L’Avana trabocca di emozioni ed entusiasmo: 65 anni dopo il viaggio di Fidel Castro nelle Americhe

Print Friendly, PDF & Email

Giovedì 7, il Primo Ministro iniziò il suo viaggio di ritorno sull’isola.

Trascorse la notte a Port of Spain e da lì si diresse verso la madrepatria.

Lo spettacolo non è una novità per la capitale. Dal trionfale 1° gennaio, L’Avana ha vissuto momenti simili. Gioia nelle strade, eccitazione sui volti, bandiere sui balconi, colonne di donne e uomini che rispondono all’appello dell’entusiasmo.

Alle 3:15 del pomeriggio, la torre di controllo ha registrò la presenza dell’aereo in avvicinamento alla capitale. Gli aerei della Forza Aerea Rivoluzionaria scortarono il velivolo mentre entrò nei cieli cubani.

Affiancato da Raúl, Fidel scese i gradini del Britannia. La banda della Polizia Nazionale suonò l’inno nazionale, seguito dal 26 luglio.

In mezzo alla folla, Fidel salì su una jeep scoperta. Raúl, Camilo Cienfuegos, il Che, Juan Almeida, Ramiro Valdés ed Efigenio Ameijeiras condivisero con lui la manifestazione di giubilo.

Migliaia di abitanti della capitale lo acclamarono al suo passaggio lungo l’Avenida de Rancho Boyeros.

Davanti all’edificio Bohemia, Fidel prese una copia dell’ultimo numero della rivista, in vendita quel giorno. Iniziò subito a sfogliarla.

La Plaza Cívica, ora Plaza de la Revolución, e i viali laterali erano pieni di gente. Violeta Casals, come ai tempi della guerra, fece la presentazione. Sono le 7.40 di sera.

Fidel, con il suo gesto caratteristico, si coprì gli occhi con la mano per godersi il bel panorama.

Iniziò dicendo: lasciamo la patria, non per limitare la nostra Rivoluzione, lasciamo la patria, non per negare la nostra Rivoluzione, ma per riaffermarla…. Per dire ai popoli del continente le ragioni per cui abbiamo dovuto farla e le ragioni per cui dobbiamo portarla avanti. […] Abbiamo risposto alle domande di centinaia di giornalisti, abbiamo parlato a circa 100 milioni di persone. Abbiamo dovuto parlare in una lingua che non era la nostra, e loro ci hanno capito […].

Fa un paragone tra il ricevimento dell’8 gennaio e quello dell’8 maggio. Allora era un’esultanza piena di speranza.

Ora, quattro mesi dopo, è la gioia serena e fiduciosa di una nazione che affronta il futuro.

Paura perché di una Rivoluzione le cui idee e i cui obiettivi sono chiarissimi? Paura perché di una Rivoluzione che si svolge sotto un cielo completamente sereno? Paura perché di una Rivoluzione così rispettosa dei diritti e della dignità dell’uomo? Paura perché di una Rivoluzione in cui tutti possono parlare e scrivere liberamente? Paura perché di una Rivoluzione in cui le idee non vengono imposte, ma ragionate, in cui le idee non vengono imposte, ma discusse?

Egli sostenne: “Perché il popolo non dovrebbe avere il diritto alla propria ideologia nata dal cuore della terra, nata dai bisogni del popolo, nata dal cuore del popolo, nata dalla speranza del popolo, nata dalle aspirazioni del popolo? Fa una pausa e si porta la mano alla gola rauca.

Camilo gli offrì una bottiglia di acqua minerale. Fidel guardò il gruppo verde oliva che lo circondava.

Nessuno ha fatto con tanto altruismo e purezza quello che hanno fatto i nostri uomini. […] Né con tanta lealtà verso la nazione e generosità quello che hanno fatto i nostri uomini. E non erano accademici, non erano medici, non erano generali, né sono generali. […] Sono modesti comandanti di un esercito che ha vinto una guerra […].

Chiuse il suo discorso con il ricordo di Antonio Guiteras: Per la prima volta possiamo commemorare un 8 maggio interamente sovrano e libero. Antonio Guiteras, per la prima volta possiamo commemorare un 8 maggio dignitoso, perché gli uomini che ti hanno assassinato non brandiscono più le armi e non le brandiranno mai più. Perché l’esercito che ti ha assassinato è stato sconfitto e distrutto dai valorosi combattenti del tuo popolo. E perché il tiranno che ti ha assassinato ha dovuto mordere, questa volta e per sempre, la polvere della sconfitta, ed è vigliaccamente fuggito da questa terra che ha insanguinato, ma che non calpesterà mai più con i suoi stivali.

Parlò per quattro ore. Il pubblico di 6.000.000 di cubani era soddisfatto.

Per 23 giorni il leader cubano si era intrattenuto con la folla, ovunque andasse – negli Stati Uniti, in Canada e in Sudamerica – fu sempre stato un facile bersaglio di attentati. Eppure, in nessun luogo fu compiuto un tentativo pubblico di aggressione nei suoi confronti. Quando a New York gli furono mostrati i titoli dei giornali che annunciavano un complotto per assassinarlo, Fidel sorrise e disse: “Non sono preoccupato per questo. Non vivrò un solo giorno oltre il giorno della mia morte”.

Fidel arriva all’aeroporto Rancho Boyeros dell’Avana dopo il suo tour negli Stati Uniti, Canada, Trinidad e Tobago, Argentina, Uruguay e Brasile l’8 maggio 1959 / Sitio Fidel Soldado de las Ideas.

Fidel tiene un discorso alla manifestazione popolare nella Plaza Cívica, oggi Plaza de la Revolución, al suo arrivo da un tour negli Stati Uniti, Canada, Brasile, Argentina e Uruguay. È accompagnato dai comandanti Ernesto Guevara e Camilo Cienfuegos l’8 maggio 1959. /Sito Fidel Soldado de las Ideas.

Fidel tiene un discorso alla manifestazione popolare nella Plaza Cívica, oggi Plaza de la Revolución, al suo arrivo da un tour negli Stati Uniti, Canada, Brasile, Argentina e Uruguay. È accompagnato dai comandanti Ernesto Guevara e Camilo Cienfuegos l’8 maggio 1959. /Sito Fidel Soldado de las Ideas.

Fidel pronuncia un discorso al comizio popolare nella Plaza Cívica, oggi Plaza de la Revolución, al suo arrivo da un tour negli Stati Uniti, Canada, Brasile, Argentina e Uruguay. È accompagnato dal Comandante Camilo Cienfuegos l’8 maggio 1959. /Sito Fidel Soldado de las Ideas.

Fidel pronuncia discurso en la concentración popular en la Plaza Cívica, hoy Plaza de la Revolución a su llegada de una gira por EE.UU., Canadá, Brasil, Argentina y Uruguay. Lo acompaña el Comandante Camilo Cienfuegos, el 8 de mayo de 1959. /Sitio Fidel Soldado de las Ideas.

Fidel pronuncia un discorso alla manifestazione popolare nella Plaza Cívica, oggi Plaza de la Revolución, al suo arrivo da un tour negli Stati Uniti, Canada, Brasile, Argentina e Uruguay, l’8 maggio 1959. / Sitio Fidel Soldado de las Ideas.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *