Discorso del Primo Ministro della Repubblica di Cuba Marrero Cruz…..

Print Friendly, PDF & Email

Discorso del Primo Ministro della Repubblica di Cuba, Marrero Cruz, alla riunione del Consiglio intergovernativo eurasiatico a Nesvizh, Repubblica di Bielorussia, 4 giugno 2024.

Vostra Eccellenza Nikol Pashinian, Primo Ministro della Repubblica di Armenia e Presidente dell’Unione Economica Eurasiatica;

Vostra Eccellenza Roman Golovchenko, Primo Ministro della Repubblica di Bielorussia;

Eccellenze, capi delegazione dei Paesi membri del Consiglio intergovernativo eurasiatico;

Illustri ospiti:

Innanzitutto, permettetemi di porgere un caloroso saluto al popolo e al governo bielorusso, che ospitano questa sessione del Consiglio intergovernativo eurasiatico, e di ringraziarvi per averci invitato a partecipare a questo importante evento.

Come abbiamo espresso in più di un’occasione in questi incontri, il Governo di Cuba attribuisce grande importanza alle relazioni economiche, commerciali, finanziarie e di cooperazione con l’Unione Economica Eurasiatica e i suoi Stati membri, che si basano sui legami storici tra il popolo cubano e i popoli di questa regione.

Solo pochi giorni fa, a maggio, abbiamo celebrato il decimo anniversario della firma del Trattato dell’Unione. La strada percorsa non è stata priva di ostacoli, anche se si possono vedere risultati soddisfacenti, che hanno portato a un maggiore sviluppo delle rispettive economie e al benessere dei loro popoli.

L’Unione Economica Eurasiatica è riuscita a diventare una piattaforma per una stretta interazione economica tra i suoi Stati membri e, allo stesso tempo, un promettente attore sulla scena internazionale.

Cari colleghi:

Dobbiamo raggiungere un maggiore coordinamento che ci consenta di sviluppare progetti comuni innovativi e interessanti in aree di interesse comune. In questo contesto, è essenziale un rapporto più sistematico ed efficace tra i ministeri e le agenzie settoriali della Commissione e gli Stati membri e gli Stati osservatori.

Nel settore dell’agricoltura e dell’agroindustria ci sono opportunità su cui stiamo lavorando da anni con i partner bielorussi. Le attività che riusciremo a sviluppare contribuiranno anche all’esportazione di prodotti cubani nei Paesi membri dell’EAEU.

Oltre a maggiori legami in questi settori, ci permetterebbe di promuovere investimenti stranieri nello sviluppo della produzione animale, come polli, bovini, maiali, così come agrumi, frutta, zucchero, cacao e caffè. Lo sviluppo di cereali e sementi e la creazione congiunta di vaccini veterinari è un’altra possibilità, tra le tante che potrebbero emergere e diffondersi come esperienza proficua.

Allo stesso modo, dobbiamo promuovere gli scambi tra le strutture della Commissione economica eurasiatica, gli uomini d’affari dei Paesi dell’Unione e Cuba, con l’obiettivo di stabilire legami diretti per incoraggiare il commercio e la cooperazione, nonché gli investimenti stranieri.

Lo scorso 21 maggio si è tenuto a L’Avana un Forum imprenditoriale Cuba-Unione Economica Eurasiatica, organizzato dalla Camera di Commercio della Repubblica di Cuba, al quale hanno partecipato imprenditori dei settori dell’agricoltura, della sanità, dei servizi medici, del turismo, della cultura, dello sport, dell’industria chimica e siderurgica, dei trasporti e del commercio estero.

Questo spazio è stato un’occasione per conoscersi meglio, approfondire la conoscenza dei meccanismi dell’Unione Eurasiatica e promuovere le possibilità di cooperazione e investimento tra gli imprenditori cubani e i loro colleghi dei Paesi membri dell’Unione. Cuba è totalmente aperta allo sviluppo di iniziative che contribuiscano a questi scopi.

Cari colleghi:

Ancora una volta vorrei ribadire l’impegno del mio Paese, l’unico della regione latinoamericana ad avere lo status di osservatore nell’UEEA, per lo sviluppo di una cooperazione reciprocamente vantaggiosa, alla quale Cuba può contribuire non solo con il suo potenziale in termini di capitale umano, infrastrutture, base produttiva, risultati scientifici e tecnici in settori innovativi, salute e turismo, ma anche come Stato pienamente integrato nell’America Latina e nei Caraibi.

La nostra regione dispone di un quadro molto favorevole per lo sviluppo delle sue relazioni commerciali, che potrebbero contribuire agli interessi economici dell’Unione e dei suoi Stati membri. I vantaggi commerciali offerti consentono di esportare prodotti finiti da Cuba in America Latina e nei Caraibi, con notevoli risparmi nei processi produttivi, nelle tariffe e nei trasporti, in un momento in cui questi costi tendono ad aumentare sempre di più nel mercato internazionale.

Prima di concludere, vorrei esprimere la gratitudine del governo e del popolo cubano a tutti gli Stati membri dell’Unione per il loro continuo e chiaro sostegno nella nostra battaglia contro il prolungato e rafforzato blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba, che rappresenta il principale ostacolo al nostro sviluppo e incide quotidianamente sulle condizioni di vita di tutti i cubani. Il governo statunitense dovrebbe anche rimuovere il nostro Paese dalla lista degli Stati che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo, che usano come pretesto per mantenere misure coercitive contro il nostro popolo.

Cari colleghi, nel momento in cui celebriamo il decimo anniversario di questo vitale e multiforme partenariato, ribadiamo i nostri auguri di successo per il suo sviluppo futuro e confidiamo di continuare a promuovere uno sviluppo economico sostenibile nei nostri Paesi, a vantaggio di una maggiore prosperità per i nostri popoli.

Vi assicuro che Cuba continuerà a resistere e a svilupparsi, fino alla Vittoria per sempre.

Muchas gracias.

Fonte: MinRex

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...