Il senatore Bob Menendez ha legami con i terroristi cubano-americani (parte 2°)

Print Friendly, PDF & Email

La politica dell’impunità.

Nel processo di El Paso, Posada Carriles non era sul banco degli imputati per terrorismo o omicidio di massa, ma per accuse molto più lievi di falsa testimonianza e frode all’immigrazione. Eppure c’è stata una mobilitazione politica per difenderlo: i membri repubblicani del Congresso si sono mobilitati per il suo rilascio e l’FBI è riuscita persino a far perdere la sua fedina penale.

È stato assolto. Così uno dei più noti terroristi dell’emisfero occidentale non ha mai trascorso un giorno in una prigione statunitense e ha vissuto il resto dei suoi giorni a Miami, fino alla morte avvenuta nel 2018 all’età di novant’anni.

La scorsa settimana, un giudice statunitense ha giudicato Alexander Alazo Baró, il cubano-americano che nel 2020 sparò decine di proiettili contro l’ambasciata cubana a Washington con un AK-47, “non colpevole a causa dell’infermità mentale”, nonostante il suo avvocato abbia minimizzato qualsiasi ruolo mentale. La malattia potrebbe aver giocato un ruolo nell’attacco.

“I terroristi cubano-americani hanno sempre goduto dell’impunità in questo Paese”, afferma José Pertierra, un avvocato cubano-americano specializzato in immigrazione che ha assistito al processo di Posada Carriles. “Il posto dove ritirarsi è sempre stato Miami. Ma il New Jersey è sempre stato molto importante perché è Miami Nord”.

In effetti, i terroristi interni cubano-americani di alto profilo con base nel New Jersey finiscono spesso per scontare pene più brevi o per sfuggire del tutto alla giustizia.

I terroristi interni cubano-americani di alto profilo con base nel New Jersey finiscono spesso per scontare pene più brevi o per sfuggire del tutto alla giustizia.

I sicari dell’Omega 7, Guillermo Novo e Alvin Ross, sono stati condannati per omicidio plurimo a ottant’anni nel 1979, ma sono stati rilasciati per un cavillo due anni dopo.

Guillermo Novo è stato nuovamente arrestato a Panama nel 2000, insieme a Posada Carriles e ad altre due persone, questa volta per aver complottato di far saltare in aria Fidel Castro con duecento chili di dinamite ed esplosivo C-4. Quattro anni dopo, però, sono stati tutti rilasciati dal governo panamense, dopo le pressioni dei membri cubano-americani del Congresso e dell’amministrazione Bush.

Il rilascio del boss dell’Omega 7 Eduardo Arocena è stato più lungo e ha comportato una campagna decennale per la sua liberazione, sostenuta dal senatore democratico Joe Leiberman e dai deputati repubblicani Lincoln Diaz-Balart e Ileana Ros-Lehtinen. Le amministrazioni di George W. Bush e Obama hanno negato le richieste di commutazione della pena. Alla fine è stato rilasciato per motivi di salute nel 2021, durante i primi mesi dell’amministrazione Biden, quando Menendez era all’apice dei suoi poteri.

A volte la comunità degli esuli non ha solo protetto i terroristi, ma li ha anche celebrati.

Orlando Bosch, che insieme a Posada Carriles ha organizzato l’attentato al volo 455 della Cubana de Aviación, è stato rilasciato dal Presidente George HW Bush nel 1990. I politici di Miami sono andati oltre: hanno dichiarato il 25 marzo 1983 Giorno di Orlando Bosch.

E proprio a Miami gli eventi possono diventare un’auto-parodia: pochi mesi dopo l’11 settembre e l’inizio della “guerra al terrore” globale, i servizi segreti statunitensi permisero a Sixto Aquit Manrique, un ex membro dell’Omega 7 che era stato arrestato dalla squadra antiterrorismo dell’FBI sette anni prima, di sedersi sul palco poche file dietro al Presidente George W. Bush mentre teneva un discorso.

Pochi mesi prima, il Presidente Bush aveva dichiarato solennemente: “Se ospitate un terrorista, se lo nutrite, se lo nascondete, siete colpevoli quanto il terrorista”.

