Misión Milagro nel suo 20° anniversario, quando la luce si è accesa

Print Friendly, PDF & Email

Il dottor Denni Carrión Navarro, originario di Holguín, vive a Matanzas, ma da quattro anni questo oculista cubano lavora nella sua patria venezuelana.

Oggi Denni è specialista preoperatorio presso il Centro oftalmologico “Ernesto Guevara” di Pinto Salinas I, nel Distretto della Capitale, a Caracas, ed è la terza volta che viene nella patria bolivariana; la prima è stata nel 2005 per essere protagonista della Missione Miracolo, quella che ha portato la luce a molti esseri umani.

“Come essere umano, mi ha dato molto, mi ha dato più sensibilità, è la certezza di amare di più l’essere umano e la Rivoluzione”, confessa.

Rabbrividisce ancora quando ricorda quei tempi fondamentali, quando, giovanissimo, dopo aver conseguito il diploma in oftalmologia in risposta all’appello di Fidel e Chávez, lavorava nello Stato di Falcón, nella Penisola del Paraguaná, nella Cooperativa di pesca Villa Marina, nel comune di Los Taques.

“Non dimentico quella prima missione, è stata difficile, abbiamo lavorato in una piccola stanza adattata, i nonni sono stati operati di cataratta e il giorno dopo, quando sono state tolte le bende dagli occhi, erano molto emozionati nel vedere che potevano vedere, ti abbracciavano, piangevano, ringraziavano soprattutto Chávez per la sua preoccupazione per il popolo, per i più umili”, racconta.

La Missione Miracolo è un progetto umanitario iniziato l’8 luglio 2004, guidato dai governi di Cuba e Venezuela con l’incoraggiamento dei comandanti Hugo Chávez e Fidel Castro.

Esattamente due decenni fa, il sogno di aiutare le persone con risorse limitate a essere operate per vari problemi agli occhi è diventato realtà, non solo in Venezuela, ma anche in altri Paesi dell’America Latina e dei Caraibi, dove milioni di persone hanno beneficiato di cure e interventi chirurgici.

La dottoressa Mildred López Stuart è il consigliere nazionale della Missione Medica Cubana per i Miracoli in Venezuela e spiega che “siamo in 19 Stati del Paese, in 8 dei quali in modo funzionale, Aragua, Barinas, Bolívar, Miranda, Carabobo, Falcón, dove attualmente abbiamo un’équipe chirurgica che svolge una giornata di interventi, Abbiamo anche uno specialista dell’Istituto “Ramón Pando Ferrer” e tre specializzandi, il che è di grande importanza per la crescita della nostra assistenza e dell’insegnamento, così come in Zulia, dove si effettua la chirurgia della retina, dato che abbiamo un medico retinologo in quello Stato”.

Grazie alle mani miracolose dei medici di entrambe le nazioni, è stato possibile restituire la vista a milioni di persone che hanno beneficiato della grande opera di due Comandanti e di due nazioni sorelle.

Oggi, nonostante la mancanza di risorse e le gravi limitazioni economiche, il miracolo della luce non si ferma.

Secondo la dottoressa Mildred, “siamo arrivati a questi 20 anni di missione con difficoltà materiali, tuttavia siamo cresciuti, in questa prima metà dell’anno abbiamo realizzato 9.458 interventi tra cataratte, pterigio (crescita anomala del colore rosso e biancastro della congiuntiva, In totale, abbiamo eseguito 1.151 interventi di cataratta, 3.231 interventi di pterigio, 3.792 interventi laser e 284 altri tipi di chirurgia, fornendo sempre sostegno e assistenza alla popolazione venezuelana, che beneficia gratuitamente di queste operazioni, molto costose nel mondo”.

Dalla sua nascita a oggi, Misión Milagro ha raggiunto anche Bolivia, Argentina, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Repubblica Dominicana e Uruguay.

