Censura in Argentina: sospesi siti web e social network dei media pubblici

Print Friendly, PDF & Email

Martedì scorso, l’amministrazione del presidente ultraliberista Javier Milei ha sospeso temporaneamente i siti web e i post sui social media dei media pubblici argentini.

Il responsabile dei media pubblici, Diego Chaher, ha dichiarato che solo il responsabile dei media digitali gestirà gli account dei social media della Televisione pubblica e della Radio nazionale.

“Tutti i tipi di trasmissione e/o pubblicazione di contenuti sui social media sono sospesi fino a quando non saranno stabiliti i criteri di modifica”, ha dichiarato.

La misura è iniziata a mezzanotte e ha interessato il portale e gli account dei social media della Televisione Pubblica, della Radio Nazionale, delle catene musicali FM Clasica e Rock, del canale culturale Encuentro e del canale per bambini Paka Paka.

Il messaggio che appare sui siti web di questi media è identico a quello pubblicato a marzo sull’agenzia statale TELAM, che è stata chiusa da Milei sostenendo che “negli ultimi decenni è stata utilizzata come agenzia di propaganda kirchnerista”.

“Con quello che è successo oggi, si aggrava lo svuotamento dei media pubblici, un processo iniziato con le misure prese contro TELAM”, ha dichiarato Agustin Lecchi, segretario del Sindacato della Stampa di Buenos Aires (SIPREBA).

“Il governo non è interessato a ristrutturare questi mezzi di comunicazione, alcuni dei quali erano redditizi… L’unica cosa che gli interessa è distruggere il loro ruolo sociale”, ha aggiunto.

“Per questo hanno attaccato TELAM e le stazioni radiofoniche nazionali. Ora stanno attaccando la loro capacità di raggiungere le persone attraverso i social media. Indirettamente, questo ha un impatto su tutti i lavoratori perché colpisce l’espressione sui social media”, ha aggiunto Lecchi.

Nel frattempo, questa settimana il Senato argentino dovrebbe discutere un disegno di legge che permetterebbe a Milei di disfarsi completamente dei media pubblici vendendoli a società private.

Il 5 febbraio, il presidente Milei ha emanato un decreto che gli consente di intervenire sui media statali per un anno, nell’ambito della sua politica di “riorganizzazione delle aziende pubbliche”. Questo intervento, tuttavia, potrebbe essere esteso.

L’elenco dei media su cui intervenire comprende il portale Educ.ar, la Radio Nazionale, la Televisione Pubblica, TELAM, Encuentro, Paka Paka, Depor TV, ACUA Mayor e ACUA Federal.

“Ripudiamo l’attacco di Milei al diritto all’informazione e alla comunicazione, sospendendo le reti sociali e interrompendo il contenuto di vari media pubblici. La sua politica fa anche allusioni alla dittatura del 1976 utilizzando il concetto di ‘processo di riorganizzazione'”, ha dichiarato l’ex candidata presidenziale Manuela Castañeira, leader del movimento Nuovo MAS.

“È chiaro che la libertà di espressione e il diritto all’informazione sono incompatibili con la sua amministrazione. Tutta la nostra solidarietà ai lavoratori dei media pubblici. Chiediamo a tutti i settori democratici di ripudiare la censura e le minacce del governo. Basta con Milei!”, ha aggiunto.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...