Nessun cambiamento “Senza consultarmi”

L’ultima volta, durante la campagna presidenziale, Joe Biden aveva promesso di “invertire le politiche fallimentari di Trump che hanno causato danni ai cubani e alle loro famiglie”. Questo non è mai accaduto. La maggior parte delle sanzioni di Trump, che secondo gli economisti sottraggono miliardi di dollari all’anno all’economia dell’isola, rimangono in vigore. Il mantenimento di queste sanzioni è diventato il fulcro della politica su Cuba dell’amministrazione Biden.

E Menendez se ne è preso il merito. L’integralista mostra spezzoni televisivi di come abbia detto al Presidente Obama che non ci sarebbero stati cambiamenti nella politica di Cuba “senza consultarmi”. Sebbene all’epoca fosse stato messo da parte, il Senato è stato sul filo del rasoio per la maggior parte dell’amministrazione Biden, dando a Menendez maggiore influenza. Nel novembre 2021 ha dichiarato a Telemundo di aver impedito all’attuale amministrazione di tornare alla politica di Obama su Cuba. “Al contrario”, ha detto, “il presidente Biden ha inasprito la nostra politica contro il regime”.

La misura più incisiva che l’amministrazione Biden ha lasciato in vigore è la cinica inclusione di Cuba nella lista del Dipartimento di Stato degli “sponsor statali del terrorismo”. L’etichetta di terrorista ha praticamente escluso l’isola dal sistema bancario europeo, paralizzando ulteriormente l’economia dell’isola e minando la sicurezza alimentare.

Definire Cuba uno sponsor del terrorismo è ironico per molti osservatori. Non solo per la storia di Washington che ha sponsorizzato il terrorismo contro l’isola negli anni ’60 e che ha ospitato terroristi fino a questo secolo, ma anche perché contraddice il consenso anche tra i funzionari dei servizi segreti statunitensi che l’isola non sponsorizza il terrorismo – il motivo per cui né Trump né l’amministrazione Biden hanno potuto offrire alcuna prova credibile a sostegno della definizione.

Ma dato il passato di Menendez, l’ironia è più profonda: nel corso dei decenni, i funzionari statunitensi hanno sempre usato un linguaggio che dimostra che le sanzioni sono destinate a colpire il popolo cubano (un memo del Dipartimento di Stato degli anni ’60 diceva che le sanzioni avrebbero dovuto “portare alla fame, alla disperazione e al rovesciamento del governo”). “, mentre l’amministrazione Trump ha descritto le sue misure come parte di una “campagna di massima pressione”).

“L’essenza del terrorismo è minacciare o danneggiare un gruppo di persone nel tentativo di inviare un messaggio; è una forma violenta di comunicazione politica volta a cambiare il comportamento delle persone”, afferma Richard Jackson, professore specializzato in terrorismo e violenza politica organizzata. “Quindi [le azioni statunitensi contro Cuba] rientrano nella definizione di terrorismo comunemente condivisa dagli studiosi”.

Mentre l’amministrazione Biden sembra aver dato a Menendez un veto di fatto sulla politica di Cuba, gli undici milioni di “cubani” che i politici statunitensi dicono di ammirare non hanno voce in capitolo.

“Queste sanzioni colpiscono me, la mia famiglia e i miei amici”, ha detto Oliva, che vive ancora a Cuba. “Colpiscono soprattutto le popolazioni storicamente emarginate”, ha aggiunto, notando che i cubani di colore hanno meno probabilità di lavorare nel settore privato, più remunerato, e più probabilità di lavorare nel settore statale, in contrazione.

Anche gli americani non vengono consultati. L’ultimo sondaggio nazionale sull’atteggiamento degli americani nei confronti di Cuba, condotto dal Pew Research Center nel 2016, ha rilevato un enorme deficit democratico: il 73% degli americani (compresa la maggioranza dei repubblicani) ha dichiarato di essere contrario all’embargo commerciale.

Anche i cubano-americani sono poco rappresentati. L’ultimo sondaggio della Florida International University ha rilevato che la maggioranza dei cubano-americani della contea di Miami-Dade, nel sud della Florida, dichiara di sostenere l’embargo, ma ritiene anche che non abbia funzionato. Il sondaggio ha anche rilevato che la maggior parte dei cubano-americani è favorevole a un alleggerimento delle sanzioni per consentire la vendita di cibo e medicine senza restrizioni, le rimesse senza restrizioni, le relazioni diplomatiche e i voli per tutta l’isola.

Chi rappresentano davvero i politici come Menendez? Ramon Diaz, ristoratore del New Jersey, lo dice senza mezzi termini: “I ricchi cubani di questo Paese donano grandi somme ai senatori e ai membri del Congresso che manterranno l’embargo. . . . È una questione di soldi”.

Se un tempo la CANF versava milioni di dollari ai candidati, all’inizio degli anni 2000 è stata sostituita dalla U.S.-Cuba Democracy PAC che, fino a quando non ha tagliato le spese nel 2018, è stata una delle più grandi PAC di politica estera del Paese, versando milioni di dollari nelle corse per la Camera e il Senato.

“Abbiamo sempre circa 200.000 dollari a disposizione” nel caso in cui un deputato o un senatore sia tentato di fare pressioni per porre fine all’embargo, ha dichiarato Mauricio Claver-Carone, direttore esecutivo del PAC, a Dan Erikson dell’Inter-American Dialogue nel suo libro del 2009, The Cuba. Wars: Fidel Castro, the United States and the Next Revolution. È un modo molto carino per dire: “Ehi, ci sono 200.000 dollari che andranno in pubblicità contro di te se provi a farlo. Quindi scegli un’altra questione”.

Claver-Carone ha poi lavorato come principale consigliere di Trump per l’America Latina tra il 2018 e il 2020, redigendo decine di misure che hanno devastato l’economia dell’isola. Si dà il caso che Erikson ricopra ora lo stesso incarico nell’amministrazione Biden.

Menendez è stato il peso massimo della lobby democratica negli ultimi due decenni: l’impassibile senatore non repubblicano e non floridiano che contrasta con le figure talvolta carnevalesche di Miami. Ma non è un caso isolato.

Sin dagli anni ’80, la lobby cubano-americana ha catturato efficacemente questo aspetto dell’attuale politica estera degli Stati Uniti. Indipendentemente dal partito, i politici cubano-americani sono all’unisono: con l’eccezione di un giovane deputato democratico, tutti sostengono la politica di abbassare intenzionalmente il tenore di vita degli abitanti dell’isola.

Nel corso del film, Oliva chiede ad Albio Sires, dimessosi l’anno scorso da deputato democratico in rappresentanza del New Jersey, quali siano le differenze tra i cubano-americani democratici e repubblicani al Congresso. La sua risposta: “Non c’era alcuna differenza tra noi quando si trattava di Cuba”.

All’inizio della carriera di Menendez, per eliminare gli avversari politici si usavano gli assassini; ora si preferiscono i dollari delle campagne elettorali. Mentre una volta si usavano le bombe per affondare l’economia dell’isola, oggi il lavoro viene svolto più efficacemente con le sanzioni finanziarie. I metodi cambiano nel tempo, ma gli obiettivi rimangono gli stessi.

La politica statunitense nei confronti di Cuba ha poco a che fare con ciò che vogliono i cubani, gli americani e persino i cubano-americani. Piuttosto, oggi questa politica è imposta ai cubani da una piccola cricca.

Naturalmente, non deve essere così. Dieci anni fa, a dicembre, gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbero ristabilito le relazioni diplomatiche con l’isola e alleggerito le sanzioni. Il successo dei negoziati tra le amministrazioni di Barack Obama e Raúl Castro ha rivelato che la lobby cubano-americana è una tigre di carta, che un’amministrazione statunitense con la volontà politica può superare. Ma quando la Casa Bianca non agisce, questa politica zombie persiste e milioni di cubani ne pagano il prezzo.

Parte 1°

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...