Gli Stati Uniti continuano a proteggere i terroristi

Print Friendly, PDF & Email

Dichiarazione del Minrex.

Il Ministero degli Affari Esteri ha appreso con profonda preoccupazione la decisione di un giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia, emessa il 1° maggio 2024, che ha assolto Alexander Alazo Baró dai quattro capi d’accusa a suo carico in seguito all’attacco terroristico da lui perpetrato contro l’Ambasciata cubana negli Stati Uniti nelle prime ore del 30 aprile 2020, per il quale è stata addotta l’infermità mentale dell’autore.

Alazo, una persona di origine cubana che vive negli Stati Uniti dal 2010, ha sparato tutti i 32 proiettili di un caricatore di un fucile semiautomatico AK-47 contro la sede diplomatica cubana a Washington, causando ingenti danni materiali all’esterno e all’interno dell’edificio e mettendo in pericolo la vita di diverse persone all’interno dell’edificio.

Lo stesso Alloy ha confessato di essere andato con l’intenzione di sparare a qualsiasi cosa gli si parasse davanti, compresi gli esseri umani se si fossero trovati sulla sua linea di tiro. Si trattava di un atto terroristico nella capitale degli Stati Uniti contro una sede diplomatica permanente.

Al momento dell’arresto, Alazo era noto per essere regolarmente associato al Doral Jesus Worship Center di Miami Dade, che riunisce persone con fama di aggressività, ostilità, violenza ed estremismo contro Cuba.

Il terrorista è stato immediatamente arrestato sul posto e il governo statunitense lo ha accusato di quattro reati previsti dal Codice federale degli Stati Uniti. Tuttavia, non è stato in grado di etichettare l’azione per quello che è: un atto di terrorismo.

La politicizzazione statunitense dell’attacco all’ambasciata cubana a Washington è stata evidente fin dall’inizio. Lo dimostra il lungo processo di analisi dei fatti accertati.

Quattro anni dopo i fatti e in un processo penale pieno di opacità, il giudice ha accettato una relazione congiunta dell’accusa e della difesa del terrorista Alexander Alazo Baró, che presenta l’autore come una persona che, al momento dei fatti, non era in possesso delle sue facoltà mentali e, di conseguenza, lo dichiara innocente.

La decisione invia un pericoloso messaggio di impunità a coloro che intendono compiere azioni violente contro le sedi diplomatiche di Washington.

Il 24 settembre 2023, nelle ore serali, un individuo ha lanciato due bombe molotov oltre la recinzione perimetrale dell’Ambasciata di Cuba a Washington e contro la facciata anteriore della struttura. È un evento che si è verificato tre anni e cinque mesi dopo l’attacco perpetrato da Alazo. Anche le forze dell’ordine statunitensi affermano di non conoscere l’autore e di non avere dettagli sull’accaduto.

Questi atti terroristici sono il risultato diretto della politica e dei discorsi aggressivi del governo statunitense contro Cuba, dell’istigazione permanente alla violenza e all’odio da parte di politici statunitensi e di gruppi estremisti anticubani.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *