Professionisti dell’arte, della cultura e della politica firmano un manifesto contro il blocco di Cuba

Print Friendly, PDF & Email
 Il documento chiede inoltre al governo degli Stati Uniti di rimuovere l’isola dalla lista dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo.

Un gruppo di professionisti brasiliani dell’arte, della cultura e della politica ha firmato un manifesto che chiede al governo degli Stati Uniti di rimuovere definitivamente Cuba dalla lista dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo e di porre fine al “criminale” blocco economico dell’isola.

Secondo il documento, anche dopo che il 15 maggio il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annunciato di aver incluso Cuba nel rapporto 2023 sui Paesi che cooperano nella lotta al terrorismo, l’isola caraibica rimane nell’elenco delle nazioni che presumibilmente sponsorizzano azioni terroristiche.

Il manifesto critica anche il blocco economico imposto dagli Stati Uniti a Cuba. L’embargo è stato emanato nel 1962.

“Chiediamo che gli Stati Uniti ritirino la designazione di Cuba come Stato sponsor del terrorismo e rimuovano il blocco criminale contro la nazione caraibica”, si legge in uno degli estratti del manifesto.

Leggete il manifesto qui sotto:

CONTRO IL BLOCCO DI CUBA

Noi, professionisti brasiliani nei campi dell’arte, della cultura e della politica, chiediamo che gli Stati Uniti rimuovano Cuba dalla lista dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo. Porre fine al blocco criminale contro l’isola.

Il 15 maggio di quest’anno il Dipartimento di Stato americano ha annunciato di aver incluso Cuba nel suo rapporto 2023 sui Paesi che cooperano nella lotta al terrorismo.

Tuttavia, Washington non ha rimosso Cuba dalla lista dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo.

Sebbene i funzionari dell’amministrazione Biden siano consapevoli degli sforzi compiuti da Cuba nella lotta contro il terrorismo e per la pace in America Latina, nei Caraibi e nel mondo, la Casa Bianca non ha fatto nulla per rimuovere Cuba dalla lista, nella quale non avrebbe mai dovuto figurare.

La permanenza di Cuba nella lista è un’infamia di lunga data, così come il blocco che ha cercato di sottomettere l’eroica isola caraibica per più di 60 anni.

Chiediamo che gli Stati Uniti ritirino la designazione di Cuba come Stato sponsor del terrorismo e rimuovano il blocco criminale contro la nazione caraibica.

Cuba ha il diritto sovrano inalienabile di abbracciare liberamente il proprio sistema economico, politico e sociale.

Basta con il blocco contro Cuba!

Firma in ordine alfabetico

Américo Freire – historiador
Ana Miranda – escritora
Ângelo Antônio – ator
Antonio Grassi – ator
Breno Altman – jornalista
Cid Benjamin – jornalista
Chico Alencar – professor e parlamentar
Chico Buarque – escritor e compositor
Chico Caruso – caricaturista
Chico Diaz – ator
Chico Pinheiro – jornalista
Eduardo Moreira – empresário e escritor
Eduardo Suplicy – político
Eliana Caruso – professora
Eric Nepomuceno – jornalista e escritor
Evanize Sydow – jornalista
Fernando Morais – escritor
Frei Betto – escritor
Itala Nandi – doutora em artes cênicas
Ivan Valente – deputado federal
Jamil Chade – jornalista
José de Abreu – diretor e produtor
José Dirceu – advogado e militante político
Juliana Monteiro – jornalista
Ivan Ângelo – escritor
Lelia Walnick Salgado – arquiteta
Leonardo Boff – teólogo
Loredana Macchietti Minà – Fundación Gianni Mina
Luiz Ruffato – escritor
Luiza Erundina – deputada federal
Marcelo Barros – escritor
Margarida Genevois – presidente de honra da Comissão Arns
Osmar Prado – ator
Pasquale Cipro Neto – professor e escritor
Paulo Betti – ator
Paulo Vannuchi – jornalista
Paloma Amado – cronista
Ricardo Kotscho – jornalista
Roberto Mader – cineasta
Rosa Freire d’Aguiar – jornalista
Sebastião Salgado – fotógrafo
Tom Zé – cantor e compositor
Walfrido Warde – advogado

Fonte: ICL Noticias

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *