Presentato il libro con le memorie del Tribunale Internazionale contro il blocco

Print Friendly, PDF & Email

Il libro contiene le memorie, le prove e le testimonianze dei pubblici ministeri presentate a Bruxelles, in Belgio, nel novembre dello scorso anno a un tribunale di prestigiosi giuristi internazionali, che ha deciso di abolire la politica politica genocida, economica, commerciale e finanziaria imposta a Cuba più di 60 anni fa.

Fernando González Llort, presidente dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (Icap), ha chiesto che il libro Denuncia de un crimen. Memorie del Tribunale Internazionale contro il blocco di Cuba come strumento di lavoro politico, ha invitato Fernando González Llort, presidente dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (Icap), durante la presentazione del testo mercoledì.

Nella sede dell’ICAP, l’Eroe della Repubblica ha spiegato che il volume è il “risultato di tanto amore, dedizione e solidarietà”. La sua edizione è stata donata dalla casa editrice Ocean Sur/Ocean Press, stampata in Messico e portata nell’isola caraibica grazie alla solidarietà.

Contiene le arringhe, le prove e le testimonianze dei procuratori presentate a Bruxelles, in Belgio, nel novembre dello scorso anno a un tribunale composto da prestigiosi giuristi internazionali, che ha deciso di abolire la politica politica genocida, politica economica, commerciale e finanziaria imposta a Cuba dagli Stati Uniti più di 60 anni fa.

“La cosa più importante, a nostro avviso, è che il Tribunale è stato un altro esempio della grande diversità e del grande arcobaleno politico che la lotta contro il blocco riunisce, evidenziato dall’ampia rappresentanza e partecipazione di giudici, pubblici ministeri, testimoni e partecipanti in generale”, ha detto il funzionario cubano, riferendosi alle 243 persone provenienti da 18 Paesi europei che hanno partecipato all’udienza pubblica.

L’avvocato Alexis Guinarte, presidente dell’Unione dei Giuristi Cubani, ha giudicato molto positivo il processo legale svoltosi nell’Unione Europea, dove sono state promosse anche altre mozioni per punire Cuba e fare il gioco dell’imperialismo statunitense. Ha descritto quanto accaduto in quella sede come un punto trascendentale per la giurisprudenza.

Alla presentazione del libro ha partecipato anche la scienziata Belinda Sánchez, che faceva parte della delegazione cubana a Bruxelles e che ha portato la sua testimonianza davanti al tribunale, sostenendo come il blocco ostacoli lo sviluppo della scienza a Cuba e metta in pericolo la vita dei malati, soprattutto di quelli affetti da cancro.

All’evento era presente anche Homero Acosta Álvarez, segretario dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare, che ha guidato la delegazione cubana che si è presentata al Tribunale. All’evento hanno partecipato anche Josefina Vidal Ferreiro, Viceministro degli Affari Esteri e Juan Carlos Marsán, Vicecapo del Dipartimento delle Relazioni Internazionali del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

In anteprima scarica il libro in PDF (lingua originale)

Potrebbero interessarti anche...