L’industria cubana

Print Friendly, PDF & Email

Trascrizione del programma Cuadrando la Caja
7 aprile 2024

Dr. C. Marxlenin Perez Valdez: Salve, come va? È un piacere salutarvi di nuovo a Cuadrando la Caja, un programma televisivo per discutere, mettere in discussione e raggiungere il consenso sulle basi del socialismo cubano. Sono Marxlenin Pérez e vi do il benvenuto a questo diverso tipo di Cuadrando la Caja. Oggi parleremo dell’industria a Cuba.

Per affrontare questo argomento, accolgo in studio tre esperti: l’ingegnere Carlos Boggiano, direttore generale dell’azienda Suchel; Adriano García, ricercatore senior presso l’Istituto Nazionale di Ricerca Economica; e il dottor Rogej Marrero, vicepreside del corso di laurea in Ingegneria Industriale presso il Cujae.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Professor Adriano, senza voler essere troppo tecnici o troppo teorici, vorremmo iniziare con una definizione: quali sono i contenuti del settore industriale cubano, dello sviluppo industriale cubano?

Adriano García Hernández: Il settore industriale è l’insieme delle attività del settore manifatturiero nelle industrie alimentari, tessili, dell’abbigliamento, del cuoio, leggere, meccaniche, elettroniche, chimiche, dei materiali da costruzione… Ce ne sono molte altre, naturalmente. Un sistema industriale è un’integrazione di processi produttivi, commerciali, tecnologici, logistici, infrastrutturali e di formazione del capitale umano; un ambiente imprenditoriale, un sistema di innovazione, un sistema finanziario che lo sostiene, che ha requisiti molto specifici di formazione del capitale umano e, logicamente, l’attività dello Stato nell’integrare tutto questo sistema in termini di sviluppo e di politiche economiche. Le politiche economiche, comprese quelle macroeconomiche, finanziarie, dei tassi di cambio e fiscali, svolgono un ruolo importante nel promuovere o meno la dinamizzazione del settore. Pertanto, il sistema industriale, visto in questo modo, è ciò che permette uno sviluppo accelerato e coerente del settore industriale.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: In questo senso, possiamo parlare di sviluppo industriale a Cuba?

Adriano García Hernández: Sì, con tutta la diversificazione delle attività durante il periodo rivoluzionario; ci sono persino attività che sono eminentemente figlie della Rivoluzione. L’industria meccanica, l’industria elettronica erano praticamente inesistenti. Sono stati creati capitale umano, conoscenze, capacità istituzionali, organizzative, manageriali, ingegneristiche e tecnologiche. Davvero, con una forte assistenza esterna e studi all’estero. Questo ci ha dato una base industriale che ha avuto un effetto importante sul settore delle esportazioni; l’integrazione della catena agroindustriale, l’industria dello zucchero. Siamo arrivati a produrre attrezzature nazionali per l’intero settore dello zucchero, centrali elettriche, eccetera; nel settore dell’edilizia residenziale, dei materiali e dell’industria leggera. In sostanza, era orientato al consumo, all’edilizia, agli investimenti e al settore agroindustriale.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Approfittando di questa frase, a proposito degli sviluppi industriali figli della Rivoluzione… Nel materiale audiovisivo con cui abbiamo iniziato il programma, con il professor José Luis Rodríguez, si parlava del primo computer cubano, all’inizio degli anni Ottanta. È sorprendente, perché chiunque potrebbe pensare che siamo arrivati ai computer in questo secolo o alla fine del XX secolo.

Adriano García Hernández: È stato uno sforzo pionieristico, ma non siamo riusciti a concretizzarlo, perché lo schema in cui eravamo integrati, quello dei Paesi del CAME, non aveva uno sviluppo importante in quell’area, c’era un’arretratezza nell’informatica e nell’automazione, e non avevamo il sostegno per poter integrare questo sforzo a causa della grande dipendenza tecnologica dal CAME. Quello che siamo riusciti a ottenere, anche in condizioni molto più difficili, è stato lo sviluppo tecnologico. Si tratta di industrie ad alta tecnologia, fortemente monopolizzate da Paesi come gli Stati Uniti. Quello che è stato fatto in campo biotecnologico, nelle condizioni in cui lo abbiamo fatto, ha un merito straordinario. Dobbiamo riconoscere che tutta la nostra industria, pur essendo relativamente diversificata, aveva un basso livello di integrazione interna, con una dipendenza dalle importazioni e un elevato consumo energetico. In realtà, i piani che avevamo non erano industrie ad alta tecnologia, nemmeno di grande capacità, ad alta capacità. Ma questo ha generato una base industriale, non delle più favorevoli, ma ha generato una cultura industriale, una conoscenza industriale.

A volte dimentichiamo che questo Paese ha dovuto riorientare totalmente il proprio commercio. All’inizio della Rivoluzione, la nostra quota di zucchero è stata abolita, la nostra quota di petrolio è stata abolita e le fabbriche che avevamo dipendevano da pezzi di ricambio provenienti dall’area capitalista. Abbiamo dovuto fare un riorientamento totale e poi, negli anni ’90, un altro riorientamento totale, e poi verso un’altra area. È uno sforzo enorme. Come ha detto José Luis nel materiale audiovisivo: lo sforzo di industrializzazione è iniziato nel 1972 e nell’anno peggiore del Periodo Speciale il consumo di energia è stato pari a quello del 1972, a quello che avevamo quando non avevamo iniziato affatto. Se si guarda alla storia da questa prospettiva, ci si rende conto che lo sforzo che si è dovuto fare per mantenere una certa base industriale e perché questa avesse un certo effetto sull’economia è stato enorme.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: E poi c’era il fatto che non c’erano praticamente specialisti, non c’era personale preparato e qualificato per gestire gli impianti, le aziende, le industrie. Questo è collegato, professore, alle capacità.

Dr. C. Rogej A. Marrero Hernández: Sì.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Di cosa parliamo quando diciamo “capacità industriali”?

Dr. C. Rogej A. Marrero Hernández: La capacità è ciò che può essere fatto in uno spazio di tempo. La capacità è direttamente correlata al fondo di tempo di ogni persona nel caso da analizzare, nelle attività dei processi produttivi o dei servizi, o delle attrezzature in senso generale.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: So che lei tratta una serie di concetti e formule tecniche: può dirlo in modo comprensibile a chi non è un esperto?

Dr. C. Rogej A. Marrero Hernández: Dal punto di vista tecnico, la capacità è ciò che posso fare in uno spazio di tempo. Su questa base portiamo a ciascuna delle aziende di produzione o di servizi del Paese l’analisi di questa capacità per sapere quanto si può fare e quali risorse sono necessarie per farlo.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Con le condizioni che abbiamo.

Dr. Rogej A. Marrero Hernández: Con le condizioni tecniche e organizzative che abbiamo. C’è un gruppo di fattori che influenzano la capacità. Stiamo parlando di materie prime e materiali, attrezzature e gestione del capitale umano per gestire queste capacità. Questo capitale umano deve avere una serie di competenze per gestire le capacità installate per lo sviluppo della società. Da qui, la nostra facoltà crea un gruppo di abilità in termini di competenze e conoscenze affinché il professionista possa contribuire a queste aziende di produzione o di servizi, cercando di ottenere le migliori prestazioni in termini di capacità.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: A volte si ritiene che l’ingegnere industriale possa inserirsi in quasi tutti i lavori.

Dr. C. Rogej A. Marrero Hernández: Gli ingegneri industriali sono preparati a lavorare nei processi di produzione o di servizio, dal punto di vista della gestione delle operazioni, della logistica, della gestione dei processi, dell’ingegneria dei metodi. Sono in grado di farlo.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Sì, lo hanno dimostrato. Sono professionisti che forniscono continuamente servizi nelle aziende, nelle industrie, con risultati.

Dr. C. Rogej A. Marrero Hernández: Oggi abbiamo un gruppo di progetti con aziende di produzione o di servizi, in cui la gestione del capitale umano e la strutturazione di ciascuno dei processi di produzione o di servizio di queste aziende viene realizzata con l’obiettivo di ricercare una maggiore efficienza.

Dott.ssa C. Marxlenin Pérez Valdez: Stiamo parlando di capacità e cogliamo l’occasione della vostra presenza… Un’industria, un’azienda come Suchel, come si comporta quotidianamente in un Paese con un’economia aperta, bloccata, con tutte le carenze materiali che abbiamo, ma senza trascurare la sua funzione sociale? Com’è il panorama quotidiano di un’azienda come Suchel?

Carlos Boggiano Sánchez: Suchel, azienda integrata nel Grupo Empresarial de la Industria Ligera (Gempil) del Ministero dell’Industria, ha soprattutto un alto livello di responsabilità sociale. La sua missione e politica è quella di soddisfare le crescenti esigenze della popolazione, soprattutto in termini di prodotti per l’igiene e la pulizia. Uno dei settori chiave è quello della profumeria e della cosmesi. Oggi, nonostante le vicissitudini del settore nell’attuale contesto economico, Suchel sta facendo passi avanti. Oggi le esigenze da soddisfare sono crescenti e abbiamo elaborato un piano strategico fino al 2030, che prevede una serie di progetti in linea con gli obiettivi strategici di sviluppo industriale e basati sulla trasformazione e la modernizzazione dell’industria, che abbiamo perseguito attraverso alleanze strategiche. Quando parlo di alleanze strategiche, mi riferisco a fornitori stranieri e a legami produttivi con attori economici statali e non statali.

Stiamo utilizzando il know-how e l’esperienza accumulati nella produzione di articoli da toeletta, cosmetici e profumi per costruire le nostre capacità produttive. Ci siamo integrati in azioni commerciali con questi settori, che hanno facilitato contratti nella tipologia di produzioni cooperative, produzioni maquila, servizi, in cui sono stati forniti finanziamenti che garantiscono la produzione di diversi articoli.

Oggi non riusciamo a soddisfare la crescente domanda della popolazione, ma si stanno cercando meccanismi e strategie nonostante il grave blocco che stiamo affrontando. Dico questo perché abbiamo l’attività del commercio estero, in cui, utilizzando le risorse oggi a disposizione dello Stato, cerchiamo di garantire la matrice igienica della popolazione, e sentiamo davvero il peso del blocco nei ritardi nell’arrivo delle navi, nella persecuzione dei proprietari di queste navi. Negli ultimi decenni non abbiamo smesso di produrre grazie ai finanziamenti centrali e non, abbiamo creato progetti di investimento. Abbiamo impianti di saponificazione e di essiccazione, che un tempo erano processi molto più arretrati; attualmente sono processi molto efficaci, ma risentono anch’essi del blocco, della persecuzione delle petroliere che devono trasportare volumi di grassi e di olio e che oggi non possono arrivare a un prezzo molto competitivo a causa della persecuzione economica del blocco, che si intensificherà nel 2019.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Stavamo parlando di Suchel, e prima parlavamo da un punto di vista teorico, concettuale. C’è uno stereotipo che si è cercato di far passare nella nostra soggettività, ovvero che la Rivoluzione cubana sia stata un ostacolo e non un impulso per il nostro sviluppo industriale.

Adriano García Hernández: Innanzitutto, il fatto che si cerchi di seminare questo stereotipo secondo cui la Rivoluzione cubana sarebbe un ostacolo è un altro esempio di una politica volta a creare le maggiori difficoltà per noi e a promuovere l’incompetenza del governo. Questo stereotipo rivela un’enorme ignoranza di quello che è stato il vero sforzo di sviluppo industriale e di industrializzazione di questo Paese.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Professore, è una sorta di doppia ignoranza, non è vero, se prendiamo in considerazione la storia della Rivoluzione e, soprattutto, qual era la situazione reale a Cuba prima del 1959, perché come parte di questa matrice cercano di presentare tutto in un colore roseo prima della Rivoluzione.

Adriano García Hernández: Il cosiddetto sviluppo industriale era una serie di industrie di proprietà americana. Una cosa è un’industria a Cuba e un’altra è un’industria cubana. Ciò che era veramente cubano era un gruppo di piccole imprese, che alcuni chiamavano “chinchales”; le grandi raffinerie, le aziende e le imprese non erano di proprietà nazionale. Lo sviluppo industriale, la struttura industriale cubana, era una struttura industriale molto poco diversificata. Non esisteva un vero e proprio sistema industriale. Poi, il tasso di crescita dell’industria durante le fasi importanti è stato superiore al 7%, è cresciuto in modo significativo…

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Dopo il 59° anniversario.

