Il Venezuela denuncia le manovre aeree USA sulla Guyana

Print Friendly, PDF & Email

Giovedì mattina, le autorità statunitensi hanno annunciato che due caccia F/A-18F Super Hornet della Marina USA effettueranno un sorvolo su “Georgetown e dintorni” con l’approvazione del governo guyanese presieduto da Irfaan Ali.

Poco dopo, il ministro della Difesa venezuelano, il generale bolivariano Vladimir Padrino, ha avvertito che questo tipo di manovre militari statunitensi aumentano i rischi per la sicurezza in Sud America e nei Caraibi.

“Avevamo già avvertito della minaccia alla pace regionale rappresentata dalla presenza della portaerei USS George Washington nei Caraibi. Ora annunciano il dispiegamento di aerei F-18 per sorvolare Georgetown e i suoi dintorni”, ha dichiarato.

“Le Forze Armate Nazionali Bolivariane respingono con forza queste ripetute provocazioni da parte del Comando Sud, sponsorizzato dal governo della Guyana, che ha assunto il ruolo di una nuova colonia statunitense”, ha aggiunto Padrino.

“Il nostro sistema di difesa aerospaziale globale rimane attivato in caso di qualsiasi tentativo di violazione dello spazio geografico venezuelano, compreso il nostro territorio di Essequibo. Allarme!”, ha avvertito Padrino.

Il dispiegamento di aerei F18 avviene nell’ambito della crescente cooperazione militare tra Stati Uniti e Guyana, legata alla disputa sull’Essequibo, un’area di confine ricca di risorse naturali e petrolio appartenenti al patrimonio territoriale venezuelano.

“Questa è un’ulteriore prova delle provocazioni che vengono fatte al Venezuela dal Comando Sud degli Stati Uniti. Come il presidente Nicolas Maduro ha ripetutamente denunciato, è stata attivata una macchina da guerra contro il nostro Paese”, ha dichiarato il ministro degli Esteri venezuelano Yvan Gil.

“I desideri della ExxonMobil non hanno limiti. Dopo essersi appropriati della Guyana, intendono destabilizzare la regione”, ha aggiunto, sottolineando che il loro comportamento minaccia la Zona di Pace concordata dai Paesi della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC).

“Nel frattempo, il governo della Guyana viola i suoi impegni internazionali, compreso l’Accordo di Argyle del 2023, cedendo la sua sovranità alla potenza statunitense che minaccia un intero continente”, ha evidenziato Gil.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *