Delcy Rodriguez: “Le sanzioni sono una nuova forma di colonialismo”

Print Friendly, PDF & Email

La vicepresidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha affermato che le misure coercitive unilaterali imposte dagli Stati Uniti mirano a “ricattare” il Venezuela affinché cambi il suo percorso di indipendenza e autodeterminazione.

“Più di 1.000 misure coercitive unilaterali, erroneamente chiamate ‘sanzioni’, sono state utilizzate per ricattarci e costringerci a cambiare il nostro percorso di indipendenza e autodeterminazione”, ha sottolineato la dirigente bolivariana.

Le sue dichiarazioni sono state rilasciate durante il Seminario regionale dei Caraibi del Comitato speciale delle Nazioni Unite sulla decolonizzazione, che si sta svolgendo a Caracas.

“Siamo stati puniti per la nostra difesa dell’autodeterminazione. Questo sistema di sanzioni è una nuova forma di colonialismo che cerca di appropriarsi delle nostre risorse”, ha dichiarato Rodriguez.

“Le misure coercitive unilaterali cercano di ostacolare l’avanzamento di nuovi modelli di sviluppo e felicità proposti dai popoli che rifiutano di piegarsi al sistema egemonico”, ha aggiunto.

La vicepresidente venezuelana ha inoltre sottolineato che la politica estera degli Stati Uniti si basa su guerre per mantenere l’egemonia e sanzioni arbitrarie.

“Attualmente, il 28% della popolazione mondiale vive in 30 Paesi sanzionati dagli Stati Uniti. Le sue sanzioni coprono il 72% del territorio del pianeta”, ha ricordato Rodriguez.

Ha poi sottolineato che gli Stati Uniti e i loro alleati cercano di appropriarsi delle risorse naturali dei Paesi in via di sviluppo, senza rispettare i rapporti di cooperazione.

“È necessario garantire l’autodeterminazione dei popoli”, ha sottolineato Rodriguez, chiedendo la fine del colonialismo a Porto Rico e nelle isole Malvinas.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...