Adriano García Hernández: Sì, in media più del 5% all’anno. Non si tratta di uno sviluppo insignificante e stava raggiungendo l’articolazione e il collegamento. Il settore minerario non ha un grande collegamento, ma il collegamento con il settore agroindustriale è stato importante, con il settore delle costruzioni, con una serie di prodotti tessili, abbigliamento, cuoio, ecc. Se si guarda alla partecipazione dell’industria nazionale all’offerta della domanda interna, si è fatto un notevole balzo in avanti, che non ha nulla a che vedere con il grado di autosufficienza che l’industria aveva nei prodotti finiti, oltre il 65% in una serie di ambiti che hanno a che fare con il consumo della popolazione, con questa difficoltà, poco integrata internamente, dipendente dalle importazioni, tra l’altro, di energia. Ma è davvero uno sforzo incontrovertibile, i numeri lo dimostrano.

Questo stereotipo di cui stiamo parlando si basa su una totale disinformazione, su una speculazione. Se c’è una cosa che è ben documentata, è che lo sforzo produttivo e industriale e l’aver avuto la capacità di riorientare il commercio, di aver sostenuto una certa crescita industriale quando investivamo il 30%, 35% del settore produttivo dell’industria e, improvvisamente, siamo scesi al 10 o 15% negli anni del Periodo Speciale, un calo molto forte della capacità finanziaria di sostenere l’industria. C’è stato un processo di deindustrializzazione, dobbiamo riconoscerlo, nel Periodo Speciale, perché è proprio in una crisi che le attività più colpite sono quelle che contribuiscono al consumo, la prima cosa che viene colpita è l’investimento e il consumo a cui è orientato.

E con l’industria dello zucchero abbiamo avuto il problema che tutti conosciamo. L’organizzazione ci ha salvato dopo che avevamo perso il 75% della nostra capacità di importazione e il Paese ha persino mantenuto la sua coesione sociale. C’è stato un riorientamento, un reinserimento nell’economia mondiale, in cui gli investimenti stranieri hanno avuto un ruolo decisivo. L’articolazione con il turismo: non avevamo un’industria progettata per integrarsi con il turismo e questo è stato uno sforzo di sostituzione delle importazioni, abbiamo fornito al turismo il 12% e ci siamo ritrovati con il 60%, in altre parole, il settore è cresciuto di quattro volte; ci sono stati settori che sono cresciuti di otto volte. Questo riorientamento ci ha salvato. Così come sarebbe stata la fine della Rivoluzione se all’inizio degli anni Sessanta l’Unione Sovietica non ci avesse assicurato il carburante dopo l’abolizione delle quote, lo stesso sarebbe accaduto se non avessimo fatto un salto importante con gli investimenti esteri, passando da poche centinaia di migliaia di tonnellate a quattro milioni di tonnellate tra petrolio e gas, che abbiamo realizzato in quegli anni.

Dott.ssa C. Marxlenin Pérez Valdez: Mi soffermo su un’idea che mi è piaciuta molto: la differenza tra l’industria a Cuba e l’industria cubana, una differenza che non è sottile, perché ha molto a che fare con la sovranità nazionale. Carlos, come si manifesta la politica di industrializzazione nazionale del Paese in un’azienda come Suchel?

Carlos Boggiano Sánchez: La sovranità è importante, attraverso uno dei pilastri della gestione governativa, ovvero la scienza e l’innovazione. Suchel è riuscita a creare un programma settoriale, quello del dentifricio, che non è altro che la sostituzione di materie prime importate con materie prime nazionali. C’è un esempio pratico: siamo riusciti a sostituire le materie prime che compongono questo prodotto per l’igiene orale, abbiamo progettato un nuovo dentifricio, Menti-Fresh, dove abbiamo integrato e collegato i settori della scienza e dell’istruzione superiore, e abbiamo ottenuto un prodotto che in un anno e mezzo di scala industriale, di produzione industriale, ha portato più di 3,9 milioni di dollari che hanno risparmiato al Paese di spendere valuta estera. Realizzare cose come questa attraverso la scienza e l’innovazione, le catene di produzione, la sostituzione delle importazioni, è un pilastro molto forte su cui il nostro Paese e la nostra industria guadagnano sovranità tecnologica. Vogliamo incorporarlo nel resto dei prodotti di base che produciamo e che sono molto richiesti dalla popolazione. Siamo riusciti a portare a termine diversi progetti di investimento; per esempio, abbiamo acquistato linee di detersivi liquidi, che aumentano la capacità produttiva. Siamo riusciti a integrare contratti di produzione cooperativa con diversi attori, che ci permettono di produrre gradualmente prodotti ad alto fabbisogno; questi prodotti ci permettono anche di entrare nel settore della moneta liberamente convertibile, che ci fornisce entrate per il rifornimento di scorte e anche per vendere sul mercato CUP, che è quello in cui c’è la maggiore domanda della popolazione.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: È quello che volevo chiederle, perché avete prodotti in vendita nel CUP e altri nel MLC.

Carlos Boggiano Sánchez: L’85% delle nostre vendite è destinato alla popolazione, nella CUP; è il paniere standard, con quattro prodotti di base. Abbiamo altre destinazioni di produzione e commercializzazione, tra cui l’e-commerce, le vendite in MLC e le esportazioni. Suchel è riuscita a raggiungere le esportazioni di fragranze nel 2023, soprattutto quelle al limone, grazie ad alleanze strategiche con i Paesi dell’ALBA. Siamo stati in grado di realizzare queste attività e di avere in Suchel altre attività di esportazione con articoli di profumeria e cosmetici. Questo ci permette di entrare in valuta liberamente convertibile e di sviluppare produzioni destinate ai mercati CUP. In altre parole, c’è un disegno in cui le finanze, gli investimenti in progetti tecnologici all’avanguardia, ci permettono di creare risparmi, capacità, qualità distintive dei nostri prodotti, che a loro volta ci permettono di far progredire in modo sostenibile l’economia della nostra azienda e di contribuire all’economia del Paese.

Credo che oggi sia necessario anche il risparmio; non è solo il processo di investimento la fonte. Abbiamo un disegno strategico, che vediamo con ciascuna delle nostre unità produttive che vengono collegate ad altri settori dell’economia. È importante collegarsi con i centri di ricerca, con Cujae e con altri centri di istruzione superiore, per attuare questa strategia, che è pensata per durare fino al 2030. Abbiamo più di 24 progetti di investimento e stiamo completando le prime fasi. Prima ho parlato dell’impianto di saponificazione, che è stato oggetto di un crudo blocco imperialista, poiché la sua materia prima di base è costituita da oli vegetali e animali. Siamo stati più volte colpiti dall’implacabile persecuzione delle navi cisterna che portano questa materia prima; spesso abbiamo dovuto rendere più costose le nostre produzioni, dovendo operare in altre zone dove in realtà sono molto più costose. Il trasporto è un elemento importante: oggi portare tutte le nostre materie prime dall’Asia comporta un aumento dei noli.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Dobbiamo quasi dare la parola a un altro panellista, il guru di Jatibonico. Vediamo cosa ha da dire il guru su questo argomento e poi continueremo a bilanciare la scatola.

Il guru di Jatibonico

La capacità industriale

fallisce in due modi

quando i rendimenti diminuiscono

o si perde tempo vitale.

Entrambi sono fatali

perché si ha la sensazione

che a ogni interruzione

non si vincerà per uno spavento

mentre si spende per il gusto di farlo

e con una minore produzione.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Userò queste ultime righe come pretesto per parlare un po’ di più in quest’ultimo segmento del programma: quali sono le condizioni che ci troviamo ad affrontare ogni giorno e qual è la partecipazione di una carriera come quella dell’ingegneria industriale alla creazione di capacità? Cosa si sta facendo e cosa deve ancora essere fatto?

Dr. C. Rogej A. Marrero Hernández: È bene chiarire che la capacità è ciò che ci permetterà di calcolare la produttività del lavoro in modo che le persone possano guadagnare di più, che è ciò che tutti vogliono. Quindi, la produttività del lavoro si concentrerà su tutti gli aspetti dei processi produttivi e dei servizi e sul loro sviluppo, che è il punto di partenza dato dall’ingegneria industriale.

L’ingegneria industriale insegna a lavorare su questi processi e a ottimizzarli, in modo che questi processi abbiano gli standard di qualità necessari. Attualmente siamo coinvolti in un progetto con il Governo dell’Avana in un gruppo di circa 35 aziende: stiamo analizzando le capacità di queste aziende, le attrezzature tecnologiche di cui dispongono, come vengono sfruttate e a quale ritmo. Definiremo quali attrezzature saranno mantenute o riparate, o quali saranno rimandate per una successiva analisi degli investimenti. Su questa base, si analizzerà anche la pianificazione strategica di queste aziende, con l’obiettivo di sapere in quale stato si trovano per affrontare tutti i processi di sviluppo sociale che abbiamo oggi come entità. Inoltre, come accademia, stiamo offrendo corsi di formazione per la gestione del capitale umano nell’area della gestione aziendale. Questo è ciò che stiamo sviluppando oggi come azienda. A giugno intendiamo offrire corsi estivi associati a questo, in modo che gli imprenditori possano scambiare con la facoltà, in modo che possano mostrare le loro esigenze e noi possiamo cercare di trasformare l’impresa statale socialista, che è ciò su cui stiamo lavorando duramente.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Questi corsi si svolgono presso il Cujae o anche il Cujae esce dalle sue aule e va nelle imprese?

Dr. C. Rogej A. Marrero Hernández: Entrambi. Contrattiamo un gruppo di corsi con il CETA, una società di interfaccia, e a seconda di questo andiamo nelle aziende, finché il CETA ce lo dice, o le aziende vengono da noi. Abbiamo in programma di fare uno scambio con un gruppo di aziende, lo faremo in accademia, per raccogliere le esigenze che hanno per migliorare le loro capacità e sostenere gradualmente questa attività per ottenere la massima efficienza nelle aziende. In altre parole, siamo da entrambe le parti: l’azienda viene da noi e anche noi andiamo dalle aziende.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Professor Adriano, a questo punto della nostra industria, quali passi restano da fare per renderla più dinamica, per svilupparla, in modo da non fermarci?

Adriano García Hernández: La politica industriale approvata è orientata alla sostituzione delle importazioni, ai settori che fungono da motore per lo sviluppo del nostro Paese e che sono prioritari: biotecnologia, turismo, energia, industria alimentare, edilizia… È previsto un processo di modernizzazione e rafforzamento del sistema industriale. Ora ci troviamo di fronte a sfide enormi per dare impulso a questo sviluppo industriale e dobbiamo pensare a un cambiamento industriale, a un orientamento futuro verso un processo di reindustrializzazione.

Nel mondo è in atto una vertiginosa rivoluzione tecnologica e, come abbiamo fatto negli anni ’90, dobbiamo pensare a come reinserirci, sapendo che non siamo un Paese con grandi risorse energetiche o naturali. La Cina è stata inserita sulla base di una produzione abbondante e a basso costo. Noi non abbiamo questa possibilità. Dobbiamo quindi pensare a come inserirci. Questa è una sfida molto grande e logicamente il ruolo degli investimenti esteri è nell’intero sistema o macroprogramma su cui stiamo lavorando duramente, in attività che ci permettono di concentrarci sulla manifattura avanzata, su ciò che chiamano 4.0, sugli aspetti dei sistemi intelligenti, della robotica, della stampa 3D, dell’internet delle cose. Ci sono progressi molto incipienti, ma devono essere integrati da sforzi di cooperazione. Dobbiamo approfittare del riorientamento dei centri di potere geopolitico nel mondo e stringere alleanze strategiche. La Cina è il sistema industriale più completo del mondo. E rappresenta il 30% del valore aggiunto. Se guardiamo a quante aziende si fanno un’immagine forte in Cina, si passa dal 74% del valore aggiunto al 43%; se guardiamo a questo nella nostra realtà, anche con gli sforzi fatti, le industrie high-tech hanno un peso piuttosto basso nella nostra struttura. I motori della crescita che si vedono, non solo il governo e il mondo accademico, ma anche tutto ciò che è stato fatto nei parchi industriali, tutto ciò è positivo.

Si stanno creando aziende ad alta tecnologia. Grandi, piccole e medie imprese basate sulla tecnologia, fondi di investimento in capitale di rischio di investimenti stranieri. Quindi, dobbiamo articolare quando guardiamo ai Brics. Oltre alla Cina, anche l’India si sta sviluppando rapidamente, ad esempio. I Paesi emergenti hanno già una quota nei settori a crescente contenuto tecnologico. In Russia, inoltre, alcune cose si completano a vicenda. Dobbiamo pensare a questo sviluppo, a un cambiamento, a completare questa fase di modernizzazione della politica approvata che ha basi nel packaging, nelle macchine utensili, nel riciclo, e orientarci verso quei settori del futuro legati alla produzione di salute e ai servizi sanitari, che sostengono lo sviluppo industriale; c’è poi l’area della mobilità elettrica, delle fonti energetiche rinnovabili, delle industrie culturali e creative. Dobbiamo essere innovativi nel modo in cui ci inseriamo nel mondo. Le sfide sono importanti. Abbiamo una base minima da sfruttare e il modo in cui possiamo affrontare il blocco è attraverso alleanze internazionali. Gli sforzi internazionali congiunti per affrontare il blocco possono darci un percorso di sviluppo.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: È importante affrontare le condizioni avverse con le nostre risorse, con l’aiuto dei partner, della solidarietà che possiamo trovare nel mondo e, soprattutto, con la creatività.

Carlos Boggiano Sánchez: Suchel ha stretto alleanze e cooperazioni strategiche per affrontare i limiti del blocco. Grazie a questa cooperazione e ai finanziamenti, abbiamo acquisito diversi accessori, parti e attrezzature che ci permettono di diversificare i diversi tipi di produzione di servizi igienici. Di recente, abbiamo acquisito diversi stampi per produrre saponi di diversi tipi e geometrie, come 100 g, 120 g, che verranno lanciati o sono già in fase di lancio sul mercato. Non è ancora sufficiente, rispetto alla domanda della popolazione. Nella misura in cui produciamo, rifornendo il nostro ciclo con le vendite in valuta estera, possiamo avere una maggiore versatilità e un più alto livello di produzione per il mercato in valuta nazionale.

Esistono già linee di saponi che vengono venduti nelle catene di negozi, sia nel Caribe che nella Panamericana, come Suchel, Primavera, Floresta. Non è solo la linea economica che oggi arriva in tutte le case, ovvero i saponi Rocío e Brisol, che sono permanenti e hanno accompagnato la famiglia cubana per tutti questi anni.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Per tutta la vita. E quanto è buono il sapone da bucato cubano.

Carlos Boggiano Sánchez: Oggi dobbiamo accedere a queste porte, a questi mercati, che ci forniscono valuta estera per acquistare materie prime e continuare a produrre in volumi che gradualmente soddisfino le nostre esigenze e allo stesso tempo producano nuovi prodotti che soddisfino gli standard internazionali.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Soddisfare queste esigenze non solo curando il volume della produzione, ma anche la qualità e la stabilità di quella produzione, di quella fornitura.

Carlos Boggiano Sánchez: La stabilità e la sostenibilità in cui possiamo essere presenti con i nostri prodotti, con l’accettazione da parte della popolazione. E anche la possibilità di cercare prodotti esportabili che permettano un riscontro finanziario per portare in ogni famiglia cubana un nuovo prodotto che soddisfi le aspettative, con la profumazione e la qualità necessarie.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Ora che parla della famiglia… penso a una delle vostre UEB, Suchel Regalo, e al corredino, perché dovete affrontare restrizioni dovute alla mancanza di risorse e di finanziamenti esterni, ma mi sembra di capire che il corredino non ne risenta.

Carlos Boggiano Sánchez: Per anni siamo riusciti a garantire il modulo di profumeria a tutte le donne in gravidanza, abbiamo rispettato le cifre e credo che ci siano enormi sforzi da parte dello Stato, del Governo, del Ministero, del gruppo imprenditoriale e ci siano iniziative per cercare fonti di finanziamento e garantire le cifre. La domanda che arriva alla nostra azienda, al Ministero, attraverso il Mincin, siamo riusciti a soddisfarla gradualmente e in modo sostenibile. In questo senso, c’è una garanzia nel modulo della profumeria. Stiamo lavorando per soddisfare le aspettative anche nelle altre linee di profumeria.

Dr. C. Marxlenin Pérez Valdez: Non abbiamo più tempo a disposizione. Ringrazio i relatori per la loro partecipazione, per la loro conoscenza di questo settore molto importante dell’industria, per la sua rilevanza per la sovranità e senza trascurare la sua funzione sociale. Questo è il programma di oggi. Ricordate che non basta interpretare, descrivere, ma dobbiamo partecipare e trasformare insieme. Conto su di voi per farlo a partire dal socialismo cubano. A presto.

Trascrizione: Yanet Muñoz Hernández, Yusleydis Seuret Gómez/IDEAS Multimedios.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...