Il professor Denni ha svolto missioni internazionali anche in Guatemala e in Brasile, e per lui non c’è sensazione paragonabile al momento in cui una persona operata agli occhi torna alla luce e ai colori.

Quello che si prova è indescrivibile”, dice, “un amore infinito per la patria, per l’essere umano, per la famiglia”. Quando Misión Milagro è iniziata, qui c’erano persone che non vedevano da 15 o 20 anni, c’erano persone con cataratte congenite, nonni che non conoscevano i loro nipoti, e dopo essere stati operati, il giorno dopo l’intervento, ci abbracciavano, ci baciavano le mani, e questo non si può pagare con nessun denaro al mondo”.

Secondo Mildred, Misión Milagro, nei suoi 20 anni, continua a lasciare il segno in Venezuela: Carabobo, ad esempio, ha un centro dove si eseguono tutti gli interventi di oftalmologia, anche a Miranda c’è un’alta richiesta di questi servizi e Zulia è l’unico stato dove attualmente si eseguono interventi laser al segmento posteriore.

Altri punti di forza sono le giornate chirurgiche, in cui viene assistito un elevato numero di pazienti, come si sta facendo in questo momento a Falcón.

Molto significativo è anche l’arrivo di un gruppo di giovani che stanno completando il Diploma nella specialità, che “è un grande punto di forza, questi medici che contribuiscono a migliorare il fabbisogno di risorse umane che avevamo. 25 medici recentemente laureati, già distribuiti nei diversi Stati, lavorano nel reclutamento di pazienti che necessitano di risoluzione chirurgica e garantiscono anche l’assistenza medica oftalmologica nei Centri Diagnostici Comprensivi (CDI)”, aggiunge l’esperto.

Sottolinea inoltre che, a fronte della necessità di alcune forniture, le autorità venezuelane non hanno fatto mancare il loro sostegno per mantenere i benefici di questa missione e “in questo momento, grazie alla grande unione che abbiamo con i nostri fratelli e sorelle venezuelani, gli uffici dei sindaci e dei governatori ci forniscono le forniture necessarie per gli interventi”.

Per questo oggi si trovano ad affrontare grandi sfide, tra le quali specifica che “la prima cosa è continuare a rafforzare questa fratellanza per continuare a fornire cure alla popolazione venezuelana, oltre a preparare i laureati in Oftalmologia e i nostri specialisti per la loro formazione e crescita professionale, e quindi continuare a fornire cure oftalmologiche alla popolazione venezuelana, che è il nostro più grande impegno”.

I dottori Mildred e Denni si commuovono ancora quando parlano dell’impatto di una missione che 20 anni fa ha portato il miracolo della speranza.

Denni, ad esempio, racconta che “la Missione Miracolo è stata un segno d’amore per il Venezuela, per Cuba e per il resto dei popoli beneficiari, facendo uscire dall’oscurità persone umili che non avevano risorse, che non potevano leggere, scrivere o vedere i loro cari”.

E sottolinea che “il messaggio al mondo è che se ci uniamo tutti, con l’amore, l’unità, il patriottismo, il sacrificio, tutto può essere raggiunto”.

Da parte sua, Mildred afferma che la Missione Miracolo “ha avuto un grande impatto, migliora la qualità della vita della popolazione, soprattutto degli anziani che si sentono limitati nella loro vita sociale e nelle loro funzioni quotidiane, quando si toglie la benda e vedono i colori, vedono la loro famiglia, l’emozione è infinita, si sentono molto gratificati”.

Per questo specialista, “è motivo di orgoglio far parte di questa corporazione che, dopo vent’anni, ha risposto alla popolazione venezuelana e ha curato molte persone con patologie oftalmologiche; facciamo parte dell’esercito di camici bianchi di internazionalisti che il Comandante in Capo ha messo a disposizione del mondo per salvare vite e curare la popolazione”.

A vent’anni dalla Missione Miracolo, la speranza torna con un bel progetto, quando due decenni fa si fece luce.

Ascolta la versione audio di questo rapporto (in lingua originale)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *