Cuba non collabora né sponsorizza il terrorismo

Print Friendly, PDF & Email

L’annuncio del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti – molti sono interessati ad amplificarlo come una grande notizia – dell’esclusione di Cuba dalla lista dei Paesi che non collaborano pienamente nella lotta al terrorismo, non è stato altro che il riconoscimento di ciò che l’isola ha sempre fatto in tutti i suoi anni di Rivoluzione: combattere un flagello di cui è stata solo una vittima.

Questa certezza è sempre stata molto chiara al governo “listico”. Sa che non c’è alcun argomento per mantenere Cuba in questa lista, che è, in un certo senso, una sottocategoria di quell’altra lista di Paesi accusati non più di “non cooperare pienamente”, ma di sponsorizzare il terrorismo, in cui Cuba è ancora inclusa e che è la causa fondamentale dell’estorsione economica che subisce, il che significa che, con il recente annuncio, la contraddizione non fa che aumentare e la manipolazione politica del governo statunitense su questo tema è ancora più esposta. Il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito e Presidente, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, si è interrogato su questo punto in X: “Avendo preso atto di ciò che è ampiamente noto, ovvero che Cuba collabora nella lotta contro il terrorismo, gli Stati Uniti dovrebbero fare ciò che è giusto e coerente con questa posizione: rimuovere Cuba dalla lista arbitraria del Dipartimento di Stato e porre fine alle misure economiche coercitive che la accompagnano”.

Secondo le informazioni rese pubbliche dal Dipartimento di Stato americano, “è stato determinato” che “le circostanze per la certificazione di Cuba come Paese che non coopera pienamente con gli sforzi antiterrorismo (NFCC) sono cambiate dal 2022 al 2023 e che, pertanto, il Ministero degli Esteri non designa l’isola come tale per l’anno solare 2023 ai sensi della legge sul controllo delle esportazioni di armi”.

L’elenco NFCC – è importante ribadire che non è la stessa cosa dell’elenco “State Sponsors of Terrorism (SST)” – era stato reso pubblico il 13 maggio 2020, ed è stato ratificato anno dopo anno, fino ad oggi. L’altra, la SST, ci è stata “messa” per la prima volta nell’amministrazione del presidente Ronald Reagan nel 1982; nel 2015, l’amministrazione di Barack Obama ha rimosso l’arcipelago da quella lista; tuttavia, al crepuscolo della presidenza di Donald Trump, il 12 gennaio 2021, è stato nuovamente designato come sponsor del terrorismo. In termini simili è “la confusione” sfruttata dal ripugnante coro di mercenari – la maggioranza, perché ignorante, è certamente confusa – ma noi insistiamo sul fatto che il recente annuncio della Casa Bianca non esclude Cuba dalla lista SST.

Il fatto che sia stato fatto in un contesto elettorale può far pensare che si tratti di una sorta di “cortina fumogena” rivolta a un gruppo chiave di sostenitori democratici che non sono d’accordo con la politica di Cuba e che potrebbero avere un peso alle urne.

Forse. Per il momento, su ciò che i cubani che vivono negli Stati Uniti vogliono veramente per il loro Paese natale, la stessa Università della Florida ha condotto un sondaggio, citato da PL, le cui statistiche hanno rivelato che il 53% è a favore delle relazioni diplomatiche, il 64% è favorevole alla vendita di cibo, il 72% all’invio di medicinali e il 64% all’attuazione di politiche “per migliorare il benessere economico del popolo cubano”.

L’unica cosa coerente che il governo statunitense può fare è dissociare Cuba da qualsiasi legame con il terrorismo. Togliere l’etichetta di “sponsor” è la cosa più urgente da fare. Naturalmente, la coerenza a cui ci appelliamo è con la verità, perché se parliamo dell’autorità morale della Casa Bianca per fare richieste in questa materia… andiamo, non c’è.

Fonte: Cuba en Resumen

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...