Vilma, presente

Print Friendly, PDF & Email

Un mazzo di fiori inviato da Raúl e un’offerta a nome del popolo cubano sono stati depositati davanti al monolite che custodisce le ceneri dell’eroina nel Mausoleo del Fronte II Frank País García.

Consapevoli che “l’esempio di Vilma è oggi più che mai necessario”, i rappresentanti di vari settori della nostra società hanno reso omaggio all’Eroina della Sierra e della Pianura, 17 anni dopo la sua partenza fisica, presso l’emblematico Mausoleo del Secondo Fronte Frank País García, dove fu combattente e dove, secondo le sue stesse parole, “iniziarono le nuove relazioni sociali e i principi di uguaglianza e dignità umana su cui si fonda la nostra Rivoluzione”.

Un mazzo di fiori inviato dal suo compagno di mille battaglie, il leader della Rivoluzione, il generale dell’Esercito Raúl Castro Ruz, e l’offerta a nome del popolo cubano, sono stati deposti davanti al monolite che custodisce le sue ceneri, nell’ambito della cerimonia militare e della guardia d’onore officiata dagli studenti della Scuola Militare Camilo Cienfuegos di Santiago di Cuba – continuatori dell’eredità di Vilma -, guidata dalle principali autorità politiche e governative della provincia, nonché dal combattente del II Fronte Orientale, primo colonnello Alberto Vázquez.

Oggi la patria contempla ancora una volta con orgoglio Vilma Espín Guillois, la figlia della città di Santiago di Cuba che, come la Mambisa Mariana Grajales, ha lottato fino ai suoi ultimi giorni per cause giuste, soprattutto quelle delle donne. L’eterna presidente della Federazione delle Donne Cubane è presente nel suo popolo, al quale ha dato anima e corpo.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...