atti terroristici hanno avuto luogo nelle strade americane.

Eppure non ha scontato l’intera pena, poiché è stato rilasciato nel 2021 come “liberazione per pietà”, in modo da poter avere una vecchiaia dignitosa e morire in pace. Non posso fare a meno di pensare che chi ha preso questa decisione si sia dimenticato di quei 101 bambini che non sono morti in pace e ai quali Arocena ha negato la possibilità di raggiungere almeno l’età adulta.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...